X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Violet, un'opera conturbante elogiata dalla critica

06/06/2017 08:00
Recensione del film Violet un'opera conturbante elogiata dalla critica

"Violet" è il film che racconta per lunghe immagini un'esperienza adolescenziale.

Violet è il film di Bas Devos che sta ottenendo ottimi consensi di critica. È nelle sale statunitensi, e un cast composto da Cesar De Sutter, Koen De Sutter, Mira Helmer

“Violel” si apre con un accoltellamento all'interno del centro di Bruxelles: non è diretto, ma lo vediamo dalle quattro angolazioni dei monitor di sorveglianza.

A morire è un amico del quindicenne Jesse (Cesar De Sutter), che è lì con lui. Dopo l’accaduto Jesse piomba in un silenzio cupo, tanto che i genitori non riescono comprendere il suo atteggiamento.

Alcuni amici lo accusano di non fare un passo per rivelare chi sia stato l‘assassino, o si chiedono perché lui è sopravvissuto al posto dell’amico. I genitori di Jesse (Raf Walschaerts, Mira Helmer) percepiscono il suo dolore, ma sono impotenti a guarirlo.

Per tutto il film seguiamo Jesse lottare contro il torpore, ma con immagini che spesso esulano dalla trama, quasi un’opera di video-arte che s’insinua nel racconto. Un’immagine sfocata e colorata precede le Mountain Bikes che saltano spericolate, descrivendo la vita dei giovani ciclisti, immemori di quanto accaduto.

Così sono le sequenze lunghe a mostrare come la vita quotidiana emerge in un mistero che non si riesce a svelare, come fece il cinema-verité negli anni ’60, ma stavolta immerso in un ambiente thriller. I dettagli fanno disorientare lo spettatore, che non sa cosa stia osservando, se il film che ha iniziato a guardare oppure un documentario su alcuni momenti di vita, quasi antropologico.

In una sequenza la macchina da presa è all’esterno, inquadrando una casa notturna con una finestra al pianoterra, dietro cui ci sono delle persone. Nel medesimo momento al primo piano della casa c’è un’altra persona che si affaccia, mostrando così due vite separate nello stesso momento.

Il direttore della fotografo Nicolas Karakatsanis concentra le figure spesso in chiazze di colore: quando Jesse ha senso di colpa, la sua sagoma è sfocata e quasi invisibile contro la casa, mentre i membri della famiglia si dividono in forme di luce. Nella sua casa poco illuminata la figura di Jesse spesso è evanescente come un fantasma. Fino a quando lui conduce una bicicletta per strada, mentre è in sella ad un’altra. Segno ormai della sua incapacità di reagire.

È proprio questa la forza del film, che Variety ha lodato cerea un'alchimia evolutiva di percezione che circonda il protagonista, distorcendo il tempo, lo spazio e il colore “soffocando le sinapsi che collegano suoni e immagini”; le immagini evocative si susseguono e sono un piacere da guardare (Los Angeles Times), trionfante tour de force (Indie Wire).

Lo stesso momento in cui il regista filma un gruppo di persone che danzano in nu concerto, con Jesse presente tra luci psichedelichei, fa respirare il film della stessa esistenza, ampliando il tempo più di quello che rappresenta. Forse i cinque minuti più conturbanti del recente cinema.

La canzone del concerto è “Violet” della band black metal Deafheaven, che dà così il titolo al film e recepisce l’intera ansia del protagonista.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Recensione del film Valerian e la città dei mille pianeti

Valerian e la città dei mille pianeti (“Valérian et la Cité des mille planètes") è il film di fantascienza di Luc Besson. L’esordio avviene in un luogo paradisiaco, tra esseri umanoidi ed esplosioni che avvertono di una minaccia imminente. Già qui Besson è vittima dello stesso materiale ...

 

First They Killed My Father, il film di Angelina Jolie conviene la critica

First They Killed My Father è il film di Angelina Jolie che ha ottenuto ottime recensioni negli Stati Uniti. La storia è quella dell’attivista Loung Ung, che per sopravvivere al regime cambogiano dei Khmer Rossi dal 1975 al 1978 vede disgregata la propria famiglia. La storia viene raccontata dalla protagonista, una bambina di c...

 

L'incredibile vita di Norman, incontro con Richard Gere: 'il mio personaggio vorrebbe esaudire le promesse'

L'incredibile vita di Norman (“Norman: The Moderate Rise and Tragic Fall of a New York Fixer”) è il film di Joseph Cedar con Richard Gere, presentato a Roma. La pellicola negli Stati Uniti è uscita ad aprile 2017 ed ha ottenuto recensioni positive. La storia racconta del faccendiere Norman Oppenheimer, che a New York tess...

 

Film più visti della settimana, la novità è 'American Assassin'

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 15 al 17 settembre 2017 conferma il primo posto per “IT”, tratto dal romanzo di Stephen King (218.710.619 dollari): la creatura malvagia che uccide i bambini della città è tornata, mentre sette abitanti cercano di eliminarlo. Al secondo posto entra “Ameri...

 

'Meg', l'horror con protagonista Jason Statham arriva nel 2018

Ha dovuto aspettare due decenni, ma Steve Alten avrà finalmente la soddisfazione di vedere il proprio best-seller trasformato in un horror da 150 milioni di dollari con Jason Statham nei panni del protagonista. In un primo momento “Meg” sarebbe dovuto uscire il 2 marzo 2018, ma poi la Warner Bros ha deciso di rimandarlo al 10 ag...

 

Red Sparrow, prime immagini del film thriller con Jennifer Lawrence

È stato diffuso il primo trailer del film “Red Sparrow”, diretto da Francis Lawrence (leggi l’articolo sul film). Nelle immagini appare la protagonista Dominika (Jennifer Lawrence) mentre attende nella prova camera. Seguono degli omicidi: in realtà lei è reclutata dalla Sparrow School, un servizio segreto di ...

 

L'imperatrice Caterina, il film dalle potenti passioni con Marlene Dietrich

L'imperatrice Caterina (“The Scarlet Empress”) è il film del 1934 di Josef von Sternberg che usciva in questi giorni nelle sale statunitensi. La giovane principessa tedesca, Sophia Frederica (Marlene Dietrich) è scelta dalla regina Elisabetta di Russia per sposare il nipote, il principe Pietro (Sam Jaffe), così da ...

 

Tutti i soldi del mondo, prime immagini del film di Ridley Scott

È stato pubblicato il primo trailer del film “Tutti ii soldi del mondo”, diretto da Ridley Scott. Nelle immagini si mostra il giovane Paul Getty III (Charlie Plummer) mentre viene rapito a Roma. Uno dei rapinatori - interpretato da Romain Duris - chiama la madre del ragazzo, Gail (Michelle Williams) e chiede 17 milioni di dollar...

 

I vip con più matrimoni alle spalle

Spesso si pensa che le persone famose abbiano molto di più degli altri e senza dubbio ciò è vero almeno per quanto riguarda i matrimoni e i divorzi, dal momento che pochi vip sono riusciti a rimanere sposati con la stessa persona per tutta la vita. Il leggendario sassofonista Louis Armstrong è convolato a nozze quattro v...

 

Recensione del film 'White Sun', la lotta alla casta acclamata dalla critica

“White Sun” (”Seto Surya”) è il film di Deepak Rauniyar ben accolto dalla critica statunitense. L’ex partigiano anti-regime Chandra (Dayahang Rai) deve raggiungere il suo villaggio, per partecipare ai funerali del padre. Il luogo è sperduto tra le montagne, e da dieci anni Chandra non fa visita ai suoi c...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=22587639&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1