X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Pro Evolution Soccer 2018, recensione videogame per PS4 e Xbox One

19/09/2017 15:15
Pro Evolution Soccer 2018 recensione videogame per PS4 Xbox One

Pro Evolution Soccer 2018 è la nuova incarnazione del calcistico di Konami, un titolo profondo, ragionato e divertente

Pro Evolution Soccer 2018 è il videogioco calcistico sviluppato da Konami, l’appuntamento annuale con una delle serie storiche giapponesi, che ha affascinato e divertito milioni di utenti negli ultimi venti anni. Il calcio nato come ISS Pro sulla prima PlayStation ha da sempre dettato le regole per quanto riguarda l’aspetto simulativo del calcio, con capitoli memorabili continuati sotto la nomenclatura di Pro Evolution Soccer, con un predominio evidente sino alla fine dell’era PlayStation 2. Gli ultimi dieci anni, tuttavia, hanno rovinosamente invertito la tendenza, con un declino a tratti inspiegabile della serie, che ha perso la sua vera identità e ha proposto una filosofia di calcio mai riuscita sia nelle meccaniche che dal punto di vista tecnico, lasciando campo libero al rivale storico FIFA. L’anno scorso, però, l’arrivo di PES 2017 ha inaspettatamente invertito la rotta, con un titolo profondo e dall’indole simulativa, almeno per quanto riguarda dinamiche di gioco e senza l’attivazione di qualsiasi aiuto a supportare l’utente. Seppure assente di una cornice di modalità e licenze adeguate, l’impianto grafico, con volti e fattezze assolutamente perfetti, ha riportato la serie sui canoni che l’hanno resa famosa. PES 2018 è un’evoluzione di quanto di buono visto l’anno scorso, un perfezionamento tecnico ed estetico, un ulteriore passo verso la rinascita del brand Konami.

Le modalità di Pro Evolution Soccer 2018 ricalcano in pieno quanto apprezzato nel predecessore, integrando solamente un’interessante modalità 3 contro 3 online, che si va ad aggiungere al pacchetto di partite in multiplayer e alla modalità MyClub, dove allestire un top team. La struttura per giocatore singolo si muove lungo l’immortale Master League, dove poter provare la scalata da una serie minore o gestire i team di maggior prestigio. L’amministrazione economica e dalla rosa permette di far crescere giocatori e giovani talenti, attraverso gli allenamenti, oltre alle trattative per l’acquisizione di nuovi cartellini. La compravendita, tuttavia, soffre di prezzi e clausole non propriamente realistiche, difetto che la serie si porta dietro da alcuni capitoli. Accanto ai classici Campionati, possiamo gettarci nelle competizioni internazionali, quali Champions League, Europa League, Coppa Libertadores, tutte rigorosamente su licenza. Se le coppe possiedono grafiche e diritti ufficiali, lo stesso discorso non si può dire delle numerose squadre europee, con buona parte della Premier League senza licenza e l’assenza della Bundesliga, oltre che nel nome fittizio della nostrana Juventus. Grave e storico difetto, che può tuttavia essere facilmente superato dagli aggiornamenti non ufficiali dei File Opzioni, disponibili su PS4, con cui riversare su pennetta maglie, loghi e nomi reali di ogni squadra e giocatore.

Il gameplay di Pro Evolution Soccer 2018 riconferma la filosofia di gioco del precedente, ottimo, episodio, disegnando una linea guida che lo differenzia rispetto al rivale americano. Il ritmo di gioco è più lento e ragionato, utile e fondamentale nel costruire manovre articolate, che esulano dall’irrealistico coast to coast con un singolo fuoriclasse. Tattica e strategie offensive portano quindi a scambiarsi spesso palla, cercando il momento ed il varco giusto, sopratutto alle difficoltà più avanzate. Le trame che ne scaturiscono, e la possibilità di modificare la velocità di gioco secondo le nostre esigenze, si incastrano alla perfezione con la modalità full manual, dove disattivare gli aiuti e avere il pieno controllo di ogni azione. A supportare l’impianto messo in piedi da Konami ci pensa la fisica del pallone, pesante e realistica, una caratteristica basilare in un gioco di calcio. Se i passaggi e i lanci sono davvero ben calibrati, i tiri restano ancora troppo potenti, nonostante il bilanciamento generale attuato nelle dinamiche di gioco di PES 2018. 



Cosa c’è di meglio della resa dei volti di Pro Evolution Soccer 2018, tra fotorealismo, sudore ed espressioni facciali? Il titolo calcistico nipponico si conferma come il miglior esponente della categoria per quanto riguarda le fattezze dei calciatori, curati nel minimo dettaglio e che sfruttano il Fox Engine per replicare emozioni sui loro visi. La riconoscibilità dei giocatori, non solo i più famosi, è incredibile e il lavoro di scannerizzazione facciale si rinnova annualmente, andando a migliorare anche i top player, di anno in anno. L’illuminazione è stata migliorata, con stadi e campi dalla palette cromatica decisamente più realistica, e un sistema di deterioramento del campo finalmente presente. Il gran numero di nuove animazioni rende l’azione più fluida e i movimenti dei giocatori ben legati tra loro, tra colpi di testa, spallate, scivolate e parate dei portieri, un campionario di movenze che aiuta a rendere credibile e realistica ogni azione.

