X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione film Sucker Punch: una trama dall'immaginazione necessaria

25/03/2011 09:33
Recensione film Sucker Punch una trama dall'immaginazione necessaria

Sucker Punch. Un film dove non esiste separazione tra realtà e fumetto

È molto complesso giudicare un film come Sucker Punch, soprattutto per la fusione tra trama quasi incredibile e per la forma cinematografica barocca, infarcita di colori sauri, scene al ralenti e musiche dirompenti. Giungono poi, esplosioni nei cieli, elicotteri, fuchi di draghi.

La storia (descritta dal regista Zack Snyder come quella de Alice nel paese delle meraviglie con le mitragliatrici”) è ambientata nel 1950, quando Babydoll (Emily Browning) è mandata in un istituto psichiatrico a Brattleboro, Vermont dal suo patrigno. Lei ha una fervida immaginazione, l’unico modo che le permette di fuggire dalla realtà. Nei suoi sogni viaggia ai confini del tempo, in ogni luogo. Pur se rinchiusa, Babydoll non ha perso la sua volontà di sopravvivere. Determinata a combattere per la sua libertà, essa incita quattro giovani ragazze, Rocket (Jena Malone), Blondie (Vanessa Hudgens), Amber (Jamie Chung), e Sweet Pea (Abbie Cornish) ad unirsi per cercare di fuggire dai loro aguzzini. Le cinque tre ragazze procedono quindi nella loro lotta, tra azioni da samurai e belve feroci, armate come nei videogiochi.

Direte che sembra un paradosso rappresentare questa trama angosciosa e ribelle con oggetti volanti e storie da fumetto. Ma il regista Zack Snyder ci aveva abituato già a simili ibridazioni. Prima con L'alba dei morti viventi (Dawn of the Dead, 2004), poi con 300 (2007) e con Watchmen (2009). Solo con il film d’animazione per bambini Il regno di Ga'Hoole - La leggenda dei guardiani (Legend of the Guardians: The Owls of Ga'Hoole, 2010) è riuscito a imprimere alla sua narrazione fanciullesca, desiderosa di evasione e tranquillità una forma adatta. Quella fuga che si ritrova nei fumetti, da cui occorre solo lasciarsi trasportare, senza troppi giudizi. Quando si è appunto appagati dallo spettacolo che sullo schermo imperversa e da cui è impossibile sottrarsi. Allo stesso modo, solo eliminando tutti i freni e liberando l’immaginazione (come la protagonista Babydoll), si può trovare in Sucker Punch quella evasione necessaria.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Zack Snyder, Emily Browning
Film correlati
Sucker Punch



 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Pompeii, il film di Paul WS Anderson che usa il fascino dell'Italia

Pompei è il film in 3d diretto da Paul WS Anderson e in uscita nelle sale statunitensi il 21 febbraio 2014. Nel cast ci sono Kit Harington, Carrie-Anne Moss, Emily Browning, Adewale Akinnuoye-Agbaje e Paz Vega. La trama è ambientata in Italia, nell’anno 79 dC. A Pompei Milo è uno schiavo trasformato in invincibile gladia...

 

Man Of Steel, il nuovo Clark Kent al microscopio

Il contributo che potrebbe portare Christropher Nolan al nuovo film dedicato a Superman è ormai sotto gli occhi di tutti, soprattutto dopo l'uscita dei primi Trailer. Dopo il successo ottenuto dal suo Batman è senza dubbio che il nuovo Clark Kent sarà prima di tutto un uomo immerso in un mondo il più possibile vicino all...

 

Festival di Cannes 2011: diario del primo giorno, tra figli assassini e belle addormentate

In un festival ad altro tasso di glamour, con personaggi come Uma Thurman, Angelina Jolie, Robert De Niro, Dustin Hoffman, Woody Allen sono stati presentati i primi due film, totalmente al femminile. We Need To Talk About Kevin di Lynne Ramsay vede Eva che ha una vita professionale soddisfacente e che decide di avere un figlio. Kevin cresce, ma la...

 

Lois Lane: dalla scomparsa all'immortalitÓ

Solo la scorsa settimana è trapelata la notizia della morte di Joanne Siegel considerata da tutti la prima Lois Lane della storia. Nata con il nome di Jolan Kovacs il 01 dicembre del 1917 a Cleveland nell'Ohio, poi mutato in Joanne Carter e successivamente, quando sposò Jerry Siegel coautore di Superman, divenne la signora Sie...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni