X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Intervista a Roan Johnson: dal film 'Piuma' ai nuovi episodi della serie 'I delitti del BarLume'

16/04/2017 13:15
Intervista Roan Johnson dal film 'Piuma' ai nuovi episodi della serie 'I delitti del BarLume'

Il film "Piuma" va in onda questa sera su Sky Cinema Uno HD e Sky Uno HD. Mauxa ha intervistato Roan Johnson, dal 2015 regista anche della serie "I delitti del BarLume".

Nel giorno di Pasqua i canali Sky Cinema Uno HD e Sky Uno HD propongono “Piuma”, film presentato in concorso alla 73. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia.

Abbiamo intervistato il regista Roan Johnson.

D: ”Piuma" propone allo spettatore una riflessione profonda sul gusto dell'incoscienza e l'insorgere della responsabilità, quali delle due tematiche è risultata più difficile da raccontare?

R: Mentre Cate (ma in generale i personaggi femminili del film) rappresentano il lato più maturo e responsabile Ferro, suo padre e il padre di Cate rappresentano invece il lato più immaturo e amabilmente incasinato della nostra storia. Questi due poli opposti creano sia il lato divertente e più comico del film sia quello più emozionante. L’arrivo imprevisto di una responsabilità è la partenza e la chiave del film. E l’arrivo di un figlio è ovviamente l’esempio più grande di questo concetto. E come ci si rapporta all’arrivo di una responsabilità? La stessa incoscienza può paradossalmente essere utile ad assumersene una? C’è una sorta di lotta fra l’ottimismo sognante e a volte sconclusionato di Ferro e il senso di responsabilità di Cate ed è da lì che nascono i problemi, ma credo sia anche lì dove si debba cercare la soluzione.

D: A tuo parere cosa hanno potuto ricavare i giovani guardando il film?

R: Piuma intanto è una commedia sulla famiglia. Si va da nonno Lino che ha ottanta anni a Ferro e Cate che ne hanno diciotto. E nel mezzo ci sono le generazioni che probabilmente possono godere di più nel vedere questo film e capirne tutti gli aspetti. Quindi i premi e le reazioni entusiaste che ci hanno regalato anche i più giovani credo vengano prima di tutto perché Piuma è un film dove si ride molto e ci si emoziona. E’ anche un'avventura che è sia divertente che appassionante da guardare. Poi il film pone anche delle domande sul concetto di amicizia, di amore, del rapporto con i propri genitori e appunto con l’assunzione delle responsabilità. Credo che il nostro compito non sia dare risposte ma fare le domande giuste che riguardino le loro paure, i loro sogni, le loro fragilità e la loro voglia di vivere il proprio presente e futuro.

D: Dal 2015 sei regista della serie televisiva "I delitti del BarLume", in onda su Sky. A tuo parere quali sono i motivi del proliferare dei racconti di genere investigativo?

R: Credo che i gialli siano sempre andati di moda e non smetteranno mai di andare per la maggiore. Hanno una struttura narrativa che se usata bene ti tiene incollato allo schermo, un codice dove lo spettatore si ritrova ma che allo stesso tempo ha variazioni infinte. Barlume ha la caratteristica di essere un giallo che è anche una commedia, che credo sia comunque un ossimoro: il giallo si basa sulla tensione e l’empatia e spesso col dramma, e la commedia è distante da tutto questo. Già nei romanzi di Malvaldi questi due aspetti riuscivano a trovare una loro chimica magica e noi abbiamo provato a riportarla in televisione, creando un prodotto che penso assomigli a poco altro. Il pubblico se ne è accorto e ci segue sempre di più. E di questo siamo molto orgogliosi.

D: Sono già previsti nuovi episodi?

R:Sì stiamo scrivendo e partendo con il casting per le due nuove puntate che gireremo a giugno e luglio e credo che andranno di nuovo in onda a gennaio, una formula che ci ha portato molto fortuna e che la produzione giustamente non vuole cambiare. A tutti quelli che ci chiedono perché giriamo solo due puntate rispondo con la filosofia di Carlo Degli Esposti: se trovi un ristorante che ti piace e ci vai cinque volte al mese poi di viene a noia, se ci vai due volte l’anno forse ci torni per tutta la vita.

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Luigi Spezzi
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

The Little Drummer Girl: dopo 'The Night Manager' una nuova miniserie basata su un romanzo di John le Carré

Dopo il grande successo riscosso da “The Night Manager”, The Ink Factory, BBC ONE e AMC hanno annunciato il loro nuovo progetto, si tratta della miniserie televisiva “The Little Drummer Girl”, basata sull’omonimo romanzo dello scrittore britannico John le Carré.  Articolata in sei parti, "The Little Drumme...

 

"Shameless 8" rinnovato per la nona stagione, ma Ethan Cutkosky è un bad boy non solo sul set

"Shameless 8", la serie tv su una famiglia disfunzionale che cerca di arrangiarsi nei quartieri popolari di Chicago, è ormai un grande classico del piccolo schermo: Showtime ha deciso di rinnovarla per una nona stagione, confermando l'intero cast tra cui le star William H. Macy ed Emmy Rossum. Difficile biasimarli dal momento che la premi&eg...

 

Dietland, la serie tv: nel cast anche Julianna Margulies

AMC ha annunciato nei giorni scorsi che Julianna Margulies interpreterà il ruolo di Kitty Montgomery nella nuova serie televisiva "Dietland" basata sull'omonimo romanzo del 2015 di Sarai Walker.  L'attrice e produttrice statunitense è nota al pubblico televisivo per la sua partecipazione al celebre medical drama "E.R. - Med...

 

"Mr. Robot", Rami Malek stupisce nei panni del mito Freddie Mercury e in "Papillon"

"Mr. Robot", la serie tv sulla vita del giovane dissociato sociopatico Elliot, è giunta alla terza stagione e le vicende degli stralunati personaggi impegnati a rovesciare l'ordine finanziario mondiale continuano a sorprendere. In questa stagione lo show ha mantenuto lo stile delle precedenti, con una trama estremamente avvincente e un punto...

 

Lady Dynamite, la seconda stagione della serie tv basata sulla vita di Maria Bamford

La serie televisiva intitolata “Lady Dynamite” è stata creata da Pam Brady e Mitch Hurwitz, la seconda stagione debutterà domani sulla piattaforma streaming Netflix.  Connotata da un'impostazione comedy, la serie è basata sulla vita dell’attrice e comica statunitense Maria Bamford, la quale int...

 

La strada di casa, noir e melò nella nuova serie tv con Alessio Boni

La serie televisiva “La strada di casa” debutterà su Rai 1 il 14 novembre. La trama si svolge attorno al personaggio di Fausto, un imprenditore agricolo che entra in coma a seguito di un grave incidente stradale e si risveglia dopo cinque anni. Il protagonista deve confrontarsi con una situazione radicalmente cambiata rispetto a...

 

The Crown, verso la seconda stagione: il nuovo trailer

È stato pubblicato un nuovo trailer della seconda stagione di "The Crown", serie televisiva che ha dimostrato di essere in grado di generare un coinvolgimento dello spettatore ed ha ricevuto una lunga serie di giudizi positivi da parte della critica.  La seconda stagione si compone di dieci nuovi episodi e debutterà l'8 dicembre...

 

The Sinner, la serie tv con Jessica Biel debutta su Netflix

La serie televisiva intitolata “The Sinner” è stata trasmessa negli Stati Uniti dal 2 agosto al 20 settembre su USA Network, da oggi è disponibile sulla piattaforma streaming Netflix. Articolata in otto episodi, “The Sinner” è basata sull’omonimo romanzo della scrittrice tedesca Petra Hammesfahr. ...

 

Intervista all'attrice Natalie Sharp: da 'Hit the Road' a 'Live Like Line'

Abbiamo intervistato in esclusiva l’attrice canadese Natalie Sharp, tra i protagonisti della serie televisiva “Hit the Road” D. La musical comedy “Hit the Road” racconta le vicende di una famiglia disfunzionale, come ti sei rapportata alle tematiche affrontate dalla serie? R: L’adoro, mi piace la confusione, sp...

 

Sotto copertura - La cattura di Zagaria, anticipazioni ultima puntata

La quarta e ultima puntata della serie televisiva "Sotto copertura - La cattura di Zagaria” va in onda questa sera su Rai 1. Al termine della precedente puntata il protagonista principale Michele Romano (Claudio Gioé), capo della squadra mobile di Napoli, viene trasferito a Roma e la guida della sua squadra viene assunta da Francesco ...

 
Da non perdere


Ultime news
Recensioni