X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Intervista a Roman Polanski

01/05/2009 17:28
Intervista Roman Polanski

Roman Polanski risponde alle domande di Mauxa

Rimini - Roman Polanski ha ritirato il premio Federico Fellini, che l'hanno scorso fu assegnato a Martin Scorsese. Il regista polacco ha diretto 18 film, tra cui Il coltello nell'acqua (1962), Cul de sac (1966), l'horror Rosemary's Baby - Nastro rosso a New York (1969), il noir Chinatown (1974), Frantic (1988), La nona porta (1999), fino al premio Oscar Il pianista (2002) e il recente Oliver Twist (2005).

Che rapporto ha con il cinema di Fellini?
Roman Polanski: Non lo so, i critici dovrebbero scoprirlo. Il film che mi è piaciuto di più è 8 ½ (1963), lo vidi a Cannes e per fu me una totale rivelazione. Poi ci ritrovammo con Fellini a Los Angeles, alla premiazione per gli Oscar: lui era candidato per quel film, io per Repulsion. Io ero seduto vicino a Giulietta Masina, più in là c'era lui. Quando il presentatore annunciò che il vincitore era 8 ½ non ho provato gelosia, sono stato fiero di perderlo per quel film. Poi mi sono rifatto con Il pianista (2002).

C'è un rapporto tra cinema e arti figurative in lei?
Roman Polanski: Quando dirigo un film mi baso su tre criteri, ossia scelta del colore, dell'inquadratura e della prospettiva. Comunico ai miei collaboratori tramite bozzetti, quindi esiste un'influenza.
Al liceo artistico eravamo confinati nell'esplorazione dell'arte comunista. Qualche insegnante segretamente ci fece scoprire l'impressionismo: le opere conservate in città erano tenute nascoste. Poi conobbi il surrealismo, opere sconosciute. Con il disgelo fummo sovrastati da questa nuova realtà, con autori francesi come Ionesco, Beckett, il teatro dell'assurdo. Il mio primo corto era debitore di quelle suggestioni. Si chiamava L'armadio, era la vicenda di un uomo che si dirige verso la città con un armadio in spalla. A vederlo ora mi vorrei nascondere sotto il tavolo.

I suoi film sono biografici?
Roman Polanski: Ero nel ghetto di Cracovia. Molte scene descritte ne Il pianista sono come le ricordavo: nella scena in cui il protagonista fugge dal treno e vede cose lasciate, effetti personali, tutto ciò è un ricordo che è indelebile. Anch'io andai nel ghetto per vedere se mio padre era lì e scoprii che il posto era vuoto. C'erano solo effetti personali.Un altro giorno, dovevo attraversare una strada con un mio amico. C'erano i tedeschi. La strada sarà stata larga 10 metri. Un tedesco mi disse: "Non correre. Cammina", altrimenti mi avrebbero sparato. Quella frase è impressa nei miei ricordi. La scena è rimasta nel film.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Roman Polanski



Articoli correlati

Roman Polanski, Frantic: il film thriller con Harrison Ford e Emmanuelle Seigner

Frantic è il film thriller di Roman Polanski che uscì nelle sale il 26 febbraio 1988. Il cast era composto da Harrison Ford, Emmanuelle Seigner, Betty Buckley e John Mahoney. La trama di Frantic. Il plot di “Frantic” ruota attorno al Dr. Richard Walker, chirurgo in visita a Parigi con la moglie Sondra per una confere...

 

Roman Polanski, forse solo un romanzo fiume potrebbe narrare le sue prime 80 candeline

Roman Polanski ha festeggiato ieri gli ottant'anni. Una vita inquieta ed originale la sua, segnata da luci ed ombre e contraddistinta da una creatività tanto orginale quanto immaginosa. Il suo film “Venere in pelliccia” ha recentemente preso parte al  Festival di Cannes. Interpretato dalla sua terza moglie, Emmanuelle Seigne...

 

Venus in Fur, Roman Polanski torna a dirigere Emmanuelle Seigner

Dopo Frantic (1988), Luna di Fiele (1992) e La nona porta (1999), Roman Polanski torna a dirigere la moglie Emmanuelle Seigner in Venus in Fur (2013). Tratta dall'acclamata commedia teatrale - Off Broadway, ispirata a sua volta dal celebre romanzo ottocentesco - scritta da David Ives e diretta da Walter Bobbie (Chicago), la pellicola è incen...

 

Courmayeur, da Tim Burton a Roman Polanski: gli umori del noir

Il Courmayeur Noir in Festival (10 - 16 dicembre) ha inaugurato la 22esima edizione con l'anteprima di Hitchcock per la regia di Sacha Gervasi, biopic concentrato sul rapporto del regista con la moglie Alma Reville durante la lavorazione di Psycho, con Anthony Hopkins, Helen Mirren e Scarlett Johansson. Dieci noir tra thiller, horror e b...

 

Cosa aspettarsi quando si aspetta - La gravidanza nel cinema

Arriva il 7 settembre la commedia americana Cosa aspettarsi quando si aspetta che, con un cast ricco di star "cattura - pubblico", torna ad affrontare un tema da sempre caro al cinema perché vicino alla vita di ogni giorno: quello della gravidanza. Numerosi sono i titoli più o meno recenti che vengono in mente pensando all'attesa del...

 

Recensione Carnage, senza diritti umani

Roman Polanski torna al cinema dopo L'uomo nell'ombra (The Ghost Writer, 2010), vicende giudiziarie intricate che lasciano un velo di soggettivismo nel film. La vicenda è quello di due ragazzini che fanno a pugni in un parco cittadino. La madre della vittima – Penelope - vorrebbe risolvere il problema in maniera civile ma lentamente ...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni