X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Marcel Proust, una novitą fa luce sulla trama de Alla ricerca del tempo perduto

11/12/2011 08:37
Marcel Proust una novitą fa luce sulla trama de Alla ricerca del tempo perduto

Una raccolta musicale svela alcuni aspetti di Marcel Proust

È stata pubblicata in Francia Marcel Proust Le Musicien (Libro e 2 Cd), una compilation che fa riemergere aspetti inusuali dello scrittore francese, nato nel 1871 e morto nel 1922. Si dipanano nell’album alcune composizioni che da Fauré a Saint-Saëns, da Franck a Debussy fino a Beethoven, Chopin e Wagner ispirarono lo scrittore.

Proust viveva in una stanza foderata di sughero per attutire le distrazioni provenienti dall’esterno: come fanno oggi tutti gli utenti casalinghi di internet. E soprattutto non cercava distrazioni al di fuori della pagina libraria. Lo scrive in Dalla parte di Swann (disponibile anche in ebook): “mentre i miei parenti si spazientivano vedendo che restavo indietro e non li seguivo, la mia vita effettiva, anziché sembrarmi una vita artificiale di mio padre, che avrebbe potuto modificarla a suo piacimento, mi appariva, al contrario, come parte di una realtà che non era fatta per me, contro la quale non c’era possibilità di ricordo, in seno alla quale non avevo alleati, e dietro la quale non si nascondeva niente” (Alla ricerca del tempo perduto - Dalla parte di Swan, Oscar Mondadori, 1995, p. 211).

E l’analisi dei momenti solitari, è il tentativo di cercare la verità dell’esistenza, come ci ricorda Giovanni Macchia: “La ricerca della verità è lunga e sinuosa. Non si svela che lentamente, e non è la linea retta a simboleggiarla. E questa ricerca, che poteva anche passare attraverso uno scetticismo disincantato, bisognava leggerla in ragione della fine, ove la verità veniva svelata” (La letteratura francese dal Romanticismo al Simbolismo Bur, 1995, p. 554).

Oggi di Proust la critica elogia soprattutto la capacità di fraseggio dei suoi discorsi, che sanno esulare dalla trama per ben 135 pagine: questo è il numero che serve a Proust, in La prigioniera per descrivere la serata  musicale Charlus-Verdurin (e la Recherche con circa 9.609.000 caratteri  scritti in 3 724 pagine è considerato il romanzo più lungo al mondo). La stessa analisi effettuata da Gérard Genette: il protagonista ha una capacità di “immobilizzarsi per lunghi minuti davanti a un oggetto (biancospini di Tasonville,, stagno di Montjouvain, alberi di Hudimesnil, meli in fiore, vedute del mare, ecc.) il cui potere di fascinazione deriva dalla presenza di un segreto non svelato, messaggio ancor indecifrabile ma insistente, abbozzo e velata promessa della rivelazione finale” (Figure III, Einaudi, 1976, p. 151).

Raramente si trova oggi in letteratura questo aspetto emancipatore della parola, che da sola riesce a reggere un discorso per paragrafi e  paragrafi, senza avere bisogno di colpi di scena scollegati dalla trama oppure riferimenti modaioli all’attualità. Solo Umberto Eco – nella letteratura italiana contemporanea - riafferma questo gusto della descrizione. Ci aveva provato Luchino Visconti a trasporre invano la Recherche al cinema.

Pubblicare in Marcel Proust Le Musicien le musiche più ammirate getta una luce nuova sulla vita di Proust negli anni 1890-1910. Forse era un viveur? La Sonata Vinteuil (in particolare la Sonata n. 1) è quella connessa con l'amore di Charles Swann per Odette; la Sonate di Franck (violino e piano) è un modello chiave per lo sviluppo della sua opera letteraria; sempre in ordine delle reminescenze musicali che intessono la sua opera (molte caotiche) si ha la Sonata per violino e pianoforte di Gabriel Fauré, modello credibile per la Sonata di Vinteuil. Ci sono Reynaldo Hahn, il preludio al terzo atto di Tristan und Isolde di Wagner. Tutte corrispondenze segrete che Proust traeva dalla sua vita, con persone che lo stesso Proust frequentava nel suo salotto.

Resta comunque inusuale la capacità di Proust di meravigliarsi di fronte alla natura che all’improvviso manifesta la presenza di un essere umano che lo turba. Ad un certo punto di Un amore di Swann, camminando nel suo stupore pomeridiano, il protagonista incappa in un ragazza, Gilberte Swann che con un gesto lo stupisce: “la sua mano abbozzava intanto un gesto indecente al quale, se rivolto in pubblico a una persona non conosciuta, il piccolo dizionario di buona creanza che portavo dentro di me attribuiva un unico significato, quello di un’intenzione insolente” (cit., p. 172).

