X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Violet, un'opera conturbante elogiata dalla critica

06/06/2017 08:00
Recensione del film Violet un'opera conturbante elogiata dalla critica

"Violet" è il film che racconta per lunghe immagini un'esperienza adolescenziale.

Violet è il film di Bas Devos che sta ottenendo ottimi consensi di critica. È nelle sale statunitensi, e un cast composto da Cesar De Sutter, Koen De Sutter, Mira Helmer

“Violel” si apre con un accoltellamento all'interno del centro di Bruxelles: non è diretto, ma lo vediamo dalle quattro angolazioni dei monitor di sorveglianza.

A morire è un amico del quindicenne Jesse (Cesar De Sutter), che è lì con lui. Dopo l’accaduto Jesse piomba in un silenzio cupo, tanto che i genitori non riescono comprendere il suo atteggiamento.

Alcuni amici lo accusano di non fare un passo per rivelare chi sia stato l‘assassino, o si chiedono perché lui è sopravvissuto al posto dell’amico. I genitori di Jesse (Raf Walschaerts, Mira Helmer) percepiscono il suo dolore, ma sono impotenti a guarirlo.

Per tutto il film seguiamo Jesse lottare contro il torpore, ma con immagini che spesso esulano dalla trama, quasi un’opera di video-arte che s’insinua nel racconto. Un’immagine sfocata e colorata precede le Mountain Bikes che saltano spericolate, descrivendo la vita dei giovani ciclisti, immemori di quanto accaduto.

Così sono le sequenze lunghe a mostrare come la vita quotidiana emerge in un mistero che non si riesce a svelare, come fece il cinema-verité negli anni ’60, ma stavolta immerso in un ambiente thriller. I dettagli fanno disorientare lo spettatore, che non sa cosa stia osservando, se il film che ha iniziato a guardare oppure un documentario su alcuni momenti di vita, quasi antropologico.

In una sequenza la macchina da presa è all’esterno, inquadrando una casa notturna con una finestra al pianoterra, dietro cui ci sono delle persone. Nel medesimo momento al primo piano della casa c’è un’altra persona che si affaccia, mostrando così due vite separate nello stesso momento.

Il direttore della fotografo Nicolas Karakatsanis concentra le figure spesso in chiazze di colore: quando Jesse ha senso di colpa, la sua sagoma è sfocata e quasi invisibile contro la casa, mentre i membri della famiglia si dividono in forme di luce. Nella sua casa poco illuminata la figura di Jesse spesso è evanescente come un fantasma. Fino a quando lui conduce una bicicletta per strada, mentre è in sella ad un’altra. Segno ormai della sua incapacità di reagire.

È proprio questa la forza del film, che Variety ha lodato cerea un'alchimia evolutiva di percezione che circonda il protagonista, distorcendo il tempo, lo spazio e il colore “soffocando le sinapsi che collegano suoni e immagini”; le immagini evocative si susseguono e sono un piacere da guardare (Los Angeles Times), trionfante tour de force (Indie Wire).

Lo stesso momento in cui il regista filma un gruppo di persone che danzano in nu concerto, con Jesse presente tra luci psichedelichei, fa respirare il film della stessa esistenza, ampliando il tempo più di quello che rappresenta. Forse i cinque minuti più conturbanti del recente cinema.

La canzone del concerto è “Violet” della band black metal Deafheaven, che dà così il titolo al film e recepisce l’intera ansia del protagonista.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Aspettando il Re, intervista all'attrice Christy Meyer: 'la recitazione è stata messa a dura prova'

"Aspettando il Re" (Titolo originale: "A Hologram for the King") è uscito nelle sale cinematografiche italiane il 15 giugno, distribuito da Lucky Red. Il film è diretto da Tom Tykwer e basato sull'omonimo romanzo di Dave Eggers pubblicato nel 2012. Il personaggio principale è interpretato da Tom Hanks.  Leggi la rec...

 

Recensione del film Transformers - L'ultimo cavaliere

"Transformers - L'ultimo cavaliere" è il film di Michael Bay con Mark Wahlberg, Anthony Hopkins, Laura Haddock. In assenza di Optimus Prime - robot leader della fazione dei benevoli Autobot ma ora partito  alla ricerca del suo "creatore" - inizia una lotta tra l'organizzazione militare dei Transformers Reaction Force e i Transform...

 

Cattivissimo Me 3, incontro con il cast: Arisa, Max Giusti e Paolo Ruffini

Abbiamo incontrato a Roma il cast vocale di “Cattivissimo Me 3”, il film di Pierre Coffin e Kyle Balda, prodotto da Chris Meledandri e in uscita il 24 agosto 2017. A dare le voci ai protagonisti sono la cantante Arisa, gli attori Max Giusti e Paolo Ruffini. Il cattivo Gru è stato licenziato dalla Lega anti Cattivi, e si trova in...

 

L'amore ai tempi di Hollywood, tra gossip, scandali e divorzi

In termini di gossip hollywoodiano, il 2016 è stato segnato dal divorzio tra Johnny Depp e Amber Heard, una vicenda dai risvolti piuttosto spiacevoli visto che la Heard ha addotto, tra i motivi della separazione, il fatto che l’ex-marito fosse un tipo violento a causa soprattutto dei suoi problemi di alcolismo. Oggi la storia sembra es...

 

Inferno, il film con Tom Hanks dal libro di Dan Brown è su SkyCinema e NowTv

Inferno, il film tratto dal romanzo di Dan Brown arriva in televisione si Sky Cinema e NowTv, dal 10 luglio. Il film - che ha incassato 220 milioni di dollari - sarà anche preceduto dalla messa in onda di due film tratti sempre dai romanzi dello scrittore di Exeter. Il 2 luglio è trasmesso “Il Codice Da Vinci”, in cui il ...

 

Nicole Kidman, due libri raccontano l'attrice che compie 50 anni

Nicole Kidman, l’attrice di Honolulu oggi compie 50 anni. In una recente intervista a “E! News” ha detto che non organizzerà una festa sfarzosa, bensì sarà circondata dalla sua famiglia: "Voglio uscire con mio marito, i miei figli e mia sorella”. Essendo di pigne australiana, ha affermato che è g...

 

Alexandra Daddario, è l'imponente Costance nel nuovo film 'Abbiamo sempre vissuto nel castello'

Alexandra Daddario, una delle attrici più versatili nella recente cinematografia di Hollywood dopo l’obsoleto “Baywatch” sarà in un film completamento diverso. “We Have Always Lived in the Castle” è il titolo, diretto da Stacie Passon e interpretato anche da Sebastian Stan, Taissa Farmiga e Crispi...

 

10 attori che hanno perso la vita sul set

Quando si parla di professioni pericolose, il pensiero di solito corre ai muratori intenti a camminare in equilibrio a decine di metri da terra o a giornalisti e medici che lavorano in zone di guerra, non di certo al cinema o alla televisione. Invece, anche in un mondo apparentemente dorato, si celano storie davvero macabre di persone che hanno tro...

 

Film più visti della settimana, 'Cars 3' scalza dalla classifica 'Wonder Woman'

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 16 al 18 giugno 2017 vede al primo posto la novità “Cars 3” (53.547.000 dollari, leggi l'articolo): la vicenda è quella di Saetta McQueen che si propone di dimostrare a una nuova generazione di piloti che lui è ancora la migliore macchina da corsa del mon...

 

Luigi Pirandello, i film ispirati alle sue opere a 150 anni dalla nascita

Luigi Pirandello, di cui si celebrano il 150 anni dalla nascita (avvenuta il 28 giugno 1867) lavorò anche per il cinema. Molti furono i film che si ispirarono alle sue pièce o novelle. Il primo film tratto da una sua opera è “Il lume dell'altra casa” (1920) di Ugo Gracci con Anna Gracci, Gaietta Gracci e lo stesso ...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni