X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

L'Alfabeto Del Cinema: E Come Ecco L'Impero Dei Sensi

16/01/2011 14:49
L'Alfabeto Del Cinema E Come Ecco L'Impero Dei Sensi
L'Alfabeto del Cinema: prosegue la rubrica di Mauxa che ripropone i miglior film della storia, uno per lettera dell'alfabeto. Per la lettera E, oggi vi proponiamo Ecco l'impero dei sensi.

Nagisa Oshima nei primi anni settanta ha già all'attivo la gran parte dei suoi film migliori, ma La cerimonia (1971) ed Ecco l'impero dei sensi (1976) lo consacreranno "autore di fama" con un ritardo macroscopico, solo in parte imputabile all'oggettiva "lontananza" del cinema giapponese.

Strano destino per Oshima quello di diventare celebre solo per questo film-tabù, una produzione anche occidentale, come i film erotici di Borowczyck o le allegorie falliche di Ferreri, è in rapporto a questa civiltà cinematografica che va interpretato il film.

Ambientato a Tokio nel 1936, s'ispira a un fatto di cronaca che vede la sfrenata passione che lega Kichizo con la cameriera Abe Sada, condotti a un rapporto sessuale sempre più spinto concludendosi con la morte. Squisitamente giapponese nell'eleganza figurativa, la versione italiana è tagliata di quindici minuti.

Il film rispetto alla produzione precedente del regista è l'intenzione di porre in primo piano contenuti libidici finora rimasti latenti, qui i sensi sono tutti espliciti, è la carnalità dell'evento sessuale che si mette in scena senza i travestimenti dell'inconscio. I significati sono chiari: la passione fisica, il piacere erotico, l'eros vissuto come esperienza totale fino all'accettazione della morte.

L'uomo di cinema Oshima costretto ad accettare il compromesso offertogli dal mercato occidentale, l'ha rilanciato come una sfida, scrivendo un'altra pagina di cinema soggettivo. Al cinema sperimentale ad ogni costo subentra questo cinema voluttuoso. Nessun rischio di kitsch, sono gli anni dove lo stesso Pasolini si è rifugiato nell'eros liberato della trilogia della vita.

La provocatoria esibizione del lusso e della lussuria reclama così la nostalgia dell'opposto, di qualcosa di poveramente umano. Kichi e Sada risultano essere l'estreme personificazioni del suo avvilimento di regista condannato dalle condizioni presenti dal punto di vista storico, politico, finanziario e culturale.

Se il sesso è la prevalente manifestazione del "privato" di ognuno tanto vale, pensa il regista, soccombere a quest'unica ossessione universale per far comprendere che tutto il resto non esiste più.

Il cinema di Oshima da voce a un sogno straziante (perché autobiografico) di una giovinezza mai vissuta, di una vita "mancata". Questa "mancanza a essere" è la malattia mortale della gioventù nipponica (e non solo!), attratta dal mito del sesso perché impotente a riconoscere la propria identità nel Giappone contemporaneo. Senza l'analisi di tali contenuti libidici latenti, il cinema di questo regista resterebbe incomprensibile.

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Home
 

Altri articoli Home

Atlanta Film Festival, cultura e cinema nel sud degli Stati Uniti

L’Atlanta Film Festival è il più importante della Georgia, e uno dei maggiori degli Stati Uniti. Comincia oggi e si protrae fino al 2 aprile: tra i film in concorso ci sono “Born River Bye” di Tim Hall, “The Boss Baby” di Tom McGrath, “Cherry Pop” di Assaad Yacoub, “In the Radiant City&r...

 

Tomas Milian, 'Monnezza amore mio' è il libro dell'attore scomparso

Tomas Milian, l’attore scomparso a Miami all’età di 84 anni è stato raccontato in diversi libri. “Monnezza amore mio” è stato scritto dallo stesso attore nel 2014. Descrive la città di Roma, che accoglie i nuovi arrivati ma che sa anche respingerli. Milian racconta come sia fuggito da L'Avana, pa...

 

Recensione del film Elle

Elle è il film di Paul Verhoeven con Isabelle Huppert, Laurent Lafitte, Anne Consigny e Charles Berling (leggi l'articolo sull'incontro con il regista). Paul Verhoeven mostra la propria chiarezza già all’inizi del film, con lo schermo nero invaso dalle urla di Michèle, mentre viene violentata sul pavimento di casa. L&rsq...

 

Baywatch: Zac Efron urlante nel nuovo trailer del film commedia con Priyanka Chopra

Un nuovo trailer è stato diffuso del film “Baywatch”, diretto da Seth Gordon. Nel trailer ci sono i protagonisti Mitch Buchanan (Dwayne Johnson) e Matt Brody (Zac Efron) che pattugliano una spiaggia in California. Quando giunge Victoria Leeds (Priyanka Chopra), manager che vuole trasformare il luogo in una zona residenziale si s...

 

Stockholm, Ethan Hawke e Noomi Rapace nel nuovo film di Robert Budreau

Ethan Hawke e Noomi Rapace saranno i protagonisti di “Stockholm”, il nuovo film di Robert Brudeau. Hawke di recente è apparso nel remake de “I magnifici sette” diretto da Antoine Fuqua, e al momento ha molti altri progetti in ballo: presto lo vedremo in “The Kid”, “First Reformed” (il ritorno a...

 

Recensione del film In viaggio con Jacqueline

In viaggio con Jacqueline (“La vache” e “One Man and His Cow” in inglese) è il film commedia francese di Mohamed Hamidi. Nel cast ci sono Fatsah Bouyahmed, Lambert Wilson, Jamel Debbouze, Christian Ameri. Fatah è un modesto contadino algerino che non ha mai lasciato la sua campagna. Vive con la mucca Jacquelin...

 

Festival di Cannes 2017, il pungente Cristian Mungiu è Presidente di giuria della Cinéfondation

Al Festival di Cannes 2017 presiederà la giuria della Cinéfondation e Short Film Competition il regista Cristian Mungiu. Il Festival si svolgerà dal 17 al 28 maggio, e Mungiu seguirà il ruolo che ebbe Steven Spielberg nel 2013, nonché Abbas Kiarostami e Jane Campion. Cristian Mungiu vinse la Palma d’Oro co...

 

La bella e la bestia, 'sul set le scene sono avvenute in maniera naturale': intervista all'attrice Simone Sault

La bella e la bestia (“Beauty and the Beast”) è il film di Bill Condon con Emma Watson, Dan Stevens, Luke Evans, Kevin Kline, Ian McKellen ed Emma Thompson (leggi l’intervista allo sceneggiatore Evan Spiliotopoulos). La storia è ambientata alla fine del XVIII secolo, in un castello nei pressi di un piccolo villaggio...

 

Film più visti della settimana: è record d'incasso per La bella e la bestia

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 17 al 19 marzo 2017 vede al primo posto “La Bella e la bestia" (“Beauty and the Beast”): la storia di Bella e dell’amore per il principe deformato da un incantesimo incassa 170.000.000 milioni di dollari. Al secondo posto si sposta “Kong: Skull Island&rdquo...

 

Vi presento Toni Erdmann, 'il desiderio di essere visti come siamo': intervista all'attore del film Trystan Pütter

Vi presento Toni Erdmann è il film di Maren Ade con Peter Simonischek, Sandra Hüller, Michael Wittenborn, Thomas Loibl e Trystan Pütter. La storia è quella di un uomo anziano, Winfried Conradi cui piace burlare le persone. Non vede spesso sua figlia Ines,e per farle una sorpresa la va a trovare dopo la morte dell’anzi...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni