X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione: I buoni vicini di Ryan David Jahn

20/05/2011 14:20
Recensione I buoni vicini di Ryan David Jahn

I buoni vicini di Ryan David Jahn">Recensione: I buoni vicini di Ryan David Jahn - Katrina Marino, per tutti Kat, si trascina sulle braccia contro il cemento nel cortile della sua palazzina. La metà degli appartamenti del complesso sono affacciati, ci sono una dozzina di salotti illuminati, ci saranno trenta o più persone di cui riesce a vedere le facce.
Riconosce Larry e Diane Myers, Thomas Marlowe che una volta l'ha aiutata a portare la spesa, Anne Adams che è italiana come lei e le chiede i sughi per la pasta.
Tutti loro sanno che dovrebbero chiamare la polizia. Tuttavia i buoni vicini ad assistere alla scena sono in tanti: qualcuno l'avrà sicuramente già fatto, meglio non intasare le linee telefoniche.
Kat raggiunge la panchina nell'odore di rame che scorre lungo la schiena e il dolore pulsante nell'ascella, chiede invano aiuto, poi cerca di raggiungere l'appartamento prima di "sciogliersi sul suolo": "fanculo, voleva solo farsi un cavolo di bagno".
Tra le 4 e le 6, mentre Kat subisce 2 aggressioni da parte del suo aguzzino e lotta tra la vita e la morte, si consumano anche i drammi esistenziali dei buoni vicini: c'è Thomas con la vecchia colt 45 puntata alla tempia, indeciso tra l'abito regolare e quello buono; c'è Patrick in partenza per il Vietnam e in procinto di abbandonare mamma Harriette, malata terminale, in preda ai sensi di colpa.
Ci sono Diane e Larry: nel loro appartamento al secondo piano, va in scena l'ultimo atto del loro lungo matrimonio. Ci sono Peter e Annie: Bettie e Ron li hanno convinto a provare lo scambio delle coppie, ma il gioco volterà in dramma.
C'è Frank Riva che attraversa la notte in cerca di un bambino investito dalla moglie. C'è Alan Kees, poliziotto corrotto dalla dura metropoli e David che sulla sua ambulanza avrà finalmente l'occasione di pareggiare i conti con il suo ex professore d'inglese Nathan Vacanti.

Ritmo vertiginoso per una scrittura in presa diretta capace di fermare drammatiche istantanee in rotta di collisione, per poi restituirle, intatte, al bisticcio accidentale del corso degli eventi.

I buoni vicini è tratto da un efferato episodio di cronaca nera avvenuto a New York che sconvolse l'opinione pubblica americana: il 13 marzo del 1964, Catherine Susan Genovese, per tutti Kitty, sta tornando a casa dal bar sulla Jamaica Avenue in cui lavora: parcheggia la sua Fiat rossa lungo la ferrovia che costeggia il complesso di palazzine dei Kew Gardens nel Queens, dove convive con la socia Mary Ann Zielonko. Sono circa le 3 e venti di notte quando viene raggiunta da un uomo, Winston Moseley, che l'accoltella alla schiena per due volte. Le urla di aiuto di Kitty si perdono nella notte. Qualcuno da una finestra grida all'uomo di lasciare in pace la donna. L'uomo scappa e la donna, gravemente ferita, cerca di raggiungere il proprio appartamento. Dopo circa 10 minuti, l'aggressore torna. Kitty, 28 anni, morirà in ambulanza sulla via per l'ospedale.

Due settimane dopo, il 27 marzo, sulla prima pagina del "New York Times" esce l'articolo a firma di Martin Gansberg che punta il dito contro l'indifferenza di 38 testimoni.
Tuttavia le indagini smentirono in parte l'articolo, accertando che la donna subì due assalti (non tre), che furono almeno una dozzina (non 38) i vicini della donna ad udire le grida e, soprattutto, che nessuno dei testimoni potè assistere all'intera sequenza dell'omicidio consumatosi in due riprese successive, ma solo parte di esso. Infatti, di questa dozzina, solo Joseph Fink si rese conto che la donna era stata accoltellata nella prima aggressione e solo Karl Ross capì che lo era stata durante la seconda aggressione. Dopo le grida sentite durante la prima aggressione, molti dichiararono di avere pensato a un litigio di coppia o tra ubriachi.

Il comportamento dei testimoni e le ragioni per cui i soccorsi furono chiamati solo un secondo lunghissimo arco di tempo, venne studiato da Bibb Latané e John Darley che pubblicarono i risultati della ricerca nella rivista "Journal of Personality and Social Psychology" nel 1968 (The unresponsive bystander: Why doesn't he help?, 1970). I due psicologi identificarono l'effetto spettatore, conosciuto anche come sindrome Genovese (bystander effect o Genovese syndrome): un fenomeno psicologico sociale riferito ai casi in cui più individui presenti non offrono alcun tipo di aiuto alla vittima in caso di emergenza. Studiando il comportamento di un gruppo di studenti, spettatori in una situazione d'emergenza, Latané e Darley poterono concludere che maggiore è il numero degli spettatori, minore è la probabilità di aiuto per la vittima. Ognuno dei testimoni presuppone che qualcun altro interverrà: il senso di responsabilità individuale viene suddiviso tra i membri, l'impatto empatico attutito. Altre ragioni che sottostanno al mancato soccorso sono la paura e l'imbarazzo di sopravvalutare il pericolo e risultare, di conseguenza, ridicoli di fronte al gruppo. La maggior parte della gente comune, non avendo dimestichezza con situazioni di emergenza, all'occorrenza avverte uno stato di confusione che interagisce con la capacità di valutare la soglia del pericolo.

Ryan David Jahn, I buoni vicini, Fanucci Editore, pp 229, Euro 16,00 - Isbn 978-88-347-1700-4

 

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Carla Paulazzo
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Forza Motorsport 7, recensione videogame per Xbox One e PC

Forza Motorsport 7 è il videogioco sviluppato da Turn 10 in esclusiva per piattaforme Microsoft, con l’attuale versione per Xbox One e PC e il futuro aggiornamento per Xbox One X il prossimo 7 novembre. La serie automobilistica americana si è ritagliata con il passare degli anni uno spazio importante all’interno delle simu...

 

Green River Killer A True Detective Story il fumetto della Dark Horse Comics

“Green River Killer A True Detective Story” è il fumetto della casa editrice Dark Horse Comics pubblicato in paperback nel 2015 in America. Dopo molto tempo dalla sua uscita, questo intrigante fumetto diventerà un film e le redini del progetto sono state assegnate a Michael Sheen. Il team creativo del fumetto invece &egrav...

 

Recensione Dov'è la casa dell'aquila? La nuova graphic novel di Orecchio Acerbo

Dov'è la casa dell'aquila? è la nuova graphic novel per bambini della casa editrice Orecchio Acerbo. Lo scorso 12 ottobre questo albo è uscito in tutte le fumetterie italiane. L'albo illustrato è composto da 28 pagine ed è adatto a tutti i bambini dai 4 anni in su. L'intera graphic novel è stata realizzata ...

 

La Terra di Mezzo: L'Ombra della Guerra, recensione videogame per PS4 e Xbox One

La Terra di Mezzo: L'Ombra della Guerra è il videogioco sviluppato da Warner Bros Interactive Entertainment, l’incarnazione videoludica che utilizza luoghi ed immaginario de Il Signore degli Anelli di J.R.R Tolkien, con una struttura narrativa personale e incentrata sul personaggio dalla doppia anima di Talion e Celebrimbor. L’Om...

 

Justice League, Wonder Woman leader indiscussa

Il nuovo trailer “Heroes” di Justice League rivela scene spettacolari promettendo siparietti comici. Nella sequenza iniziale compare anche Henry Cavill nei panni di Superman, ma è una scena immaginata da Lois Lane (Amy Adams), l'adorata collega ora in lutto. Tra i fan, oltreoceano, c'è chi comincia a dubitare dell'effetti...

 

La filosofia di Marie Kondo in una spassosa graphic novel

Marie Kondo è la beniamina di milioni di donne che, grazie a lei, si possono avvalere del suo metodo, ribattezzato dalla stessa autrice KonMari, per tenere in ordine casa. “Il magico potere del riordino” debutta in Giappone nel 2011, mentre in Italia arrriva tre anni dopo grazie alla casa editrice Vallardi. Negli Stati Uniti, il ...

 

Marvel's Inhumans: i legami tra i protagonisti descritti nella prima puntata

La serie televisiva "Marvel's Inhumans" debutta questa sera su Fox  Nella prima puntata intitolata "Guardate gli umani" sono introdotti i personaggi principali, gli stessi creati da Stan Lee e Jack Kirby e comparsi per la prima volta nei fumetti pubblicati da Marvel Comics.  Gli "inumani" sono dotati di abilità straordinarie e vi...

 

I videogiochi più importanti in uscita su PS VR

PlayStation VR offre centinaia di titoli differenti, da piccole esperienze digitali a giochi tripla A, per un panorama già molto variegato ad un anno di distanza dal lancio. L’interesse suscitato dal visore e il supporto costante di Sony, che a breve ne pubblicherà una revisione hardware, ha portato svariate software house a svi...

 

Rizzoli Lizard, Il signor Ahi e altri guai di Franco Matticchio

Dopo la pubblicazione estiva di “Jones e altri sogni”, Rizzoli Lizard ripropone “Il signor Ahi e altri guai”. Franco Matticchio realizza le prime due storie del signor Ahi, tra fine degli Anni Settanta e gli inizi degli Anni Ottanta. Quando finiscono su Linus nel 1985, l'artista si affretta a disegnarne una terza: il volume ...

 

Redlands n.3 il fumetto horror della Image Comics continua il suo successo

Redlands n.3 uscirà la prossima settimana nelle fumetterie americane grazie alla casa editrice Image Comics. Questo albo dai toni horror ha avuto un grandissimo successo sia a livello di pubblico che tra gli esperti del settore. Alle redini del fumetto troviamo sempre lo stesso team creativo: Jordie Bellaire ai testi e Vanesa Del Rey ai dise...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni
pixel sony skin pixel sony skin