X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Intervista ad Andrea Segre, regista Di ‘Come Un Uomo Sulla Terra'

23/08/2009 07:01

Andrea Segre risponde alle domande di mauxa

In questi giorni 5 eritrei su un gommone sono giunti a largo di Lampedusa: durante la traversata 73 compagni sono morti di stenti e gettati i mare. Le Forze Armate maltesi avrebbero omesso i soccorsi e rilanciato il problema alla Guardia di Finanza Italiana. Ora la procura di Agrigento ha aperto un'inchiesta per favoreggiamento dell'immigrazione e omicidio colposo plurimo a  carico di ignoti.

Ma chi sono questi clandestini bistrattati dai media e che creano lo spettro di xenofobia? Abbiamo intervistato Andrea Segre, autore assieme a Riccardo Biadene e Dagmawi Yimer del documentario Come un uomo sulla terra, che ha rispsconno notevole successo nelle rassegne e che è stato trasmesso su Rai 3. Dag era un giovane etiope che studiava Giurisprudenza ad Addis Abeba. A causa della forte repressione politica nell'inverno 2005 è emigrato, ha attraversato via terra il deserto tra Sudan e Libia: qui si è imbattuto in una serie di disavventure legate non solo alle violenze dei contrabbandieri che gestiscono il viaggio verso il Mediterraneo, ma anche alle sopraffazioni e alle violenze subite dalla polizia libica, responsabile di indiscriminati arresti e disumane deportazioni. Dag è riuscito ad arrivare via mare in Italia, a Roma, dove ha iniziato a frequentare una scuola di italiano.

Cosa racconta Come un uomo sulla terra?

Le tre storie le ho incontrate all'interno della scuola d'italiano per stranieri gestita da Asinitas Onlus che è la produttrice del film. All'interno di questo laboratorio ho incontrato Dag e, insieme a lui le storie del film. Dag era perfetto per la sua capacità di raccontare. La sua storia era importante: si smonta la prassi dell'africano poveretto che arriva in Italia: lui è laureato in giurisprudenza, ha un'individualità che viene schiacciata dalle demagogie.


Come avete cercato di evadere dal pericolo del semplice documentario di denuncia?
Avvicinandomi alla dimensione individuale e intima del racconto. Il documentario televisivo classico informa su fenomeni, non racconta. Invece quello cinematografico avvicina ad una dimensione più intima, che non sfocia poi nella lacrima: riuscire a creare una relazione tra la persona che racconta e lo spettatore. Cercare di immedesimare gli spettatori italiani con quei volti. Così si vive questa vicinanza insolita con i protagonista.

Dag ora dov'è?

A Roma, lavora nella scuola d'italiano. Tutti i rifugiati hanno lo status di protezione umanitaria. Pur godendo di questo diritto di fuga, non ricevono nessun tipo di agevolazione. È un diritto di sosta. Convivono anche con il trauma di questa precarietà.

Come funziona la distribuzione di questo documentario?
La distribuzione è avvenuta in maniera autonoma, con una piccola segreteria per la distribuzione. Chiunque lo volesse, lo poteva avere. Come se fosse un film registrato siae: si noleggia la copia per la proiezione.

Che ruolo ha avuto il web nel lancio del documentario?

Il web  è stato essenziale. Noi non abbiamo stampato nulla di cartaceo o pubblicità. Il punti di partenza è stata la distribuzione del film, Fortress Europe (http://fortresseurope.blogspot.com), più tutta una rete di contatti. Siamo partiti da questi contatti e poi c'è stato un passaparola efficace legato all'attualità del tema, al trattato Italia Libia (che per il governo libanese non prevede alcun obbligo di accoglienza e tutela del diritto d'asilo, N.d.R.), all'esigenze di creare spazi su questo argomento dell'emigrazione liberi dalla demagogia elettorale che controlla queste tematiche.

Quindi il tema dell'immigrazione, nell'informazione è pilotato?

È uno dei temi centrali di tutte le discussioni elettorali: però i protagonisti non votano. Si parla di questo problema, delle paure, delle persone che dovrebbero ricevere aiuto, ma non delle impressioni delle perché siano emigrati. Se ne discute da parte di chi la teme, nessuno ha contatto con gli emigranti che approdano a Lampedusa.

Il prossimo progetto qual è?

Uno per ciascuno, documentario e fiction: il documentario ha molto di narrativo che il film di documentario.

http://comeunuomosullaterra.blogspot.com 

 

 

 

 

 

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Altri articoli Home

Recensione del film Noi siamo tutto

La discendenza da un romanzo è evidente in “Noi siamo tutto” (“Everything Everything”), film di Stella Meghie tratto dall’opera di della scrittrice Nicola Yoon. Della reclusione in un appartamento della giovane adolescente Maddy Whittier (Amandla Stenberg), ai gesti che portano il suo nuovo vicino di casa Nick R...

 

'The Lifeboat', il film prodotto ed interpretato da Anne Hathaway ha un nuovo regista

Joe Wright non dirigerà più “The Lifeboat”, il film tratto dall’omonimo libro di Charlotte Rogan. Anne Hathaway resta comunque coinvolta nel progetto nei panni di produttrice e di attrice protagonista. Il romanzo di Rogan si apre con un processo in cui il personaggio principale, Grace Winter, è accusata di om...

 

Matt Damon, protagonista del nuovo film 'Charlatan'

Matt Damon interpreterà il ruolo del ciarlatano John R. Brinkley nel nuovo film “Charlatan”. La storia è quella reale di un uomo nel Kansas, sedicente medico che negli anni Venti introdusse un metodo chirurgico straordinario usando le ghiandole delle capre per curare l'impotenza negli agricoltori locali. Divenne cos&igrav...

 

Recensione del film Valerian e la città dei mille pianeti

Valerian e la città dei mille pianeti (“Valérian et la Cité des mille planètes") è il film di fantascienza di Luc Besson. L’esordio avviene in un luogo paradisiaco, tra esseri umanoidi ed esplosioni che avvertono di una minaccia imminente. Già qui Besson è vittima dello stesso materiale ...

 

First They Killed My Father, il film di Angelina Jolie conviene la critica

First They Killed My Father è il film di Angelina Jolie che ha ottenuto ottime recensioni negli Stati Uniti. La storia è quella dell’attivista Loung Ung, che per sopravvivere al regime cambogiano dei Khmer Rossi dal 1975 al 1978 vede disgregata la propria famiglia. La storia viene raccontata dalla protagonista, una bambina di c...

 

L'incredibile vita di Norman, incontro con Richard Gere: 'il mio personaggio vorrebbe esaudire le promesse'

L'incredibile vita di Norman (“Norman: The Moderate Rise and Tragic Fall of a New York Fixer”) è il film di Joseph Cedar con Richard Gere, presentato a Roma. La pellicola negli Stati Uniti è uscita ad aprile 2017 ed ha ottenuto recensioni positive. La storia racconta del faccendiere Norman Oppenheimer, che a New York tess...

 

Film più visti della settimana, la novità è 'American Assassin'

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 15 al 17 settembre 2017 conferma il primo posto per “IT”, tratto dal romanzo di Stephen King (218.710.619 dollari): la creatura malvagia che uccide i bambini della città è tornata, mentre sette abitanti cercano di eliminarlo. Al secondo posto entra “Ameri...

 

'Meg', l'horror con protagonista Jason Statham arriva nel 2018

Ha dovuto aspettare due decenni, ma Steve Alten avrà finalmente la soddisfazione di vedere il proprio best-seller trasformato in un horror da 150 milioni di dollari con Jason Statham nei panni del protagonista. In un primo momento “Meg” sarebbe dovuto uscire il 2 marzo 2018, ma poi la Warner Bros ha deciso di rimandarlo al 10 ag...

 

Red Sparrow, prime immagini del film thriller con Jennifer Lawrence

È stato diffuso il primo trailer del film “Red Sparrow”, diretto da Francis Lawrence (leggi l’articolo sul film). Nelle immagini appare la protagonista Dominika (Jennifer Lawrence) mentre attende nella prova camera. Seguono degli omicidi: in realtà lei è reclutata dalla Sparrow School, un servizio segreto di ...

 

L'imperatrice Caterina, il film dalle potenti passioni con Marlene Dietrich

L'imperatrice Caterina (“The Scarlet Empress”) è il film del 1934 di Josef von Sternberg che usciva in questi giorni nelle sale statunitensi. La giovane principessa tedesca, Sophia Frederica (Marlene Dietrich) è scelta dalla regina Elisabetta di Russia per sposare il nipote, il principe Pietro (Sam Jaffe), così da ...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=22587639&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1