X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

'Will', Craig Pearce racconta Shakespeare usando paradigmi moderni

10/07/2017 07:00
'Will' Craig Pearce racconta Shakespeare usando paradigmi moderni

"Will", serie tv che esordirà oggi sulla TNT, rivisita la gioventù di William Shakespeare in chiave moderna; l'ideatore è Craig Pearce, già nella sceneggiatura di "Romeo+Juliet", che si avvale del giovane Laurie Davidson nel ruolo del protagonista e di un Ewen Bremner in grande spolvero. Mauxa ha visto la prima puntata.

"Will" affronta la gioventù di uno dei più grandi poeti e drammaturghi della storia, William Shakespeare, romanzandone alcuni aspetti e trasportando il tutto a una dimensione simile a quella contemporanea. La storia inizia con il giovane aspirante commediografo che abbandona la moglie e il figlio nella cittadina di Stratford per recarsi nella metropoli londinese a caccia di fama e di gloria. La serie tv mantiene una certa attinenza con la vicenda storica pur prendendosi molte libertà e raccontando la vicenda con uno stile rivoluzionario e sorprendente.

In "Will" osserviamo paradigmi, costumi e modi di fare che ricordano più il post-punk anni ottanta che l'Inghilterra elisabettiana del tardo sedicesimo secolo: balletti di gruppo, costumi e trucco tipici del pop di fine Novecento in un tentativo azzardato di coniugare vecchio e nuovo. Del resto l'ideatore della serie è Craig Pearce che nel 1996 contribuì a stendere la sceneggiatura di “Romeo + Juliet,” altra pellicola che rivisitava Shakespeare in chiave moderna; con le sue scene di tortura e di sesso spinto, "Will" ritrae il rinascimento inglese nello stile de "Il trono di spade", come ha scritto Maia Silber del Washington Post.

Sebbene non si deve cadere nell'errore di giudicare una serie dall'episodio pilota, "The Play's The Thing" ci fa intuire quali saranno i pilastri della prima stagione: i ritmi piuttosto serrati e la colonna sonora moderna su cui spicca "London Calling" dei Clash, brano decisamente adatto all'ingresso dello spaesato Will nella metropoli caotica. Le inquadrature dell'inseguimento al giovane scippatore e dello spettacolo nel teatro risultano poi particolarmente coinvolgenti.

Per la parte del giovane Will è stato scelto Laurie Davidson, alla prima esperienza in un ruolo di primo piano. L'australiana Olivia DeJonge, già vista in "Hiding" nei panni di Tara Swift / Shaneen Quigg, interpreta Alice Burbage, la figlia dell'impresario che accoglie il giovane Shakespeare. Il cast comprende Colm Meaney, Mattias Inwood, Jamie Campbell Bower nei panni del perfido commediografo rivale e infine Ewen Bremner, Spud di "Trainspotting", nel ruolo del fanatico inquisitore protestante Richard Topcliffe. La serie consiste di 10 episodi ed esordirà proprio oggi 10 luglio sul canale TNT.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
 
Galleria fotografica
Da non perdere
Ultime news
Recensioni