X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Il cinema portatile, vedere i film con gli ologrammi

07/08/2017 09:45
Il cinema portatile vederefilm con gli ologrammi

Dagli ologrammi ai vari device, il cinema diventa sempre più portatile.

Il cinema portatile è quello che può essere fruito attraverso i dispositivi mobili, senza andare al cinema o essere a casa.

Oltre la consistenza di vedere un film su un cellulare - il regista Christopher Nolan ha ribadito che non realizzerebbe mai un film per Netflix perché non prevede il passaggio nelle sale cinematografiche - il godimento audiovisivo è cambiato dall’11 luglio 2008, quando con l’arrivo del primo iPhone 3g era possibile sfogliare con qualità da videogame i video sui cellulari.

Usufruire dei film - o serie tv - attraverso il cellulare è ormai una possibilità, con l’unico inconveniente della durata della batteria. Ma l’autonomia del cellulare pare essere prossima, grazie al primo prototipo dell’Università di Washington di un telefono privo di batteria. L’oggetto utilizza l’energia dei segnali radio di una stazione posta a 9 metri di distanza, ed essendo finanziata da Google la ricerca presume uno sviluppo.

La stessa Google però ha dovuto patire il fallimento di Google Cardboard, lo strumento che posizionato davanti agli occhi assemblando uno smartphone permette di vedere un film. L’insuccesso di Google Cardboard è proprio dovuto alla non-contemporaneità tra la visione di un video e degli oggi reali. Esso infatti rende lo spettatore nel momento della visione cieco verso l’esterno.

Un oggetto che invece sopperirà a questa mancanza di simultaneità tra visione e percezione è Microsoft HoloLens. L’esile strumento posizionato sopra le orecchie sovrappone delle immagini - che possono essere anche quelle di uno schermo del cinema - al mondo reale, con le schermate che si desiderano in un istante. Su questo schermo virtuale è possibile visionare un film.

L’innovazione della Realtà Aumentata (AR - Augmented Reality) è la stessa possibilità di percepire il film come se si fosse al cinema, su uno schermo bidimensionale, eliminando la nausea di afferrare gli oggetti presenti della Realtà Virtuale (VR - Virtual Reality, leggi l’articolo)?

I casi di utilizzo della Realtà Aumentata sovrapposti con la Realtà Virtuale sono rari. La prima sovrapporre oggetti virtuali nel mondo reale, mentre la seconda inserisce lo spettatore in un mondo che è diverso, che ha l'effetto di immergere l'ascoltatore in un film ma anche di estraniarlo - e renderlo cieco - da quello reale.

La tecnologia ad ologrammi potrebbe modificare il modo in cui interagire con schermi di tutti i tipi, da lavorare a guardare la TV. È possibile inserire uno schermo video olografico ovunque si desideri, spostandolo, con un suono che rende l'esperienza visiva privata ma non estraniata. Infatti nel momento della visione si può guardare anche il nostro rubinetto della cucina che sgocciola.

Per ora non è possibile condividere questa esperienza con altre persone: se si è seduti sul divano accanto a qualcuno, lui non potrà vedere il film che noi stiamo vedendo. Ora è impossibile guardare un film in due in realtà aumentata.

Lo strumento che produce l’ologramma non ha bisogno di connessioni con fili o PC: il sistema è raffreddato senza ventilatori, i sensori avanzati riescono ad acquisire informazioni su ciò che stiamo eseguendo, mappando i luoghi fisici, gli spazi e le cose che ci circondano. Rispetto alla Realtà Virtuale le immagini multidimensionali a colori sono a bassa latenza, in modo da poter visualizzare gli ologrammi nel nostro mondo, grazie ad un processore che dai sensori elabora una grande quantità di dati al secondo. Con la stessa filosofia “realistica”, l’audio senza cuffie non blocca il mondo esistente, utilizzando il modello scientifico per cui l’orecchio umano recepisce un suono sempre da una posizione specifica.

In attesa della distribuzione capillare di queste lenti - che per ora costano 3000 dollari e che anche la Apple sta sviluppando - occorrerà accontentarsi del classico SmartWatch che permette di vedere i film sul proprio polso.

Basta infatti attivare il riproduttore multimediale ed è possibile guardare film o video, anche se la batteria durerà meno di 3 ore.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

'Loro', Toni Servillo è Berlusconi sul set del nuovo film di Paolo Sorrentino

Le riprese di “Loro” sono cominciate lo scorso agosto a Roma; oggi la lavorazione del film sarebbero “già a metà”, stando a quanto dichiarato ai microfoni di “Un giorno da pecora” da uno degli attori protagonisti, Riccardo Scamarcio. Oltre ovviamente a Toni Servillo, che ormai sta a Paolo Sorrentin...

 

Bad Moms Christmas, nuove immagini del film

Nuove clip sono state diffuse di “Bad Moms Christmas”, il film di Jon Lucas e Scott Moore sequel di “Bad Moms”. Le tre mamme irriverenti (Mila Kunis, Kristen Bell, Kathryn Hahn) per il Natale devono organizzare una vacanza per le rispettive famiglie, nonché ospitare le proprie madri. Alla fine del viaggio le protagon...

 

Recensione del film It

It è il film horror di Andy Muschietti, tratto dal romanzo di Stephen King. La regia dall’inizio pretende di mostrare i vari punti di vista, e ciò allenta la tensione del film: il piccolo George (Jackson Robert Scott) cerca di prendere la sua barchetta di carta che scivola per la strada bagnata. All’improvviso da dentro l...

 

Film più visti della settimana, le novità sono 'Happy Death Day' e 'The Foreigner'

Il box office ufficiale dei film più visti negli Stati Uniti dal 13 al 15 ottobre 2017 segna l’entrata al primo posto dell’horror “Happy Death Day” (“Auguri per la tua morte”, 26.039.025 dollari): una studentessa del college rivive il giorno del suo omicidio, fino a scoprire l'identità del suo kille...

 

La battaglia dei sessi, incontro con i registi del film

La battaglia dei sessi (“Battle of the Sexes”) è il film diretto da Jonathan Dayton e Valerie Faris, con Steve Carrel e Emma Stone. Mauxa ha partecipato alla conferenza stampa del film con i registi. La storia evoca la partita di tennis avvenuta il 20 settembre 1973 tra Bobby Riggs e Billie Jean King: la ventinovenne tennista gi...

 

L'alba del mondo: dal romanzo al film, intervista allo scrittore Rhidian Brook

Rhidian Brook è autore di “The Aftermath” (“L’alba del mondo”) , libro che diverrà un film nel 2018 interpretato da Alexander Skarsgård, Keira Knightley e diretto da James Kent. Mauxa l'ha intervistato. La storia racconta - nella Germania del 1946 - della giovane Rachael Morgan che arriva con l&rsq...

 

Splinter Cell, Tom Hardy protagonista del film ispirato ai videogiochi Ubisoft

L’“Assassin’s Creed” con Michael Fassbender è stato un flop caduto subito nel dimenticatoio, ma questo non ha scoraggiato la Ubisoft, che si dice ancora intenzionata a trasformare in un film “Splinter Cell”, l’altro franchise che l’ha resa uno dei colossi del settore videogames. Tom Hardy si &...

 

Gus Van Sant, il nuovo film è 'Don't Worry'

Gus Van Sant è al lavoro al nuovo film, dal titolo “Don't Worry, He Won't Get Far on Foot”. La vicenda ruota attorno a John Callahan (Joaquin Phoenix), che a 21 anni dopo un incidente d’auto resta paralizzato. Il giovane però non demorde, e comincia dipingere come forma di terapia. Nel cast ci sono anche Jonah Hill...

 

Eva contro Eva, il film sull'apparente disponibilità con Bette Davis

Eva contro Eva è il film di Joseph L. Mankiewicz che usciva nelle sale statunitensi in questo periodo, nel 1950. Alla consegna annuale del premio Sarah Siddons Society ci sono vari drammaturghi, tra cui Addison DeWitt (George Sanders), Lloyd Richards (Hugh Marlowe) e la moglie, assieme e personaggi dello spettacolo tra cui la famosa attrice...

 

Movies Anywhere, la nuova App che centralizza i film

Movies Anywhere è lanciato oggi negli Stati Uniti con cinque studios che forniranno i contenuti. Si tratta di Sony Pictures Entertainment, The Walt Disney Studios (che comprendono Disney, Pixar, Marvel Studios e Lucasfilm), Twentieth Century Fox Film, Universal Pictures e Warner Bros. Entertainment. L’obbiettivo è fornire un'e...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni
pixel sony skin pixel sony skin