X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Bellaria Film Festival 2011: Michelangelo Frammartino premiato per "Le quattro volte"

03/06/2011 13:31
Bellaria Film Festival 2011 Michelangelo Frammartino premiato per

Bellaria Film Festival 2011: Michelangelo Frammartino premiato per "Le quattro volte"">Bellaria Film Festival 2011: Michelangelo Frammartino premiato per "Le quattro volte" - Alla ventinovesima edizione del Bellaria Film Festival, in scena fino al 6 giugno nella ridente cittadina romagnola, CinemaItaliano.info premia Le quattro volte di Michelangelo Frammartino, "il film italiano più premiato del 2010": un gioiello della cinematografia italiana, distribuito in più di 50 paesi nel mondo, vincitore di ben 33 premi internazionali tra cui, solo per citarne alcuni: il Festival di Cannes, il München Film Festival, il CPH:DOX Copenhagen International Documentary Film Festival, il Reykjavík International Film Festival, il Festival Nouveau Cinema Montreal, l'International Film Festival Bratislava e il Festival Cinematográfico Internacional de Uruguay.

Le quattro volte rompe la tradizionale dicotomia tra il cinema di finzione e quello documentaristico: da una parte, spiega Frammartino, c'è la volontà di controllo dell'inquadratura e dell'immagine, una trappola che "uccide quello che hai di fronte", dall'altra quella di seguire l'istinto.

Da Milano, il regista decide di spostare le riprese in Calabria, la terra dei nonni: "la costa calabrese ti permette di percorrere lo spazio, l'entroterra il tempo delle cose: un modo congeniale alla mia macchina da presa".
La sfida è quella di ribaltare la gerarchia, scoperta rinascimentale e consolidata dal cinema, di mettere l'uomo al centro dell'inquadratura in direzione di un equilibrio perduto.
"Quando scegli come protagonista una capra, è normale che tu non possa avere il controllo di tutto, ma la mancanza di controllo porta delle sorprese". Coraggioso Frammartino che affida la scena centrale del film, un piano sequenza di otto minuti (!), a un cane e un gregge con bassissima probabilità di riuscita della scena: "mi chiedevano: 'ma ce l'hai una scena di salvataggio??' e io 'sììììì' (...no!!!!!)", ricorda oggi il regista divertito.

A Cannes, nella sezione "Quinzane des realizatuers" (2010), la giura conferirà l'Europa Cinemas Label (e la Palm Dog per la migliore interpretazione canina!) a Le quattro volte come miglior film riconoscendone una straordinaria forza sotterranea che viene alla luce, prepotentemente, scena dopo scena: "senza essere mai didattico o sentimentale, si assume dei rischi creativi e riesce a superarli. In un momento in cui il cinema più originale è minacciato, sentiamo che sia decisamente appropriato dare il premio a questo film ed offrire al pubblico europeo l'opportunità di vedere questa visione così vitale di un remoto angolo del nostro continente".

Le quattro volte racconta la storia di un vecchio pastore malato, una capra, un albero abbattuto per la festa tradizionale del paese, il carbone, ricavato dal suo legno, che brucerà nei camini per tornare polvere. La rappresentazione del ciclo della vita comincia con l'uomo per passare al regno animale, quello vegetale e, infine, il mondo minerale. Partito dal Torino Film Lab, il film ha conquistato il circuito dei festival internazionali fino alla consacrazione da parte del "New York Times" in un articolo di Anthony Oliver Scott: "un film sorprendente e pieno di sorprese", in cui "quasi ogni inquadratura contiene una rivelazione" e in cui c'è "più vita in 88 minuti di quella che si trova in film lunghi il doppio, esaminando pazientemente i paesaggi umani e naturali di una lontana vallata della Calabria".
Un film di una bellezza impressionante: commovente, emozionante, mozzafiato. Un inno alla vita.

Note di Regia (Michelangelo Frammartino): "Le quattro volte" è un film in togliere: comincia tradizionalmente, fissandosi sull'uomo, e poi via via sposta il centro dell'attenzione su tutto ciò che gli sta intorno, e che normalmente è poco più che uno sfondo, fino a privare lo spettatore di ogni punto di riferimento. Ovviamente, in questa perdita progressiva del protagonista, si vorrebbe che fosse contenuta anche una scoperta, la scoperta di una pari dignità fra l'umano e gli altri regni. La Calabria, prima che una terra dal fascino arcaico, ancora sede di mestieri ancestrali come quello del carbonaio, che lavora con fumi, forme e materie risalenti alle origini del tempo, è il luogo in cui il sapere popolare, fortemente influenzato dalla scuola pitagorica, mi ha abituato a vedere oltre le cose, a immaginare di continuo la sopravvivenza di qualcosa che transita da un involucro a un altro. È in questa terra che ho imparato a ridimensionare il ruolo dell'uomo, o almeno a distogliere lo sguardo da lui: si può liberare il cinema dalla tirannia dell'umano, che è un privilegio ma anche una condanna alla solitudine? Le quattro volte cerca di incoraggiare questo percorso di liberazione dello sguardo, sollecitando lo spettatore a trovare il nesso nascosto che anima tutto quel che ci circonda. Anche per me questo nesso è stato qualcosa da riscoprire attraverso il cinema, strumento che credo abbia il potere di mettere in evidenza il legame che unisce le materie viventi. Quando vedo un film, ho sempre la sensazione che sulla pellicola si fissi qualcosa che va molto al di là del soggetto ripreso, come se l'immagine fosse una forma di accesso all'invisibile, l'unica che ho saputo sperimentare fino ad ora.
(CinemaItaliano.info) 

Regia: Michelangelo Frammartino
Soggetto: Michelangelo Frammartino
Sceneggiatura: Michelangelo Frammartino
Montaggio: Benni Atria, Maurizio Grillo
Costumi: Gabriella Maiolo
Scenografia: Matthew Broussard
Fotografia: Andrea Locatelli
Suono: Simone Olivero, Paolo Benvenuti II
Anno di produzione: 2010
Durata: 88'
Paese: Italia/Germania/Svizzera
Produzione: Invisibile Film, Ventura Film, Vivo Film, Essential Filmproduktion; in collaborazione con Caravan Pass, Altamarea Film
Formato di proiezione: 35mm, colore

 

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Carla Paulazzo
Home
 

Altri articoli Home

Gus Van Sant, il nuovo film è 'Don't Worry'

Gus Van Sant è al lavoro al nuovo film, dal titolo “Don't Worry, He Won't Get Far on Foot”. La vicenda ruota attorno a John Callahan (Joaquin Phoenix), che a 21 anni dopo un incidente d’auto resta paralizzato. Il giovane però non demorde, e comincia dipingere come forma di terapia. Nel cast ci sono anche Jonah Hill...

 

Eva contro Eva, il film sull'apparente disponibilità con Bette Davis

Eva contro Eva è il film di Joseph L. Mankiewicz che usciva nelle sale statunitensi in questo periodo, nel 1950. Alla consegna annuale del premio Sarah Siddons Society ci sono vari drammaturghi, tra cui Addison DeWitt (George Sanders), Lloyd Richards (Hugh Marlowe) e la moglie, assieme e personaggi dello spettacolo tra cui la famosa attrice...

 

Movies Anywhere, la nuova App che centralizza i film

Movies Anywhere è lanciato oggi negli Stati Uniti con cinque studios che forniranno i contenuti. Si tratta di Sony Pictures Entertainment, The Walt Disney Studios (che comprendono Disney, Pixar, Marvel Studios e Lucasfilm), Twentieth Century Fox Film, Universal Pictures e Warner Bros. Entertainment. L’obbiettivo è fornire un'e...

 

Recensione del film Barracuda, la tensione familiare apprezzata dalla critica

Barracuda è il film di Julie Halperin e Jason Cortlund, uscito nelle sale statunitensi in questi giorni e che ha ottenuto un ottimo successo di critica. I primi minuti, con una barca su un lago dorato, un saluto sulla tomba di un uomo dove si versa del whisky si svolgono in silenzio. Quello di cui molti film avrebbero bisogno per essere app...

 

'L'arte deve far riflettere': intervista ad Ori Pfeffer protagonista di 'The Testament'

A Venezia abbiamo avuto l’occasione di intervistare Ori Pfeffer, protagonista di “The Testament”, un film intenso in cui il regista e sceneggiatore Amichai Greenberg riflette sui temi dell’identità, della famiglia e dell’importanza della memoria, sia a livello individuale che collettivo. Pfeffer ha interpretato ...

 

Il miracolo della 34ª strada, per i 70 anni del film nuove immagini

Per i settanta anni dell’uscita del film “Il miracolo della 34ª strada” (“Miracle on 34th Street”, 1947) di George Seaton negli Stati Uniti esce in questa settimana un nuovo dvd e blu-ray. Durante la stagione delle vacanze natalizie un gentiluomo colto, panciuto e una barba bianca (Edmund Gwenn) è assunto ...

 

Recensione del film Il palazzo del Viceré

Il palazzo del Viceré (“Viceroy's House”) è il film di Gurinder Chadha con Hugh Bonneville, Gillian Anderson e Manish Dayal. Louis Mountbatten ( Hugh Bonneville ) arriva nella sua residenza a Delhi nel 1947. È Governatore generale, ossia capo dell'amministrazione britannica della nazione, che è da poco uscit...

 

Film più visti della settimana, le novità sono 'Blade Runner 2049' e 'The Mountain Between Us'

Il box office ufficiale dei film più visti negli Stati Uniti dal 6 all’8 ottobre 2017 vede il primo posto occupato dalla novità “Blade Runner 2049” (32.753.122 dollari, leggi la recensione): la storia è quella dell'agente K, replicante che dà la caccia ai vecchi umanoidi Nexus ribelli. Al secondo posto...

 

Jake Gyllenhaal, è un padre in difficoltà nel nuovo film 'Wildlife'

Jake Gyllenhal, l’attore che sta attendo critiche entusiaste per il ruolo da protagonista nel film “Stronger”, interpreterà un padre in difficoltà nel nuovo film “Wildlife”. La pellicola è tratta dall’omonimo romanzo di Richard Ford, pubblicato nel 1990 e ristampato nel 2010 dalla Grove Pres...

 

The Florida Project, il film acclamato dalla critica

The Florida Project è il film di Sean Baker, uscito negli Stati Unti questa settimana. Il film è ambientato in un tratto di strada appena fuori da Disney World, a Miami: la bambina di sei anni Moonee (Brooklynn Prince) vive con la madre ribelle Halley (Bria Vinaite). Abitano vicino al "The Magic Castle", un motel economico gestito da...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni
pixel sony skin pixel sony skin