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Dragon Ball FighterZ, anteprima videogame per PS4 e Xbox One

Dragon Ball FighterZ è il picchiaduro in 2D di una delle saghe più famose e apprezzate nel mondo, con una nutrita di schiera di fan anche nel nostro territorio. Il ritorno del franchise ci trasporta su terreni di scontro in due dimensioni, per un videogioco veloce e spettacolare, sia dal punto di vista del gameplay che dal lato pretta...

 

Recensione film Atomica Bionda: colui che inganna troverà sempre chi si lascerà ingannare

Atomica Bionda trae origine dal fumetto The Coldest City scritto ed illustrato da Antony Johnston e Sam Hart. Il film diretto da David Leitch ed interpretato tra gli altri da Charlize Theron, Sofia Boutella e James McAvoy, è ambientato nella Berlino della guerra fredda, durante le sommosse che hanno portato all’abbattimento del muro e ...

 

Days Gone, anteprima videogame Sony per PS4

Days Gone è un videogioco d’azione ambientato in un mondo aperto, un’enorme mappa dove sopravvivere a gruppi di nemici umani e orde di zombie. La presentazione di due anni fa, all’E3, aveva mostrato un titolo dalle tinte avvicinabili a The Last Of Us, ma dai connotati decisamente più survival, con decine di non morti...

 

Recensione L'ultimo giorno in Vietnam, un bellissimo fumetto di Will Eisner pubblicato da 001 Edizioni

L'ultimo giorno in Vietnam è un bellissimo fumetto scritto e disegnato dalla leggenda della nona arte Will Eisner. All’interno dell’albo si trovano diverse storie raccolte in modo casuale, senza seguire una linea temporale, dallo stesso Eisner. La casa editrice 001 Edizioni ha deciso di ripubblicare nei primi giorni di luglio que...

 

Recensione Rise of the Black Flame il fumetto scritto da Mike Mignola per Dark Horse Comics

Rise of the Black Flame è il nuovo fumetto pubblicato dalla casa editrice Dark Horse Comics, che unisce tutti e cinque i numeri di questa incredibile serie uscita lo scorso anno. Grazie al grande successo ottenuto, la casa editrice ha deciso di pubblicare l’intera storia in un unico volume. All’interno di questo bellissimo albo, ...

 

Final Fantasy XII: The Zodiac Age, recensione videogame per PS4 e Xbox One

Final Fantasy XII: The Zodiac Age è la riedizione di un videogioco particolare, un capitolo fatto di ottime idee e importanti innovazioni all’interno di quello che era a suo tempo il brand di Final Fantasy. La saga si era sempre poggiata su un sistema di combattimento a turni ed incontri casuali, peculiare dei giochi di ruolo a stampo ...

 

Wolfenstein II: The New Colossus, anteprima videogame Bethesda per PS4 e Xbox One

Wolfenstein II: The New Colossus è il videogioco sviluppato da MachineGames e pubblicato da Bethesda Softworks, il seguito di uno dei migliori sparatutto degli ultimi anni, lo storico ritorno del tenente B.J. Blazkowicz. La saga ha segnato un intero genere, oltre che l’industria videoludica, con l’uscita nel lontano 1992 di quell...

 

Recensione Wonder Woman l'Amazzone della collana Grandi Opere DC di Jill Thompson

Wonder Woman L’Amazzone è stato pubblicato all’interno della collana Grandi Opere DC e in Italia distribuito dalla Lion divisine di RW Edizioni. Questa nuova storia ci porta alle origini dell’eroina più famosa dell’universo DC Comics, com’è nata e da dove vengono i suoi grandi poteri, ma soprattutt...

 

Recensione The Interview la nuova graphic novel di Manuele Fior di Fantagraphics

The Interview è la nuova graphic novel pubblicata dalla casa editrice americana Fantagraphics, scritta e disegnata da Manuele Fior. L’autore ci porta in un futuro dove i cambiamenti non avvengono con una rivoluzione o con la fine del mondo ma attraverso processi mentali che poco a poco cambiano il modo di pensare. I contatti con gli ex...

 

Crash Bandicoot N.Sane Trilogy, recensione per PS4: il ritorno della mascotte PlayStation

Crash Bandicoot N.Sane Trilogy è un pezzo di storia del videogioco, la collezione completamente restaurata dei primi tre storici capitoli usciti su PlayStation, un ricordo a cui tantissimi videogiocatori sono legati. Proprio l’aspetto nostalgico ha convinto Activison ad affidare al team interno Vicarious Visions il compito di riportare...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni