X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

MotoGP 17, recensione videogame per PS4 e Xbox One

15/06/2017 14:00
MotoGP 17 recensione videogame per PS4 Xbox One

MotoGP 17 è il videogioco ufficiale su licenza del campionato mondiale di motociclismo, con le tre categorie Moto3, Moto2 e Moto GP, oltre a piloti e livree storiche

MotoGP 17 è il videogioco ufficiale sul campionato di motociclismo sviluppato dall’italiana Milestone, con l’intera licenza delle categorie Moto3, Moto2 e, ovviamente, MotoGP. La serie, passata in pianta stabile nel 2013 alla casa di sviluppo milanese, rappresenta un buon mix tra arcade e alcune caratteristiche da simulatore, anche grazie all’enorme esperienza maturata nei titoli su due ruote. Accanto a MotoGP, infatti, un ottimo lavoro è stato fatto per la serie Ride, che punta ad essere il Gran Turismo delle moto, arrivato al secondo episodio. MotoGP 17 ne prende alcune caratteristiche nel sistema di guida e fisica, rivista e aggiornata per essere quanto più verosimile possibile, nonostante alcuni difetti storici ed intrinseci al genere, tra cui spiccano i contatti tra piloti e le cadute, aspetti ancora da migliorare sensibilmente.

Il focus per giocatore singolo di MotoGP 17 è la classica scalata nella modalità Carriera, in cui creare il nostro personaggio sia nell’aspetto estetico che nella progressione di livello, con l’esperienza accumulata gareggiando, e vincendo, le gare. Si parte dalla potenza ridotta e semplice da gestire delle Moto3, passando per le offerte della classe superiore sino all’approdo nei team maggiori. Nell’edizione 2016, Valentino Rossi: The Game, era stata inserita un’interessantissima e approfondita modalità che ripercorreva la storia e le imprese del centauro di Tavullia, rivissute in prima persona e che sintetizzava i migliori e più iconici momenti degli ultimi 15 anni di motociclismo. Tale feature non è stata replicata nel nuovo capitolo, che non presenta alcuna modalità parallela né una nomenclatura particolare, tornando alle classiche modalità su due ruote della serie canonica. Tornano, invece, alcune competizioni e sfide con moto e piloti storici, un’interessante e piacevole extra che va a riempire il lato nostalgico delle corse su due ruote.



Il gameplay di MotoGP 17 mantiene il feeling divertente e immediato della serie, con traiettorie permissive e contatti fisici, ma comunque attenta a replicare alcuni aspetti di realismo, sopratutto se con gli aiuti disattivati, durante le accelerazioni e nelle curve più strette. Le tre categorie non variano solo a livello puramente visivo, ma sono una netta differenziazione dal punto di vista di guidabilità e feeling su tracciato, un approccio che varia totalmente a seconda della classe scelta. Le Moto3 sono leggere e rispondono immediatamente ai nostri comandi, senza quasi alcun rischio di scivolata e derapate incontrollabili, mentre la Moto2 appesantisce i cambi di direzione e richiedono di dosare il gas in accelerazione. La classe regina è un deciso passo verso il lato simulativo, con traiettorie più sensibili e che richiedono maggiore precisione, un feedback di potenza soddisfacente e un’attenzione indirizzata ad una guida pulita, soprattuto in condizioni di pioggia, dove ogni minima accelerazione può far cadere il nostro pilota.



La grafica di MotoGP 17 riprende il vecchio motore utilizzato in Valentino Rossi: The Game, senza l’atteso e auspicato passaggio al più moderno e performance Unreal Engine 4, che ha fatto il suo debutto per Milestone nel recente MXGP3. Il perfezionamento dal lato tecnico si riscontra soprattuto in un’ottima fluidità, con un frame rate fissato a 60 fps, e la ricostruzione di animazioni che differenziano gli stili di guida, con i piloti più famosi che si muovono, spostano e reagiscono come nella realtà. Le licenze hanno permesso una cura maniacale nella riproduzione di moto e livree, oltre che nelle tute dei piloti, sia nelle categorie inferiori che nella classe regina. L’attenzione al dettaglio nella MotoGP permette letteralmente di vestire i panni dei centauri principali, con le tre scuderie più potenti, Yamaha, Honda e Ducati che rappresentano un deciso stacco rispetto alle altre, ora finalmente riprodotte alla perfezione anche dal punto di vista sonoro. Il rombo dei motori, criticato nel precedente titolo, diventa qui molto più corposo e realistico, grazie alle campionature riprese dal team di sviluppo.

