X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Mettersi In Gioco Per Capire. Intervista A Lella Costa

01/12/2008 13:15
Mettersi In Gioco Per Capire. Intervista A Lella Costa

Lella Costa risponde alle domande di Mauxa

Lella Costa, quasi una medium che spoglia della secolare altegia personaggi classici - ultimo dei quali è Amleto - per farci ascoltare con vibrante autenticità la loro voce, come sorpresi dietro le quinte a riflettere su se stessi, ovvero intenti a denudarsi di fronte ai presenti per ritrovare la propria umanità in chi li ascolta, lontano dal personaggio che li soffoca.

Il suo approccio alla cultura è di molto rispetto. In quanto donna, perché non un piglio un po' irriverente per la tanta misoginia  presente?

Nel mio rapporto coi classici non posso applicare in modo arbitrario categorie, come il femminismo, a personaggi e situazione culturali molto diverse - che poi sono personaggi e non sai se l'autore pensava ciò che essi esprimono. Mi fanno indignare di più perle contemporanee di misoginia dove il dolo mi sembra più manifesto e colpevole. Quindi non ce l'ho con i classici. Ce l'ho molto con la quotidianità.

La misoginia contemporanea non è frutto di una tradizione che si tramanda?

Sì, però di una tradizione come minimo ambivalente e ambigua; ci sono infatti espressioni e manifestazioni di assoluta misoginia e bieca sopraffazione, ma parallelamente si possono rintracciare affermazioni di grande rispetto e di piena centralità. Allora, cerchiamo un filone che ci rappresenti il più possibile e, soprattutto, teniamo alta la guardia rispetto all'oggi.

Diplomata all'Accademia dei Filodrammatici con medaglia d'oro. Doppiatrice, attrice a tutto tondo (teatro, cinema, televisione), autrice. Ha partecipato a numerose trasmissioni televisive, ha collaborato con giornali e riviste, condotto trasmissioni radiofoniche. Anche scrittrice, perché i suoi monologhi sono raccolti in libri - il più recente "Amleto, Alice e la Traviata", Feltrinelli editore. Alla luce di tutto ciò, ci dica se la vera volontà è nell'autodeterminarsi o nel seguire il destino.

Credo che la vera volontà si scopre solo nel momento in cui si riconoscono le proprie vocazioni. La cosa che mi sento in assoluto di augurare a chiunque è quella di svelare il proprio talento, a dispetto di un mondo che scoraggia in tal senso. Io ho avuto la fortuna di riuscirci non prestissimo, e per me è stato un arricchimento ulteriore. Aver fatto tutto un percorso universitario, che in quegli anni passava attraverso la politica, il sociale, la psicoanalisi e quant'altro, mi ha portato ad avere un approccio più ricco e meno passivo rispetto ai teatri. Non ho mai aspirato ad essere l'attrice in senso tradizionale, ossia l'interprete che viene scelta: ho sempre desiderato avere un ruolo più attivo. La volontà è entrata lì, ma una volta aver riconosciuto la vocazione.

La presunta liberazione sessuale sessantottina è stata rivoluzionaria in senso copernicano o ha proposto un sistema più fallocentrico di prima?

Ancor più? Impossibile. Capisco di essere in controtendenza in un momento in cui tutti prendono le distanze da tutto ed è di moda abiurare, ma io credo che sia stata una meravigliosa rivoluzione e la ricordo, pur essendo allora piccina, come una salutare esplosione. E come ogni esplosione ha lasciato cocci in giro e molti, che si erano proposti nel ruolo di protagonisti, ne sono stati travolti. Per questo poi sono seguite delle restaurazioni, delle ritorsioni ed un clima di delusione e sconfitta. Invece il movimento è stato molto importante e, anche se non tutti sono stati all'altezza di questo cambiamento divenendone con responsabilità buoni portatori sani, è assolutamente vero che il ‘68 rappresenta un momento storico indispensabile, indimenticabile per chi ha vissuto con autenticità, in buona fede e con onestà sia intellettuale che morale quegli anni.

Tra implosione ed esplosione l'equilibrio è nell'amore?

L'amore stesso può essere implosione ed esplosione, quindi l'equilibrio è nella consapevolezza.

Darla o non darla. È questo il dilemma amletico al femminile?

Assolutamente no. Questo è sempre ed esclusivamente un problema maschile che noi abbiamo mutuato, è sempre e comunque un trovarsi in trappola, costrette a rispondere a determinate categorie...

Mi riferivo alla scelta di vivere il sesso con o senza amore. Il dilemma in questo.

Io comincio a fare un po' fatica a generalizzare anche per quanto riguarda il femminile. Sta di fatto che le categorie del mondo sono state pensate dagli uomini...

Questo è indubbio. E se schiacciata tra due estremismi maschilisti, modello velina o burqa?

Burqa. Anche se ugualmente detestabile, forse non è il peggiore.

Il femminismo ha fallito... posso dirlo?

No, non in mia presenza.

In parte ha fallito...

Hanno fallito tutti gli"ismi" di questo secolo, forse il femminismo è quello che ha fallito di meno. Tutte le rivoluzioni, passate attraverso le relazioni e il sociale, offrono una materia talmente viva e complessa da non poterne stabilire i confini.

Per recuperare il buono si deve passare anche attraverso la critica...

Sulla critica costruttiva possiamo trovare un accordo.

Se il femminismo ha in parte fallito, è stato perché ha negato il volto sacro del Femminile?

Questo è sicuramente. Si deve ripartire dal sacro, dal dono della profezia, dal potere illuminante dell'intuizione.

La casalinga, strega dell'Inquisizione femminista. Siamo noi donne stesse misogine?

D'altra parte, non essendo state in grado di proporre modelli alternativi a quelli maschili, ti devi adattare alla loro logica devastante e le posizioni tradizionalmente più femminili risultano indifendibili e perdenti. Stiamo dentro o stiamo fuori...

Oppure troviamo un nostro modello di riferimento.

Però non c'è, non pervenuto. È un gran lavoro da fare...

Cominciare col rivalutare Eva? Non fu un atto d'amore il suo invito a cogliere i frutti della consapevolezza?

L'amore come percorso di consapevolezza è il pensiero-guida del mio prossimo spettacolo ("Ragazze - le lande desolate del fuori", ndr), nel quale di sicuro non si parlerà del ministro Carfagna, ma al centro è la sensazione che per noi donne è sempre un andare incerto, un andare senza protezione, un mettersi in gioco per capire. Come Eva, appunto!

Leggi la recensione dello spettacolo Amleto.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Intervista all'attore Alexandre Nguyen: dal film 'Life' a 'Valerian e la città dei mille pianeti'

Life - Non oltrepassare il limite è il film di Daniel Espinosa con Jake Gyllenhaal, Rebecca Ferguson, Ryan Reynolds, Hiroyuki Sanada e Alexandre Nguyen. La trama segue l’equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale che deve effettuare esperimenti su un campione giunto da una sonda proveniente da Marte. L'equipaggio ha il compito ...

 

The Sense of an Ending, la scoperta del passato nel film con Charlotte Rampling

The Sense of an Ending è il film di Ritesh Batra con Jim Broadbent, Charlotte Rampling, Harriet Walter. È uscito negli Stati Uniti il 10 marzo. La trama segue Tony Webster (Broadbent), che conduce una vita solitaria e tranquilla, fino a quando i segreti sepolti negli anni emergono. Deve così fronteggiare i ricordi del passato,...

 

Tutto per una ragazza, il libro di Nick Hornby da cui è tratto il film 'Slam'

Tutto per una ragazza (“Slam”) è il libro di Nick Hornby da cui è tratto il film “Slam - Tutto per una ragazza” ora nelle sale. È stato pubblicato nel 2007: il film è diretto da Andrea Molaioli, e ha nel cast Ludovico Tersigni, Barbara Ramella, Jasmine Trinca e Luca Marinelli. Nel romanzo il prot...

 

Il mostro della laguna nera, costruendo lo Universal Monsters Cinematic Universe

“Il mostro della laguna nera” farà parte della Universal Monsters, l’imponente saga con cui la Universal punta a rilanciare la sua collezione di creature dell’horror “vintage”. Le informazioni su questo reboot per ora scarseggiano; un paio di anni fa si vociferava che Scarlett Johansson fosse stata contatt...

 

Non è un paese per giovani, il film sull'esodo di una giovane generazione

Non è un paese per giovani è il film di Giovanni Veronesi nelle sale, con Filippo Scicchitano, Sergio Rubini, Giovanni Anzaldo, Sara Serraiocco e Nino Frassica. La storia è quella di Sandro, ventenne timido il cui desidero è diventare scrittore. L’amico Luciano è invece estroverso, anche se conserva un mist...

 

Atlanta Film Festival, cultura e cinema nel sud degli Stati Uniti

L’Atlanta Film Festival è il più importante della Georgia, e uno dei maggiori degli Stati Uniti. Comincia oggi e si protrae fino al 2 aprile: tra i film in concorso ci sono “Born River Bye” di Tim Hall, “The Boss Baby” di Tom McGrath, “Cherry Pop” di Assaad Yacoub, “In the Radiant City&r...

 

Tomas Milian, 'Monnezza amore mio' è il libro dell'attore scomparso

Tomas Milian, l’attore scomparso a Miami all’età di 84 anni è stato raccontato in diversi libri. “Monnezza amore mio” è stato scritto dallo stesso attore nel 2014. Descrive la città di Roma, che accoglie i nuovi arrivati ma che sa anche respingerli. Milian racconta come sia fuggito da L'Avana, pa...

 

Recensione del film Elle

Elle è il film di Paul Verhoeven con Isabelle Huppert, Laurent Lafitte, Anne Consigny e Charles Berling (leggi l'articolo sull'incontro con il regista). Paul Verhoeven mostra la propria chiarezza già all’inizi del film, con lo schermo nero invaso dalle urla di Michèle, mentre viene violentata sul pavimento di casa. L&rsq...

 

Baywatch: Zac Efron urlante nel nuovo trailer del film commedia con Priyanka Chopra

Un nuovo trailer è stato diffuso del film “Baywatch”, diretto da Seth Gordon. Nel trailer ci sono i protagonisti Mitch Buchanan (Dwayne Johnson) e Matt Brody (Zac Efron) che pattugliano una spiaggia in California. Quando giunge Victoria Leeds (Priyanka Chopra), manager che vuole trasformare il luogo in una zona residenziale si s...

 

Stockholm, Ethan Hawke e Noomi Rapace nel nuovo film di Robert Budreau

Ethan Hawke e Noomi Rapace saranno i protagonisti di “Stockholm”, il nuovo film di Robert Brudeau. Hawke di recente è apparso nel remake de “I magnifici sette” diretto da Antoine Fuqua, e al momento ha molti altri progetti in ballo: presto lo vedremo in “The Kid”, “First Reformed” (il ritorno a...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni