X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

La notte di San Lorenzo, le stelle cadenti di De Andrč e Taviani

10/08/2011 21:52
La notte di San Lorenzo le stelle cadenti di De Andrč Taviani

San Lorenzo, un evento astronomico e non solo

San Lorenzo, le stelle cadenti di De Andrè e Taviani. Stasera le stelle cadenti che per San Lorenzo affollano lo spazio, sono più presenti che mai sia in letteratura che in musica. Lo ricorda Fabrizio De Andrè che con La notte di San Lorenzo (dell'album Sul confine, 1995)verseggia: “cadde una stella illuminando il lago / mentre un addio uccideva un sogno”.

Anche il fumetto ha frequentato l’argomento, che per la commistione tra mistero e buio si è avvicinato a Dylan Dog: l’albo numero 5, Orrore nero - stelle cadenti è del 1993, con soggetto di Tiziano Sclavi e con la sceneggiatura di Luigi Mignacco, per i disegni di Giovanni Freghieri.

Al cinema i fratelli Paolo e Vittorio Taviani girarono nel 1981 La notte di San Lorenzo, dove nel 1944 a San Miniato si affrontano i fascisti in attesa della Liberazione.

Stelle cadenti (Moving Pictures) è un romanzo fantasy umoristico scritto da Terry Pratchett nel 1990, e pubblicato in Italia nel 2007: gli alchimisti del Mondo Disco hanno inventato le "immagini in movimento", ossia il cinematografo. Due giovani, attratti da Hollywood diventano delle “stelle”…

La serie tv Nikita, alla quarta stagione, nell’episodio Una stella cadente mostra un importante satellite del Centro precipitare in un piccolo paese del Kentucky, fino a scoprire la base dei dormienti.

È un evento che mescola il fascino astronomico con la speranza disillusa di avverare un sogno.  “Era la notte di San Lorenzo – conclude De Andrè -  fatta di atlantiche illusioni / e di pacifiche scoperte (…) Ho chiuso gli occhi la mattina / dormendo sul confine / Gli equilibristi sono carte matte / sognano solo desideri / In viaggio fanno curve strette / senza pensieri”.

 
© Riproduzione riservata
Home
 



 
Galleria fotografica
Da non perdere






Ultime news
Recensioni