X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Nerve

14/06/2017 08:00
Recensione del film Nerve

Nerve è il film con Emma Roberts e Dave Franco che racconta l'entrata nel mondo pericoloso di un videogame

Nerve è il film di Henry Joost e Ariel Shulman, con Emma Roberts, Dave Franco e Emily Meade.

Vee Delmonico (Emma Roberts) è una studentessa dell’ultimo anno delle scuole superiori. È timida e resta in disparte nelle conversazioni con gli amici.

Vorrebbe lasciare la sua casa per andare all'università, ma ha paura di dire alla madre (Juliette Lewis) della sua ammissione al California Institute of the Arts. La donna infatti è ancora in lutto per la morte del fratello di Vee.

La tendenza giovanilistica del film appare fin dall’inizio, con immagini estrapolate dai sola network, chat, quasi a raccontare una realtà ulteriore - digitale - che collima con quella fisica.

Un amico, Sydney (Emily Meade) è famoso nel videogame “Nerve”, che permette di essere "giocatore" o "spettatore". I giovani in cerca di forti emozioni gareggiano in sfide che poi degenerano, dovendo innalzarsi da prove più semplici a quelle imbarazzanti, fino divenire pericolose e letali.

Durante questo processo gli stessi “spettatori” istigano all’azione cosicché il senso di competizione che era assopito aumenta: Vee mostra così un aspetto che non solo negli adolescenti è costante, ossia quello di rifiutare un’attività che poi casualmente si esegue, e i primi successi spingono a continuare con risultati inattesi.

Se il gioco “Nerve” è quello che Vee effettua, esso è il simbolo di un qualsiasi gioco d’azzardo o online, che esprimono un senso di momentanea potenza in chi lo esegue. E compare sempre un mentore che istiga a quest’azione, in tal caso Ian (Dave Franco), un arazzo che pare avvezzo al gioco.

Il film è distante da pellicole che hanno affrontato l’argomento con maggiore empatia come “XistenZ” (1990) di David Cronenberg, in cui il gioco è collegato in maniera biologica con il giocatore che vive una dimensione parallela.

In “Nerve” alle passeggiate in moto di Vee e Ian si alternano scorci di Staten Island, con un’evoluzione che solo in maniera epidermica affronta l’ansia della dipendenza. Tra i due c’è un’amicizia che li porterà a fuggire seminudi da un negozio, sempre per gareggiare nel gioco “Nerve”.

Il film prende le mosse dal teen movie, per poi affrontare un tema come quello della crescita forzata, dovuta alle richieste delle persone che ci sono intorno, piuttosto che dalle nostre decisioni. La regia per mostrare questo aspetto “social” del game inserisce nelle inquadrature le emoticon dei followers, il che avrebbe potuto rendere il film stesso uno strano game.

Il passaggio ulteriore per aumentare la suspense di un film altrimenti auto-conclusivo è scegliere un pericolo imminente: infatti Vee scopre alcuni dettagli sul passato di Ian, comprendendo che il futuro della sua famiglia è in pericolo, fino alla possibilità di “vivere” o “morire“.

I registi Henry Joost & Ariel Schulman hanno già lavorato a film con target adolescenziale, come “Catfish” e “Paranormal Activity 3 e 4”. Sanno come dosare la tensione con momenti più colloquiali, che i giovani sanno recepire. Ma proprio questa esigenza di intercettare i consensi di un particolare pubblico rende il film prevedibile nel finale, opposto alla maniera tormentosa in cui era iniziato.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Emma Roberts, Dave Franco, Henry Joost
 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Nonno zozzone: lo spassoso film commedia con Robert De Niro e Zac Efron

Trama. Il film narrerà le avventure di un nonno e un nipote in un viaggio “on the road”.Jason è un ragazzo serio che si accinge a sposarsi con la figlia del suo capo mentre Dick, suo nonno, è un tipo scatenato. Quest'ultimo lo costringerà ad accompagnarlo a Daytona, in un viaggio selvaggio che metterà ...

 

Scream Queens: la nuova serie tv dal creatore di Glee e American Horror Story

Scream Queens è una serie tv antologica che mescola la commedia con elementi horror e slasher. E' stata ideata da Ryan Murphy, creatore di altri prodotti di grande successo come “Glee” e “American Horror Story”, e ha debuttato lo scorso 22 settembre sulla Fox. La prima stagione dell'attesissima serie è composta...

 

Recensione film Come ti spaccio la famiglia, Jennifer Aniston stripper e madre di famiglia

Come ti spaccio la famiglia, titolo originale We're the Millers è la commedia diretta da Rawson Marshall Thurber che vede come protagonista Jennifer Aniston ormai divenuta una delle migliori attrici di commedie e Jason Sudeikis (Come ammazzare il capo... e vivere felici) in un improvvisato matrimonio con figli al seguito e pronto a scoppiar...

 

Warm Bodies - Gli zombies al cinema

Dopo i vampiri di Twilight, al cinema è la volta degli zombies che per la prima volta si innamorano offrendoci una storia a metà strada tra il sentimentale e l'horror nel film Warm Bodies che uscirà nelle sale italiane giovedì 7 febbraio. Il film, che ha gli stessi produttori di Twilight, è diretto da Jonathan Lev...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=23215079&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1