X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Intervista ad Andrea Segre, regista Di ‘Come Un Uomo Sulla Terra'

23/08/2009 07:01

Andrea Segre risponde alle domande di mauxa

In questi giorni 5 eritrei su un gommone sono giunti a largo di Lampedusa: durante la traversata 73 compagni sono morti di stenti e gettati i mare. Le Forze Armate maltesi avrebbero omesso i soccorsi e rilanciato il problema alla Guardia di Finanza Italiana. Ora la procura di Agrigento ha aperto un'inchiesta per favoreggiamento dell'immigrazione e omicidio colposo plurimo a  carico di ignoti.

Ma chi sono questi clandestini bistrattati dai media e che creano lo spettro di xenofobia? Abbiamo intervistato Andrea Segre, autore assieme a Riccardo Biadene e Dagmawi Yimer del documentario Come un uomo sulla terra, che ha rispsconno notevole successo nelle rassegne e che è stato trasmesso su Rai 3. Dag era un giovane etiope che studiava Giurisprudenza ad Addis Abeba. A causa della forte repressione politica nell'inverno 2005 è emigrato, ha attraversato via terra il deserto tra Sudan e Libia: qui si è imbattuto in una serie di disavventure legate non solo alle violenze dei contrabbandieri che gestiscono il viaggio verso il Mediterraneo, ma anche alle sopraffazioni e alle violenze subite dalla polizia libica, responsabile di indiscriminati arresti e disumane deportazioni. Dag è riuscito ad arrivare via mare in Italia, a Roma, dove ha iniziato a frequentare una scuola di italiano.

Cosa racconta Come un uomo sulla terra?

Le tre storie le ho incontrate all'interno della scuola d'italiano per stranieri gestita da Asinitas Onlus che è la produttrice del film. All'interno di questo laboratorio ho incontrato Dag e, insieme a lui le storie del film. Dag era perfetto per la sua capacità di raccontare. La sua storia era importante: si smonta la prassi dell'africano poveretto che arriva in Italia: lui è laureato in giurisprudenza, ha un'individualità che viene schiacciata dalle demagogie.


Come avete cercato di evadere dal pericolo del semplice documentario di denuncia?
Avvicinandomi alla dimensione individuale e intima del racconto. Il documentario televisivo classico informa su fenomeni, non racconta. Invece quello cinematografico avvicina ad una dimensione più intima, che non sfocia poi nella lacrima: riuscire a creare una relazione tra la persona che racconta e lo spettatore. Cercare di immedesimare gli spettatori italiani con quei volti. Così si vive questa vicinanza insolita con i protagonista.

Dag ora dov'è?

A Roma, lavora nella scuola d'italiano. Tutti i rifugiati hanno lo status di protezione umanitaria. Pur godendo di questo diritto di fuga, non ricevono nessun tipo di agevolazione. È un diritto di sosta. Convivono anche con il trauma di questa precarietà.

Come funziona la distribuzione di questo documentario?
La distribuzione è avvenuta in maniera autonoma, con una piccola segreteria per la distribuzione. Chiunque lo volesse, lo poteva avere. Come se fosse un film registrato siae: si noleggia la copia per la proiezione.

Che ruolo ha avuto il web nel lancio del documentario?

Il web  è stato essenziale. Noi non abbiamo stampato nulla di cartaceo o pubblicità. Il punti di partenza è stata la distribuzione del film, Fortress Europe (http://fortresseurope.blogspot.com), più tutta una rete di contatti. Siamo partiti da questi contatti e poi c'è stato un passaparola efficace legato all'attualità del tema, al trattato Italia Libia (che per il governo libanese non prevede alcun obbligo di accoglienza e tutela del diritto d'asilo, N.d.R.), all'esigenze di creare spazi su questo argomento dell'emigrazione liberi dalla demagogia elettorale che controlla queste tematiche.

Quindi il tema dell'immigrazione, nell'informazione è pilotato?

È uno dei temi centrali di tutte le discussioni elettorali: però i protagonisti non votano. Si parla di questo problema, delle paure, delle persone che dovrebbero ricevere aiuto, ma non delle impressioni delle perché siano emigrati. Se ne discute da parte di chi la teme, nessuno ha contatto con gli emigranti che approdano a Lampedusa.

Il prossimo progetto qual è?

