X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

L'Alfabeto Del Cinema: E Come Ecco L'Impero Dei Sensi

16/01/2011 14:49
L'Alfabeto Del Cinema E Come Ecco L'Impero Dei Sensi
L'Alfabeto del Cinema: prosegue la rubrica di Mauxa che ripropone i miglior film della storia, uno per lettera dell'alfabeto. Per la lettera E, oggi vi proponiamo Ecco l'impero dei sensi.

Nagisa Oshima nei primi anni settanta ha già all'attivo la gran parte dei suoi film migliori, ma La cerimonia (1971) ed Ecco l'impero dei sensi (1976) lo consacreranno "autore di fama" con un ritardo macroscopico, solo in parte imputabile all'oggettiva "lontananza" del cinema giapponese.

Strano destino per Oshima quello di diventare celebre solo per questo film-tabù, una produzione anche occidentale, come i film erotici di Borowczyck o le allegorie falliche di Ferreri, è in rapporto a questa civiltà cinematografica che va interpretato il film.

Ambientato a Tokio nel 1936, s'ispira a un fatto di cronaca che vede la sfrenata passione che lega Kichizo con la cameriera Abe Sada, condotti a un rapporto sessuale sempre più spinto concludendosi con la morte. Squisitamente giapponese nell'eleganza figurativa, la versione italiana è tagliata di quindici minuti.

Il film rispetto alla produzione precedente del regista è l'intenzione di porre in primo piano contenuti libidici finora rimasti latenti, qui i sensi sono tutti espliciti, è la carnalità dell'evento sessuale che si mette in scena senza i travestimenti dell'inconscio. I significati sono chiari: la passione fisica, il piacere erotico, l'eros vissuto come esperienza totale fino all'accettazione della morte.

L'uomo di cinema Oshima costretto ad accettare il compromesso offertogli dal mercato occidentale, l'ha rilanciato come una sfida, scrivendo un'altra pagina di cinema soggettivo. Al cinema sperimentale ad ogni costo subentra questo cinema voluttuoso. Nessun rischio di kitsch, sono gli anni dove lo stesso Pasolini si è rifugiato nell'eros liberato della trilogia della vita.

La provocatoria esibizione del lusso e della lussuria reclama così la nostalgia dell'opposto, di qualcosa di poveramente umano. Kichi e Sada risultano essere l'estreme personificazioni del suo avvilimento di regista condannato dalle condizioni presenti dal punto di vista storico, politico, finanziario e culturale.

Se il sesso è la prevalente manifestazione del "privato" di ognuno tanto vale, pensa il regista, soccombere a quest'unica ossessione universale per far comprendere che tutto il resto non esiste più.

Il cinema di Oshima da voce a un sogno straziante (perché autobiografico) di una giovinezza mai vissuta, di una vita "mancata". Questa "mancanza a essere" è la malattia mortale della gioventù nipponica (e non solo!), attratta dal mito del sesso perché impotente a riconoscere la propria identità nel Giappone contemporaneo. Senza l'analisi di tali contenuti libidici latenti, il cinema di questo regista resterebbe incomprensibile.

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Home
 

Altri articoli Home

Movies Anywhere, la nuova App che centralizza i film

Movies Anywhere è lanciato oggi negli Stati Uniti con cinque studios che forniranno i contenuti. Si tratta di Sony Pictures Entertainment, The Walt Disney Studios (che comprendono Disney, Pixar, Marvel Studios e Lucasfilm), Twentieth Century Fox Film, Universal Pictures e Warner Bros. Entertainment. L’obbiettivo è fornire un'e...

 

Recensione del film Barracuda, la tensione familiare apprezzata dalla critica

Barracuda è il film di Julie Halperin e Jason Cortlund, uscito nelle sale statunitensi in questi giorni e che ha ottenuto un ottimo successo di critica. I primi minuti, con una barca su un lago dorato, un saluto sulla tomba di un uomo dove si versa del whisky si svolgono in silenzio. Quello di cui molti film avrebbero bisogno per essere app...

 

'L'arte deve far riflettere': intervista ad Ori Pfeffer protagonista di 'The Testament'

A Venezia abbiamo avuto l’occasione di intervistare Ori Pfeffer, protagonista di “The Testament”, un film intenso in cui il regista e sceneggiatore Amichai Greenberg riflette sui temi dell’identità, della famiglia e dell’importanza della memoria, sia a livello individuale che collettivo. Pfeffer ha interpretato ...

 

Il miracolo della 34ª strada, per i 70 anni del film nuove immagini

Per i settanta anni dell’uscita del film “Il miracolo della 34ª strada” (“Miracle on 34th Street”, 1947) di George Seaton negli Stati Uniti esce in questa settimana un nuovo dvd e blu-ray. Durante la stagione delle vacanze natalizie un gentiluomo colto, panciuto e una barba bianca (Edmund Gwenn) è assunto ...

 

Recensione del film Il palazzo del Viceré

Il palazzo del Viceré (“Viceroy's House”) è il film di Gurinder Chadha con Hugh Bonneville, Gillian Anderson e Manish Dayal. Louis Mountbatten ( Hugh Bonneville ) arriva nella sua residenza a Delhi nel 1947. È Governatore generale, ossia capo dell'amministrazione britannica della nazione, che è da poco uscit...

 

Film più visti della settimana, le novità sono 'Blade Runner 2049' e 'The Mountain Between Us'

Il box office ufficiale dei film più visti negli Stati Uniti dal 6 all’8 ottobre 2017 vede il primo posto occupato dalla novità “Blade Runner 2049” (32.753.122 dollari, leggi la recensione): la storia è quella dell'agente K, replicante che dà la caccia ai vecchi umanoidi Nexus ribelli. Al secondo posto...

 

Jake Gyllenhaal, è un padre in difficoltà nel nuovo film 'Wildlife'

Jake Gyllenhal, l’attore che sta attendo critiche entusiaste per il ruolo da protagonista nel film “Stronger”, interpreterà un padre in difficoltà nel nuovo film “Wildlife”. La pellicola è tratta dall’omonimo romanzo di Richard Ford, pubblicato nel 1990 e ristampato nel 2010 dalla Grove Pres...

 

The Florida Project, il film acclamato dalla critica

The Florida Project è il film di Sean Baker, uscito negli Stati Unti questa settimana. Il film è ambientato in un tratto di strada appena fuori da Disney World, a Miami: la bambina di sei anni Moonee (Brooklynn Prince) vive con la madre ribelle Halley (Bria Vinaite). Abitano vicino al "The Magic Castle", un motel economico gestito da...

 

Sam Neill, 'vorrei vivere nell'antica Roma': l'intervista

Sam Neill arriva puntuale all’incontro, con una disinvoltura che evoca anche decenni passati sul set. L’abbiamo intervistato a Venezia, dove ha presentato il film “Sweet Country”, in concorso alla Mostra del Cinema. La pellicola - che ha vinto il Premio speciale della Giuria - è diretta da Warwick Thorntone e sar&agra...

 

Le coppie vip più longeve di Hollywood e dintorni

Magazine e rotocalchi sono pieni di storie di separazioni e divorzi fra le celebrità. Alcuni vip cambiano consorte molto più spesso di un'automobile ma, talvolta, anche personaggi dello spettacolo e della musica si dimostrano capaci di dar vita a legami duraturi. Uno dei sodalizi più saldi è quello fra l'ex calciatore Da...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni
pixel sony skin pixel sony skin