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Fabio Tosti
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Forza Motorsport 7, recensione videogame per Xbox One e PC

Forza Motorsport 7 è il videogioco sviluppato da Turn 10 in esclusiva per piattaforme Microsoft, con l’attuale versione per Xbox One e PC e il futuro aggiornamento per Xbox One X il prossimo 7 novembre. La serie automobilistica americana si è ritagliata con il passare degli anni uno spazio importante all’interno delle simu...

 

Green River Killer A True Detective Story il fumetto della Dark Horse Comics

“Green River Killer A True Detective Story” è il fumetto della casa editrice Dark Horse Comics pubblicato in paperback nel 2015 in America. Dopo molto tempo dalla sua uscita, questo intrigante fumetto diventerà un film e le redini del progetto sono state assegnate a Michael Sheen. Il team creativo del fumetto invece &egrav...

 

Recensione Dov'è la casa dell'aquila? La nuova graphic novel di Orecchio Acerbo

Dov'è la casa dell'aquila? è la nuova graphic novel per bambini della casa editrice Orecchio Acerbo. Lo scorso 12 ottobre questo albo è uscito in tutte le fumetterie italiane. L'albo illustrato è composto da 28 pagine ed è adatto a tutti i bambini dai 4 anni in su. L'intera graphic novel è stata realizzata ...

 

La Terra di Mezzo: L'Ombra della Guerra, recensione videogame per PS4 e Xbox One

La Terra di Mezzo: L'Ombra della Guerra è il videogioco sviluppato da Warner Bros Interactive Entertainment, l’incarnazione videoludica che utilizza luoghi ed immaginario de Il Signore degli Anelli di J.R.R Tolkien, con una struttura narrativa personale e incentrata sul personaggio dalla doppia anima di Talion e Celebrimbor. L’Om...

 

Justice League, Wonder Woman leader indiscussa

Il nuovo trailer “Heroes” di Justice League rivela scene spettacolari promettendo siparietti comici. Nella sequenza iniziale compare anche Henry Cavill nei panni di Superman, ma è una scena immaginata da Lois Lane (Amy Adams), l'adorata collega ora in lutto. Tra i fan, oltreoceano, c'è chi comincia a dubitare dell'effetti...

 

La filosofia di Marie Kondo in una spassosa graphic novel

Marie Kondo è la beniamina di milioni di donne che, grazie a lei, si possono avvalere del suo metodo, ribattezzato dalla stessa autrice KonMari, per tenere in ordine casa. “Il magico potere del riordino” debutta in Giappone nel 2011, mentre in Italia arrriva tre anni dopo grazie alla casa editrice Vallardi. Negli Stati Uniti, il ...

 

Marvel's Inhumans: i legami tra i protagonisti descritti nella prima puntata

La serie televisiva "Marvel's Inhumans" debutta questa sera su Fox  Nella prima puntata intitolata "Guardate gli umani" sono introdotti i personaggi principali, gli stessi creati da Stan Lee e Jack Kirby e comparsi per la prima volta nei fumetti pubblicati da Marvel Comics.  Gli "inumani" sono dotati di abilità straordinarie e vi...

 

I videogiochi più importanti in uscita su PS VR

PlayStation VR offre centinaia di titoli differenti, da piccole esperienze digitali a giochi tripla A, per un panorama già molto variegato ad un anno di distanza dal lancio. L’interesse suscitato dal visore e il supporto costante di Sony, che a breve ne pubblicherà una revisione hardware, ha portato svariate software house a svi...

 

Rizzoli Lizard, Il signor Ahi e altri guai di Franco Matticchio

Dopo la pubblicazione estiva di “Jones e altri sogni”, Rizzoli Lizard ripropone “Il signor Ahi e altri guai”. Franco Matticchio realizza le prime due storie del signor Ahi, tra fine degli Anni Settanta e gli inizi degli Anni Ottanta. Quando finiscono su Linus nel 1985, l'artista si affretta a disegnarne una terza: il volume ...

 

Redlands n.3 il fumetto horror della Image Comics continua il suo successo

Redlands n.3 uscirà la prossima settimana nelle fumetterie americane grazie alla casa editrice Image Comics. Questo albo dai toni horror ha avuto un grandissimo successo sia a livello di pubblico che tra gli esperti del settore. Alle redini del fumetto troviamo sempre lo stesso team creativo: Jordie Bellaire ai testi e Vanesa Del Rey ai dise...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni
pixel sony skin pixel sony skin