X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

L'arte digitale, inserire il tempo nelle immagini: intervista all'artista San Base

24/07/2017 08:00
L'arte digitale inserire il tempo nelle immagini intervista all'artista San Base

Mauxa ha intervistato San Base, artista che sviluppa in maniera continua l'arte digitale.

San Base è uno dei maggiori esponenti dell’arte digitale. L’artista ha perfezionato un nuovo tipo di arte, chiamata Generative Art in cui l'opera artistica nasce da un software, che rielabora continuamente un’immagine iniziale. Questa rielaborazione viene poi spesa al muro, con uno schermo LCD o al plasma. Il risultato è che l’opera non è mai la stessa.

Mauxa l’ha intervistato. San Base ha esposto a Montreal, Valencia, Toronto - dove ora vive - Russia e Milano.

D. Sam, qual è il tuo ultimo lavoro in arte digitale?
San Base. Se stiamo parlando di video arte, il mio ultimo lavoro è del 2015 e si tratta di un BluRay in 3D dal titolo “Geography of the Universe”. È difficile classificare il genere di questo progetto, ma può essere descritto come un viaggio attraverso i mondi virtuali. Il BluRay contiene sei episodi, ognuno dei quali rappresenta il proprio mondo virtuale. In ogni mondo lo spettatore può volare serenamente attraverso spazi strani e belli. O terribili. Devo dire che questi mondi esistono oggettivamente; essi sono reali come il mondo che vediamo intorno. Esistono semplicemente nello spazio matematico e non nello spazio fisico come il nostro mondo. Credo che siano stati generati dal Creatore, nel stesso momento della creazione dell'Universo. Io semplicemente tramuto queste sostanze matematiche in immagini visibili e comprensibili.

D. Quindi prendi un’immagine e la rielabori attraverso un algoritmo, rendendola in continuo movimento. Come al cinema?
S. B. Io ho iniziato come artista tradizionale con vernici e tela. Poi ho deciso di creare immagini dinamiche perché l'elemento del tempo è così importante per il mondo, così come le nostre esperienze all'interno di esso. Per questo ho dovuto usare un computer, in quanto i materiali tradizionali non mi danno la possibilità di fare ciò. Ho percorso una lunga strada partendo da semplici immagini astratte dinamiche ad oggi, creando mondi ultra-realistici e frattali tridimensionali.

D. Possiamo dire che la tastiera del computer è diventata quindi la macchina da presa e il pennello?
S. B. Sì, Giovanni. Invece dei pennelli e colori, io ora siedo alla tastiera del computer. Voglio sottolineare che non esiste un unico programma per la creazione tutte queste immagini dinamiche. Ogni immagine è il prodotto di un programma unico; ogni volta occorre riscriverlo da zero. Così ogni immagine dinamica è un programma, e il programma deve essere creato in modo univoco per ogni immagine. Quando un “scheletro” del dipinto è pronto, inizia un lungo processo di messa a punto con immagini e colori corrispondenti, imponendo restrizioni sui parametri che influenzano l'immagine; quando questi parametri cambiano, il risultato non deve essere il caos.

D. Il lavoro quindi può essere anche lungo.
S. B. Può richiedere settimane. Quando l'immagine dinamica è pronta, può vivere la sua vita senza fine, creando innumerevoli varianti della trama di base. Dopo di che si può registrare un video che mostri pochi minuti della vita del quadro. Ma, come ho detto, l'immagine dinamica reale è infinita.

D. Pensi che la tecnologia possa aiutare l'arte?
S. B. Naturalmente la tecnologia coadiuva l'arte. Perché sprecare il vostro tempo su ciò che non è arte? Al tempo di Michelangelo Buonarroti gli artisti erano costretti a prelevare i colori stessi da ingredienti naturali, ora siamo in grado di acquistare prodotti chimici in qualsiasi negozio d'arte. Questo permette all'artista di lavorare in modo più produttivo. Le maggior parte delle controversie si verificano in particolare intorno all'uso del computer per l'arte. Molte persone sono certe che i computer e l'arte siano incompatibili, perché il computer procede da solo. Ma non è così: il computer è un pezzo completamente sordo di ferro e silicio - che non può fare nulla da solo. L'apparente facilità con cui un computer visualizza le immagini è resa possibile solo da centinaia di ore di lavoro dei programmatori. Voglio ricordare che tutti gli sviluppatori di software sono in realtà persone.
Si consideri un semplice esempio: “Don Chisciotte” di Pablo Picasso. Mi molto piace questa immagine.

Picasso nel 1955 usa inchiostro e carta. Ora immaginate che abbia disegnato la stessa immagine con Photoshop: in questo caso il quadro sarebbe peggiore? La risposta ovvia è ‘no’. Andiamo oltre: immaginate che Picasso abbia scritto un programma che ha creato questa immagine. Chi è l'autore della foto? Picasso o il suo computer? È sicuramente Picasso. Il quadro è peggiorato, per aver usato un computer? Di nuovo, la risposta è ‘no’. Inoltre scrivendo un programma Picasso può facilmente cambiare i suoi parametri. In questo caso si ottengono variazioni dell'immagine originale, avendo milioni di varianti, alcune delle quali saranno peggiori o migliori dell’originale. In ogni caso, l'arte è creata da umani, il computer è semplicemente uno strumento per la realizzazione della sua creatività.

D. Hai citato Michelangelo Buonarroti. Hai mai visitato l'Italia?
S. B. Non sono mai stato in Italia, ma vorrei visitare il vostro meraviglioso paese. L'Italia e l'arte sono inseparabili. Ricevo regolarmente gli inviti alla conferenza Generative Art di Milano (quest'anno sarà a Ravenna), ma purtroppo i miei impegni mi impediscono di attraversare l'oceano ogni volta.

D. Qual è il tuo prossimo progetto?
S. B. Gli ultimi due anni sono stato impegnato esclusivamente nella VR, realtà virtuale. Un anno fa i primi visori di VR sono apparsi in vendita e ora è possibile immergersi nei miei mondi virtuali più che mai. Al momento sto finendo la mia prima app per il visore Oculus Rift VR: si chiamerà “Travel San Base” e consentirà all'utente di esplorare ed essere immerso in complessi mondi frattali. Naturalmente, come sempre non ho la risoluzione dello schermo con tanta potenza di calcolo come vorrei, ma ho dovuto affrontare questo problema per 15 anni. Non appena appaiono schede video più potenti, ho subito iniziato a realizzare immagini più complesse. Cerco sempre di spingere la tecnologia ai limiti per ampliare le possibilità dell'arte e della comunicazione creativa. Sono anche sicuro che nel prossimo futuro - da 5 a 10 anni - la realtà virtuale prenderà il posto come interfaccia de facto a Internet, o almeno ci sarà una simbiosi con le nostre interfacce correnti. Forse la realtà virtuale presto diventerà un ambiente abituale per milioni di persone e sarebbe strano se questo ambiente non includesse le varie forme d'arte.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Pablo Picasso

 
Galleria fotografica
Da non perdere
Ultime news
Recensioni
pixel sony skin pixel sony skin