X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

'La nostra società sta diventando eccessivamente protettiva': intervista a Daniele Fabbri

03/04/2017 07:00
'La nostra società sta diventando eccessivamente protettiva' intervista Daniele Fabbri

Mauxa ha intervistato Daniele Fabbri. Il comico ci ha parlato del suo nuovo monologo intitolato "Infarto Cesareo".

Abbiamo intervistato il comico Daniele Fabbri, protagonista il 7 aprile al Teatro Douze di Roma con un nuovo significativo show. 

D: Il tuo nuovo monologo si intitola “Infarto Cesareo”, cosa lo distingue rispetto ai precedenti?

R: La voglia di essere più scemo. Nei miei primi spettacoli ho cercato di esplorare un umorismo molto logico, quasi analitico, eppure a me diverte molto fare il cretino, in questo spettacolo ho dato più spazio al “cazzeggio”. Pensa che a un certo punto faccio letteralmente le capriole sul palco.

D: Come mai hai scelto di parlare del “trauma” come di un’esperienza educativa e migliorativa di sé?

R: Perché la nostra società sta diventando eccessivamente protettiva, l’idea che quando le persone hanno un problema possano venire “traumatizzate” a volte sfiora il ridicolo, per cui mi diverte l’idea di ribaltare il concetto, anche perché è assolutamente vero che le esperienze traumatiche che ho vissuto nella mia vita mi abbiano aiutato ad imparare e a crescere.

D: Qual è il pubblico ideale di questo show?

R: Beh, lo spettacolo è perfino molto educativo secondo me, direi che le uniche persone inadatte sono quelle che storcono il naso davanti alle “parolacce”. Io non sono neanche un vero campione di volgarità, sono più un appassionato, ma visto che ancora mi capita nel 2017 di avere in platea gente che si infastidisce alla parola “fregna”, meglio precisare.

D: Scrivi e interpreti sketch per “ComedyCentralNews” e sei autore e attore comico in “Nemico Pubblico”, parteciperai anche ad altri programmi in tv?

R: Attualmente stiamo ultimando le registrazioni per la terza stagione di CCN, e anche quelle per un altro programma di Standup Comedy sempre su Comedy Central, dove porterò qualche estratto del mio precedente spettacolo. Poi chissà.

D: C’è una trasmissione nella quale hai sempre sognato di esibirti e affermarti come comico?

R: Il Pippo Chennedy Show. Ma è finito prima che io iniziassi a fare il comico.

D: Qual è la tua personale idea di cabaret? In che modo hai cercato di concretizzarla nel corso della tua carriera?

R: Tra “cabaret” e “standup comedy” si sono generati una serie di equivoci incredibili in questi anni. A me non interessa la distinzione tra comicità “forte” o “leggera”, satira o non satira, io faccio quello che mi diverte fare, punto e basta. Penso però che la comicità debba essere affidata a persone veramente creative, artisti che facciano ricerca, su qualsiasi tipo di umorismo. In Italia la figura del comico è troppo associata a quella del “cazzone” della comitiva, sembra che per fare questo mestiere basti imparare 10 barzellette di fila e fare un po’ lo scemo, per questo la comicità che vediamo ovunque è così ripetitiva e stantìa. Nel corso della mia carriera ho cercato di proporre spettacoli completi e variegati, oltre che divertenti, perché la qualità è la cosa più importante. Voglio che la gente sia soddisfatta come quando va in un buon ristorante con un menù ricco, di quelli che vale la pena andarci sia per i piatti ricercati, sia per una semplice amatriciana. È la qualità che dà il vero piacere, per questo andiamo a mangiare fuori: tutti cuciniamo, ma non tutti siamo chef. 

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Luigi Spezzi
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

'Nei paesi anglosassoni il mercato della comicità è più sviluppato': intervista a Francesco De Carlo

Abbiamo intervistato il comico Francesco De Carlo, tra gli autori del programma di Rai 3 "Nemico Pubblico" e nel cast di "Stand Up Comedy" su Comedy Central. Nel corso della sua carriera in televisione è stato monologhista nei programmi di Sabina Guzzanti e Neri Marcorè, e ha partecipato a "Aggratis" su Rai 2 e agli "Sgommati El...

 

Stand-up comedy, un genere 'da praticare e far conoscere': intervista a Velia Lalli

Abbiamo intervistato Velia Lalli, irriverente comica tra i panelist del programma televisivo "Sbandati" in onda su Rai 2 e recentemente protagonista della rassegna di Stand Up Comedy Live presso lo Spazio Diamante di Roma, dove ha presentato il suo nuovo spettacolo.  D: “Lasciate che i pargoli vengano a me”, come mai hai scel...

 

Anna Frank Museum: intervista sulle parole 'mai più'

Il 12 giugno 1942 Anna Frank ha tredici anni. Riceve un diario con la copertina con i quadretti bianchi e rossi. È il giorno del suo compleanno. Comincia a scrivere, lo porta sempre con sé. Tre mesi dopo la famiglia Frank - di origini ebraiche - entra in clandestinità. Siamo ad Amsterdam. Per sfuggire alle deportazioni naziste...

 

'Il detective Charlie Parker assume il dolore degli altri': intervista allo scrittore John Connolly

John Connolly è uno degli scrittori irlandesi già prolifici: ha scritto la serie di romanzi sull’ex detective della Polizia di New York, Charlie Parker che dopo la morte della moglie e della figlia si mette in proprio: spesso interagisce con il mondo soprannaturale, negli anni ha varie donne, possiede varie pistole ma non ne usa...

 

Carrie Fisher, i suoi libri in cui racconta un'altra Hollywood

Carrie Fisher, l’attrice scomparsa all’età di 60 anni non era solo la protagonista di “Star Wars” nel ruolo della Principessa Leila. Ha lavorato in film come “L'uomo con la scarpa rossa” (1985) con Tom Hanks, “Hannah e le sue sorelle” (1986) di Woody Allen. Fino a cammei in serie come “Se...

 

Animali fantastici e dove trovarli: il libro che racconta i dettagli del film

"Animali fantastici e dove trovarli”, film di David Yates trae spunto da un taccuino usato da Harry Potter per studiare nella scuola di Hogart, anch’esso inventato dalla scrittrice J. K. Rowling. Su questa evocazione è stato pubblicato il libro “La valigia di Newt Scamander. Esplora i segreti del film Animali fantastici e ...

 

JK Rowling: via Twitter regala ad una bambina di Aleppo una copia di Harry Potter

JK Rowling ha inviato un libro di “Harry Potter” ad una giovane ragazza siriana di Aleppo. Secondo quanto riportato da Twitter Moment, la ragazza si chiama Bana ed è una bambina di 7 anni che vive nella città nel mezzo della guerra civile siriana. L’obbiettivo della richiesta effettuata dalla madre era distrarla dal...

 

Trolls, i libri che raccontato le creature presenti anche nel film

Vari sono i libri che racconta i Trolls, le creature presenti anche nel film “Trolls” della Dreamworks attualmente nelle sale. “Arrivano i troll!” di Alan MacDonald e illustrazioni di M. Beech mostra le avventure dell’originale famiglia di corpulenti e maleodoranti troll norvegesi che scombina la vita dei nuovi vicini...

 

Dance Dance Dance, l'edizione italiana del talent show debutta a dicembre su FoxLife

L’edizione italiana del talent show “Dance Dance Dance” debutta su Fox Life il 21 dicembre 2016. La nuova produzione originale di Fox Networks Group Italy realizzata da Toro Media vede protagoniste sei coppie di personaggi famosi, chiamate a cimentarsi nella reintepretazione di storiche coreografie tratte da videoclip musicali e ...

 

Nobel per la Letteratura 2016, vince Bob Dylan emblema di nuova espressione poetica

Il 109esimo premio Nobel per la Letteratura è stato vinto da Bob Dylan. Ad annunciarlo è l’Accademia di Svezia, con la motivazione : “i nuovi modi di espressione poetica”. Nel 2016 Bob Dylan ha pubblicato "Fallen Angels", Il primo lavoro è "Bob Dylan" (1962), cui seguirono 35 album come "Planet Waves" (1974),...

 

Da non perdere

Ultime news
Recensioni