X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Aspettando il Re

15/06/2017 08:00
Recensione del film Aspettando il Re

Aspettando il Re è il film con Tom Hanks e Sarita Choudhury tratto dal romanzo di Dave Eggers.

Aspettando il Re (“A Hologram for the King”) è il film di Tom Tykwer con Tom Hanks, Sarita Choudhury, Tom Skerritt.

Alan Clay (Tom Hanks) è un uomo d’affari che ha divorzio da poco, il rapporto con la figlia è precario. Il lavoro che svolge alla Reliant Corporation è instabile, anche a causa di una manovra organizzativa pretendente per cui - come gli rimprovera il padre - trasferì in Cina centinaia di lavorazioni provocando la bancarotta della Schwinn Bicycle Company.

L’opportunità non poteva che avvenire dal florido oriente, grazie ad un futuristico ologramma in 3D che Alan cerca di vendere ad uno sceicco.

Il valore maggiore del film è di non indugiare in facili semplificazioni, per cui vediamo subito Alan arrivare a Jeddah, in Arabia Saudita e riprendere quella vitalità che gli apparteneva. Solo una ciste alla schiena che gli è stata diagnosticata gli fa temere il futuro, ma è un semplice indizio di un malessere più profondo, che lui lacera con una verve giovanile. Quella della ciste è una trovata totalmente letteraria, infatti il film è tratto dal romanzo omonimo del 2012 di Dave Eggers, ambientato proprio durante il periodo della recessione.

Karim Al-Ahmed (Khalid Laith) è lo sceicco che dovrebbe dare un nuovo lavoro a Alan, ma tarda ad incontralo.

Il regista Tom Tykwer riesce con la sua spigliatezza ad unire il percorso dell’uomo comune con il tentativi di trovare una via d’uscita alternativa alla quotidianità. Basti pensare a “Lola corre” (1998), storia di Lola che ha solo 20 minuti per riavere del denaro; “Profumo - Storia di un assassino” (2006), su un uomo che grazie ad un senso olfattivo superiore crea il famoso profumo; “Cloud Atlas” (2012), su come le azioni attuali abbiano un impatto reciproco con il passato.

“Aspettando il re” propone anche varie scene di evasione mentale del protagonista, resi attraverso allucinazioni, che rendono Tom Hanks emblematico di un modo di vivere in cui non si accetta la difficoltà presente, e la si rifugge con un forzato ottimismo. Un atteggiamento che l’uomo sembra temperare una consapevolezza dei propri fallimenti.

L’ambientazione saudita rende il film straniante, perché un cast hollywoodiano deve amalgamarsi ad una scenografia che impone scelte recitative notevoli, tra deserti e costumi tipici mussulmani. Alan è infatti disorientato da usanze locali incomprensibili, facendosi aiutare da un bizzarro tassista per un incontro con lo sceicco che tarda ad arrivare. E questa scenografia modifica la stessa mentalità di Alan, che vorrebbe ricominciare tutto da capo a Jeddah, dove ha conosciuto anche una dottoressa di cui s’innamora.

È la distonia tra tradizione e modernità che fa del film un’opera rara. Lo stesso Tom Hanks - istrione del film - ha ammesso che che quando Alan si trova a Jeddah “è un uomo pieno di energia e vitalità. E da lì scaturisce la commedia”.

Lo scrittore David Eggers si recò in Arabia Saudita raccontando nel romanzo quello che visse lì. Il regista Tykwer ripercorse quel viaggio a Jeddah e alla città fantasma nota come 'King Abdullah’s Economic City', o KAEC.

Un mondo ulteriore cui poter accedere, e che Tom Hanks ama frequentare. Anche il film successivo, “The Circle” è tratto da un omonimo romanzo di Eggers.

La scena dell’eliminazione della ciste è anche quella della purificazione da un dolore, in attesa di quell’entusiasmo che ci “fa sentire di nuovo forti”. Come dice il protagonista.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
A Hologram for the King
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Laurent Cantet, il nuovo film del regista racconta un assassinio

L’atelier è il nuovo film di Laurent Cantet, regista che ha vinto la Palma d’oro a Cannes nel 2008 con “La classe - Entre les mur”. La storia è ambientata in un'estate a La Ciotat, una città nei pressi di Marsiglia che prosperava grazie al suo enorme cantiere navale. Ma la chiusura ormai ventennale ha p...

 

'Nasty Women', Anne Hathaway e Rebel Wilson sul set dirette da Chris Addison

Le riprese procedono a gonfie vele sul set di “Nasty Women”, la nuova commedia con Rebel Wilson e Anne Hathaway. Tra le due attrici sembra esserci una grande intesa, come dimostra il selfie con la collega postato qualche giorno fa da Wilson su Twitter, accompagnato dal messaggio: “È stato magnifico trascorrere gli ultimi me...

 

Dunkirk, in previsione degli Oscar 2018 il film esce in 50 cinema

Dunkirk di Christopher Nolan sarà distribuito nuovamente negli Stati Uniti in previsione della stagione degli Oscar 2018 (leggi l'intervista all'attore). La Warner Bros. ha confermato che uscirà in 50 cinema IMAX e 70mm a partire dal 1 dicembre, a New York, Los Angeles, Chicago, San Francisco. Si prevede che dal 24 gennaio 2018 - gio...

 

The Florida Project, intervista al regista del film Sean Baker

The Florida Project è il film di Sean Baker che ha ottenuto un ottimo consenso di critica. Interpretato da Willem Dafoe, è ambientato in un tratto di strada appena fuori da Disney World, a Miami: la bambina di sei anni Moonee (Brooklynn Prince) vive con la madre Halley (Bria Vinaite). Abitano vicino al "The Magic Castle", un motel eco...

 

Jennifer Lawrence e Emma Stone insieme in un film

Durante la tavola rotonda organizzata da The Hollywood Reporter, le attrici Jennifer Lawrence ed Emma Stone hanno affermato di voler lavorare ad un progetto insieme. L’incontro è avvenuto il 15 novembre, e vi hanno partecipato anche Mary J. Blige, Jessica Chastain, Allison Janney e Saoirse Ronan. "Mi piacerebbe molto. Continuo a...

 

Recensione del film ‘Most Beautiful Island’

Most Beautiful Island è il film di Ana Asensio uscito in questo giorni nelle sale statunitensi, ben accolto dalla critica. Lo stile è documentaristico, con la macchina da presa che pedina la protagonista Luciana (la stessa Ana Asensio) tra le peregrinazioni della metropoli di New York. Lei è immigrata ispanica, e nella citt&a...

 

Recensione film DC Comics, Justice League

Justice League è il film tratto dall’omonima serie a fumetti che unisce alcuni degli eroi più importanti della DC Comics in una trama che ha il prevalente scopo di presentare i personaggi al grande pubblico. L’inizio di una nuova ed attesa saga dove l’inevitabile esigenza di calare i protagonisti nella storia e di pr...

 

The Force, David Mamet scriverà il film diretto da James Mangold

La Fox ha annunciato che il 1 marzo 2019 sarà la data di uscita ufficiale di “The Force”, il thriller poliziesco diretto da James Mangold, regista di “Logan” e “Walk the Line – Quando l’amore brucia l’anima”. Il film sarà un adattamento dell’omonimo romanzo di Don Winslow (e...

 

Quentin Tarantino, il nuovo film prevede un budget da 100 milioni di dollari

Per il nuovo film di Quentin Tarantino si è avviata una gara nella scelta del distributore. Dopo lo scandalo sul produttore Harvey Weinstein, la sua società Weinstein Company non si occuperà più della distribuzione dei film di Tatantino, chiudendo una collaborazione avviata nel 1992 con "Le iene”. A contendersi l...

 

Recensione del film The Big Sick

The Big Sick è il film di Michael Showalter con Kumail Nanjiani, Zoe Kazan, Holly Hunter. Kumail (Kumail Nanjiani) è un giovane comico di standup di Chicago, usa la sua auto con Uber e la notte si esibisce. Negli sketch ironizza sulla cultura pakistana, e questo aspetto è tenuto nascosto alla famiglia musulmana.Durante uno spe...

 
Da non perdere
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=23215079&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1 http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=23153235&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1
Ultime news
Recensioni