X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Intervista Al Pocket Film Festival

18/06/2009 18:52
Intervista Al Pocket Film Festival

Pocket Film Festival risponde alle domande di Mauxa

Il Pocket Film Festival è il primo festival europeo di cortometraggi girati con il telefonino. Giunto alla 5a edizione, si è tenuto al Centre George Pompidou dall'11 al 14 giugno 2009. Abbiamo intervistato Yves Gaillard, addetto alla programmazione internazionale.

 (Leggi l'intervista in inglese).

Traduzione di Carla Paulazzo.

Con il Pocket Film Festival siete stati i pionieri in Europa dei festival di cortometraggi girati con il telefonino. Ma i video realizzati con il cellulare pullulano su youtube: come si fa a farli assurgere a cortometraggio?

Quello che mostriamo al Pocket Films e al Cortofonino Film Festival è un'espressività creativa realizzata con mezzi economici: cellulari, la stessa condivisione di siti web come youtube o vimeo, liberi e facili da usare... Il mezzo di per sé non è importante, è importante come viene utilizzato e per quale scopo. Qui al Pocket Films mostriamo film fatti da registi esperti, come Jaume Balagueiro, Lech Kowalski... Realizzano pellicole a 35 mm, e con i cellulari. Possiamo dire che il risultato sono dei "movies"? Ai loro occhi, vi posso garantire che lo sono, sono parte del loro lavoro da regista. Penso che dipenda realmente dal proposito di un artista.

Siete gemellati con l'italiano CortoFonino Film Festival? Notate delle differenze tra i video italiani e quelli francesi?
Non voglio generalizzare, è una domanda a trabocchetto, ma devo ammettere che ogni anno aspetto con impazienza la selezione del Cortofonino Film Festival, perché so' sempre che resterò sorpreso. Penso che le persone che partecipano al Cortofonino siano più giovani, forse con meno esperienza rispetto a quelle che partecipano al Pocket, e i loro cortometraggi hanno una certa qualità "esagerata" che mi piace molto. Quest'anno mi e' particolarmente piaciuto Heroe313, lo trovo divertente e surreale, e un film come questo non potrebbe mai essere realizzato da registi francesi. Mi sembra che i registi francesi vogliano fare "film sperimentali", raggiungere nuove frontiere nel creare immagini, ma penso che questo atteggiamento sia un po' egotista. I film italiani vogliono dare al pubblico forti emozioni, spasso e paura, o forti commenti sociali come nel caso di Awake, altro corto che mi è piaciuto moltissimo. E' un atteggiamento più diretto, lo apprezzo.

Come si partecipa al Pocket e come si svolge il vostro festival?
A gennaio di ogni anno si aprono le iscrizioni, accettiamo ogni tipo di film senza limite di durata. Chiediamo ai registi di firmare un comune contratto per la divulgazione dell'opera senza scopo commerciale. Selezioniamo una media di 20 film da tutto il mondo per la competizione internazionale, con un premio di 1500 euro e uno di 1000 euro dato dalla giuria. Fuori concorso mostriamo un centinaio di film. Ma il festival dura tutto l'anno in quanto organizziamo workshops e visioni in tutta Europa e non solo, e cerchiamo di dare massima visibilità alla selezione - sia quella in concorso che quella fuori concorso.

Diversi registi, come Alain Fleischer o Spike Lee (attraverso clip girati dagli utenti) hanno realizzato dei film con il telefonino. Per quale motivo, secondo te: ansia di democraticità dell'espressione, sperimentazione di una moda momentanea o nuove possibilità per i registi?
Non mi piace il risultato dell'esperimento di Spike Lee: sembra più un tentativo di marketing, ma aspettiamo, magari continuerà per questa strada in futuro e farà qualcosa di buono. Tuttavia non penso affatto che artisti come Spike Lee, Alan Fleischer che e' un famoso scrittore e regista in Francia, o Jaume Balaguero abbiano alcuna sorta di "ansia" riguardo la propria arte. Sicuramente però vedono che qualcosa sta accadendo attorno a questo piccolo mezzo, e desiderano provarlo anche loro, capire se riescono ad adattare la loro creatività a questa assenza di tecnica e denaro. E sicuramente, secondo me, chi e' capace di realizzare un film pazzesco con un cellulare, può farlo anche con una 35 mm!

Secondo Spike Lee entro qualche anno qualche casa cinematografica di Hollywood manderà nelle sale un intero film girato soltanto col telefonino. Sei d'accordo?
I cellulari, o la camera digitale, migliorano sempre di più in termini di qualità d'immagine: alcuni di questi sono in dv, o addirittura in hd! Sono sicuro che il trend lanciato da horrors come Cloverfield o Diary of the Dead produrrà altri film hollywoodiani interessanti.
Tuttavia secondo me, è più nell'ambito del cinema indipendente che le cose potranno muoversi. Quest'anno abbiamo presentato 2 film girati con il cellulare, realizzati professionalmente: La Paura di Pippo Delbono, che sarà l'ospite d'onore al Locarno Festival, e Do me Love di Lou Viget e Jacky Kattu, un film francese d'autore. Molti produttori tengono d'occhio sempre di più i festivals come i nostri, perché sentono che qualcosa si sta movendo, e i film non necessitano di tanti soldi per essere buoni. Anche gli effetti speciali possono essere fatti in casa al giorno d'oggi! Sono sicuro che vedremo sempre più film girati con pochi mezzi nel futuro, il dogma - dv - negli anni '90 e' stato solo un antipasto. E festivals come i nostri sono una vetrina perfetta per seguire questa evoluzione.

http://www.festivalpocketfilms.fr/

 

 

 

 

 

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Altri articoli Home

Recensione del film ‘Detroit’

Detroit è il film di Kathryn Bigelow con Will Poulter, Hannah Murray, Jack Reyno. Il 23 luglio 1967, la polizia di Detroit inscena un raid in un club senza licenza durante una celebrazione per il ritorno di veterani neri. Mentre i sospettati vengono arrestati, una folla inizia a lanciare sassi contro gli ufficiali prima di saccheggiare i ne...

 

Film più visti della settimana, ‘Justice League’ e ‘Wonder’ sono le novità

Il box office ufficiale dei film più visti negli Stati Uniti dal 17 al 19 novembre 2017 segna l’entrata conferma al primo posto di “Justice League” (93.842.239, leggi la recensione e l’intervista a l’attrice): la storia è quella di Batman che si allea con Wonder Woman, Aquaman, Flash e Cyborg per sconfigg...

 

Johnny Depp, è un investigatore di Los Angeles nel nuovo film ‘LAbyrinth’

Johnny Depp è attualmente nel sale statunitense con Il film “Assassinio sull'Orient Express”, che in Italia uscirà il 20 novembre e tratto dal romanzo di Agatha Christie del 1934. Per il nuovo film opta sempre per una sceneggiatura tratta da un libro, “LAbyrinth” incentrato su un pervicace detective. Il film &...

 

Laurent Cantet, il nuovo film del regista racconta un assassinio

L’atelier è il nuovo film di Laurent Cantet, regista che ha vinto la Palma d’oro a Cannes nel 2008 con “La classe - Entre les mur”. La storia è ambientata in un'estate a La Ciotat, una città nei pressi di Marsiglia che prosperava grazie al suo enorme cantiere navale. Ma la chiusura ormai ventennale ha p...

 

'Nasty Women', Anne Hathaway e Rebel Wilson sul set dirette da Chris Addison

Le riprese procedono a gonfie vele sul set di “Nasty Women”, la nuova commedia con Rebel Wilson e Anne Hathaway. Tra le due attrici sembra esserci una grande intesa, come dimostra il selfie con la collega postato qualche giorno fa da Wilson su Twitter, accompagnato dal messaggio: “È stato magnifico trascorrere gli ultimi me...

 

Dunkirk, in previsione degli Oscar 2018 il film esce in 50 cinema

Dunkirk di Christopher Nolan sarà distribuito nuovamente negli Stati Uniti in previsione della stagione degli Oscar 2018 (leggi l'intervista all'attore). La Warner Bros. ha confermato che uscirà in 50 cinema IMAX e 70mm a partire dal 1 dicembre, a New York, Los Angeles, Chicago, San Francisco. Si prevede che dal 24 gennaio 2018 - gio...

 

The Florida Project, intervista al regista del film Sean Baker

The Florida Project è il film di Sean Baker che ha ottenuto un ottimo consenso di critica. Interpretato da Willem Dafoe, è ambientato in un tratto di strada appena fuori da Disney World, a Miami: la bambina di sei anni Moonee (Brooklynn Prince) vive con la madre Halley (Bria Vinaite). Abitano vicino al "The Magic Castle", un motel eco...

 

Jennifer Lawrence e Emma Stone insieme in un film

Durante la tavola rotonda organizzata da The Hollywood Reporter, le attrici Jennifer Lawrence ed Emma Stone hanno affermato di voler lavorare ad un progetto insieme. L’incontro è avvenuto il 15 novembre, e vi hanno partecipato anche Mary J. Blige, Jessica Chastain, Allison Janney e Saoirse Ronan. "Mi piacerebbe molto. Continuo a...

 

Recensione del film ‘Most Beautiful Island’

Most Beautiful Island è il film di Ana Asensio uscito in questo giorni nelle sale statunitensi, ben accolto dalla critica. Lo stile è documentaristico, con la macchina da presa che pedina la protagonista Luciana (la stessa Ana Asensio) tra le peregrinazioni della metropoli di New York. Lei è immigrata ispanica, e nella citt&a...

 

Recensione film DC Comics, Justice League

Justice League è il film tratto dall’omonima serie a fumetti che unisce alcuni degli eroi più importanti della DC Comics in una trama che ha il prevalente scopo di presentare i personaggi al grande pubblico. L’inizio di una nuova ed attesa saga dove l’inevitabile esigenza di calare i protagonisti nella storia e di pr...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni