X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione film Punto d’impatto: buoni dilemmi tra amore e fede

10/06/2011 09:58
Recensione film Punto d’impatto buoni dilemmi tra amore fede

Dal Sundance Film Festival, il nuovo film del giornalista e sceneggiatore Matthew Chapman

Matthew Chapman ci ha spesso abituato a film di rottura, dove il limite tra buon senso e legittimità e l’azione si fa sempre più labile.

In Urla di mezzanotte (1988), Giochi d'adulti (1992) da lui scritto e diretto poi da Alan J. Pakula: fino alla sceneggiatura de Il colore della notte (1994) e La giuria (2003). E in questo  Punto d’impatto non si smentisce.

The Ledge – titolo originale – ha come trama quella di Gavin (Charlie Hunnam), che inizia una relazione con la moglie del suo vicino di casa, Shana interpretata dalla vivida Liv Tyler. Ma il vicino – Joe - professa la fede evangelica, e presto si Gavin si trova in un dilemma che avrà come effetto la scelta tra la morte o la vita. Gavin è un non credente, e proprio l’aspetto spirituale dell’intreccio farà in modo che lui sia attirato dal marito della donna  sul cornicione di un grattacielo, in procinto di gettarsi. È il poliziotto Hollis (il candidato all’Oscar Terrence Howard) a dover convincerlo a desistere dall’impresa, ma Gavin senza una fede nell’aldilà non è in grado di decidere. E lo stesso Hollis, è lucido abbastanza da convincere un suicida a vivere? O ciò che ha scoperto della propria vita – è sterile – mina la sua capacità di persuasione, avendo anche scoperto che i figli non sono i suoi?

Il film è stato selezionato al Sundance Film Festival 2011, con ottimo successo di critica. E certamente la trama è quella che appassiona il pubblico del festival, pregno di narrazioni classiche capaci di intricarsi con dilemmi morali. In effetti Chapman è debitore di un altro regista cerebrla,e Atom Egoyan che con il suo Il dolce domani  (1997) ha sancito uno spartiacque tra ciò che è raccontabile al cinema e ciò che può essere ri-scritto in maniera innovativa.

Ma Chapman – giornalista affermato, nonché pronipote dello scienziato  Charles Darwin -  passa la prova, supportato dall’ottima interpretazione della Tyler (sempre fluente nella sua intemperanza) e Charlie Hunnam. Forse meno cerebralismo avrebbe giovato ad un film che si paventa come thriller, ma i dilemmi tra amore e fede fanno sempre colpo, se ben trattati: e qui il regista – anche sceneggiatore – da prova di un ritorno convincente al cinema, imbastendo uno dei film made in Usa più innovativi degli ultimi mesi.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Liv Tyler, Matthew Chapman
Film correlati
Punto d'impatto



 
Galleria fotografica
Da non perdere






Ultime news
Recensioni