Uno per ciascuno, documentario e fiction: il documentario ha molto di narrativo che il film di documentario.

http://comeunuomosullaterra.blogspot.com 

 

 

 

 

 

 
© Riproduzione riservata
Home
 

Altri articoli Home

Boston - Caccia all'uomo: il terrorismo raccontato in un video del regista Peter Berg

Il regista Peter Berg in un video racconta come la popolazione di Boston collaborò durane le riprese del film “Boston - Caccia all’uomo” di cui è regista. È stato diffuso un nuovo video del film “Boston - Caccia all’uomo” in cui il registe Peter Berg racconta quale fosse la necessità ...

 

Famiglia all'improvviso - Istruzioni non incluse: il film commedia sul 'padre chioccia' con Omar Sy

Famiglia all’improvviso - Istruzioni non incluse è il film nelle sale diretto da Hugo Gélin con Omar Sy, Clémence Poésy, Antoine Bertrand, Gloria Colston. La storia è quella di Samuel che vive nel Sud della Francia: non ha troppe preoccupazioni giornaliere, finché una ex ragazza si presenta dice...

 

Cars 3, gli autori presentano il corto 'A Tale of Momentum and Inertia'

Eyal Podell e Jonathon E. Stewart, che hanno scritto il prossimo film “Cars 3” hanno realizzato un cortometraggio per Fox Animation Studios dal titolo “A Tale of Momentum and Inertia”. Il progetto è stato presento a diversi Festival: la storia racconta di un uomo roccia che cerca di trattenere un masso che sta per di...

 

La tenerezza: incontro con Gianni Amelio, Micaela Ramazzotti e Elio Germano

La tenerezza è il film di Gianni Amelio con Renato Carpentieri, Elio Germano, Giovanna Mezzogiorno, Micaela Ramazzotti, Greta Scacchi. Mauxa ha partecipato alla conferenza stampa: la storia è quella di Lorenzo, avvocato in pensione che vive da solo, ostile ai figli e burbero. Quando fa amicizia con i giovani vicini di casa parte apri...

 

Recensione del film Boston - Caccia all'uomo

Boston - Caccia all’uomo è il film di Peter Berg con Mark Wahlberg, Kevin Bacon, John Goodman, J. K. Simmons e Michelle Monaghan. Il sergente Tommy Saunders (Mark Wahlberg) penetra in un’appartamento alla ricerca di un sospettato. Una coppia cena in un locale. In un laboratorio del MIT si studia un prototipo di robot; un ragazzo...

 

Julia Roberts, 'lontana dai riflettori' è la donna più bella del 2017

Julia Roberts ha avuto la quinta copertina della rivista People. La cover è dedicata alla donna più bella dell’anno in corso. Finora solo Michelle Pfeiffer e Jennifer Aniston avevano avuto due copertine. Julia Roberts ottenne la prima cover nel 1991, dopo l’uscita del film “Pretty Woman” quando aveva 23 anni. ...

 

Testimone d'accusa, Ben Affleck riporterà sul grande schermo la famosa opera teatrale di Agatha Christie

Ben Affleck sarà il regista e il protagonista di “Testimone d’accusa”, ennesimo film basato sull’omonima commedia (a sua volta tratta da un racconto breve della stessa autrice) di Agatha Christie. Chiunque decida di riprendere in mano questa particolare storia, non può fare a meno di confrontarsi con quello che...

 

American Assassin, cruente immagini nel trailer del film thriller con Michael Keaton

Il primo trailer del film “American Assassin” diretto da Michael Cuesta è stato pubblicato su YouTube. Nelle immagini si vede il protagonista Mitch Rapp (Dylan O’Brien) addestrato da Stan Hurley (Michael Keaton). In altre scene un terrorista in una spiaggia spara sui bagnanti. La trama segue l'ascesa di Mitch Rapp, un rec...

 

Recensione del film The Bye Bye Man

The Bye Bye Man è il film horror di Stacy Title con Douglas Smith, Lucien Laviscount, Cressida Bonas, Doug Jones e Michael Trucco. Nel 1969 Larry attiva in macchina davanti a casa di una donna, la chiama, lei esce e poi rientra: lui prende un fucile e le spara. Poi fa lo stesso con i vicini di casa, mentre chiede continuamente: “qualc...

 

Gianni Boncompagni, i film per cui l'autore ha composto le canzoni

Gianni Boncompagni, l’autore scomparso il 16 aprile all’età di settantaquattr'anni aveva anche lavorato al cinema oltre che in televisione e radio. Sua è la musica di “Sapore di mare 2 - Un anno dopo” (1983) di Bruno Cortini. “Bárbara” (1980) è invece la storia di una star della music...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni