X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Luigi Pirandello, i film ispirati alle sue opere a 150 anni dalla nascita

19/06/2017 08:00
Luigi Pirandellofilm ispirati alle sue opere 150 anni dalla nascita

Luigi Pirandello, premio Nobel per la Letteratura ha ispirato con le sue opere vari film.

Luigi Pirandello, di cui si celebrano il 150 anni dalla nascita (avvenuta il 28 giugno 1867) lavorò anche per il cinema. Molti furono i film che si ispirarono alle sue pièce o novelle.

Il primo film tratto da una sua opera è “Il lume dell'altra casa” (1920) di Ugo Gracci con Anna Gracci, Gaietta Gracci e lo stesso regista: la trama è quella di un impiegato del Ministero che dalla finestra spia la vita della famiglia, fino ad un equivoco che è alla base di un rapporto con la donna della casa.

Seguì “Lo scaldino” dello stesso anno, di Augusto Genina: qui un rigattiere vende gli oggetti riscaldato solo da uno scaldino di terracotta che ogni sera gli porta la nipotina, fino all’omicidio finale.

Ma non è una cosa seria” (1921) racconta di un libertino che effettua un matrimonio di comodo per godere della propria anarchia, scoprendo però un sentimento inatteso per la moglie. È “Il viaggio” (1921) di Gennaro Righelli - maestro nel mescolare commedia e sarcasmo - a segnare una conversione verso tematiche ironiche: qui in un piccolo paese della Sicilia una donna - rimasta vedova - si fa accompagnare dal cognato ad una visita medica, scoprendo sia le bellezze della grande città che l’affetto per l’uomo. Ma la diagnosi del medico è infausta.

Il fu Mattia Pascal” (1926) fu il primo film tratto dal suo capolavoro, che racconta del possidente Mattia che si finge morto per scoprire come la famiglia agirà in sua assenza, e alla fine preferisce tornare nella propria menzogna. La produzione stavolta era francese, con regia di Marcel L’Herbier: la vicenda di Mattia incassò 1,2 milioni di franchi, e la critica apprezzo il film, tanto che fu uno dei pochi film francesi ad essere distribuito all’estero. L’attore Ivan Mozzhukhin interpretava Mathias Pascal.

Il film che consacrò lo scrittore agrigentino - vincitore del Nobel nel 1936 - è “Come tu mi vuoi” (1932), diretto da George Fitzmaurice e interpretato da Greta Garbo. Zara è un’alcolista scontenta corteggiata da molti uomini, vive con il romanziere Carl Salter: un uomo afferma che Zara sia in realtà Maria, moglie del suo amico Bruno e che perse la memoria durante un bombardamento della prima guerra mondiale. Il film termina con la scoperta della dubbia verità. Lo stesso Pirandello si recò ad Hollywood per assistere alle riprese del film.

Acciaio” (1933) fu uno dei più controversi, diretto dal tedesco Walter Ruttmann e ambientato nelle acciaierie di Terni: due amici lottano per l'amore della stessa ragazza, ma uno muore a causa di un incidente sul lavoro. Così i lavoratori credono che l’amico abbia causato l’incidente.

Sempre di Righelli è “Pensaci Giacomino” (1940): un vecchio insegnante si sposa con una giovane ragazza - la figlia del custode della scuola - per salvarla dal disonore causato da un ragazzo. Tuttavia vuole che resti con lui.

Il successo maggiore lo ebbe “Enrico IV” (1940) di Giorgio Pastina con Osvaldo Valenti e Clara Calamai: qui un giovane nobile cade da cavallo ed impazzisce, credendo di essere Enrico IV - il personaggio che stava interpretando. Dopo venti anni uno psichiatra cerca di guarirlo: ormai l’uomo vive in un castello con delle persone, retribuite per fingersi suoi servi. Il regista Marco Bellocchio ne trasse un film nel 1984, nonché nel 1999 “La bàlia” dall’omonima novella: qui un giovane madre non prova sentimenti per il neonato, così prende una balia. La giovane si dedica al neonato, ma l’affetto crescente preoccupa la madre.

Dal 1947 seguirono anni in cui molte novelle - Pirandello ne scrisse 256 - vennero adatte in televisione, che da poco produceva programmi e a cui erano necessarie delle messe in scena teatrali per intrattenere il pubblico serale.

“Vestire gli ignudi” è l’opera matura, con cui il regista Marcello Pagliero racconta la vicenda di Ersilia, la quale si sente un “nulla” e si veste della realtà che gli altri le attribuiscono.

Il regista Alessandro Blasetti si cimenta nel 1960 con “Liolà”, interpretato da Ugo Tognazzi, Giovanna Ralli e Pierre Brasseur. Qui Liolà è padre di tre figli, spirito libero che vagava da città a città senza voler interagire con nessuno.

Nel 1970 “I vecchi e i giovani” è ridotto in cinque episodi televisivi, in cui gli aristocratici borbonici, insieme ai nuovi borghesi arrivisti e ai plebi sono sporcati dalla polvere, nell’epoca post-risorgimentale.

L’esclusa” (1980) è in tre episodi, e racconta di Marta Ajala che è sorpresa dal marito a leggere la lettera di un uomo. La donna ha sempre allontanato le proposte dell’uomo, ma è caccia di casa, esclusa dalla società e tenterà di riabilitarsi proprio avendo una relazione con lui.

Del 1981 è “Il turno”, con Vittorio Gassman, Laura Antonelli e Paolo Villaggio: un uomo chiede la mano di una giovane, nonostante la età adulta. Lui afferma che si tratterebbe quasi di un'adozione, mentre la giovane è innamorata di un coetaneo. I fratelli Taviani si sono ispirati alle novelle di Pirandello per “Tu ridi” (1998) e “Kaos” (1984).

Fino a “L’attesa” (2015) di Pietro Messina, in cui una madre incontra inaspettatamente la fidanzata di suo figlio in una villa in Sicilia, in attesa che lui arrivi. Il film è tratto da “La vita che ti diedi”.

Ne “La scelta” (2015) di Michele Placido con Raoul Bova e Ambra Angiolini una donna rimane incinta, e il marito comincia a dubitare della paternità. Infatti lei ha subito una violenza, e i due coniugi devono affrontare le paura ed effettuare una scelta finale. Il film è tratto da “L’innesto".

Tematiche pirandelliane si evidenziano i vari film: basti citare la memoria scomparsa di “50 volte il primo bacio” (2004) in cui un veterinario delle Hawaii s’innamora di una donna che il giorno successivo non roca già di lui. Lei soffre di una forma di malattia cerebrale, e lui dovrà costantemente ricreare il momento del primo incontro.

In realtà a Los Angeles presso l’archivio dell’attore Franchot Tone sono conservati dei soggetti: uno di questo è “A Game For Lovers”, datato aprile 1958 - di 60 pagine - e basato sulla novella "The Rules of the Game” di Pirandello, con adattamento di William Murray. Si tratta de “Il giuoco delle parti”, in cui il filosofo Leone Gala è completamente diverso dalla moglie Silia: l'amante di lei è concesso dal marito, il quale visita la consorte per mezz'ora al giorno, salvaguardando l’onorabilità borghese. Questo film non venne mai realizzato.

Presso l’archivio del regista William Wyler è conservato “Marriage Interlude”, uno script realizzato nel periodo in cui lavorava alla Universal. È datato 31 dicembre 1930, ispirato a “As Before Better Than Before”, ovvero “Come prima... meglio di prima”. Il film venne realizzato nel 1945 con il titolo “This Love of Ours”, da cui nel 1956 fu tratto i remake “Never Say Goodbye” di Jerry Hopper con Rock Hudson e Cornell Borchers. Il film - che incassò 1,6 milioni di dollari - racconta con toni hitchcockiani la fine della guerra nel 1945, quando un medico dell'esercito americano sposa a Vienna una pianista tedesca che però è trattenuta nella zona sovietica di Berlino. L’uomo torna in America con la figlioletta che cresce credendo che la madre sia morta: la donna rientra poi in USA come nuova moglie del medico, e deve convincere la figlia di essere sua madre.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Recensione film DC Comics, Justice League

Justice League è il film tratto dall’omonima serie a fumetti che unisce alcuni degli eroi più importanti della DC Comics in una trama che ha il prevalente scopo di presentare i personaggi al grande pubblico. L’inizio di una nuova ed attesa saga dove l’inevitabile esigenza di calare i protagonisti nella storia e di pr...

