X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

La Luna gigante del 19 marzo: da Giacomo Leopardi, a Roberto Benigni ai Modą

19/03/2011 20:34
La Luna gigante del 19 marzo da Giacomo Leopardi Roberto Benigni ai Modą

Dopo 18 anni, la Luna sarą pił vicina alla Terra

La Luna è sempre stata fonte di ispirazione: mostra solo un lato, per questo è considerata misteriosa.
Stasera sarà visibile come non accadeva da 18 anni, proprio perché interessata da un perigeo lunare. Si troverà alla minima distanza possibile dalla terra, e così cadrà sulle nostre teste. Con il cielo terso, trasmetterà ia maggior quantità di riflesso possibile, accendendo la notte.

Molte suggestioni sono nate attorno ai perigei lunari, e la cosa più certa è appunto si poserà sulla terra. Lo aveva già descritto Federico Fellini ne La voce della Luna (1990) quando Ivo Salvini (Roberto Benigni) e Gonnella (Paolo Villaggio) vedono il satellite appoggiarsi sul nostro pianeta, coperta da un telone e immersa nel fragore delle televisioni che accorrono a riprendere l’evento straordinario.

Ci aveva pensato Bernardo Bertolucci (che ha compiuto 70 anni il 16 marzo scorso) nel film La Luna (1979), quando l’adolescente Joe (Matthew Barry) è trascurato dalla madre soprano Caterina Silveri (Jill Clayburgh) e il suo ricordo più remoto è quello della Luna, vista una sera d’estate dietro il volto di lei.

Poi è stata la volta di Giacomo Leopardi nel Canto notturno di un pastore errante dell' Asia            (1829), che incede coraggiosa: “Che fai tu, luna, in ciel? dimmi, che fai / Silenziosa luna? (…) Ancor non sei tu paga / Di riandare i sempiterni calli?”. Cesare Pavese la descrive più realistica ne La Luna e i Falò (1949), dove il trovatello Anguilla cerca un luogo sconosciuto: “volevo andare lontano […] ma che sia lontano, che nessuno del mio paese ci sia stato (…) capii che quelle stelle non erano le mie”.

Poi Vasco Rossi, con L’una per te (1998), dove regala il satellite: “Se tu fossi buona..... / buona con me / ti porterei, ti porterei la luna / a letto con te! / E se non ci fosse "luna" / allora beh! / ne inventerei, ne inventerei subito "una" / l'una per te”.

Poi i più recenti Modà, dove in Arriverà (2011, già a 6.011.661 visualizzazioni su YouTube) c’è la speranza di un incontro: “Arriverà una frase e una luna di quelle che poi ti sorprenderà”.

Molte sono suggestioni in attesa dell’evento che finirà alle 05:37. Tutti pronti quindi a scalfire un pezzetto di Luna.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Roberto Benigni, Modą,
Film correlati
La voce della Luna



 
Galleria fotografica
Da non perdere






Ultime news
Recensioni