X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Festival di Venezia 2017, il film 'My Generation' con Michael Cane sui mutamenti degli anni '60 - recensione

07/09/2017 14:00
Festival di Venezia 2017 il film 'My Generation' con Michael Cane sui mutamenti degli anni '60 - rec

Al Festival di Venezia è stato presentato fuori concorso il film "My Generation"

My Generation è il film che propone una panoramica sui mutamenti accaduti a Londra negli anni ‘60, raccontati dall'attore Michael Cane.

Dal cemento degli anni precedenti, le difficoltà del dopoguerra si passa ad un periodo punk, fatto di colori che coprono gli edifici, emancipazione femminile. La scoperta della validità della pillola anticoncezionale porta la donna a rivedere la libertà del proprio corpo, che va di pari passo con la capacità di mostrarlo anche fisicamente. La minigonna lancia una vezzosità che finora era stata impensabile, tanto che Michael Cane ricorda quando la madre gli chiese cosa fosse questo tipo di abbigliamento, lui la condusse ai grandi magazzini. Lei vide una ragazza con la minigonna e commentò ironica: “se non ti concedi, è inutile mostrarla”.

L'invasione della pubblicità portò le donne ad usare anche il proprio volto in campagne, come molte che posavano una volta al giorno. A ciò si collega il mondo della musica: esemplare è l'intervista a Paul McCartney dei Beatles, il quale confessa al giornalista di avere usato l’LSD solo quattro volte, e l'interlocutore lo rimprovera perché lui dovrebbe essere un modello per i giovani. Così lui risponde che se deve essere un esempio, il giornalista dovrebbe esimersi dal pubblicare questa risposta dell’intervista, perché è lui ad avere una funzione sociale.

La musica è soprattutto la forma d'arte che maggiormente percepì questo influsso eclettico. Ci sono materiali con interviste ai Who, Twiggy, le modelle Marianne Faithfull - che fu trovata priva di sensi la mattina sul divano di Keith Richards - e Mary Quant. Il fotografo David Bailey, che divenne famoso per le sue inquadrature con smorfie di modelle.

Ne emerge fuori un affresco poliedrico, con sfaccettature che non sono solo quelle dei personaggi famosi che hanno vissuto quel periodo, ma sopratutto della gente comune che percepiva un cambiamento da cui era impossibile sottrarsi.

Ed essere intellettuale era sopratutto un atteggiamento vanitoso, perché ognuno aveva diritto a poter esprimere le proprie idee senza essere giudicato.

Come nella scena in cui un giornalista spocchioso ripreso di spalle chiede ad una modella quale sia il suo filosofo contemporaneo preferito, lei risponde di non averne e impone a lui di dire quale sia il suo. Il giornalista è in difficoltà, si volta verso la telecamera e si scopre che è Woody Allen.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Michael Caine
 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Interstellar recensione film, Matthew McConaughey e Anne Hathaway: buchi neri e deformazioni spazio-tempo

Interstellar film diretto da Christopher Nolan, e sceneggiato insieme al fratello Jonathan Nolan. Interstellar trama, salviamo l’umanità. In un futuro non troppo lontano, la Terra vive dei terribili mutamenti climatici, ed è messa in ginocchio da continue tempeste di sabbia che devastano l’agricoltura. Le risorse sono poc...

 

Interstellar, anticipazione del nuovo film di Christopher Nolan

Interstellar. È un film Usa di fantascienza del 2014 scritto, diretto e prodotto dal regista Christopher Nolan. "Interstellar", che nel suo fantastico cast annovera Matthew McConaughey, Anne Hathaway, Matt Damon, Jessica Chastain, Michael Caine e John Lithgow, esce nelle sale cinematografiche italiane il prossimo 6 novembre, distribuito da W...

 

Paolo Sorrentino: sir Michael Caine tra le Dolomiti In The Future, raffinato cult

Paolo Sorrentino non è tipo da adagiarsi facilmente sugli allori. Dopo il trionfo californiano con "La grande bellezza" che si è aggiudicato l'Oscar e i giorni dei giri mondani a conversare con autorità politiche, giornalisti, magnati e quant'altro, sta per tornare al lavoro. "In the future”, nuova fatica del cineasta pa...

 

Paolo Sorrentino: fresco di Oscar riceve sorridente la cittadinanza onoraria di Roma

Paolo Sorrentino è decisamente l'uomo del mese, forse dell'anno. E'il regista che ha riportato la statuetta più famosa del mondo in Italia dopo quindici anni, è l'uomo della provvidenza che ha guidato il riscatto del nostro paese dopo un periodo di crisi, sperando che non resti un caso isolato. Oscar. Ora per Sorrentino si pro...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni