X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Goliath, recensione della prima puntata della serie tv

04/04/2017 07:00
Goliath recensione della prima puntata della serie tv

Abbiamo guardato la prima puntata della serie televisiva "Goliath", disponibile su Amazon Prime Video dal 17 febbraio 2017.

La serie televisiva "Goliath" è disponibile sulla piattaforma streaming Amazon Prime Video dal 17 febbraio 2017.

La trama si svolge intorno al personaggio di Billy McBride (Billy Bob Thornton), un valido avvocato ridotto in una condizione trasandata. È presentato nella sua tetra quotidianità, mentre esce dal suo appartamento con un abbigliamento non curato e un atteggiamento rattristante. Spende gran parte del suo tempo all'interno di un locale e nella sua sfera professionale appare privo di interesse e coinvolgimento emotivo.

Lo smarrimento di sé è presente in forme diverse in altre produzioni seriali, tra cui la recente "Good Behavior", basata sull'omonima serie di racconti dello scrittore Blake Courch. (Leggi la recensione del primo episodio).

In "Goliath" ritorna la rappresentazione dell'occasione del riscatto, ovvero un'opportunità di ridefinire la propria esistenza lavorativa e professionale e trovare una nuova motivazione per recuperare la propria identità. Come nella serie "The Night Of", quando il personaggio centrale del racconto svolge la professione dell'avvocato, tale momento coincide con il presentarsi di un nuovo caso. 

Nella prima puntata Billy è avvicinato dalla collega Patty Solis-Papagian (Nina Arianda), la quale richiede il suo aiuto per un caso che interessa il suo vecchio studio, il Cooperman & McBride. Contattato successivamente anche da Rachel Kennedy (Ever Carradine), il protagonista inizia gradualmente a interessarsi alla vicenda, risalente a due anni prima e interpretata come un suicidio. 

Billy accetta di lavorare al caso e la notizia giunge inevitabilmente tra le stanze del suo vecchio studio. La sua ex moglie è conscia del suo valore professionale: “è stato uno dei migliori avvocati che abbia mai conosciuto” - afferma nel corso di una conversazione con Callie Senate, una delle sue migliori amiche.

Il protagonista inizia la sua personale indagine, raccoglie testimonianze e guarda anche video su internet per immergersi totalmente all'interno del caso. Ben presto intuisce che potrebbe non essersi trattato di un suicidio, e quando incontra nuovamente Patty Solis-Papagian le confessa: “Credo che ci sia un disegno più ampio”. La teoria del complotto emerge fin dalla prima puntata, nel corso della quale Billy è vittima di un gesto intimidatorio. 

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Luigi Spezzi
Home
 
Personaggi correlati
Billy Bob Thornton
 
Galleria fotografica
Da non perdere
Ultime news
Recensioni