X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film 500 Years, la distruzione dell'attuale civiltà Maya

03/08/2017 08:00
Recensione del film 500 Years la distruzione dell'attuale civiltà Maya

"500 Years" è il film documentario sul genocidio della civiltà Maya attuale, acclamato dalla critica. Mauxa l'ha visto in anteprima.

500 Years è il film di Pamela Yates presentato a New York nei giorni scorsi, e che ha già partecipato al Sundance Film Festival ottenendo il consenso della critica. È distribuito dalla Paladin Film.

Le donne Maya che partecipano ad un processo sono un’immagine eloquente delle lotte secolari che imperversano sul territorio messicano. Le loro vesti colorare, pitturate di sfumature  arancioni male si adattano a sermoni legali, ma il genocidio compiuto sulla loro popolazione esige un senso di giustizia che le porta a dover lottare contro un governo sordo.

Nel mese di gennaio 2013 una lunga fila di Maya indigeni si dirige nell'Alta Corte Costituzionale, istituzione storicamente dominata dagli interessi di una piccola minoranza bianca elitaria. La giornalista e antropologa Irma Alicia Velásquez Nimatuj afferma che questa popolazione “si alza dalle ceneri del genocidio, e che ancora vive nella paura”. Infatti tre decenni prima l'élite dirigente, sostenuta dagli Stati Uniti con un colpo di stato rovesciò un governo democraticamente eletto, entrando in un tunnel di repressione e massacri che mieterono 200.000 morti indigeni. I medesimi artisti urbani, intellettuali e gli attivisti sono scomparsi.

Dopo tredici anni di perseveranza i sopravvissuti Maya portarono uno dei principali artefici del genocidio, l’ex dittatore Efraín Ríos Montt a processo: lui è dichiarato colpevole ma dopo dieci giorni - sotto una pressione politica - la Corte Costituzionale annulla il verdetto per un problema di tecnicità.

Al processo una testimone coperta con un velo piange raccontando il massacro subito dalla sua famiglia. Poi emerge la voce della difesa: “Io dubito dell’attendibilità di alcuni testimoni”.

Il documentario di Pamela Yates pur se indugia nei momenti del processo, non prende posizione su queste opinioni. Forse conscia che l’ideologia del potere dominante non potrà garantire la giustizia ai Maya: enormi progetti internazionali come miniere aperte, dighe idroelettriche, aziende agricole sproporzionate sono istallate nei territori Maya, che continuano ad essere distrutti. Secondo l’antropologa Irma Alicia, "se il governo concede tutte le licenze che le aziende hanno richiesto, ci sarà una miniera ogni 60 miglia quadrate”.

Se il processo per molti è stato deludente, per altri è inteso come una minima e improbabile vittoria della popolazione indigena.
Il merito è stato quello di smuovere le coscienze, con la classe media urbana che è uscita per protestare, unendosi a migliaia di persone Maya. Si sono unite alla resistenza superando il divario razziale. Si è fondato un collettivo mediatico con giovani che fanno veicolare le notizie sul web.

L’Hollywood Reporter ha apprezzato proprio la capacità del documentario di mostrare l’”oltraggio”, mentre il The New York Times conferma che il lavoro porta a sostenere i suoi soggetti persino nell'omissione dei dettagli da parte della regista.

Emerge alla fine un’amara constatazione, che una civiltà già massacrata nel 1500 dagli occidentali debba ancora sedersi dietro gli scranni di un tribunale per proclamare la propria dignità.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Jennifer Lawrence e Emma Stone insieme in un film

Durante la tavola rotonda organizzata da The Hollywood Reporter, le attrici Jennifer Lawrence ed Emma Stone hanno affermato di voler lavorare ad un progetto insieme. L’incontro è avvenuto il 15 novembre, e vi hanno partecipato anche Mary J. Blige, Jessica Chastain, Allison Janney e Saoirse Ronan. "Mi piacerebbe molto. Continuo a...

 

Recensione del film ‘Most Beautiful Island’

Most Beautiful Island è il film di Ana Asensio uscito in questo giorni nelle sale statunitensi, ben accolto dalla critica. Lo stile è documentaristico, con la macchina da presa che pedina la protagonista Luciana (la stessa Ana Asensio) tra le peregrinazioni della metropoli di New York. Lei è immigrata ispanica, e nella citt&a...

 

Recensione film DC Comics, Justice League

Justice League è il film tratto dall’omonima serie a fumetti che unisce alcuni degli eroi più importanti della DC Comics in una trama che ha il prevalente scopo di presentare i personaggi al grande pubblico. L’inizio di una nuova ed attesa saga dove l’inevitabile esigenza di calare i protagonisti nella storia e di pr...

 

The Force, David Mamet scriverà il film diretto da James Mangold

La Fox ha annunciato che il 1 marzo 2019 sarà la data di uscita ufficiale di “The Force”, il thriller poliziesco diretto da James Mangold, regista di “Logan” e “Walk the Line – Quando l’amore brucia l’anima”. Il film sarà un adattamento dell’omonimo romanzo di Don Winslow (e...

 

Quentin Tarantino, il nuovo film prevede un budget da 100 milioni di dollari

Per il nuovo film di Quentin Tarantino si è avviata una gara nella scelta del distributore. Dopo lo scandalo sul produttore Harvey Weinstein, la sua società Weinstein Company non si occuperà più della distribuzione dei film di Tatantino, chiudendo una collaborazione avviata nel 1992 con "Le iene”. A contendersi l...

 

Recensione del film The Big Sick

The Big Sick è il film di Michael Showalter con Kumail Nanjiani, Zoe Kazan, Holly Hunter. Kumail (Kumail Nanjiani) è un giovane comico di standup di Chicago, usa la sua auto con Uber e la notte si esibisce. Negli sketch ironizza sulla cultura pakistana, e questo aspetto è tenuto nascosto alla famiglia musulmana.Durante uno spe...

 

Film più visti della settimana, ‘Thor: Ragnarok’ e ‘Daddy's Home 2’ ai primi posti

Il box office ufficiale dei film più visti negli Stati Uniti dal 10 al 12 novembre 2017 conferma al primo posto "Thor: Ragnarok” (212.068.013 dollari,  leggi l’articolo): Thor lotta contro l’ex alleato Hulk, impedendo anche ad Hela di distruggere la civiltà asgardiana. Al secondo posto c’è la novit...

 

Cate Blanchett, è horror il nuovo film tratto da un romanzo

Cate Blanchett dopo il ruolo di Hela nel film “Thor: Ragnarock” lavorerà ad un film horror. “The House with a Clock in its Walls” è tratto da un romanzo del 1973, scritto da John Bellairs. L'orfano Lewis Barnavelt (Owen Vaccaro) si trasferisce nella città di New Zebede, nel Michigan. Qui abita lo zio Jo...

 

Lav Diaz, il nuovo film è un’opera rock

Lav Diaz, vincitore del Leone d’oro al Festival di Venezia 2016 con “The Woman Who Left” è al lavoro al nuovo film, dal titolo "Ang Panahon ng Halimaw" (letteralmente, “La stagione del diavolo”). Il film mescola musica, opera rock e dramma. A produrlo è Bianca Balbuena, che ha già lavorato a &ldqu...

 

Agadah, intervista all’attore del film Alessio Boni

“Agadah” è il film di Alberto Rondalli nelle sale da questa settimana. Mauxa ha intervistato l’attore Alessio Boni, che in queste settimane è anche al cinema con “La ragazza nella nebbia” e la serie tv “La strada di casa”. D. Nel film “Agadah” interpreti Pietro Di Oria. Puoi racco...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=23215079&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1