X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Festival di Venezia 2017: recensione del film 'Jusqu'à la garde'

08/09/2017 14:00
Festival di Venezia 2017 recensione del film 'Jusqu'à la garde'

"Jusqu'à la garde" è il film in concorso presentato alla Mostra del Cinema di Venezia

Mostrare una famiglia con i genitori divorziati, il figlio Julien (Thomas Gioria) che non vuole andare dal padre per il week end perché timoroso, e la madre che si rende irrintracciabile all’ex marito è più un caso da docu-drama televisivo che racconto cinematografico.

Questo è “Jusqu’à la garde” di Xavier Legrand, che racconta un caso di affido familiare non illustrando fino al termine che il motivo dell’allontanamento affettivo dei figli nei confronti del padre è causato dalle percosse inflitte alla madre.

E in tale attesa della scoperta, vediamo il padre Antoine Besson (Denis Ménochet) mentre va a prendere il figlio Julien, lo porta dai nonni, e cerca di scoprire da lui perché l’ex moglie Miriam Besson (Léa Drucker) lo eviti e dove abiti ora.

Il regista Legrand ambisce in questa maniera a far dubitare lo spettatore che il colpevole di tale situazione non è solo lui, bensì che anche Miriam possa essere causa di tali dissidi che hanno condotto al divorzio. In realtà è solo Antoine l’artefice della distruzione della famiglia a causa dei suoi modi violenti, ma il regista volontariamente omette queste informazioni, con una scelta che è furba quanto inutile.

Senza tale tassello fondamentale, il film “Jusqu’à la garde” diventa superfluo quanto era essenziale quell’omissione. L’interpretazione sofferta dei protagonisti cerca comunque di far emergere un pathos che solo le vittime di stalking possono provare.

Ma ciò non basta per sorreggere un sceneggiatura dalla successione di sequenze prevedibile, dettagli superflui, movimenti di macchina in soggettiva nel furgone di Antoine come se fosse un inseguimento. A ciò si unisce anche una linea narrativa secondaria non sviluppata, come quella della figlia Joséphine Besson (Mathilde Auneveux)
che si frequenta con un ragazzo ed in bagno fa un test di gravidanza: non si comprende perché tale vicenda incida su quella dei genitori divorziati, né perché lei non interagisca mai con il padre, pur se lo odia.

Resta il volto del piccolo Julien, che piange mentre cerca di difendere la madre dal padre, unico momento autentico in una storia da dozzinale cronaca nera.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Red Sparrow, prime immagini del film thriller con Jennifer Lawrence

È stato diffuso il primo trailer del film “Red Sparrow”, diretto da Francis Lawrence (leggi l’articolo sul film). Nelle immagini appare la protagonista Dominika (Jennifer Lawrence) mentre attende nella prova camera. Seguono degli omicidi: in realtà lei è reclutata dalla Sparrow School, un servizio segreto di ...

 

L'imperatrice Caterina, il film dalle potenti passioni con Marlene Dietrich

L'imperatrice Caterina (“The Scarlet Empress”) è il film del 1934 di Josef von Sternberg che usciva in questi giorni nelle sale statunitensi. La giovane principessa tedesca, Sophia Frederica (Marlene Dietrich) è scelta dalla regina Elisabetta di Russia per sposare il nipote, il principe Pietro (Sam Jaffe), così da ...

 

Tutti i soldi del mondo, prime immagini del film di Ridley Scott

È stato pubblicato il primo trailer del film “Tutti ii soldi del mondo”, diretto da Ridley Scott. Nelle immagini si mostra il giovane Paul Getty III (Charlie Plummer) mentre viene rapito a Roma. Uno dei rapinatori - interpretato da Romain Duris - chiama la madre del ragazzo, Gail (Michelle Williams) e chiede 17 milioni di dollar...

 

I vip con più matrimoni alle spalle

Spesso si pensa che le persone famose abbiano molto di più degli altri e senza dubbio ciò è vero almeno per quanto riguarda i matrimoni e i divorzi, dal momento che pochi vip sono riusciti a rimanere sposati con la stessa persona per tutta la vita. Il leggendario sassofonista Louis Armstrong è convolato a nozze quattro v...

 

Recensione del film 'White Sun', la lotta alla casta acclamata dalla critica

“White Sun” (”Seto Surya”) è il film di Deepak Rauniyar ben accolto dalla critica statunitense. L’ex partigiano anti-regime Chandra (Dayahang Rai) deve raggiungere il suo villaggio, per partecipare ai funerali del padre. Il luogo è sperduto tra le montagne, e da dieci anni Chandra non fa visita ai suoi c...

 

La battaglia dei sessi, immagini dell'anteprima con Emma Stone

Nelle immagini che mostriamo ci sono i protagonisti de film “La battaglia dei sessi”, presentato al Toronto Film Festival (leggi l'articolo sul film). La storia è quella della partita di tennis del 1973 tra il numero uno del mondo, la tennista Billie Jean King (Emma Stone) e l’ex campione Bobby Riggs (Steve Carrel). Nelle...

 

Recensione del film 'The Tribunal': matrimonio, fede e triangoli amorosi

Non è facile recensire un’opera come “The Tribunal”, perché si tratta così chiaramente di un film a tesi che diventa un’impresa non da poco il giudicarne gli aspetti cinematografici ignorando il messaggio che il prodotto è stato appositamente pensato e creato per veicolare. Ma procediamo con ordi...

 

Recensione del film 'Cars 3'

In “Cars 3” Saetta McQueen, l’auto campione di corsa continua il suo percorso nel circuito automobilistico: ma l’innovazione prende il posto della tradizione. Infatti si trova competere con la recluta arrogante Jackson Storm, nata con le ultime tecnologie per migliorare le prestazioni della corsa. I colleghi di Saetta non p...

 

Brie Larson, il film 'Unicorn Store' presentato al Toronto Film Festival

Brie Larson - attrice premio Oscar per “Room” - ha presentato al Toronto Film Festival la pellicola diretta da lei stessa "Unicorn Store”. La trama racconta di Kit (Larson), una giovane sognatore che rifiuta di abbandonare il suo senso di meraviglia. Si considera un’artista fallita, e comprende che l'unico modo per riuscire...

 

Margaret Qualley, è una misteriosa madre nel film 'Strange But True'

Margaret Qualley sarà protagonista del film “Strange But True” tratto dall’omonimo romanzo di John Searles. L’attrice è anche interprete del film “Death Note: Il quaderno della morte” nel ruolo di Mia Sutton, compagna del protagonista Light nonché alleata nella loro missione per liberare il ...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni