X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film 'White Sun', la lotta alla casta acclamata dalla critica

14/09/2017 08:00
Recensione del film 'White Sun' la lotta alla casta acclamata dalla critica

"White Sun" è il film uscito in questi giorni nelle sale statunitensi, acclamato dalla critica. Mauxa l'ha visto in anteprima.

White Sun” (”Seto Surya”) è il film di Deepak Rauniyar ben accolto dalla critica statunitense.

L’ex partigiano anti-regime Chandra (Dayahang Rai) deve raggiungere il suo villaggio, per partecipare ai funerali del padre. Il luogo è sperduto tra le montagne, e da dieci anni Chandra non fa visita ai suoi cari.

La piccola Pooja (Sumi Malla) attende a casa, ritiene che l’uomo sia suo padre. Resta turbata quando vede arrivare Chandra con Badri (Amrit Pariyar), un giovane orfano di strada che dice essere suo figlio. Tenta di calmare sua madre Durga (Asha Maya Magrati), che custodisce il corpo del defunto ma dal cui rito funebre è esclusa, secondo la tradizione patriarcale nepalese.

La prosecuzione della storia è semplice, di una linearità che mescola politica e astio personale: è proprio questa commistione a rendere il film fendente, per come racconta i dissidi familiari sepolti. Infatti Chandra deve affrontare anche
suo fratello Suraj, che era sul lato opposto durante la guerra civile.

Le unioni di queste linee narrative rendono il film nel racconto superiore a come lo sia nella regia, resa omogenea da inquadrature con la macchina da presa sempre in movimento, di un documentarismo che rende le descrizioni ancora più realistiche.

I due fratelli non possono mettere da parte i sentimenti politici avversi, mentre
portano il corpo del padre lungo il ripido sentiero di montagna verso il fiume per la cremazione. Una pena che richiama echi di un neorealismo ormai perso nella tradizione del cinema occidentale: i due fratelli con il corpo del defunto si picchiano, mostrando come nulla di ciò che dobbiamo eseguire è immune dai personalismi.

Chandra sotto la pressione dagli anziani del villaggio deve cercare aiuto
al di fuori del villaggio, per vivere in un luogo dove le rigide caste e discriminatorie
tradizioni di genere sono quelle contro cui combatté durante la guerra. E torna quindi il tema dell’immobilità di sottrarsi al proprio presente, pur se in passato se ne è fuggiti.

I gruppi anziani insistono ancora sulla legge tradizionale, anche nella capitale del Nepal, Kathmandu. Agli adulti si avvicina la generazione futura di bambini, Pooja e Badri, mentre Chandra crede di poter cambiare la situazione, perché la legge tradizionale è ingiusta.

Nel Nepal la costituzione è stata promulgata nel settembre del 2015: il corpo del defunto è una metafora della vecchia leadership, rovesciata dopo 10 anni di guerra civile. Se il Nepal ha lottato per stabilire un nuovo governo, è grazie ad un processo di crescita lento, che passa per cambiamenti minimi dei dettagli, che un film come “White Sun” sa mostrare con sincerità.

La critica statunitense ha apprezzato la modalità di combinare drammi umani intimi e notevoli osservazioni politiche (Variety), come fosse una parabola i cui gli aspetti allegorici sono presenti per coloro che desiderino trovarli (The Hollywood Reporter), dove le forze generali della religione, casta, patriarcato forgiano le comunità nepalesi ma i personaggi sono modellati da decisioni individuali (Village Voice).

Il film è candidato dal Nepal per rappresentare la nazione ai prossimi premi Oscar.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Jennifer Lawrence e Emma Stone insieme in un film

Durante la tavola rotonda organizzata da The Hollywood Reporter, le attrici Jennifer Lawrence ed Emma Stone hanno affermato di voler lavorare ad un progetto insieme. L’incontro è avvenuto il 15 novembre, e vi hanno partecipato anche Mary J. Blige, Jessica Chastain, Allison Janney e Saoirse Ronan. "Mi piacerebbe molto. Continuo a...

 

Recensione del film ‘Most Beautiful Island’

Most Beautiful Island è il film di Ana Asensio uscito in questo giorni nelle sale statunitensi, ben accolto dalla critica. Lo stile è documentaristico, con la macchina da presa che pedina la protagonista Luciana (la stessa Ana Asensio) tra le peregrinazioni della metropoli di New York. Lei è immigrata ispanica, e nella citt&a...

 

Recensione film DC Comics, Justice League

Justice League è il film tratto dall’omonima serie a fumetti che unisce alcuni degli eroi più importanti della DC Comics in una trama che ha il prevalente scopo di presentare i personaggi al grande pubblico. L’inizio di una nuova ed attesa saga dove l’inevitabile esigenza di calare i protagonisti nella storia e di pr...

 

The Force, David Mamet scriverà il film diretto da James Mangold

La Fox ha annunciato che il 1 marzo 2019 sarà la data di uscita ufficiale di “The Force”, il thriller poliziesco diretto da James Mangold, regista di “Logan” e “Walk the Line – Quando l’amore brucia l’anima”. Il film sarà un adattamento dell’omonimo romanzo di Don Winslow (e...

 

Quentin Tarantino, il nuovo film prevede un budget da 100 milioni di dollari

Per il nuovo film di Quentin Tarantino si è avviata una gara nella scelta del distributore. Dopo lo scandalo sul produttore Harvey Weinstein, la sua società Weinstein Company non si occuperà più della distribuzione dei film di Tatantino, chiudendo una collaborazione avviata nel 1992 con "Le iene”. A contendersi l...

 

Recensione del film The Big Sick

The Big Sick è il film di Michael Showalter con Kumail Nanjiani, Zoe Kazan, Holly Hunter. Kumail (Kumail Nanjiani) è un giovane comico di standup di Chicago, usa la sua auto con Uber e la notte si esibisce. Negli sketch ironizza sulla cultura pakistana, e questo aspetto è tenuto nascosto alla famiglia musulmana.Durante uno spe...

 

Film più visti della settimana, ‘Thor: Ragnarok’ e ‘Daddy's Home 2’ ai primi posti

Il box office ufficiale dei film più visti negli Stati Uniti dal 10 al 12 novembre 2017 conferma al primo posto "Thor: Ragnarok” (212.068.013 dollari,  leggi l’articolo): Thor lotta contro l’ex alleato Hulk, impedendo anche ad Hela di distruggere la civiltà asgardiana. Al secondo posto c’è la novit...

 

Cate Blanchett, è horror il nuovo film tratto da un romanzo

Cate Blanchett dopo il ruolo di Hela nel film “Thor: Ragnarock” lavorerà ad un film horror. “The House with a Clock in its Walls” è tratto da un romanzo del 1973, scritto da John Bellairs. L'orfano Lewis Barnavelt (Owen Vaccaro) si trasferisce nella città di New Zebede, nel Michigan. Qui abita lo zio Jo...

 

Lav Diaz, il nuovo film è un’opera rock

Lav Diaz, vincitore del Leone d’oro al Festival di Venezia 2016 con “The Woman Who Left” è al lavoro al nuovo film, dal titolo "Ang Panahon ng Halimaw" (letteralmente, “La stagione del diavolo”). Il film mescola musica, opera rock e dramma. A produrlo è Bianca Balbuena, che ha già lavorato a &ldqu...

 

Agadah, intervista all’attore del film Alessio Boni

“Agadah” è il film di Alberto Rondalli nelle sale da questa settimana. Mauxa ha intervistato l’attore Alessio Boni, che in queste settimane è anche al cinema con “La ragazza nella nebbia” e la serie tv “La strada di casa”. D. Nel film “Agadah” interpreti Pietro Di Oria. Puoi racco...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=23215079&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1