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Fabio Tosti
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Gran Turismo Sport, recensione videogame per PS4

Gran Turismo Sport è il videogioco automobilistico sviluppato da Polyphony Digital e in esclusiva per PS4, il primo della serie ad approdare sull’ammiraglia di Sony. GT Sport esce dopo ben quattro anni dall'ultimo capitolo, troppo simile al precedente e che segnò vendite molto più basse rispetto ai grandi numeri del passa...

 

Killer Instinct, il nuovo fumetto tratto dal videogioco di Nintendo

Dynamite Entertainment trasforma il videogioco picchiaduro della Nintendo in un fumetto. Killer Instinct ha debuttato lo scorso mese, mentre si attende l'uscita del terzo numero per metà novembre.La serie è affidata all'acclamato autore di bestseller del New York Times Ian Edington e all'artista Cam Adams. Lo scenario del videogame p...

 

The Evil Within 2, recensione videogame per PS4 e Xbox One

The Evil Within 2 è il videogioco horror di Bethesda Softworks, il seguito di un apprezzato primo capitolo che ha saputo ridare nuova linfa agli action a sfondo horror, con una Campagna convincente e un ritmo azzeccato. Il lavoro del team di sviluppo Tango Gameworks, guidato da Shinji Mikami, lo storico creatore della saga di Resident Evil, ...

 

Avengers: Infinity War, i Vendicatori aggiornano il look

Con le prime foto dal set di Avengers: Infinity War, i fan scoprono diversi cambiamenti relativi ai costumi dei protagonisti. L'ex Captain America (Chris Evans), ora Steve Rogers, abbandonerà la tuta a stelle a strisce in favore di un umore dark, mentre Thor (Chris Hemsworth) e Vedova Nera (Scarlett Johansson)si equipaggiano di un look decis...

 

Dynamite Entertainment, Atari Force: esce il volume ispirato ai videogiochi degli Anni Ottanta

Dynamite Entertainment pubblica le miniserie comics ispirate ai videogiochi della console domestica Atari 2600 raccolte in unico volume. I due fumetti uscirono nella metà degli Anni Ottanta per DC Comics ed erano ispirati al mondo di Atari, Inc. la società, fondata nei primi Anni Settanta, capace di lanciare il mercato dei videogames....

 

Forza Motorsport 7, recensione videogame per Xbox One e PC

Forza Motorsport 7 è il videogioco sviluppato da Turn 10 in esclusiva per piattaforme Microsoft, con l’attuale versione per Xbox One e PC e il futuro aggiornamento per Xbox One X il prossimo 7 novembre. La serie automobilistica americana si è ritagliata con il passare degli anni uno spazio importante all’interno delle simu...

 

Green River Killer A True Detective Story il fumetto della Dark Horse Comics

“Green River Killer A True Detective Story” è il fumetto della casa editrice Dark Horse Comics pubblicato in paperback nel 2015 in America. Dopo molto tempo dalla sua uscita, questo intrigante fumetto diventerà un film e le redini del progetto sono state assegnate a Michael Sheen. Il team creativo del fumetto invece &egrav...

 

Recensione Dov'è la casa dell'aquila? La nuova graphic novel di Orecchio Acerbo

Dov'è la casa dell'aquila? è la nuova graphic novel per bambini della casa editrice Orecchio Acerbo. Lo scorso 12 ottobre questo albo è uscito in tutte le fumetterie italiane. L'albo illustrato è composto da 28 pagine ed è adatto a tutti i bambini dai 4 anni in su. L'intera graphic novel è stata realizzata ...

 

La Terra di Mezzo: L'Ombra della Guerra, recensione videogame per PS4 e Xbox One

La Terra di Mezzo: L'Ombra della Guerra è il videogioco sviluppato da Warner Bros Interactive Entertainment, l’incarnazione videoludica che utilizza luoghi ed immaginario de Il Signore degli Anelli di J.R.R Tolkien, con una struttura narrativa personale e incentrata sul personaggio dalla doppia anima di Talion e Celebrimbor. L’Om...

 

Justice League, Wonder Woman leader indiscussa

Il nuovo trailer “Heroes” di Justice League rivela scene spettacolari promettendo siparietti comici. Nella sequenza iniziale compare anche Henry Cavill nei panni di Superman, ma è una scena immaginata da Lois Lane (Amy Adams), l'adorata collega ora in lutto. Tra i fan, oltreoceano, c'è chi comincia a dubitare dell'effetti...

 


Da non perdere
Ultime news
Recensioni
pixel sony skin pixel sony skin