X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

DiRT 4, recensione videogame per PS4 e Xbox One

13/06/2017 14:00
DiRT 4 recensione videogame per PS4 Xbox One

DiRT 4 è la quarta incarnazione del titolo di guida sviluppato da Codemasters, che unisce discipline Rally a Dune Buggy e Truck, per un'esperienza stratificata in termini di gameplay

DiRT 4 è il videogioco rallistico sviluppato da Codemasters, regina dei titoli automobilistici arcade, storica creatrice della saga di Toca Race Driver e del successore spirituale Grid, oltre al recente Dirt Rally, uscito lo scorso anno su PS4 e Xbox One. Se nella precedente generazione i Dirt hanno rappresentato uno spettacolare connubio tra rally e discipline affini, come le Buggy e modalità da Destruction Derby, l’ultimo nato nella software house inglese aveva totalmente cambiato tipologia di offerta, con un gioco di guida simulativo e dedicato agli hardcore gamer. Questo nuovo quarto capitolo unisce le filosofie alla base dei due episodi, con un’impostazione che può essere liberamente scelta appena avviato il gioco, con uno stile di guida semplificato o uno indirizzato alla simulazione pura, opzione che cambia radicalmente approccio e tipologia di gameplay.

DiRT 4 propone quattro differenti discipline all’interno della centrale modalità Carriera, in cui ampliare le proprie strutture e potenziare macchine e staff. Gli eventi sono divisi in: Rally, Landrush, Rallycross e Rally storico, e ognuno di essi ha al suo interno particolari tornei ed epoche, per una differenziazione che abbraccia diverse tipologie di veicoli. La crescita della nostra esperienza permette di sbloccare licenze e accumulare denaro, utile ad acquistare nuove macchine, siano esse nuove oppure usate. La progressione all’interno di una disciplina ci conduce sino al campionato finale, un evento che rappresenta il livello massimo di licenza possibile, ed è contraddistinto dall’insieme di tutto quello vissuto nei precedenti tornei. Accanto alla curata modalità per giocatore singolo, che comprende anche l’Academy, dove affinare le proprie abilità di guida ed impararne di nuove, troviamo la componente multiplayer, che vede jam session e sfide giornaliere, oltre alle gare divise per disciplina.



Il gameplay di DiRT 4, come anticipato in apertura, permette al giocatore di decidere quale approccio utilizzare, una scelta che influenza profondamente la giocabilità e l’indole del titolo. Al primo avvio, poi possibile da modificare sotto le opzioni di gioco, compare l’avviso tra una guida arcade, immediata e divertente, e una simulativa, la stessa apprezzata in Dirt Rally. Propendere per uno stile realistico comporta un’estrema attenzione ad ogni componente, dal setting pre-gara, al dosare freno e accelerazione, con una fisica che riproduce dossi e avvallamenti, rendendo le tappe di rally un vero e proprio pericolo costante, con il rischio di finire anzitempo la gara. Il sistema di danni, infatti, non concede grandi errori, con parti meccaniche e di carrozzeria esposte al costante rischio di alberi ed elementi a bordo pista. Scegliendo la vena simulativa avremo, quindi, una giocabilità praticamente identica a quanto già visto in Dirt Rally, uno dei titoli di guida più difficili nell’ultimo decennio. All’opposto, lo stile arcade permette un approccio più immediato e spensierato, mantenendo comunque alcune caratteristiche di realismo ma unite ad un sistema maggiormente permissivo, di danni, derapate e aiuti in termini di stabilità e aderenza al terreno. Il gameplay diventa più avvicinabile ai vecchi Dirt, permettendoci di scendere in pista con meno tensione e una difficoltà scalabile, vero e proprio punto di forza del nuovo titolo Codemasters. Dirt 4 abbraccia, infatti, l’intera utenza dei giochi di guida, con una gamma di personalizzazione che collega il novizio con l’hardcore gamer, grazie ad un sistema di aiuti e stili che permette davvero qualsiasi approccio si prediliga.



La grafica di DiRT 4 è molto simile a quanto visto in Dirt Rally, con alcune migliore e aggiunte che riguardano le discipline Landrush e le condizioni ambientali, migliorate grazie anche a dei particellari estremamente curati. Il colpo d’occhio visivo rimane, comunque, abbastanza deludente, con una resa generale lontanissima dalle meraviglie tecniche della scorsa generazione, dove l’Ego Engine rappresentava quanto di migliore potesse offrire il mercato videoludico. Le macchine sono modellate con pochi dettagli, non molto definite e afflitte da una sensazione perno nelle visuali esterne. Il sistema di illuminazione resta piatto e anonimo, con gare di rally contraddistinte da pochi elementi a bordo pista, con foglie, alberi ed erba dalla resa mediocre. Ma non tutto è da buttare, partendo da una fluidità alta ed impeccabile, un sonoro curato sia nelle musiche che, soprattuto, in quello dei motori e negli effetti ambientali, apprezzabili soprattutto nelle visuali ravvicinate. Le gare di Landrush, invece, tra buggy e truck hanno una resa sensibilmente superiore, con veicoli più dettagliati e un convincente sistema di effetti visivi, con polvere, schizzi di fango e sporcizia che si attaccano, gradualmente, sulla carrozzeria. Gli stessi eventi meteorologici, tra pioggia battente, nebbia e piccole tempesta di sabbia, modificano l’esperienza dal punto di vista non solo visivo, ma anche di giocabilità, influendo sensibilmente sulla nostra guida.

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Fabio Tosti
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Dragon Ball FighterZ, anteprima videogame per PS4 e Xbox One

Dragon Ball FighterZ è il picchiaduro in 2D di una delle saghe più famose e apprezzate nel mondo, con una nutrita di schiera di fan anche nel nostro territorio. Il ritorno del franchise ci trasporta su terreni di scontro in due dimensioni, per un videogioco veloce e spettacolare, sia dal punto di vista del gameplay che dal lato pretta...

 

Recensione film Atomica Bionda: colui che inganna troverà sempre chi si lascerà ingannare

Atomica Bionda trae origine dal fumetto The Coldest City scritto ed illustrato da Antony Johnston e Sam Hart. Il film diretto da David Leitch ed interpretato tra gli altri da Charlize Theron, Sofia Boutella e James McAvoy, è ambientato nella Berlino della guerra fredda, durante le sommosse che hanno portato all’abbattimento del muro e ...

 

Days Gone, anteprima videogame Sony per PS4

Days Gone è un videogioco d’azione ambientato in un mondo aperto, un’enorme mappa dove sopravvivere a gruppi di nemici umani e orde di zombie. La presentazione di due anni fa, all’E3, aveva mostrato un titolo dalle tinte avvicinabili a The Last Of Us, ma dai connotati decisamente più survival, con decine di non morti...

 

Recensione L'ultimo giorno in Vietnam, un bellissimo fumetto di Will Eisner pubblicato da 001 Edizioni

L'ultimo giorno in Vietnam è un bellissimo fumetto scritto e disegnato dalla leggenda della nona arte Will Eisner. All’interno dell’albo si trovano diverse storie raccolte in modo casuale, senza seguire una linea temporale, dallo stesso Eisner. La casa editrice 001 Edizioni ha deciso di ripubblicare nei primi giorni di luglio que...

 

Recensione Rise of the Black Flame il fumetto scritto da Mike Mignola per Dark Horse Comics

Rise of the Black Flame è il nuovo fumetto pubblicato dalla casa editrice Dark Horse Comics, che unisce tutti e cinque i numeri di questa incredibile serie uscita lo scorso anno. Grazie al grande successo ottenuto, la casa editrice ha deciso di pubblicare l’intera storia in un unico volume. All’interno di questo bellissimo albo, ...

 

Final Fantasy XII: The Zodiac Age, recensione videogame per PS4 e Xbox One

Final Fantasy XII: The Zodiac Age è la riedizione di un videogioco particolare, un capitolo fatto di ottime idee e importanti innovazioni all’interno di quello che era a suo tempo il brand di Final Fantasy. La saga si era sempre poggiata su un sistema di combattimento a turni ed incontri casuali, peculiare dei giochi di ruolo a stampo ...

 

Wolfenstein II: The New Colossus, anteprima videogame Bethesda per PS4 e Xbox One

Wolfenstein II: The New Colossus è il videogioco sviluppato da MachineGames e pubblicato da Bethesda Softworks, il seguito di uno dei migliori sparatutto degli ultimi anni, lo storico ritorno del tenente B.J. Blazkowicz. La saga ha segnato un intero genere, oltre che l’industria videoludica, con l’uscita nel lontano 1992 di quell...

 

Recensione Wonder Woman l'Amazzone della collana Grandi Opere DC di Jill Thompson

Wonder Woman L’Amazzone è stato pubblicato all’interno della collana Grandi Opere DC e in Italia distribuito dalla Lion divisine di RW Edizioni. Questa nuova storia ci porta alle origini dell’eroina più famosa dell’universo DC Comics, com’è nata e da dove vengono i suoi grandi poteri, ma soprattutt...

 

Recensione The Interview la nuova graphic novel di Manuele Fior di Fantagraphics

The Interview è la nuova graphic novel pubblicata dalla casa editrice americana Fantagraphics, scritta e disegnata da Manuele Fior. L’autore ci porta in un futuro dove i cambiamenti non avvengono con una rivoluzione o con la fine del mondo ma attraverso processi mentali che poco a poco cambiano il modo di pensare. I contatti con gli ex...

 

Crash Bandicoot N.Sane Trilogy, recensione per PS4: il ritorno della mascotte PlayStation

Crash Bandicoot N.Sane Trilogy è un pezzo di storia del videogioco, la collezione completamente restaurata dei primi tre storici capitoli usciti su PlayStation, un ricordo a cui tantissimi videogiocatori sono legati. Proprio l’aspetto nostalgico ha convinto Activison ad affidare al team interno Vicarious Visions il compito di riportare...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni