X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Il Futuro Del Cinema

07/06/2009 18:53
Moreno Barboni è docente di Teoria e Metodo dei Mass Media all'Accademia Belle Arti "Pietro Vannucci" di Perugia e di Teoria e Tecniche del Linguaggio Cinematografico nel biennio di Scienze della Comunicazione sempre a Perugia. Barboni è anche fondatore di Cartoombria-Mostra Internazionale delle Nuove Immagini Animate;

E' stato curatore di TecnoArte, sull'interscambio tra Arte/Scienze/Nuove Tecnologie. L'approfondimento dell'interscambio fra animazione digitale, eventi performativi e media art lo ha condotto al saggio storico Dal Movie-Drome all'Imax 3D Experience. Vanderbeek, i pionieri della computer animation e The Polar Express, all'interno del volume Digital Memories, in corso di pubblicazione che vedrà allegato un DVD sull'animazione computerizzata internazionale degli anni Ottanta.

Vista la sua partecipazione al CortoFonino Film Festival come giurato, e la sua esperienza nel mondo dei mass-media, incentriamo le domande su questa nuova tecnologia. Com'è visto l'utilizzo del telefono cellulare come prodotto sia per realizzare immagini che per poterle trasmettere?
Moreno Barboni
:  Le riflessioni in atto alle quali fare riferimento non sono tanto quelle del contesto italiano - rispetto al quale riscontro un'attenzione interessante più nelle testate specializzate come l'inserto Nòva24 de Il Sole 24 Ore che nella saggistica, dove si trova solo manualistica tendente all'istant book - quanto quelle che derivano dal contesto francese: dagli studi di sociosemiotica sull'uso relazionale del cellulare alle riflessioni più specifiche derivanti dai seminari e dagli interventi al Pocket Film Festival di Parigi, puntualmente pubblicate nel sito di questa antesignana manifestazione settoriale.

Le riflessioni teoriche in questo caso hanno anche il problema della ‘buona distanza' dall'oggetto, nel senso che bisogna analizzare il fenomeno in tempo reale, per cui, oggi, una prima classificazione della produzione di immagini con il cellulare nell'ambito del ‘cinema amatoriale' come genere e della ‘caméra-stylo' come ricerca stilistica, si deve per forza di cose confrontare con la possibilità del dispositivo di fare editing, moblogging e broadcasting, ovvero di registrare e montare le immagini, inviarle a distanza, farle circolare in rete e addirittura trasmetterle in diretta, in un ambito divenuto ormai professionale. Tra le analisi semiotiche più acute collocherei quelle di Jean-Louis Boissier (pubblicate nel sito del festival parigino citato, che nell'ultima edizione ha introdotto anche una sezione di installazioni interattive basate sul cellulare sia come materia sia come pratica), dove ricorda come le macchine da presa Lumière potessero riprendere e proiettare le immagini, così come i cellulari attuali (alcuni dei quali si faranno anche videoproiettori) che si fondano sull'essere collegati in rete con altri telefoni e sistemi mobili o ‘nomadi' e che quindi si prestano a realizzare delle opere multimediali collettive in cui altrettanto importante è il percorso di crescita dell'opera stessa.

I filmati realizzati con il telefono cellulare sono più prodotto artistico o cinematografico al momento? Inoltre il cellulare è un mezzo caldo o freddo secondo la catalogazione di McLuhan?
Moreno Barboni
:  Come dispositivo multimediale di comunicazione personale il telefono cellulare è allo stesso tempo tempo ‘freddo' e ‘caldo', a seconda dell'uso che se ne fa, frutto di un'ibridazione tra più media, per dirla sempre con un termine caro allo studioso canadese. Anche se per McLuhan il telefono nasce ‘freddo' e a "bassa definizione", ed in effetti ancora il cellulare, specialmente per quanto riguarda le immagini e il video, mantiene questa matrice, richiedendo una partecipazione integrativa da parte dell'utente. Perciò è difficile allo stato attribuire delle qualità artistiche e/o cinematografiche assolute alle realizzazioni fatte con i dispositivi mobili, perché anche queste si propongono come forme ibride in divenire. Sempre facendo riferimento al menzionato McLuhan mi sembra ancora attuale lo scarto proposto dal suo epigono Derrick de Kerckhove qualche anno fa: ovvero quello di pensare le nuove immagini non più in termini di punto di vista ma di "punto di vita", data la diminuzione progressiva della distanza prospettica fra soggetto ed oggetto a favore della rivalutazione dell'esperienza sensoriale o del ‘contatto'. In questo senso, ritengo che il cellulare trovi oggi un suo specifico nella creazione di ‘immagini tattili', dando origine alla saldatura fra punto di vista e ‘punto di vita', e amplificando quindi la ‘dimensione mobile e personale' del mezzo (da cui deriva la proliferazione, ad esempio, della forma del ‘diario di viaggio' fino a durate da mediometraggio e oltre).

Il cellulare, amico o nemico dei "tradizionali" linguaggi mediatici?
Moreno Barboni: Il cellulare in quanto dispositivo mobile in continua integrazione con il computer è un medium neotecnologico che alla pari di quest'ultimo si presenta ormai come un "metamedium", cioè in grado di riassumere in sé molte funzioni e linguaggi dei mezzi precedenti e coevi, proseguendo quel processo di ibridazione o interpenetrazione costante dei media messa in luce già da McLuhan negli anni Sessanta, nel momento stesso in cui si delinea la società postindustriale dell'informazione. Processo che va seguito nel suo evolversi tenendo conto che siamo in una fase pionieristica - sono d'accordo infatti con chi accosta questa fase a quella del cinema delle origini - e che ci vorrà ancora del tempo per assistere a delle opere mature e complesse sul piano artistico e cinematografico, anche se vorrei sottolineare che la selezione italiana proposta alla prima edizione del CortoFonino Film Festival mi ha sorpreso positivamente, almeno per ciò che concerne alcuni titoli. L'importante è che i registi e gli artisti siano parte integrante della sperimentazione in atto di queste ‘immagini tecniche', per mostrarne un uso espressivo alto e non soltanto una pratica diffusa di narcisismo tecnologico (con possibili usi distorti quali l'happy slapping delle aggressioni filmate e altri ben noti). Ne potranno scaturire nuove modalità di fiction - come sostiene Boissier - o nuove forme di videocreazione, come dimostra già da qualche anno il progetto avviato da Nokia che ha visto coinvolti tra i primi videoartisti internazionali come Nam June Paik o Studio Azzurro.

 

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Roberto Papi
Home
 

Altri articoli Home

Festival di Cannes, una foto storica con i protagonisti dei decenni

Al Festival di Cannes si è tenuto un photo call particolare, per celebrare i settanta anni dell’evento. Tra i vincitori c’erano Laurent Cantet  (Palma d’Oro nel 2008),  Jerry Schatzberg (Palma d’Oro Nel 1973),  Claude Lelouch  (vincitore del 1966),  Michael Haneke  (Palma d'Oro 2009-2012...

 

Film più visti della settimana, 'Alien: Covenant' e 'Everything, Everything' sono ai primi posti

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 19 al 21 maggio 2017 vede al primo posto la novità “Alien: Covenant” (36.160.621 dollari, leggi la recensione del comic): l'equipaggio di un’astronave scopre un paradiso inesplorato, dove però emerge anche una minaccia da cui fuggire. Al secondo posto sce...

 

Innamorato pazzo, il film commedia con Myrna Loy e William Powell sugli opposti conciliati

Innamorato pazzo (“Love Crazy”, 1941) è il film di Jack Conway con William Powell, Myrna Loy e Gail Patrick. usciva nelle sale statunitensi il 23 maggio del 1941. L’architetto eccentrico Steve Ireland (William Powell) e la moglie Susan (Myrna Loy) al quarto anniversario di matrimonio vorrebbero rivivere la prima notte...

 

Quando non erano famosi: i mestieri delle star agli esordi

Oggi li vediamo sulle riviste patinate, ma i protagonisti delle cronache mondane hanno dovuto percorrere una strada tutta in salita per raggiungere il successo. Dietro i volti distesi e imperturbabili di uomini e donne mature, molto spesso si nascondono ragazzi e ragazze che prima di raggiungere la fama hanno svolto i mestieri più duri e str...

 

Codice Unlocked, 'è tutta una questione di suspense': intervista all'attrice Jessica Boone

Codice Unlocked (Unlocked) è il film nelle sale diretto da Michael Apted. Nel cast ci sono Orlando Bloom, Noomi Rapace, Jessica Boone, John Malkovich e Michael Douglas. La trama s’incentra su Alice Racine (Noomi Rapace), agente della CIA esperta in interrogatori: reperisce informazioni su un imminente attacco a Londra e le riporta ad ...

 

Festival di Cannes 2017: le immagini di Jasmine Trinca e Stefano Accorsi per il film drammatico 'Fortunata'

Nelle immagini che mostriamo ci sono gli interpreti del film “Fortunata”, presentato al Festival di Cannes. La protagonista è Jasmine Trinca, che nelle foto è assieme al regista del film Sergio Castellitto, l’attore Stefano Accorsi e la sceneggiatrice Margaret Mazzantini. La trama è quella di Fortunata (Jasm...

 

King Arthur - Il potere della spada, i libri che hanno ispirato il film di Guy Ritchie

King Arthur - Il potere della spada (“King Arthur: Legend of the Sword") è il film nelle sale diretto da Guy Ritchie con Charlie Hunnam, Àstrid Bergès-Frisbey e Jude Law. La pellicola è liberamente ispirata a “La morte di Artù”, opera scritta da sir Thomas Malory nel XV secolo. Qui compaiono Cam...

 

Unicorn Store, il debutto alla regia della stella nascente Brie Larson

“Unicorn Store”, è questo il titolo del film con cui la giovane e talentuosa Brie Larson ha deciso di fare il suo debutto dietro la cinepresa. Scritto da Samantha McIntyre, racconterà le vicende di una giovane donna che torna a vivere con i suoi genitori. Una volta rientrata nella sua città natale, scopre un negozio...

 

Festival di Cannes 2017: le immagini di Michelle Williams e Julianne Moore per il film drammatico 'Wonderstruck'

Nelle immagini che mostriamo ci sono gli interpreti del film “Wonderstruck”, presentato al Festival di Cannes. L’evento si è tenuto presso il Nikki Beach: hanno partecipato Julianne Moore, Michelle Williams, il regista Todd Haynes, Millicent Simmonds, Jaden Michael e la produttrice Christine Vachon. Il film racconta di du...

 

Gli effetti visivi - VFX, dal film 'Gold' alla serie 'American Gods': l'intervista

Gold - La grande truffa - attualmente nelle sale - è uno dei film che si è avvalso di effetti visivi (VFX), che a contrario degli effetti speciali si applicano in fase di post-produzione. Ma devono essere pianificati e modellati in scenografie durante la pre-produzione e la produzione, affinché la resa sia verosimile. Abbiamo ...

 

Da non perdere

Ultime news
Recensioni