X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Il film Transformers 3 e il successo dei robot al cinema

04/07/2011 13:52
Il film Transformers 3 il successo dei robot al cinema

Il cinema ha spesso raccontato il rapporto uomo-macchina

Il film Transformers 3 ha ottenuto ottimi incassi: Dark of the Moon ha guadagnato circa 162 milioni di dollari nel Nord America (in Usa è uscito il 3 luglio 2011), e 210 milioni dollari negli altri territori. Con un totale di 372 milioni di dollari, segna il terzo posto come maggior incasso di tutti i tempi dietro Harry Potter e il principe mezzosangue 394 milioni) e Spider-Man 3 (381.600 mila dollari).

In maniera ovvia l’uscita estiva facilita l’appeal  dei giovani: ma le pellicole variano e non tutte quelle arse dal sole svettano al box office. È il Robot – o il soprannaturale - a suscitare interresse, da Blade Runner a Metropolis (1922).

Qui vediamo Optimus Prime e i suoi fedeli Autobot in azione per combattere i pericolosi Decepticon, intenzionati a conquistare lo spazio tra Stati Uniti e Russia per vendicare l’ultima sconfitta subita. È l’umano Sam Witwicky (Shia LaBeouf) ad andare in aiuto dei suoi amici robot. Una commistione uomo-macchina che è l’emblema di questo genere i film.

Il mondo dei robot (Westworld, USA, 1973) era scritto e diretto da Michael Crichton. La trama ruota attorno allo sviluppo tecnologico di androidi che imparano e si emozionano. I turisti se ne appassionano, Delos è il parco dove si possono intrattenere con gli androidi, dall’Antica Roma al Medioevo al Far West. Ma anche i robot sono agili: John Blane e Peter Martin, due turisti giungono al villaggio e scelgono la scenografia western. Il "pistolero"  li sfida  a duello e Martin lo "uccide": Martin ha il dubbio di aver colpito un umano, Blane gli mostra che la pistola spara solo contro obiettivi "freddi" (come un robot) e non contro organismi che emettano calore. Ancora l’uomo dubita dei suoi gesti verso un robot.

Più addietro c’è Metropolis, capostipite del genere diretto da Fritz Lang. Siamo nel 2026, a Metropolis vivono gli industriali, i manager, i ricchi e nel sottosuolo sopravvvono gli operai confinati in un ghetto. John Fredersen li comanda, dalla cima di un grattacielo: quando irrompe nel giardino l'insegnante e profeta Maria  accompagnata dai figli degli operai, si fa luce sulle condizioni disumane degli operai.

Da ricordare Io e Caterina, del 1980 di e con Alberto Sordi. Un borghese acquista un robot femminile e allontana la moglie, l’amante e la colf. Ma il robot s’innamora presto di lui:ancora l’uomo che interagisce emotivamente con la macchina. Il film ebbe un buon successo anche in Ungheria e Portogallo.

Cosa ci riserverà Robopocalypse, in uscita nel 2013 e diretto da Steven Spielberg? La trama è ambientata in un futuro dove i robot, le macchine hanno preso il sopravvento sulla razza umana governando il pianeta.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
Metropolis, Robopocalypse, Transformers 3: Dark of the Moon



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Mad Max: Fury Road, al cinema il reboot della trilogia firmato George Miller

Mad Max: Fury Road. E’ un film Usa/Australia del 2014, di genere post-apocalyptic/action, diretto da George Miller (anche produttore e co-sceneggiatore) e scritto insieme a Nick Lathouris e Brendan McCarthy. “Mad Max: Fury Road”, quarto film di Miller basato sul franchise con protagonista Mad Max, comprende nel cast Tom Hardy, Cha...

 

Alberto Sordi, 2 libri ricordano l’attore come emblema di mezzo secolo d’Italia

Alberto Sordi, a dieci anni dalla scomparsa avvenuta il 24 febbraio 2003 è ricordato con varie manifestazioni: dalla mostra al Complesso del Vittoriano che fino al 31 marzo ripercorre il rapporto con la capitale attraverso fotografie, filmati, lettere autografe, al documentario “Alberto il grande” di Carlo e Luca Verdone.Anche du...

 

Alberto Sordi, anche i suoi articoli di giornale in mostra a Roma

Alberto Sordi sarà ricordato a 10 anni dalla scomparsa al Complesso del Vittoriano: dal 15 febbraio al 31 marzo 2013 “Alberto Sordi e la sua Roma” rende omaggio alla sua figura, permeando il rapporto con la capitale attraverso fotografie, filmati, lettere autografe, materiali audio e video, sceneggiature, installazioni, oggetti e...

 

Alberto il Grande, il documentario di Carlo Verdone in omaggio a Sordi

Carlo Verdone rende omaggio ad Alberto Sordi con Alberto il Grande, documentario nato grazie al sostegno dell'Assessorato alla Cultura della Regione Lazio, prodotto da Arimvideo con la collaborazione di Medusa Film. Verdone, insieme al fratello documentarista Luca, comincerà le riprese di Alberto il Grande nei prossimi giorni. Un'anteprima &...

 

Recensione film Red Lights, Robert De Niro e l'enigmatica caccia ai fenomeni paranormali

Red Lights, presentato la scorsa settima al Lucca Comics 2012, è il thriller psicologico e drammatico che presenta un duo d'eccezione composto dagli attori Sigourney Weaver e Robert De Niro, diretti da Rodrigo Cortés che nel 2010 è stato il regista dell'apprezzato film Buried - Sepolto. La dottoressa Margaret Matheson (Sigourn...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni