X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Intervista a Giovanni Spagnoletti. Il futuro del cinema

05/04/2011 11:40
Intervista Giovanni Spagnoletti. Il futuro del cinema

Le tendenze del cinema in 3D, delle riviste di cinema online e della critica.

Abbiamo intervistato href="/ricerca-news?parola=Giovanni Spagnoletti">Giovanni Spagnoletti, docente di Storia e critica del Cinema presso l’Università Tor Vergata di Roma, direttore della Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro e autore di svariati saggi e pubblicazioni sul cinema italo-americano contemporaneo, il cinema tedesco e i linguaggi delle nuove cinematografie tra gli anni ’60 e ’70. Spagnoletti ci ha raccontato la sua idea di cinema, come questa sia in evoluzione e la sua opinione sulla critica cinematografica online.

D. Lei ha dato sempre molto spazio alle nuove frontiere dei cinema internazionali a cavallo tra gli anni 60/70: il nuovo cinema tedesco, il nuovo cinema italiano, la nouvelle vague francese, il Free cinema inglese, il cinema americano della fine degli anni ’70 con Steven Spielberg e Martin Scorsese. Cosa c’è di nuovo in questo cinema e secondo lei c’è ancora spazio per una innovazione narrativa e figurativa simile? />R. È stata un’esperienza storica che è andata avanti per una passione per il nuovo cinema post moderno. Oggi abbiano una innovazione tecnologica digitale. Il cinema è abbastanza in crisi  per via del nuovo cinema. Oggi è abbastanza chiusa questa esperienza. Cosa si sta facendo adesso? È un tema molto vario. Lo spettacolo cinematografico non ha più quella attrattiva e non sembra avere quella importanza verso la società che aveva 20 o 30 anni fa. Quando  usciva un film di href="/ricerca-news?parola=Federico Fellini">Federico Fellini, href="/ricerca-news?parola=Michelangelo Antonioni ">Michelangelo Antonioni l’attenzione di tutto il pubblico si accentrava su questi film. Oggi è raro parlare di film sulle prime pagine dei giorni. È diventato più normale, meno una sonda della società. Non bisogna essere pessimisti. Ci sarà di nuovo, dopo questo periodo di trapasso. Occorre aspettare per capire dove il medium andrà. Tanto che ora si parla di post-cinema. La sala sta sempre di più perdendo d’importanza. Già la tv è un media antiquanto che probabilmente sopravvivrà in un sistema di diffusione completamente diverso rispetto a quello che è stato nel secolo scorso.

D. A me pare che molti di quegli autori abbiano ancora entusiasmo: Spielberg, Marco Bellocchio e Bernardo Bertolucci per l’Italia, un po’ meno la Francia e la Germania, Ken Loach e Mike Leight per l’Inghilterra. Tanto che ancora questi ultimi vincono premi importanti a Cannes e Venezia: bisogna andare così indietro negli anni per trovare delle novità? />R. Sono situazioni di registi che sono nati in un’altra epoca, che continuano a lavorare e scrivere nell’epoca attuale. Non c’è una novità in questo senso, c’è una continuità di lavoro, tanto che loro continuano a fare film come lo facevano anni fa. Rappresentano la continuazione di un discorso passato e molto difficilmente di uno futuro.

D. Cosa ne pensa del cinema americano contemporaneo e del diluvio del 3D? />R. Il 3d è sempre esistito. Oggi sembra essere una sorta di salvagente per l’industria spettacolare americana, quella che impegna più tecnologia e denaro in questa innovazione. Devo dire che per esempio il 3D può anche essere usato da registi che non necessariamente vogliono fare dei film ultraspettacolari dome James Cameron. Gli stessi Werner Herzog e Wim Wenders hanno realizzato film in 3D. Quello di Wenders si chiama Pina, e uscirà in autunno in Italia. È un esperimento per utilizzare in maniera inventiva le possibilità del 3D, che non sono unicamente quella della sorpresa e del film d’azione.

D. Molta critica cinematografica contemporanea si ferma all’aspetto recensore del film, che trova però interesse nei lettori. Basta questo per lei, per fare critica o si tratta solo di un passaggio per lo stipendio? />R. Gli stipendi non ci sono. I critici sono spariti. La critica è fatta dai cinefili la funzione dei critici è molto mutata. Chi va al cinema sono giovani che non leggono quotidiani, e si servono del passaparola. È cambiato il meccanismo della critica. Non esistono i critici di una volta, come Tullio Kezich. Ci sono bravi critici come Paolo Merghetti e Fabio Ferzetti, come altri. La funzione della critica è passata soprattutto a chi lavora in internet. Il discorso sull’interpretazione può essere fatto anche nella maniera migliore. Il punto di vista saggistico però è una forma lunga che va affrontata in un libro.

D. Cosa ne pensa del traboccare di riviste di cinema online? />R. Il fatto che ci siano diverse riviste di cinema sul web è positivo, visto di quelle su carta stanno sparendo. Non c’è più un mercato: anche in Francia riviste storiche come Positif e Cahier du cinema sono in crisi.

D. Lei è direttore artistico della Mostra Internazionale del nuovo Cinema di Pesaro. Quest’anno il focus sarà sui documentari nel cinema russo contemporaneo: come mai c’è questo approfondimento verso cinematografia fuori dal mercato distributivo italiano? />R. Proprio perché la mission del festival di Pesaro è quella di far conoscere agli specialisti e cinefili, o agli spettatori comuni,  cinematografie che non che non sono presenti sul mercato commerciale. I festival presentano un mercato parallelo e i Festival grandi sono orientati verso prodotti per il grande pubblico. Il cinema di qualità ha sempre maggiori difficoltà di diffusione: trova nei festival una possibilità, occasione di essere notato e poter essere distribuito. Il documentario è di fatto poco conosciuto, ed è uno dei modi migliori per indagare la società. Il cinema russo fa parte delle grandi tradizioni e negli ultimi anni stato dimenticato. Da ciò l’idea di presentare un focus, dopo quello dell’anno scorso sul cinema di fiction russo contemporaneo. E poi la Nuova Russia compie 20 anni, e il documentario è un ottimo modo per comprendere anche cosa sia avvenuto.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
Pina



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Io, Daniel Blake: intervista all'attrice del film Sharon Percy

Io, Daniel Blake è il film attualmente nelle sale. Mauxa ha intervistato l’attrice Sharon Percy, che ha lavorato anche a film come “Billy Elliot”, “Electricity”, e alla serie fantasy “Wolfblood". Il film di Ken Loach - vincitore al Festival di Cannes 2016 - racconta di Daniel Blake, cinquantanove che per ...

 

Io, Daniel Blake: recensione del film essenziale bisogno della dignità dell'uomo

Ken Loach dirige Io, Daniel Blake, un film incentrato sulle difficoltà di un individuo nel barcamenarsi in una società che fa di tutto per affondarlo, calpestando la sua dignità. Ma il film Palma d’Oro al Festival di Cannes non ci sta e grida giustizia per tutte le persone che, in situazioni di disagio economico, chiedono...

 

Io, Daniel Blake: la costante umiliazione da cui uscire nel film di Ken Loach

Io, Daniel Blake è il film di Ken Loach distribuito da Cinema. Nel cast ci sono Dave Johns, Hayley Squires, Dylan McKiernan e Sharon Percy: il film ha vinto il Festival di Cannes nel 2016. La storia segue Daniel Blake, uomo di cinquantanove anni di Newcastle che ha sempre lavorato come falegname. Il medico gli riscontra dei problemi cardiac...

 

Venezia 73: incontro con Wim Wenders e Sophie Semin

Mauxa ha partecipato alla conferenza stampa con il regista Wim Wenders, l'attrice Sophie Semin per la presentazione al Festival del Cinema di Venezia del film "The Beautiful Days of Aranjuez". Il film racconta due due personaggi, un uomo e una donna nati dall'immaginazione di uno scrittore, che dialogano del loro passato, conoscendosi lentamente. ...

 

Venezia 73, recensione film Les beaux jours d'Aranjuez: rarefazione di sequenze, sensazioni e luoghi

Wim Wenders già autore di film come Il cielo sopra Berlino (1987), Nel corso del tempo (1976), Prima del calcio di rigore (1972), presenta questo nuovo lungometraggio dall'inconfondibile stile che si potrebbe definire wendersiano proponendo una storia tratta da un romanzo di Austin Wright dal titolo Tony and Susan. Anticonformista, a volte p...

 

Submergence, il film thriller di Wim Wenders con Alicia Vikander e James McAvoy

Submergence è un film in fase di lavorazione tratto dal romanzo omonimo di J. M. Legdard, diretto dal regista tedesco Wim Wenders, sceneggiato da Erin Dignam (autore anche dello script di “The Last Face”, il nuovo e atteso lavoro di Sean Penn) e interpretato da due delle star del momento, come Alicia Vikander e James McAvoy. Anch...

 

Cinema e pittura, la parola alle immagini da Dreyer a Quentin Tarantino

Molti registi come esempio per le loro inquadrature scelgono di usare dei quadri: le parole inquadratura e quadro derivano dalla stessa, 'quattro', ossia i quattro lati di cui sono composti. Esempi lampanti sono le immagini del protagonista di “Mamma Roma” di Pasolini e “Il Cristo morto” di Mantegna, il bacio dei protagonis...

 

Mostre a Roma: nel Colosseo Quadrato anche sequenze dei film di Fellini per celebrare l'arte del '900

Il Colosseo Quadrato, nome usato per descrivere il Palazzo della Civiltà Italiana che si trova Roma diventa sede espositiva di opere d’arte. Fendi. Gli spazi sono riutilizzati in una mostra organizzata da Fendi, i cui uffici sono stabiliti qui e l’Assessorato alla Cultura del Comune di Roma. L'esposizione in corso s’intito...

 

Ritorno alla vita, senso di colpa e riscatto secondo Wim Wenders

Ritorno alla vita (Every Thing Will Be Fine) film diretto da Wim Wenders, scritto da Bjørn Olaf Johannessen e prodotto da Gian-Piero Ringel.  Ritorno alla vita trama. Tomas (James Franco) è uno scrittore in piena crisi creativa, fidanzato con Sara (Rachel McAdams), che però poco riesce a comprendere dei suoi meccanismi ...

 

Wim Wenders compie gli anni, tutti i film premiati: da Cannes a Hollywood

Wim Wenders. Ha compiuto 70 anni Wim Wenders, l'acclamato regista europeo che, alla fine degli anni Sessanta, è tra gli esponenti del Nuovo Cinema Tedesco, insieme ai colleghi Werner Herzog, Alexander Kluge, Edgar Reitz e Rainer Werner Fassbinder. Molti sono i premi collezionati durante la sua carriera: diamo un'occhiata a quelli conquistati...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni