X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Valerian e la città dei mille pianeti

20/09/2017 08:00
Recensione del film Valerian la città dei mille pianeti

"Valerian e la città dei mille pianeti" è il film di Luc Besson tratto da una serie comic.

Valerian e la città dei mille pianeti (“Valérian et la Cité des mille planètes") è il film di fantascienza di Luc Besson.

L’esordio avviene in un luogo paradisiaco, tra esseri umanoidi ed esplosioni che avvertono di una minaccia imminente. Già qui Besson è vittima dello stesso materiale scenografico creato, con perle che contengono enormi quantità di energia, animali usati per replicarle. L’umanoide femminile - principessa del suo popolo - vede la suo gente catturata, e prima di morire riesce ad inviare un segnale telepatico mentre l'esplosione la consuma.

A ricevere il segnale sono Valerian (Dane Dehaan) e Laureline (Cara Delevingne), agente governativo e sergente che hanno il compito di sorvegliare lo spazio Alpha. I due flirtano anche, tanto che lui le chiede di sposarlo ma lei rifiuta per timore delle sue scappatelle. Da sci-fi il film diventa quindi anche comico, con una tendenza che dall’ultimo “Star Wars: Il risveglio della Forza” ha imperversato, quasi per dare più quotidianità a personaggi altrimenti troppo distanti.

Fin dall’inizio però appare come il film di Besson sia troppo sommario nel mostrate i passaggi di azione, quasi avesse l’esigenza di sveltire la sceneggiatura per illustrare allo spettatore la magia scenografica e di effetti speciali che è giunto a realizzare in terra francese (il film è prodotto dalla sua società parigina Europa Corp). E questa sottomissione visiva è tutto il difetto del film, più attento alla forma che all’evoluzione dei due personaggi. Così come mostrare sempre in bikini la modella Delevingne è derivato da questa esigenza.

Il Ministro della Difesa (Hancock) ordina a Valerian e Laureline due di mettere in salvo l’ultimo Mül Converter sopravvissuto, ovvero una minuscola creatura dotata di poteri che possono salvare la civiltà pacifica di cui l’umanoide dell’inizio del film era principessa.

I due procedono in una zona infetta della base Alpha, in cui Valerian è catturato: Laureline nel tentativo di salvarlo è rapita da una tribù primitiva, s’infiltra con l'aiuto di una ballerina, Bubble (Rihanna) che può modificare il proprio aspetto.

Besson prende le distanze dal limpido film “The Lady - L'amore per la libertà” (2011) in cui raccontava la vicenda del premio Nobel per la pace Aung San Suu Kyi; o da “Cose nostre - Malavita” (“The Family”, 2013) dal romanzo di Tonino Benacquista su un ex gangster mafioso italiano pentito che testimonia contro i suoi capi. in “Valerian e la città dei mille pianeti” sceglie in fantasy, mutuato da una serie di fumetti di successo di Pierre Christin e Jean-Claude Mézières. Ma il tentativo tipicamente statunitense di trasportare i eroi dei comic al cinema, da Superman a Batman, Wonder Woman e The Avengers, fino ai vari spi-off si appiglia a personaggi assurti ormai nell’immaginario collettivo a chiare icone. Invece Valerian e Laurelian sono due ragazzi forse innamorati, con nessun super-potere ma nella morsa di un universo immaginifico che faticano a controllare, con una lussuria vista che surclassa gli ostacoli narrativi.

Per questo impianto visivo il film è da vedere, che rende giustizia ad uno sforzo produttivo costato 197 milioni di Euro.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Recensione film Loving Vincent

Loving Vincent è un' esperimento artistico, un lungometraggio pittorico, che proietta sul grande schermo i capolavori di Vincent van Gogh. Le tele dell’artista olandese sono state rielaborate da artisti vari e con l’aiuto della tecnologia, rese animate. Un ritratto personale dell’artista che emerge dalla corrispondenza tra ...

 

Le Sens de la fête, il film commedia di successo in Francia

Le Sens de la fête è uno dei film che sta ottenendo maggiore successo in Francia. Diretto da Eric Toledano e Olivier Nakache, ha nel cast Jean-Pierre Bacri, Jean-Paul Rouve e Gilles Lellouche. Max è stato un ristoratore per trenta anni, organizzando centinaia di feste. Per l’evento che si svolge in un castello del XVII se...

 

L'uomo di neve, intervista a Silvia Busuioc: 'siamo stati fortunati ad essere diretti da Tomas Alfredson'

Abbiamo intervistato in esclusiva Silvia Busuioc, attrice di origine moldava impegnata in numerosi progetti cinematografici e televisivi. D: Sei nel cast del nuovo film di Tomas Alfredson "L'uomo di neve", come consideri questa esperienza?  R: È stato un grande onore lavorare accanto a due attori premio Oscar come ...

 

Recensione del film The Force, lo sguardo sui maltrattamenti della polizia apprezzato dalla critica

The Force è il film documentario di Peter Nicks, uscito in queste settimane negli Stati Uniti e apprezzato dalla critica. Ha vinto il premio come migliore opera al Sundance Film Festival. La Polizia di Oakland è famosa per la sua cattiva condotta e scandali, anche a causa delle tensioni razziali che favoriscono comportamenti desueti....

 

'Loro', Toni Servillo è Berlusconi sul set del nuovo film di Paolo Sorrentino

Le riprese di “Loro” sono cominciate lo scorso agosto a Roma; oggi la lavorazione del film sarebbero “già a metà”, stando a quanto dichiarato ai microfoni di “Un giorno da pecora” da uno degli attori protagonisti, Riccardo Scamarcio. Oltre ovviamente a Toni Servillo, che ormai sta a Paolo Sorrentin...

 

Bad Moms Christmas, nuove immagini del film

Nuove clip sono state diffuse di “Bad Moms Christmas”, il film di Jon Lucas e Scott Moore sequel di “Bad Moms”. Le tre mamme irriverenti (Mila Kunis, Kristen Bell, Kathryn Hahn) per il Natale devono organizzare una vacanza per le rispettive famiglie, nonché ospitare le proprie madri. Alla fine del viaggio le protagon...

 

Recensione del film It

It è il film horror di Andy Muschietti, tratto dal romanzo di Stephen King. La regia dall’inizio pretende di mostrare i vari punti di vista, e ciò allenta la tensione del film: il piccolo George (Jackson Robert Scott) cerca di prendere la sua barchetta di carta che scivola per la strada bagnata. All’improvviso da dentro l...

 

Film più visti della settimana, le novità sono 'Happy Death Day' e 'The Foreigner'

Il box office ufficiale dei film più visti negli Stati Uniti dal 13 al 15 ottobre 2017 segna l’entrata al primo posto dell’horror “Happy Death Day” (“Auguri per la tua morte”, 26.039.025 dollari): una studentessa del college rivive il giorno del suo omicidio, fino a scoprire l'identità del suo kille...

 

La battaglia dei sessi, incontro con i registi del film

La battaglia dei sessi (“Battle of the Sexes”) è il film diretto da Jonathan Dayton e Valerie Faris, con Steve Carrel e Emma Stone. Mauxa ha partecipato alla conferenza stampa del film con i registi. La storia evoca la partita di tennis avvenuta il 20 settembre 1973 tra Bobby Riggs e Billie Jean King: la ventinovenne tennista gi...

 

L'alba del mondo: dal romanzo al film, intervista allo scrittore Rhidian Brook

Rhidian Brook è autore di “The Aftermath” (“L’alba del mondo”) , libro che diverrà un film nel 2018 interpretato da Alexander Skarsgård, Keira Knightley e diretto da James Kent. Mauxa l'ha intervistato. La storia racconta - nella Germania del 1946 - della giovane Rachael Morgan che arriva con l&rsq...

 


Da non perdere
Ultime news
Recensioni
pixel sony skin pixel sony skin