X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

La tenerezza: incontro con Gianni Amelio, Micaela Ramazzotti e Elio Germano

20/04/2017 18:30
La tenerezza incontro con Gianni Amelio Micaela Ramazzotti Elio Germano

La tenerezza è il film di Gianni Amelio con Renato Carpentieri, Micaela Ramazzotti e Elio Germano. È liberamente ispirato ad un romanzo.

La tenerezza è il film di Gianni Amelio con Renato Carpentieri, Elio Germano, Giovanna Mezzogiorno, Micaela Ramazzotti, Greta Scacchi.

Mauxa ha partecipato alla conferenza stampa: la storia è quella di Lorenzo, avvocato in pensione che vive da solo, ostile ai figli e burbero. Quando fa amicizia con i giovani vicini di casa parte aprirsi ad un nuovo ottimismo, fino a quando un evento segna le vite di tutti.

D. Cos’è la tenerezza?

Gianni Amelio. Papa Francesco ha proprio parlato della tenerezza la settimana scorsa. Io credo che la tenerezza sia qualcosa di cui abbiamo bisogno per scacciare l'ansia. Soprattutto in questo momento in cui tutto può cambiare in un secondo. Non è un caso che il film si apra è chiuda con due processi, quasi paventando qualcosa di torbido che si nasconde dietro gli imputati. 

La tenerezza va offerta quando ce n'è bisogno ma sopratutto quando è autentica. Tutto il percorso che fa Elena (Giovanna Mezzogiorno, n.d.r.) nel film serve per scardinare la chiusura del padre, Lorenzo (Renato Carpentieri) che si apre. D. Invece il rapporto tra Fabio (Elio Germano) e Michela (Micaela Ramazzotti) come si delinea?

Gianni Amelio. In una scena i due sono a tavola, lui la imbocca mentre lei è dietro. Quella scena non l'ho controllata. Elio mi ha detto: "non è meglio che ho Michela sulle ginocchia". Così anche la scena è cambiata completamente, con il personaggio di Renato Carpentieri che è lì con loro e prova imbarazzo. Elio imbocca Micaela senza guardarla, quasi conoscesse a memoria il suo volto. Si va oltre il copione, che era diverso: è la possibilità che gli attori scavalchino il regista. 

Micaela Ramazzotti. Ho trovato la scena molto sensuale. Quasi che i due si conoscessero da sempre. L'abilità è stata anche di Gianni a trasmettere questo senso della tenerezza. Che per me è la curiosità.

Elio Germano. In una scena sul copione c'era un momento in cui i due facevano l'amore, mi pare sul pavimento. Poi è stata tolta, ma forse quella scena è rientrata con il pathos in quest'altra. 

Renato Carpentieri. C'è anche l'idea che oltre l'imbarazzo del mio personaggio nel guardali, quella sia una famiglia felice.

D. Come ti è immedesimata nel personaggio di Elena?

Giovanna Mezzogiorno. Più che recitare in un film, è essenziale che il personaggio venga a te. Nelle cose che ho fatto, c'è sempre un momento in cui le cose non puoi saperle. È bello parlare di un film prima che si inizino le riprese, di un personaggio ma non troppo: poi occorre lasciarsi andare.

Oggi i rapporti sociali sono carichi di insidie, fanno paura. Con i bambini piccoli invece è facile avere tenerezza perché la loro percezione non è inquinata. Il bambino è pulito in questo senso. Il modo gli adulti è più complicato.

D. Questo sodalizio come è nato? 

Renato Carpentieri. Mi sono preparato in questi ventisette anni, da “Porte aperte” a “La tenerezza”. C'era stima nel regista.

Gianni Amelio. Per me Renato è un grande artista: e devo dire che assomiglia anche a Sean Connery (ride). Il produttore Agostino Saccà sa da quanto tempo volevo fare un film con tutti questi attori. Poi c'è Greta Scacchi, che ha voluto il copione un mese prima: e sul set sapeva il copione, ma alla fine ha fatto un'improvvisazione. 

D. Che rapporto c'è con il libro da cui è tratto, “La tentazione di essere felici” di Lorenzo Marone?

Gianni Amelio. Nel film Lorenzo ha un'inquietudine, nel libro invece è un provocatore che addirittura fa acquistare cose al nipote al bar e poi minaccia i proprietari. 

D. Il personaggio di Fabio è molto ambiguo.

Elio Germano. Sì, non si capisce se ciò che Fabio dice è vero oppure no. Finge di stare bene.

D. Perché il film non è a Cannes?

Gianni Amelio. Sono contento ce vi sia. Oggi siamo sereni a parlare, ma voi vi ricordate cosa sono le conferenze stampa dei festival. Prima lì parlano gli imbecillì, le prime quattro domande sono fatte da loro: le altre due sono interessanti ma ormai i venti minuti sono finiti. Sono stato sette volte a Venezia vincendo un Leone d’oro, quattro a Cannes. Da questo film vorrei il pubblico, perché l'abbiamo realizzato con molta onestà, carica di amore e semplicità. Non va dato in pasto con quattro altri film al giorno, come nei festival. 

Alla fine Gianni Amelio rivolge una domanda al produttore: “Lo rifareste”? Agostino Saccà. Certo che sì. Il film racconta anche la crisi che stiamo vivendo in occidente, ossia la crisi della paternità. La crisi della mancanza di una guida. 

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Micaela Ramazzotti, Gianni Amelio

 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Sting, si alterna ad Arrigo Sacchi e Massimo Cacciari all'eclettico Festival Collisioni

Sting si è esibito al Festival Collisioni, che si è concluso a Barolo il 21 luglio. L'artista di Wallsend ha cantato brani come “Every little thing she does is magic”, “So lonely”, “If I ever lose my faith in you””, Englishman in New York”. Se già dal 1979 con i Police lanciava da...

 

La pazza gioia di Paolo Virzì: una storia di pazzia, libertà e amore con Valeria Bruni Tedeschi e Micaela Ramazzotti

La pazza gioia di Paolo Virzì. Fissato a Roma per lunedì 18 maggio il primo ciak del nuovo film, La pazza gioia, con protagoniste Valeria Bruni Tedeschi e Micaela Ramazzotti. Le riprese continueranno per otto settimane tra la capitale e la Toscana. Trama. Beatrice (Bruni Tedeschi) e Donatella (Ramazzotti) sono pazienti con problemi p...

 

Ho ucciso Napoleone, Micaela Ramazzotti glaciale manager in cerca di vendetta

Ho ucciso Napoleone film diretto da Giorgia Farina, scritto insieme a Federica Pontremoli; una produzione Bibi Film con Rai Cinema. Ho ucciso Napoleone trama. La vita perfetta di Anita, spietata dirigente di un’importante casa farmaceutica, nel giro di poche si sgretola inesorabilmente. Il medico le ha appena detto di essere al quarto mese...

 

Ho ucciso Napoleone, Micaela Ramazzotti nel nuovo film di Giorgia Farina

Ho ucciso Napoleone film commedia. Ho ucciso Napoleone è un film commedia italiano del 2015, diretto dalla giovane regista e sceneggiatrice italiana Giorgia Farina (1985), su una sua sceneggiatura. La pellicola è montata da Esmeralda Calabria mentre le musiche sono di Andrea Farri. "Ho ucciso Napoleone", prodotto da Bibi Film con Rai ...

 

Il nome del figlio recensione film, Alessandro Gassmann e Micaela Ramazzotti in una commedia frizzante tra le mura domestiche

Il nome del figlio film diretto da Francesca Archibugi (Questione di cuore) e sceneggiato insieme a Francesco Piccolo, tratto dalla pièce teatrale “Le prénom” di Alexandre De la Atellière e Matthieu Delaporte.  Il nome del figlio trama. La serata inizia come tante altre, una cena in casa di Betta, insegnante...

 

Micaela Ramazzotti in Il nome del figlio, prima commedia di Francesca Archibugi

Micaela Ramazzotti ultime news. Micaela Ramazzotti, moglie del regista Paolo Virzì  festeggia 35 anni proprio oggi, sabato 17 gennaio. Un compleanno speciale per una delle attrici più acclamate del panorama italiano, che sta iniziando il 2015 nel migliore dei modi, al cinema. Oltre al film “Il nome del figlio”, in usc...

 

Cannes 2014, Micaela Ramazzotti: attrice in Più buio di mezzanotte e autrice piccante per l'Archibugi

Più buio di mezzanotte è il film di Sebastiano Riso presentato al festival di Cannes, ne la Semaine de la critique. La protagonista femminile è Micaela Ramazzotti. La trama. La vicenda ruota attorno a Davide, ragazzo di quattordici anni che però nell’aspetto ha qualcosa di diverso dagli altri coetanei. Somiglia ad...

 

Festival di Cannes, Micaela Ramazzotti è Rita nel film scelto per la Semaine de la Critique

Festival di Cannes. L'annuale kermesse cinematografica, giunta alla sessantasettesima edizione, inserisce il film “Più buio di mezzanotte”, firmato alla regia da Sebastiano Riso ed onorato dalla partecipazione straordinaria dell'attrice Micaela Ramazzotti, nella lista delle opere selezionate per la Semaine de la Critique. Pi&ugr...

 

'Un matrimonio', serie tv con Micaela Ramazzotti in onda il 29 dicembre

Pupi Avati, uno dei registi più celebri e apprezzati del panorama cinematografico italiano (grande successo di pubblico e critica hanno ottenuto le sue commedie romantiche "Ma quando arrivano le ragazze?" e "La seconda notte di nozze"), si dedicherà al piccolo schermo. Debutta infatti in tv dietro la macchina da presa per “U...

 

Micaela Ramazzotti, nel film ‘Il nome del figlio’ della Archibugi e nel provocante ‘Anni felici’ di Lucchetti

Micaela Ramazzotti sarà al cinema dal 3 ottobre con “Anni felici”, film di Daniele Lucchetti con Kim Rossi Stuart, Martina Gedeck, Niccolò Calvagna, Samuel Garofalo e Benedetta Buccellato. La trama è ambientata nel 1974 e ruota attorno a Guido, artista romano che vorrebbe essere d'avanguardia ma che a causa delle ...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni