X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Violet, un'opera conturbante elogiata dalla critica

06/06/2017 08:00
Recensione del film Violet un'opera conturbante elogiata dalla critica

"Violet" è il film che racconta per lunghe immagini un'esperienza adolescenziale.

Violet è il film di Bas Devos che sta ottenendo ottimi consensi di critica. È nelle sale statunitensi, e un cast composto da Cesar De Sutter, Koen De Sutter, Mira Helmer

“Violel” si apre con un accoltellamento all'interno del centro di Bruxelles: non è diretto, ma lo vediamo dalle quattro angolazioni dei monitor di sorveglianza.

A morire è un amico del quindicenne Jesse (Cesar De Sutter), che è lì con lui. Dopo l’accaduto Jesse piomba in un silenzio cupo, tanto che i genitori non riescono comprendere il suo atteggiamento.

Alcuni amici lo accusano di non fare un passo per rivelare chi sia stato l‘assassino, o si chiedono perché lui è sopravvissuto al posto dell’amico. I genitori di Jesse (Raf Walschaerts, Mira Helmer) percepiscono il suo dolore, ma sono impotenti a guarirlo.

Per tutto il film seguiamo Jesse lottare contro il torpore, ma con immagini che spesso esulano dalla trama, quasi un’opera di video-arte che s’insinua nel racconto. Un’immagine sfocata e colorata precede le Mountain Bikes che saltano spericolate, descrivendo la vita dei giovani ciclisti, immemori di quanto accaduto.

Così sono le sequenze lunghe a mostrare come la vita quotidiana emerge in un mistero che non si riesce a svelare, come fece il cinema-verité negli anni ’60, ma stavolta immerso in un ambiente thriller. I dettagli fanno disorientare lo spettatore, che non sa cosa stia osservando, se il film che ha iniziato a guardare oppure un documentario su alcuni momenti di vita, quasi antropologico.

In una sequenza la macchina da presa è all’esterno, inquadrando una casa notturna con una finestra al pianoterra, dietro cui ci sono delle persone. Nel medesimo momento al primo piano della casa c’è un’altra persona che si affaccia, mostrando così due vite separate nello stesso momento.

Il direttore della fotografo Nicolas Karakatsanis concentra le figure spesso in chiazze di colore: quando Jesse ha senso di colpa, la sua sagoma è sfocata e quasi invisibile contro la casa, mentre i membri della famiglia si dividono in forme di luce. Nella sua casa poco illuminata la figura di Jesse spesso è evanescente come un fantasma. Fino a quando lui conduce una bicicletta per strada, mentre è in sella ad un’altra. Segno ormai della sua incapacità di reagire.

È proprio questa la forza del film, che Variety ha lodato cerea un'alchimia evolutiva di percezione che circonda il protagonista, distorcendo il tempo, lo spazio e il colore “soffocando le sinapsi che collegano suoni e immagini”; le immagini evocative si susseguono e sono un piacere da guardare (Los Angeles Times), trionfante tour de force (Indie Wire).

Lo stesso momento in cui il regista filma un gruppo di persone che danzano in nu concerto, con Jesse presente tra luci psichedelichei, fa respirare il film della stessa esistenza, ampliando il tempo più di quello che rappresenta. Forse i cinque minuti più conturbanti del recente cinema.

La canzone del concerto è “Violet” della band black metal Deafheaven, che dà così il titolo al film e recepisce l’intera ansia del protagonista.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Recensione del film Landline, i veri tradimenti in famiglia

Landline è il film di Gillian Robespierre con John Turturro uscito nelle sale statunitensi nei giorni scorsi. Un uomo può tradire la moglie, ed essere pedinato dalle figlie? È questo l’assunto del film, che vede nel cast Jenny Slate, Edie Falco, Abby Quinn. Fin dall’inizio si comprende che il film vira verso la co...

 

Full Metal Jacket, l'attore Matthew Modine incontrerà il pubblico

Il film di Stanley Kubrick “Full Metal Jacket” aprirà quest'anno il Festival HollyShorts che si tiene a Los Angeles. L’evento inizierà il 10 agosto e per l’occasione del trentesimo anniversario del film di Stanley Kubrick sarà presente l’attore Matthew Modine, che parteciperà ad un speciale...

 

Michelle Rodriguez, è una vedova rapinatrice nel nuovo film 'Widows'

Michelle Rodriguez sarà una vedova esperta in rapine nel nuovo film “Widows”, tratta dall’omonima serie andata in onda nel 1983 e 1985. L’attrice è apparsa da poco in “Fast & Furious 8” e nei quattro film precedenti, nel ruolo di Letty Ortiz, moglie fedele di Dominic Toretto. Ha lavorato in &ld...

 

Film più visti della settimana, 'Dunkirk' svetta al primo posto

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 21 al 23 luglio 2017 vede svettare al primo posto la novità “Dunkirk” (50.500.000 dollari, leggi l’intervista): la storia è quella dell’operazione Dynamo, con cui nel 1940 si effettuò l’evacuazione delle truppe inglesi e franco-belghe da...

 

L'arte digitale, inserire il tempo nelle immagini: intervista all'artista San Base

San Base è uno dei maggiori esponenti dell’arte digitale. L’artista ha perfezionato un nuovo tipo di arte, chiamata Generative Art in cui l'opera artistica nasce da un software, che rielabora continuamente un’immagine iniziale. Questa rielaborazione viene poi spesa al muro, con uno schermo LCD o al plasma. Il risultato &egr...

 

Recensione del film Past Life, il dramma familiare apprezzato dalla critica

“Past Life” è un film di Avi Nesher, uscito negli Stati Uniti dopo essersi fatto apprezzare nel circuito dei festival indipendenti. Il film si apre nel 1977 a Berlino Ovest, dove Sephi (Joy Rieger), una cantante e aspirante compositrice israeliana, spicca come solista durante l’esibizione del coro della sua accademia. Dopo...

 

Bright, prime immagini del film crime con Will Smith

Bright è il film crime e fantasy di David Ayer il cui trailer è stato presentato al San Diego Comic-On. La trama si svolge in un mondo alternativo moderno, dove da secoli convivono esseri umani, orchi, elfi e fate. Scott Ward (Will Smith) è un un ufficiale di polizia che fa coppia con il primo poliziotto Orco (Joel Edgerton), ...

 

Il fantasma e la signora Muir, il sogno di un amore nel film classico di Joseph L. Mankiewicz

Il fantasma e la signora Muir (“The Ghost and Mrs. Muir”) è il film di Joseph L. Mankiewicz che usciva nelle sale statunitensi in queste settimane. A Londra alla fine dell’800 la giovane vedova Lucy Muir (Gene Tierney) si trasferisce nel villaggio di Whitecliff, vicino al mare nonostante la disapprovazione della suocera An...

 

Proud Mary, prime immagini del film sull'assassina professionista

Taraji P. Henson appare nel primo trailer del film thriller "Proud Mary”, film di Babak Najafi. Nelle immagini la protagonista Mary, una spietata assassina professionista, che incontrando un giovane ragazzo scarpe di avere un istinto materno finora sconosciuto. Nelle immagini inizialmente si allena, si trucca, poi indossa un giubbotto di pel...

 

Recensione del film Finding Oscar, la luce sul genocidio elogiata dalla critica

Finding Oscar è il film documentario di Ryan Suffern, uscito nella sale statunitensi e accolto in maniera positiva dalla critica. Il film è disponibile anche in Video on Demand. Nel documentario lo stesso presidente Reagan appare mentre dà la mano al presidente e militare guatemalteco Efraín Ríos Montt, che giust...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni