X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Aspettando il Re

15/06/2017 08:00
Recensione del film Aspettando il Re

Aspettando il Re è il film con Tom Hanks e Sarita Choudhury tratto dal romanzo di Dave Eggers.

Aspettando il Re (“A Hologram for the King”) è il film di Tom Tykwer con Tom Hanks, Sarita Choudhury, Tom Skerritt.

Alan Clay (Tom Hanks) è un uomo d’affari che ha divorzio da poco, il rapporto con la figlia è precario. Il lavoro che svolge alla Reliant Corporation è instabile, anche a causa di una manovra organizzativa pretendente per cui - come gli rimprovera il padre - trasferì in Cina centinaia di lavorazioni provocando la bancarotta della Schwinn Bicycle Company.

L’opportunità non poteva che avvenire dal florido oriente, grazie ad un futuristico ologramma in 3D che Alan cerca di vendere ad uno sceicco.

Il valore maggiore del film è di non indugiare in facili semplificazioni, per cui vediamo subito Alan arrivare a Jeddah, in Arabia Saudita e riprendere quella vitalità che gli apparteneva. Solo una ciste alla schiena che gli è stata diagnosticata gli fa temere il futuro, ma è un semplice indizio di un malessere più profondo, che lui lacera con una verve giovanile. Quella della ciste è una trovata totalmente letteraria, infatti il film è tratto dal romanzo omonimo del 2012 di Dave Eggers, ambientato proprio durante il periodo della recessione.

Karim Al-Ahmed (Khalid Laith) è lo sceicco che dovrebbe dare un nuovo lavoro a Alan, ma tarda ad incontralo.

Il regista Tom Tykwer riesce con la sua spigliatezza ad unire il percorso dell’uomo comune con il tentativi di trovare una via d’uscita alternativa alla quotidianità. Basti pensare a “Lola corre” (1998), storia di Lola che ha solo 20 minuti per riavere del denaro; “Profumo - Storia di un assassino” (2006), su un uomo che grazie ad un senso olfattivo superiore crea il famoso profumo; “Cloud Atlas” (2012), su come le azioni attuali abbiano un impatto reciproco con il passato.

“Aspettando il re” propone anche varie scene di evasione mentale del protagonista, resi attraverso allucinazioni, che rendono Tom Hanks emblematico di un modo di vivere in cui non si accetta la difficoltà presente, e la si rifugge con un forzato ottimismo. Un atteggiamento che l’uomo sembra temperare una consapevolezza dei propri fallimenti.

L’ambientazione saudita rende il film straniante, perché un cast hollywoodiano deve amalgamarsi ad una scenografia che impone scelte recitative notevoli, tra deserti e costumi tipici mussulmani. Alan è infatti disorientato da usanze locali incomprensibili, facendosi aiutare da un bizzarro tassista per un incontro con lo sceicco che tarda ad arrivare. E questa scenografia modifica la stessa mentalità di Alan, che vorrebbe ricominciare tutto da capo a Jeddah, dove ha conosciuto anche una dottoressa di cui s’innamora.

È la distonia tra tradizione e modernità che fa del film un’opera rara. Lo stesso Tom Hanks - istrione del film - ha ammesso che che quando Alan si trova a Jeddah “è un uomo pieno di energia e vitalità. E da lì scaturisce la commedia”.

Lo scrittore David Eggers si recò in Arabia Saudita raccontando nel romanzo quello che visse lì. Il regista Tykwer ripercorse quel viaggio a Jeddah e alla città fantasma nota come 'King Abdullah’s Economic City', o KAEC.

Un mondo ulteriore cui poter accedere, e che Tom Hanks ama frequentare. Anche il film successivo, “The Circle” è tratto da un omonimo romanzo di Eggers.

La scena dell’eliminazione della ciste è anche quella della purificazione da un dolore, in attesa di quell’entusiasmo che ci “fa sentire di nuovo forti”. Come dice il protagonista.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
A Hologram for the King
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Recensione del film Transformers - L'ultimo cavaliere

"Transformers - L'ultimo cavaliere" è il film di Michael Bay con Mark Wahlberg, Anthony Hopkins, Laura Haddock. In assenza di Optimus Prime - robot leader della fazione dei benevoli Autobot ma ora partito  alla ricerca del suo "creatore" - inizia una lotta tra l'organizzazione militare dei Transformers Reaction Force e i Transform...

 

Cattivissimo Me 3, incontro con il cast: Arisa, Max Giusti e Paolo Ruffini

Abbiamo incontrato a Roma il cast vocale di “Cattivissimo Me 3”, il film di Pierre Coffin e Kyle Balda, prodotto da Chris Meledandri e in uscita il 24 agosto 2017. A dare le voci ai protagonisti sono la cantante Arisa, gli attori Max Giusti e Paolo Ruffini. Il cattivo Gru è stato licenziato dalla Lega anti Cattivi, e si trova in...

 

L'amore ai tempi di Hollywood, tra gossip, scandali e divorzi

In termini di gossip hollywoodiano, il 2016 è stato segnato dal divorzio tra Johnny Depp e Amber Heard, una vicenda dai risvolti piuttosto spiacevoli visto che la Heard ha addotto, tra i motivi della separazione, il fatto che l’ex-marito fosse un tipo violento a causa soprattutto dei suoi problemi di alcolismo. Oggi la storia sembra es...

 

Inferno, il film con Tom Hanks dal libro di Dan Brown è su SkyCinema e NowTv

Inferno, il film tratto dal romanzo di Dan Brown arriva in televisione si Sky Cinema e NowTv, dal 10 luglio. Il film - che ha incassato 220 milioni di dollari - sarà anche preceduto dalla messa in onda di due film tratti sempre dai romanzi dello scrittore di Exeter. Il 2 luglio è trasmesso “Il Codice Da Vinci”, in cui il ...

 

Nicole Kidman, due libri raccontano l'attrice che compie 50 anni

Nicole Kidman, l’attrice di Honolulu oggi compie 50 anni. In una recente intervista a “E! News” ha detto che non organizzerà una festa sfarzosa, bensì sarà circondata dalla sua famiglia: "Voglio uscire con mio marito, i miei figli e mia sorella”. Essendo di pigne australiana, ha affermato che è g...

 

Alexandra Daddario, è l'imponente Costance nel nuovo film 'Abbiamo sempre vissuto nel castello'

Alexandra Daddario, una delle attrici più versatili nella recente cinematografia di Hollywood dopo l’obsoleto “Baywatch” sarà in un film completamento diverso. “We Have Always Lived in the Castle” è il titolo, diretto da Stacie Passon e interpretato anche da Sebastian Stan, Taissa Farmiga e Crispi...

 

10 attori che hanno perso la vita sul set

Quando si parla di professioni pericolose, il pensiero di solito corre ai muratori intenti a camminare in equilibrio a decine di metri da terra o a giornalisti e medici che lavorano in zone di guerra, non di certo al cinema o alla televisione. Invece, anche in un mondo apparentemente dorato, si celano storie davvero macabre di persone che hanno tro...

 

Film più visti della settimana, 'Cars 3' scalza dalla classifica 'Wonder Woman'

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 16 al 18 giugno 2017 vede al primo posto la novità “Cars 3” (53.547.000 dollari, leggi l'articolo): la vicenda è quella di Saetta McQueen che si propone di dimostrare a una nuova generazione di piloti che lui è ancora la migliore macchina da corsa del mon...

 

Luigi Pirandello, i film ispirati alle sue opere a 150 anni dalla nascita

Luigi Pirandello, di cui si celebrano il 150 anni dalla nascita (avvenuta il 28 giugno 1867) lavorò anche per il cinema. Molti furono i film che si ispirarono alle sue pièce o novelle. Il primo film tratto da una sua opera è “Il lume dell'altra casa” (1920) di Ugo Gracci con Anna Gracci, Gaietta Gracci e lo stesso ...

 

John G. Avildsen, Sylvester Stallone ricorda il regista scomparso del film 'Rocky'

John G. Avildsen, regista del film "Rocky" (1976) e "The Karate Kid” (1984) è scomparso all’età di 81 anni. Per il film “Rocky" - interpretato da Sylvester Stallone che era anche sceneggiatore - John G. Avildsen vinse l’Oscar. Lo stesso Stallone in un comunicato ha ribadito di avere avuto fortuna nella sua car...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni