X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Brutti e cattivi, 'i contrasti tra tragedie e la commedia': intervista all'attore Filippo Dini

23/10/2017 08:00
Brutti cattivi 'i contrasti tra tragedie la commedia' intervista all'attore Filippo Dini

Mauxa ha intervistato l'attore Filippo Dini, protagonista del film "Brutti e cattivi" e regista a teatro de "La guerra dei Roses".

Brutti e cattivi” è il film Cosimo Gomez nelle sale. La storia è quella di quattro persone che decidono di realizzare una rapina, pur se ognuna di loro ha delle menomazioni fisiche.

Mauxa ha intervistato uno degli attori del film, Filippo Dini. Nel cast ci sono Claudio Santamaria, Marco D’amore, Sara Serraiocco.

D. Nel film “Brutti e cattivi” quale ruolo interpreti?
Filippo Dini. Io sono il fratello di Claudio Santamaria, anche lui senza gambe. Il mio personaggio è Il Pollo, ha avuto un destino migliore, è riuscito a studiare, lavora in banca, ed è riuscito ad emanciparsi da un passato travagliato. A differenza del fratello - Il Papero - che per tutta la vita ha navigato nella povertà. Si ritrova salvo, se non fosse che il fratello lo va a cercare. Io vivo su una sede a rotelle tecnologica, mentre Il Papero non ha niente. Non riesce a dire di no, al ricordo di loro due bambini, al legame di sangue. Questa unione lo riporta a collaborare di nuovo con la marmaglia di brutti e cattivi, che lo fanno rientrare all’interno di una operazione malavitosa.

D. L’atmosfera grottesca ha pervaso anche i momenti delle riprese?
Filippo Dini. L’atmosfera sul set è stata una delle più belle che io ricordi. Il regista Cosimo Gomez - alla sua prima regia - è stato eccellente, ha curato ogni piccolo dettaglio, non solo del film ma anche della relazione tra gli attori. C’era un’intesa creativa e serena. È riuscito a portare la gioia del suo lavoro, del desiderio di realizzarlo. Ciò ha definito anche il clima del film, in maniera giocosa e brutale. Con grande voglia di divertire.

D. Il film è anche una spaccato di una società senza remore. Cosa ne pensi?
Filippo Dini. È la storia di un ristretto numero di ultimi sulla terra. Più o meno menomati nel corpo: ad esempio Sara Serraiocco - Ballerina - non ha le braccia, e quindi è un film di brutti. Ma sono anche cattivi: non c’è nessuna pietà, alcun aspetto romantico. Nessuna banalità intorno al discorso della menomazione. C’è una ferocia e un cinismo estremo nel vedere questi ultimi che si vogliono riscattare.

D. Hai lavorato a teatro ne“Il Borghese Gentiluomo”, “La guerra dei Roses”, nel prossimo “Regalo di Natale”. Quali testi prediligi?
Filippo Dini. Con “Regalo di Natale” - tratto dal film di Pupi Avati, n.d.r. - debuttiamo a fine novembre. Da pochi giorni invece sono a teatro come regista de “La guerra dei Roses”. Ho scelto questo testo perché è una storia bellissima e molto contemporanea, con protagonista Ambra Angiolini e Matteo Cremon. Il testo è di Warren Adler, che scrisse il romanzo prima del film. Si ritrova nella commedia la stessa disperazione dei protagonisti del film, all’interno di una cornice molto comica, grottesca. Anche se dietro esiste una linea di tragedia - con il finale - e di commedia gretta, più propriamente di commedia nera. Ho gestito tutte le prove, la scenografia in quella linea.
Insieme ad Ambra e Matteo Cremon ci sono Massimo Cagnina e Emanuela Guaiana: dopo il debutto a Massa saremo al teatro Manzoni di Milano, all’Eliseo a Roma. Da quanto punto di vista la pièce è nella linea del film “Brutti e cattivi” di Cosimo Gomez. Qui non siamo in periferia ma in USA, ma il contrasto tra la tragedie e la commedia permane.

D. Da regista teatrale come interagisci con la troupe, con consigli o lasciandoli improvvisare?
Filippo Dini. Io sono in primis attore: conosco gli attori, come sono fatti. E da regista mi confronto su un piano che io percepisco bene. Credo che questa sia la mia cifra, il valore aggiunto. Ho un’interpretazione globale della messa in scena. Sempre con uno sguardo dall’interno, ho sempre lavorato con registi che non svalutavano il lavoro dell’attore, ma che lo esaltavano. Registi che facevano incontrare la loro linea poetica con gli attori che avevano da plasmare.

D. Si parla molto di teatro performativo, in cui l’attore lavora senza testo ma sul gesto. Lo approvi?
Filippo Dini. Giovanni, mi fai una domanda che assilla da tempo gli addetti ai lavori. Penso che questi tipo di teatro performativo innanzitutto sia indispensabile, perché la nostra cultura è più ricca. Anche la nostra possibilità di essere umani. E allo stesso tempo è importante il teatro intellettuale, il teatro di puro intrattenimento (come quello dei comici). All’interno di ogni specifica sezione credo si debbano fare delle distinzioni però. Nel momento in cui il messaggio è comprensibile solo ad una élite di spettatori, e risulta l’espressione di un singolo portata avanti da altre persone, e poi rappresenta se stesso attraverso altre dieci persone, per me non ha molto senso. Soprattutto se tutto ciò poi è comprensibile solo a me.
Ad esempio il regista Vincenzo Latella invece fa un teatro intellettuale, ma è una persona seria e di grande fascino.

D. Pensi che si possano avvicinare i giovani a teatro?
Filippo Dini. C’era una bellissima idea di anni fa, in Italia: Barbara Nativi dirigeva il teatro di Sesto Fiorentino vicino a Firenze. Aveva realizzato un progetto, collegato con un teatro inglese. Scrivevano dei testi per adolescenti, e poi questo testo veniva affidato alle scuole e i ragazzi lo mettevano in scena. I giovani venivano coadiuvati, e questi spettacoli erano rappresentati - oltre che in in Italia - anche a Londra. In questa maniera hanno creato molti spettatori del futuro.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Recensione del film American Assassin

American Assassin è il film di Michael Cuesta con Dylan O'Brien, Michael Keaton, Sanaa Lathan. Mitch Rapp (Dylan O’Brien) e la sua ragazza sono in vacanza a Ibiza, in Spagna. Lei sta facendo il bagno nella spiaggia assolata, lui le regala una collana e si allontana per portarle un drink. Ma gli spari coprono i suoni della tranquillit&...

 

Star Wars: The Last Jedi, immagini del fan event a Città del Messico

Nelle immagini che mostriamo ci sono gli interpreti di “Star Wars: The Last Jedi” durante il fan event che si è svolto a Città del Messico il 21 novembre 2017 (leggi l’articolo sul film). Ci sono gli interpreti Daisy Ridley, che nel film ha il ruolo di Rey; Mark Hamill, che ha il ruolo di Luke Skywalker e il regista...

 

Recensione del film ‘Detroit’

Detroit è il film di Kathryn Bigelow con Will Poulter, Hannah Murray, Jack Reyno. Il 23 luglio 1967, la polizia di Detroit inscena un raid in un club senza licenza durante una celebrazione per il ritorno di veterani neri. Mentre i sospettati vengono arrestati, una folla inizia a lanciare sassi contro gli ufficiali prima di saccheggiare i ne...

 

Film più visti della settimana, ‘Justice League’ e ‘Wonder’ sono le novità

Il box office ufficiale dei film più visti negli Stati Uniti dal 17 al 19 novembre 2017 segna l’entrata conferma al primo posto di “Justice League” (93.842.239, leggi la recensione e l’intervista a l’attrice): la storia è quella di Batman che si allea con Wonder Woman, Aquaman, Flash e Cyborg per sconfigg...

 

Johnny Depp, è un investigatore di Los Angeles nel nuovo film ‘LAbyrinth’

Johnny Depp è attualmente nel sale statunitense con Il film “Assassinio sull'Orient Express”, che in Italia uscirà il 20 novembre e tratto dal romanzo di Agatha Christie del 1934. Per il nuovo film opta sempre per una sceneggiatura tratta da un libro, “LAbyrinth” incentrato su un pervicace detective. Il film &...

 

Laurent Cantet, il nuovo film del regista racconta un assassinio

L’atelier è il nuovo film di Laurent Cantet, regista che ha vinto la Palma d’oro a Cannes nel 2008 con “La classe - Entre les mur”. La storia è ambientata in un'estate a La Ciotat, una città nei pressi di Marsiglia che prosperava grazie al suo enorme cantiere navale. Ma la chiusura ormai ventennale ha p...

 

'Nasty Women', Anne Hathaway e Rebel Wilson sul set dirette da Chris Addison

Le riprese procedono a gonfie vele sul set di “Nasty Women”, la nuova commedia con Rebel Wilson e Anne Hathaway. Tra le due attrici sembra esserci una grande intesa, come dimostra il selfie con la collega postato qualche giorno fa da Wilson su Twitter, accompagnato dal messaggio: “È stato magnifico trascorrere gli ultimi me...

 

Dunkirk, in previsione degli Oscar 2018 il film esce in 50 cinema

Dunkirk di Christopher Nolan sarà distribuito nuovamente negli Stati Uniti in previsione della stagione degli Oscar 2018 (leggi l'intervista all'attore). La Warner Bros. ha confermato che uscirà in 50 cinema IMAX e 70mm a partire dal 1 dicembre, a New York, Los Angeles, Chicago, San Francisco. Si prevede che dal 24 gennaio 2018 - gio...

 

The Florida Project, intervista al regista del film Sean Baker

The Florida Project è il film di Sean Baker che ha ottenuto un ottimo consenso di critica. Interpretato da Willem Dafoe, è ambientato in un tratto di strada appena fuori da Disney World, a Miami: la bambina di sei anni Moonee (Brooklynn Prince) vive con la madre Halley (Bria Vinaite). Abitano vicino al "The Magic Castle", un motel eco...

 

Jennifer Lawrence e Emma Stone insieme in un film

Durante la tavola rotonda organizzata da The Hollywood Reporter, le attrici Jennifer Lawrence ed Emma Stone hanno affermato di voler lavorare ad un progetto insieme. L’incontro è avvenuto il 15 novembre, e vi hanno partecipato anche Mary J. Blige, Jessica Chastain, Allison Janney e Saoirse Ronan. "Mi piacerebbe molto. Continuo a...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni