X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Federico Fellini: La Dolce Vita - The Sweet Life, il film classico con Anita Ekberg

16/08/2009 12:21
Federico Fellini La Dolce Vita - The Sweet Life il film classico con Anita Ekberg

Anita Ekberg e Federico Fellini con il film La dolce vita segnano l'immaginario collettivo, con la pellicola più irriverente degli anni '60

Marcello Rubini è un giornalista romano (paparazzo) che si occupa di servizi scandalistici. All'inizio lo vediamo in un elicottero che sorregge una stata di cristo pantocreator, mentre salute un gruppo di ragazza borghesi a cui implora il numero di telefono; in un night cerca di avere la foto di un riccone che poi lo minaccia: qui incontra un'amica benestante, Maddalena che lo porta a casa e con cui fa sesso; la fidanzata Emma, gelosa tenta il suicidio.

La famosa attrice Sylvia arriva a Roma, lei stanca del suo compagno vaga con Marcello per i vicoli di Roma, fanno il bagno nella Fontana di Trevi finché il fidanzato la porta via. Due fratellini dicono di aver visto la Madonna, Marcello vorrebbe documentare la vicenda ma nel trambusto dei fanatici fedeli un uomo muore; il nostro fotografo rincontra il padre, che da Rimini è giunto a Roma: l'anzia  no beve più del dovuto, s'intrattiene con una entreneuse ma avverte un malore e decide di partire. In un castello il paparazzo incontra di nuovo Maddalena, si confida per la prima volta ma nel frattempo lei fa l'amore con un altro; Marcello fa sesso con una sconosciuta che poi gli presenta il figlio; quando pensava di aver trovato la fiducia nell'amico intellettuale Steiner, apprende del suo suicidio. Ad una festa orgiastica, Marcello riacquista un minimo di razionalità e si allontana assieme agli invitati: scoprono un pesce mostruoso risputato dalle onde. Marcello raggiunge la spiaggia dove in lontananza una ragazzina gli suggerisce qualcosa, ma lui non riesce ad udirla e si allontana.

Marcello vaga sonnambulo tra diverse esperienza, senza mai lasciarsi trasportare da nessuna: forse solo l'amplesso con la benestante Maddalena lo attrae. Si avvicina a personaggi che contraddistinguono le sue paure: l'insicurezza di fronte al candore (l'attrice Silvia), la responsabilità malcelata (il padre), il rispetto per l'amore (la fidanzata), la purezza che non sa distinguere (la ragazza della spiaggia di cui non intende le parole). Ma con nessuno tesse un rapporto, inseguendo una sana indifferenza.

All'uscita il film fece scandalo, il futuro presidente Oscar Luigi Scalfaro l'apostrofò "La schifosa vita"; il nome divenne un neologismo, un modo di vivere, poi un brand, tanto che nell'estate 2009 una cantante come Lady Gaga intitola un tormentone Paparazzi. Il senso sprigionato da film è non solo quello di un disfacimento dei valori, ma anche della forma narrativa classica tradizionale, composta di intrecci ormai obsoleti (già nel 1960!): il protagonista Marcello è costretto a saltare da un episodio all'altro, lo stesso Fellini lo obbliga a non appassionarsi a nessun personaggio. La dolce vita è primo caso di un film dove la sceneggiatura avvita il carattere del protagonista.

Gli stessi sceneggiatori, tra cui Tullio Pinelli ne erano consapevoli, tanto nella fase della scrittura del film dovettero accogliere i consigli di Fellini: "Per noi la realtà è solo simbolo". Tanto che lo stesso Billy Wilder si spinse a dire: "È il film è più bello e noioso che abbia mai visto".

Una peculiarità che non è solo narrativa ma anche commerciale: a tutto il 30 giugno 1965 il film incassò poco più di 2 miliardi di lire, che nel 2009 corrispondono circa a 66 milioni di Euro.

LA DOLCE VITA. Italia, 1959. Regia: Federico Fellini. Soggetto: Federico Fellini, Ennio Flaiano, Tullio Pinelli. Sceneggiatura: Federico Fellini, Ennio Flaiano, Tullio Pinelli, Brunello Rondi, Pier Paolo Pasolini (non accreditato). Produzione: Giuseppe Amato e Angelo Rizzoli per Riama Film (Roma), Pathé Consortium Cinéma (Parigi). Musica: Nino  Rota, dirette da Franco Ferrara (con la partecipazione de 'I campanino' e di Adriano Celentano). Attori: Anita Ekberg, Magali Noël, Yvonne Fourneaux, Nadia Gray, Anouk Aimée, Alain Cuny, Adriano Celentano, Annibale Ninchi, Valeria Ciangottini, Umberto Orsini, Jacques Sernas, Walter Santesso, Marcello Mastroianni, Laura Betti, Riccardo Garrone, Enzo Cerusico, Polidor, Lex Barker, Giuseppe Addobbati, Enzo Doria, Harriet White, Giulio Girola. Genere: Drammatico. Durata: 180'. Distribuzione: Cineriz.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Federico Fellini
Film correlati
La dolce vita



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Paolo Sorrentino, 'c'è l'influenza di Fellini' scrive la stampa estera sul film La giovinezza

Youth - La giovinezza di Paolo Sorrentino è stato presentato al Festival di Cannes, ottenendo pareri genericamente positivi. Peter Bradshaw su The Guardian ha definito il film “irto di occasionale debolezza (...) Michael Caine ha un volto imperscrutabile di delusione mondana, che rompe ogni tanto in un sorriso buffo”. L’am...

 

Anthony Quinn, cent'anni fa nasceva l'attore protagonista di Zorba il greco e La strada

Anthony Quinn è stato un attore molto affermato e celebrato, conosciuto soprattutto per i suoi ruoli di uomini duri e sanguigni. Nato in Messico il 21 aprile 1915, da bambino Quinn si trasferì con la sua famiglia a Los Angeles, dove cominciò a lavorare come attore cinematografico negli anni ’30 interpretando alcune parti ...

 

La strada, il film di Federico Fellini che sorpassa il neo-realismo

La strada di Federico Fellini usciva al cinema il 22 settembre 1954, con un cast composto da Giulietta Masina, Anthony Quinn, Richard Basehart e una produzione di Carlo Ponti e Dino De Laurentiis. La trama de La strada di Federico Fellini. La vicenda ruota attorno ad una giovane donna, Gelsomina che a causa dell’indigenza della famiglia &egr...

 

Federico Fellini: Amarcord, il film classico compie 40 anni

Amarcord è il film che usciva nei cinema quaranta anni fa. Era il 13 dicembre del 1973 quando la pellicola diretta da Federico Fellini seminava novità iconografiche al cinema, interpretato da Bruno Zanin, Magali Noël, Pupella Maggio e Armando Brancia. Negli Stati Uniti uscì il 19 settembre del 1974, vincendo L’Oscar ...

 

Fellini, regista della Dolce Vita: a vent'anni dalla morte le celebrazioni continuano

Ricorre oggi il ventesimo anniversario della morte di Federico Fellini, il regista riminese autore di capolavori immortali come "La Strada" (1954), "La Dolce Vita” (≤1960), ”Giulietta degli Spiriti” (1965) e "Amarcord” (1973) Il nome di Fellini non si presta ad equivoci: per chiunque è evocativo dell'età d'o...

 

Ettore Scola: Il Cavaliere della Repubblica rende omaggio a Fellini con un commovente film

Ettore Scola, regista e sceneggiatore considerato l'icona del cinema italiano celebre per aver diretto film come "C'eravamo tanto amati", "Una giornata particolare" e "La famiglia", rende omaggio al collega e amico Federico Fellini in occasione del 26° anniversario della sua scomparsa. Approdato alla Mostra di Venezia, l'artista vuole ricordar...

 

Federico Fellini, il regista 5 volte premio Oscar in un film dell’amico Scola

Federico Fellini torna sul grande schermo per un documentrario realizzato dall’amico regista Ettore Scola. “Che strano chiamarsi Federico” è il titolo, realizzato con un lavoro composito di documentazione e fantasia. Il film è un ricordo e ritratto di Federico Fellini, raccontato da Ettore Scola in occasione del ven...

 

Federico Fellini, anche l’Harley-Davidson del film Amarcord è in mostra a Modena

Federico Fellini e le moto usate nei suoi film sono al centro della mostra che s’inaugura il 18 maggio fino al 9 giugno al Museo Casa Enzo Ferrari di Modena. Si va dal motocarro di Zampanò usato ne “La strada” (1954) e guidato da Anthony Quinn con Giulietta Masina, la Vespa della “Dolce vita” (1959), la Harley D...

 

Federico Fellini, un film di Ettore Scola e la pubblicazione dell’ebook Il libro dei sogni

Ettore Scola, presidente del Bari International Film Festival ha annunciato che realizzerà un film su Federico Fellini. La pellicola s’intitolerà “Che strano chiamarsi Federico” e sarà un racconto del regista riminese, pervaso di ricordi e omaggi. Il film sarà sceneggiato dallo stesso Scola con le figli...

 

Festival di Cannes 2011: diario del terzo giorno, tra invidie familiari e pedofilia

Festival di Cannes 2011: diario del terzo giorno, tra invidie familiari e pedofilia. Nel terzo giorno del festival, dopo la Universal con Puss in Boots è la Disney a monopolizzare i flashes con Johnny Depp e Penelope Cruz che presentano Pirati dei Carabi – Oltre i confini del mare. E la competizione propone storie di rapporti tra adult...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni