X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Festival di Venezia 2017: recensione del film 'Jusqu'à la garde'

08/09/2017 14:00
Festival di Venezia 2017 recensione del film 'Jusqu'à la garde'

"Jusqu'à la garde" è il film in concorso presentato alla Mostra del Cinema di Venezia

Mostrare una famiglia con i genitori divorziati, il figlio Julien (Thomas Gioria) che non vuole andare dal padre per il week end perché timoroso, e la madre che si rende irrintracciabile all’ex marito è più un caso da docu-drama televisivo che racconto cinematografico.

Questo è “Jusqu’à la garde” di Xavier Legrand, che racconta un caso di affido familiare non illustrando fino al termine che il motivo dell’allontanamento affettivo dei figli nei confronti del padre è causato dalle percosse inflitte alla madre.

E in tale attesa della scoperta, vediamo il padre Antoine Besson (Denis Ménochet) mentre va a prendere il figlio Julien, lo porta dai nonni, e cerca di scoprire da lui perché l’ex moglie Miriam Besson (Léa Drucker) lo eviti e dove abiti ora.

Il regista Legrand ambisce in questa maniera a far dubitare lo spettatore che il colpevole di tale situazione non è solo lui, bensì che anche Miriam possa essere causa di tali dissidi che hanno condotto al divorzio. In realtà è solo Antoine l’artefice della distruzione della famiglia a causa dei suoi modi violenti, ma il regista volontariamente omette queste informazioni, con una scelta che è furba quanto inutile.

Senza tale tassello fondamentale, il film “Jusqu’à la garde” diventa superfluo quanto era essenziale quell’omissione. L’interpretazione sofferta dei protagonisti cerca comunque di far emergere un pathos che solo le vittime di stalking possono provare.

Ma ciò non basta per sorreggere un sceneggiatura dalla successione di sequenze prevedibile, dettagli superflui, movimenti di macchina in soggettiva nel furgone di Antoine come se fosse un inseguimento. A ciò si unisce anche una linea narrativa secondaria non sviluppata, come quella della figlia Joséphine Besson (Mathilde Auneveux)
che si frequenta con un ragazzo ed in bagno fa un test di gravidanza: non si comprende perché tale vicenda incida su quella dei genitori divorziati, né perché lei non interagisca mai con il padre, pur se lo odia.

Resta il volto del piccolo Julien, che piange mentre cerca di difendere la madre dal padre, unico momento autentico in una storia da dozzinale cronaca nera.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Laurent Cantet, il nuovo film del regista racconta un assassinio

L’atelier è il nuovo film di Laurent Cantet, regista che ha vinto la Palma d’oro a Cannes nel 2008 con “La classe - Entre les mur”. La storia è ambientata in un'estate a La Ciotat, una città nei pressi di Marsiglia che prosperava grazie al suo enorme cantiere navale. Ma la chiusura ormai ventennale ha p...

 

'Nasty Women', Anne Hathaway e Rebel Wilson sul set dirette da Chris Addison

Le riprese procedono a gonfie vele sul set di “Nasty Women”, la nuova commedia con Rebel Wilson e Anne Hathaway. Tra le due attrici sembra esserci una grande intesa, come dimostra il selfie con la collega postato qualche giorno fa da Wilson su Twitter, accompagnato dal messaggio: “È stato magnifico trascorrere gli ultimi me...

 

Dunkirk, in previsione degli Oscar 2018 il film esce in 50 cinema

Dunkirk di Christopher Nolan sarà distribuito nuovamente negli Stati Uniti in previsione della stagione degli Oscar 2018 (leggi l'intervista all'attore). La Warner Bros. ha confermato che uscirà in 50 cinema IMAX e 70mm a partire dal 1 dicembre, a New York, Los Angeles, Chicago, San Francisco. Si prevede che dal 24 gennaio 2018 - gio...

 

The Florida Project, intervista al regista del film Sean Baker

The Florida Project è il film di Sean Baker che ha ottenuto un ottimo consenso di critica. Interpretato da Willem Dafoe, è ambientato in un tratto di strada appena fuori da Disney World, a Miami: la bambina di sei anni Moonee (Brooklynn Prince) vive con la madre Halley (Bria Vinaite). Abitano vicino al "The Magic Castle", un motel eco...

 

Jennifer Lawrence e Emma Stone insieme in un film

Durante la tavola rotonda organizzata da The Hollywood Reporter, le attrici Jennifer Lawrence ed Emma Stone hanno affermato di voler lavorare ad un progetto insieme. L’incontro è avvenuto il 15 novembre, e vi hanno partecipato anche Mary J. Blige, Jessica Chastain, Allison Janney e Saoirse Ronan. "Mi piacerebbe molto. Continuo a...

 

Recensione del film ‘Most Beautiful Island’

Most Beautiful Island è il film di Ana Asensio uscito in questo giorni nelle sale statunitensi, ben accolto dalla critica. Lo stile è documentaristico, con la macchina da presa che pedina la protagonista Luciana (la stessa Ana Asensio) tra le peregrinazioni della metropoli di New York. Lei è immigrata ispanica, e nella citt&a...

 

Recensione film DC Comics, Justice League

Justice League è il film tratto dall’omonima serie a fumetti che unisce alcuni degli eroi più importanti della DC Comics in una trama che ha il prevalente scopo di presentare i personaggi al grande pubblico. L’inizio di una nuova ed attesa saga dove l’inevitabile esigenza di calare i protagonisti nella storia e di pr...

 

The Force, David Mamet scriverà il film diretto da James Mangold

La Fox ha annunciato che il 1 marzo 2019 sarà la data di uscita ufficiale di “The Force”, il thriller poliziesco diretto da James Mangold, regista di “Logan” e “Walk the Line – Quando l’amore brucia l’anima”. Il film sarà un adattamento dell’omonimo romanzo di Don Winslow (e...

 

Quentin Tarantino, il nuovo film prevede un budget da 100 milioni di dollari

Per il nuovo film di Quentin Tarantino si è avviata una gara nella scelta del distributore. Dopo lo scandalo sul produttore Harvey Weinstein, la sua società Weinstein Company non si occuperà più della distribuzione dei film di Tatantino, chiudendo una collaborazione avviata nel 1992 con "Le iene”. A contendersi l...

 

Recensione del film The Big Sick

The Big Sick è il film di Michael Showalter con Kumail Nanjiani, Zoe Kazan, Holly Hunter. Kumail (Kumail Nanjiani) è un giovane comico di standup di Chicago, usa la sua auto con Uber e la notte si esibisce. Negli sketch ironizza sulla cultura pakistana, e questo aspetto è tenuto nascosto alla famiglia musulmana.Durante uno spe...

 
Da non perdere
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=23215079&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1 http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=23153235&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1
Ultime news
Recensioni