 

The Force, David Mamet scriverà il film diretto da James Mangold

La Fox ha annunciato che il 1 marzo 2019 sarà la data di uscita ufficiale di “The Force”, il thriller poliziesco diretto da James Mangold, regista di “Logan” e “Walk the Line – Quando l’amore brucia l’anima”. Il film sarà un adattamento dell’omonimo romanzo di Don Winslow (e...

 

Quentin Tarantino, il nuovo film prevede un budget da 100 milioni di dollari

Per il nuovo film di Quentin Tarantino si è avviata una gara nella scelta del distributore. Dopo lo scandalo sul produttore Harvey Weinstein, la sua società Weinstein Company non si occuperà più della distribuzione dei film di Tatantino, chiudendo una collaborazione avviata nel 1992 con "Le iene”. A contendersi l...

 

Recensione del film The Big Sick

The Big Sick è il film di Michael Showalter con Kumail Nanjiani, Zoe Kazan, Holly Hunter. Kumail (Kumail Nanjiani) è un giovane comico di standup di Chicago, usa la sua auto con Uber e la notte si esibisce. Negli sketch ironizza sulla cultura pakistana, e questo aspetto è tenuto nascosto alla famiglia musulmana.Durante uno spe...

 

Film più visti della settimana, ‘Thor: Ragnarok’ e ‘Daddy's Home 2’ ai primi posti

Il box office ufficiale dei film più visti negli Stati Uniti dal 10 al 12 novembre 2017 conferma al primo posto "Thor: Ragnarok” (212.068.013 dollari,  leggi l’articolo): Thor lotta contro l’ex alleato Hulk, impedendo anche ad Hela di distruggere la civiltà asgardiana. Al secondo posto c’è la novit...

 

Cate Blanchett, è horror il nuovo film tratto da un romanzo

Cate Blanchett dopo il ruolo di Hela nel film “Thor: Ragnarock” lavorerà ad un film horror. “The House with a Clock in its Walls” è tratto da un romanzo del 1973, scritto da John Bellairs. L'orfano Lewis Barnavelt (Owen Vaccaro) si trasferisce nella città di New Zebede, nel Michigan. Qui abita lo zio Jo...

 

Lav Diaz, il nuovo film è un’opera rock

Lav Diaz, vincitore del Leone d’oro al Festival di Venezia 2016 con “The Woman Who Left” è al lavoro al nuovo film, dal titolo "Ang Panahon ng Halimaw" (letteralmente, “La stagione del diavolo”). Il film mescola musica, opera rock e dramma. A produrlo è Bianca Balbuena, che ha già lavorato a &ldqu...

 

Agadah, intervista all’attore del film Alessio Boni

“Agadah” è il film di Alberto Rondalli nelle sale da questa settimana. Mauxa ha intervistato l’attore Alessio Boni, che in queste settimane è anche al cinema con “La ragazza nella nebbia” e la serie tv “La strada di casa”. D. Nel film “Agadah” interpreti Pietro Di Oria. Puoi racco...

 

Cosa regalano a Natale le star

Per le persone cosiddette normali, i regali consistono in oggetti di prezzo variabile: un libro, una sciarpa, nelle occasioni speciali un orologio, magari un gioiello. Raramente capita che qualcuno ci sorprenda il giorno del nostro compleanno regalandoci una Porsche. Quando parliamo di celebrità, questi parametri si rovesciano. Le star del ...

 

Forever My Girl, il film con Jessica Rothe

È stato pubblicato un nuovo trailer del film “Forever My Girl”, diretto da Bethany Ashton Wolf. La storia racconta di un musicista, Liam Page (Alex Roe) che dopo essere andato via dal suo paese per un decennio è diventato una stella della musica. Ora decide di tornare a casa e riconquistare la donna che lasciò, Jos...

 
Da non perdere


Ultime news
Recensioni