X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Intervista ad Andrea Segre, regista Di ĎCome Un Uomo Sulla Terra'

23/08/2009 07:01

Andrea Segre risponde alle domande di mauxa

In questi giorni 5 eritrei su un gommone sono giunti a largo di Lampedusa: durante la traversata 73 compagni sono morti di stenti e gettati i mare. Le Forze Armate maltesi avrebbero omesso i soccorsi e rilanciato il problema alla Guardia di Finanza Italiana. Ora la procura di Agrigento ha aperto un'inchiesta per favoreggiamento dell'immigrazione e omicidio colposo plurimo a  carico di ignoti.

Ma chi sono questi clandestini bistrattati dai media e che creano lo spettro di xenofobia? Abbiamo intervistato Andrea Segre, autore assieme a Riccardo Biadene e Dagmawi Yimer del documentario Come un uomo sulla terra, che ha rispsconno notevole successo nelle rassegne e che è stato trasmesso su Rai 3. Dag era un giovane etiope che studiava Giurisprudenza ad Addis Abeba. A causa della forte repressione politica nell'inverno 2005 è emigrato, ha attraversato via terra il deserto tra Sudan e Libia: qui si è imbattuto in una serie di disavventure legate non solo alle violenze dei contrabbandieri che gestiscono il viaggio verso il Mediterraneo, ma anche alle sopraffazioni e alle violenze subite dalla polizia libica, responsabile di indiscriminati arresti e disumane deportazioni. Dag è riuscito ad arrivare via mare in Italia, a Roma, dove ha iniziato a frequentare una scuola di italiano.

Cosa racconta Come un uomo sulla terra?

Le tre storie le ho incontrate all'interno della scuola d'italiano per stranieri gestita da Asinitas Onlus che è la produttrice del film. All'interno di questo laboratorio ho incontrato Dag e, insieme a lui le storie del film. Dag era perfetto per la sua capacità di raccontare. La sua storia era importante: si smonta la prassi dell'africano poveretto che arriva in Italia: lui è laureato in giurisprudenza, ha un'individualità che viene schiacciata dalle demagogie.


Come avete cercato di evadere dal pericolo del semplice documentario di denuncia?
Avvicinandomi alla dimensione individuale e intima del racconto. Il documentario televisivo classico informa su fenomeni, non racconta. Invece quello cinematografico avvicina ad una dimensione più intima, che non sfocia poi nella lacrima: riuscire a creare una relazione tra la persona che racconta e lo spettatore. Cercare di immedesimare gli spettatori italiani con quei volti. Così si vive questa vicinanza insolita con i protagonista.

Dag ora dov'è?

A Roma, lavora nella scuola d'italiano. Tutti i rifugiati hanno lo status di protezione umanitaria. Pur godendo di questo diritto di fuga, non ricevono nessun tipo di agevolazione. È un diritto di sosta. Convivono anche con il trauma di questa precarietà.

Come funziona la distribuzione di questo documentario?
La distribuzione è avvenuta in maniera autonoma, con una piccola segreteria per la distribuzione. Chiunque lo volesse, lo poteva avere. Come se fosse un film registrato siae: si noleggia la copia per la proiezione.

Che ruolo ha avuto il web nel lancio del documentario?

Il web  è stato essenziale. Noi non abbiamo stampato nulla di cartaceo o pubblicità. Il punti di partenza è stata la distribuzione del film, Fortress Europe (http://fortresseurope.blogspot.com), più tutta una rete di contatti. Siamo partiti da questi contatti e poi c'è stato un passaparola efficace legato all'attualità del tema, al trattato Italia Libia (che per il governo libanese non prevede alcun obbligo di accoglienza e tutela del diritto d'asilo, N.d.R.), all'esigenze di creare spazi su questo argomento dell'emigrazione liberi dalla demagogia elettorale che controlla queste tematiche.

Quindi il tema dell'immigrazione, nell'informazione è pilotato?

È uno dei temi centrali di tutte le discussioni elettorali: però i protagonisti non votano. Si parla di questo problema, delle paure, delle persone che dovrebbero ricevere aiuto, ma non delle impressioni delle perché siano emigrati. Se ne discute da parte di chi la teme, nessuno ha contatto con gli emigranti che approdano a Lampedusa.

Il prossimo progetto qual è?

Uno per ciascuno, documentario e fiction: il documentario ha molto di narrativo che il film di documentario.

http://comeunuomosullaterra.blogspot.com 

 

 

 

 

 

 
© Riproduzione riservata
Home
 

Altri articoli Home

Recensione del film La tartaruga rossa

La tartaruga rossa (“La tortue rouge”) è il film d'animazione di Michael Dudok realizzato dallo Studio Ghibli. La sceneggiatura è di Michael Dudok de Wit, con adattamento di Pascale Ferran. Isao Takahata è il produttore esecutivo. Il film ripercorre la vita di un uomo, dal momento in cui giunge su un’isola co...

 

Film più visti della settimana: 'Power Rangers' è la novità al box office

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 24 al 26 marzo 2017 vede la conferma al primo posto de “La Bella e la bestia" (“Beauty and the Beast”, leggi l'intervista all'attrice): Bella s’innamora del principe deformato da un incantesimo, per poi salvarlo (316.952.887 di dollari). Al secondo posto entra &l...

 

Intervista all'attore Alexandre Nguyen: dal film 'Life' a 'Valerian e la città dei mille pianeti'

Life - Non oltrepassare il limite è il film di Daniel Espinosa con Jake Gyllenhaal, Rebecca Ferguson, Ryan Reynolds, Hiroyuki Sanada e Alexandre Nguyen. La trama segue l’equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale che deve effettuare esperimenti su un campione giunto da una sonda proveniente da Marte. L'equipaggio ha il compito ...

 

The Sense of an Ending, la scoperta del passato nel film con Charlotte Rampling

The Sense of an Ending è il film di Ritesh Batra con Jim Broadbent, Charlotte Rampling, Harriet Walter. È uscito negli Stati Uniti il 10 marzo. La trama segue Tony Webster (Broadbent), che conduce una vita solitaria e tranquilla, fino a quando i segreti sepolti negli anni emergono. Deve così fronteggiare i ricordi del passato,...

 

Tutto per una ragazza, il libro di Nick Hornby da cui è tratto il film 'Slam'

Tutto per una ragazza (“Slam”) è il libro di Nick Hornby da cui è tratto il film “Slam - Tutto per una ragazza” ora nelle sale. È stato pubblicato nel 2007: il film è diretto da Andrea Molaioli, e ha nel cast Ludovico Tersigni, Barbara Ramella, Jasmine Trinca e Luca Marinelli. Nel romanzo il prot...

 

Il mostro della laguna nera, costruendo lo Universal Monsters Cinematic Universe

“Il mostro della laguna nera” farà parte della Universal Monsters, l’imponente saga con cui la Universal punta a rilanciare la sua collezione di creature dell’horror “vintage”. Le informazioni su questo reboot per ora scarseggiano; un paio di anni fa si vociferava che Scarlett Johansson fosse stata contatt...

 

Non è un paese per giovani, il film sull'esodo di una giovane generazione

Non è un paese per giovani è il film di Giovanni Veronesi nelle sale, con Filippo Scicchitano, Sergio Rubini, Giovanni Anzaldo, Sara Serraiocco e Nino Frassica. La storia è quella di Sandro, ventenne timido il cui desidero è diventare scrittore. L’amico Luciano è invece estroverso, anche se conserva un mist...

 

Atlanta Film Festival, cultura e cinema nel sud degli Stati Uniti

L’Atlanta Film Festival è il più importante della Georgia, e uno dei maggiori degli Stati Uniti. Comincia oggi e si protrae fino al 2 aprile: tra i film in concorso ci sono “Born River Bye” di Tim Hall, “The Boss Baby” di Tom McGrath, “Cherry Pop” di Assaad Yacoub, “In the Radiant City&r...

 

Tomas Milian, 'Monnezza amore mio' è il libro dell'attore scomparso

Tomas Milian, l’attore scomparso a Miami all’età di 84 anni è stato raccontato in diversi libri. “Monnezza amore mio” è stato scritto dallo stesso attore nel 2014. Descrive la città di Roma, che accoglie i nuovi arrivati ma che sa anche respingerli. Milian racconta come sia fuggito da L'Avana, pa...

 

Recensione del film Elle

Elle è il film di Paul Verhoeven con Isabelle Huppert, Laurent Lafitte, Anne Consigny e Charles Berling (leggi l'articolo sull'incontro con il regista). Paul Verhoeven mostra la propria chiarezza già all’inizi del film, con lo schermo nero invaso dalle urla di Michèle, mentre viene violentata sul pavimento di casa. L&rsq...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni