X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film L'incredibile vita di Norman

27/09/2017 08:00
Recensione del film L'incredibile vita di Norman

"L'incredibile vita di Norman" è il film con Richard Gere e Charlotte Gainsbourg

L'incredibile vita di Norman è il film di Joseph Cedar con Richard Gere, Lior Ashkenazi, Michael Sheen e Charlotte Gainsbourg.

Mostra un Richard Gere onnipresente sullo schermo, capace di sorreggere le mutazioni del carattere, dallo scaltro iniziale (quando Norman decide di entrare in contatto con il Ministro Israeliano Micha Eshel) al finto pietista (quando si vede sottomesso), al coraggioso finale.

Restituisce un senso ad una domanda che spesso non ci poniamo, in maniera incosciente: i gesti che facciamo sono immuni da un interesse personale, oppure sono solo altruistici?

Norman non affronta tale quesito, perché pare che agisca in commistione, quasi con una rêverie che lo porta a credere di mostrarsi amico di tutti, senza chiedere in campo dei favori. Ma questo aspetto sognatore è poi condotto nella realtà dal suo biglietto da visita, dove c’è scritto “Norman Oppenheimer Strategies”, qui con un lavoro che prevede una remunerazione.

Richard Gere sa appunto trascolorare tra queste dignità differenti, con una credibilità difficile da restituire vista la tematica quasi “a tesi” del film.

Un richiamo filosofico che evoca film come “Hearat Shulayim” (2014) dello stesso regista Joseph Cedar, sulla difesa del Talmud affidata ad una conversazione tra padre e figlio. Oppure “Syriana” (2005) , sulla speculazione sul prezzo. Fino al più geometrico Krzysztof Kieślowski da “Decalogo” (1988) a “Tre colori” (1993-1994) in cui espone azioni che raccontano concetti della giustizia, oppure quelli della Liberté, Égalité, Fraternité. Lo stesso titolo inglese e “L'incredibile vita di Norman” lascia intravedere questa ipotesi, “Norman: The Moderate Rise and Tragic Fall of a New York Fixer”.

Dai film citati “L'incredibile vita di Norman” si differenzia per alcune carenze nella regia. Infatti quando Norman è riconosciuto dal Ministro del governo Israeliano cui lui regalò un paio di scarpe da 1200 dollari, e che ora è buono Premier giungono delle immagini in sovrimpressione di colleghi che esortano a fidarsi o meno dell’afflato politico, con colorii prismatici fuori luogo.

Ma nonostante alcune mancanze di scrittura - soprattutto nei momenti in cui occorre motivare la sua solitudine di Norman che nessuno sa spiegare - il film incita lo spettatore anche verso questioni inerenti il problema di razza: connotare Norman come appartenente alla popolazione ebraica, quasi implica che la sua avidità economica sia collegata con la sua provenienza. “Io non ho bisogno di contatti in questo momento”, risponde Alex Green (una enigmatica Charlotte Gainsbourg) all’offerta di aiuto di Norman.

Non a caso il regista ferma di essersi ispirato alla figura di Joseph Süß Oppenheimer, ebreo cresciuto nel ghetto di Heidelberg nel 1710 e divenuto consulente finanziario del duca Carlo Alessandro di Württemberg, nonché banchiere tedesco. Fu imprigionato per alto tradimento e lesa maestà - ma più probabilmente a causa della sua provenienza ebraica - e condannato a morte: la sua figura ispirò il romanzo “Suss L’ebreo” (1925) e il film omonimo di propaganda anti-semita di Veit Harlan (1940).

Ascendenze complicate da raccontare in un film, ma che Joseph Ceda riesce a rendere palpabili proprio perché lui è israeliano e quindi dotato di una pietà altrimenti rara.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Richard Gere

 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Franny, Richard Gere è un miliardario tormentato nel primo film di Andrew Renzi

Franny (The Benefactor) film diretto da Andrew Renzi, regista emergente alla sua opera prima. La pellicola è indipendente, ed è stata presentata al Tribeca Film Festival il 15 aprile 2015; pochi giorni dopo la Samuel Goldwyn Films ha acquisito i diritti di distribuzione del film. Trama. Franny è un miliardario filantropo che...

 

Richard Gere, benefattore non solo nel film Franny ma anche con la sua fondazione

Franny (“The benefactor”) è il film che Richard Gere ha presentato alla trasmissione “Che tempo che fa” di Fabio Fazio. Trama. L’attore ha parlato del suo aspetto misericordioso, che richiama la sua conversione al buddismo nonché alla tematica del film. “È un momento in cui la gente cerca un...

 

Pretty Woman: il 24 marzo Julia Roberts e Richard Gere si riuniscono per i 25 anni del film

Pretty Woman per l’anniversario dei venticinque anni di distribuzione del film è stato omaggiato con una reunion degli attori Julia Roberts e Richard Gere. Intervista. I due attori sono comparsi il 18 marzo al Today Show, e la mesa in onda avverrà il 24 marzo. Assieme a Julia Roberts (che interpretava Vivian Ward) e Richar...

 

Ritorno al Marigold Hotel, Richard Gere nelle nuove avventure dei pensionati inglesi

Ritorno al Marigold Hotel è un film girato da John Madden, sceneggiato da Ol Parker e distribuito in Italia dalla 20th Century Fox a partire da giovedì 30 aprile. L’opera è il sequel di Marigold Hotel (The Best Exotic Marigold Hotel), la commedia agrodolce del 2012 incentrata su sette pensionati inglesi che cambiano ...

 

MilanoDanza Expo 2014: Shut up and dance with me

MilanoDanza Expo 2014. Anche quest'anno, Milano si prepara a ospitare MilanoDanza Expo, il Salone Internazionale della Danza, giunto ormai alla sue sesta edizione.L'evento, che si conferma come uno dei punti cardine della danza in Italia, penderà il via venerdì 21 Novembre e vi trascinerà a ritmo di musica fino a domenica 23. D...

 

Festival Internazionale del Film di Roma 2014, da Richard Gere a Kate Beckinsale

Festival Internazionale del Film di Roma 2014. La nona edizione del Festival Internazionale del Film di Roma annuncia la prima cinquina dei film di lingua inglese. Dal 16 al 25 ottobre l'appuntamento è all’Auditorium Parco della Musica. Time Out of Mind con Richard Gere. Prima europea per Time Out of Mind di Oren Moverman, Orso d...

 

The Best Exotic Marigold Hotel 2, al cinema il sequel di John Madden

The Best Exotic Marigold Hotel 2. È un film inglese di genere commedia/drammatico diretto da John Madden su sceneggiatura di Ol Parker. Il film, sequel del film del 2012, "The Best Exotic Marigold Hotel", diretto dallo stesso Madden, ha per protagonisti Judi Dench, Bill Nighy, Dev Patel, Maggie Smith, Richard Gere e Penelope Wilton. "Th...

 

Richard Gere: malinconico barbone per Time Out of Mind, riceve pizza sebbene abbia 100 milioni

Richard Gere è uno dei simboli universali del fascino maschile, entrato nell'immaginario collettivo per ruoli indimenticabili in "American Gigolò" e "Pretty Woman", dove faceva del proprio magnetismo uno dei punti di forza. Barbone. Eppure anche un sex symbol come Richard Gere ha dovuto realizzare di non essere riconosciuto dai fan a...

 

Richard Gere: tra i progetti un nuovo film ‘Franny’ e la separazione dalla moglie

Richard Gere, attore nato a Philadepia è diventato celebre al grande pubblico (soprattutto femminile) per le interpretazioni in "Ufficiale e gentiluomo", "American Gigolò"  e il romantico "Pretty Woman", si separa dalla moglie, anche lei attrice, Carey Lowell. La causa della rottura del rapporto amoroso, che dura da be...

 

Recensione film Comic Movie, una folle commedia che trascende la realtà

Comic Movie o nel titolo originale di Movie 43 è una commedia leggera basata su una serie di scene contraddistinte dalla follia irriverente o da difetti paradossali dei personaggi o innovativi sistemi educativi in perfetto stile trash. Alcuni ragazzi intenti a fare uno scherzo al proprio amico nerd gli chiedono di trovare in rete un video v...

 


Da non perdere
Ultime news
Recensioni
pixel sony skin pixel sony skin