X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Barbie, Amy Schumer rinuncia al film sulla bambola più famosa del mondo

29/03/2017 15:00
Barbie Amy Schumer rinuncia al film sulla bambola famosa del mondo

La Mattel punta molto su questo progetto per dare una scossa alle sue vendite in forte calo, ma la produzione si sta rivelando più travagliata del previsto

Amy Schumer ha ufficialmente abbandonato “Barbie”, il film live-action con cui Mattel e Sony porteranno per la prima volta sul grande schermo la bambola più famosa del mondo. Il suo coinvolgimento era stato annunciato lo scorso dicembre, ma l’attrice ha rinunciato dicendo di non essere riuscita a conciliare il progetto con gli altri suoi impegni.

La premessa del film ricorda un po’ il “Come d’incanto” della Disney: Barbie infatti viene espulsa da Barbieland perché ritenuta troppo anticonformista e, ritrovandosi a vivere mille avventure nel mondo reale, capisce che “la perfezione è legata all’interiorità, non all’aspetto” e che “il segreto per essere felici consiste nel credere in sé stessi, liberi dall’obbligo di dover rispettare degli irraggiungibili quanto arbitrari canoni di perfezione”. Una volta maturata questa consapevolezza, Barbie tornerà a Barbieland per aiutare tutti i suoi abitanti.

Il film originariamente sarebbe dovuto uscire nei primi mesi del 2017, ma la produzione si è rivelata un po’ più travagliata del previsto. Jenny Bricks (“Rio 2 – Missione Amazzonia”) ha firmato la prima bozza di sceneggiatura, ma da allora lo script è passato da una revisione all’altra: nel marzo 2015 la Sony ha incaricato Diablo Cody (autrice di “Juno”) di dare un tono “più moderno” al personaggio; poi è stata la volta (secondo i rumors) di Bert Royal, Hilary Winston and Lindsey Beer, e infine della stessa Schumer e della sorella, Kim Caramele.

Nonostante “Barbie” non abbia ancora un regista, la data di uscita è fissata al 29 giugno 2018 – e a quanto pare né la Sony né la Mattel ammetteranno ulteriori ritardi, perché tutto il merchandise legato al film è già andato in produzione. Per la Mattel si tratta di un’occasione d’oro per attirare l’attenzione dei bambini attraverso un nuovo canale di diffusione, dopo 60 anni passati a promuovere la loro bambola tramite spot televisivi, app, videogiochi e film prodotti per il mercato dell’home video. È un rilancio necessario per un’azienda che sta cercando in tutti i modi di rinnovare il suo brand e di stare al passo con un pubblico sempre più “nativo digitale”, e sempre più difficile da stupire e conquistare.

Barbie compie 58 anni nel 2017, e non ha certo bisogno di presentazioni. Da decenni rappresenta uno dei cardini del mercato delle cosiddette “fashion doll”, e nonostante nel tempo sia stata protagonista di numerose controversie (anche legali), ha avuto un impatto innegabilmente significativo sulla cultura e sulla società, offrendo nuove prospettive di indipendenza femminile e promuovendo, con i suoi infiniti accessori, uno stile di vita lussuoso, idealizzato, prettamente consumistico.

L’intuizione geniale della sua creatrice, Ruth Handler, è stata quella di creare un prodotto che colmasse un vuoto nel mercato dei giocattoli di allora. Negli anni ‘50, infatti, le bambole erano perlopiù bebè che le bambine dovevano cullare e allattare; ma la Handler aveva notato che alla figlia, mentre giocava, piaceva attribuire loro ruoli da adulti. Così, dopo essere partita come modella, negli anni Barbie è stata un’astronauta, un chirurgo, un’atleta, una sciatrice, un’istruttrice di aerobica, una giornalista, una veterinaria, una rockstar, un pilota, una diplomatica, una candidata presidenziale, una bagnina, una dentista… e infinite altre cose. Non deve stupire che, a poca distanza l’uno dall’altro, escano un film su “Wonder Woman” e uno su “Barbie”: le due icone rappresentano uno dei tanti volti dell’ondata femminista che, seppur con risultati alterni, sta cercando di migliorare la visione della donna offerta dal cinema.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

Altri articoli Home

Boston - Caccia all'uomo: il terrorismo raccontato in un video del regista Peter Berg

Il regista Peter Berg in un video racconta come la popolazione di Boston collaborò durane le riprese del film “Boston - Caccia all’uomo” di cui è regista. È stato diffuso un nuovo video del film “Boston - Caccia all’uomo” in cui il registe Peter Berg racconta quale fosse la necessità ...

 

Famiglia all'improvviso - Istruzioni non incluse: il film commedia sul 'padre chioccia' con Omar Sy

Famiglia all’improvviso - Istruzioni non incluse è il film nelle sale diretto da Hugo Gélin con Omar Sy, Clémence Poésy, Antoine Bertrand, Gloria Colston. La storia è quella di Samuel che vive nel Sud della Francia: non ha troppe preoccupazioni giornaliere, finché una ex ragazza si presenta dice...

 

Cars 3, gli autori presentano il corto 'A Tale of Momentum and Inertia'

Eyal Podell e Jonathon E. Stewart, che hanno scritto il prossimo film “Cars 3” hanno realizzato un cortometraggio per Fox Animation Studios dal titolo “A Tale of Momentum and Inertia”. Il progetto è stato presento a diversi Festival: la storia racconta di un uomo roccia che cerca di trattenere un masso che sta per di...

 

La tenerezza: incontro con Gianni Amelio, Micaela Ramazzotti e Elio Germano

La tenerezza è il film di Gianni Amelio con Renato Carpentieri, Elio Germano, Giovanna Mezzogiorno, Micaela Ramazzotti, Greta Scacchi. Mauxa ha partecipato alla conferenza stampa: la storia è quella di Lorenzo, avvocato in pensione che vive da solo, ostile ai figli e burbero. Quando fa amicizia con i giovani vicini di casa parte apri...

 

Recensione del film Boston - Caccia all'uomo

Boston - Caccia all’uomo è il film di Peter Berg con Mark Wahlberg, Kevin Bacon, John Goodman, J. K. Simmons e Michelle Monaghan. Il sergente Tommy Saunders (Mark Wahlberg) penetra in un’appartamento alla ricerca di un sospettato. Una coppia cena in un locale. In un laboratorio del MIT si studia un prototipo di robot; un ragazzo...

 

Julia Roberts, 'lontana dai riflettori' è la donna più bella del 2017

Julia Roberts ha avuto la quinta copertina della rivista People. La cover è dedicata alla donna più bella dell’anno in corso. Finora solo Michelle Pfeiffer e Jennifer Aniston avevano avuto due copertine. Julia Roberts ottenne la prima cover nel 1991, dopo l’uscita del film “Pretty Woman” quando aveva 23 anni. ...

 

Testimone d'accusa, Ben Affleck riporterà sul grande schermo la famosa opera teatrale di Agatha Christie

Ben Affleck sarà il regista e il protagonista di “Testimone d’accusa”, ennesimo film basato sull’omonima commedia (a sua volta tratta da un racconto breve della stessa autrice) di Agatha Christie. Chiunque decida di riprendere in mano questa particolare storia, non può fare a meno di confrontarsi con quello che...

 

American Assassin, cruente immagini nel trailer del film thriller con Michael Keaton

Il primo trailer del film “American Assassin” diretto da Michael Cuesta è stato pubblicato su YouTube. Nelle immagini si vede il protagonista Mitch Rapp (Dylan O’Brien) addestrato da Stan Hurley (Michael Keaton). In altre scene un terrorista in una spiaggia spara sui bagnanti. La trama segue l'ascesa di Mitch Rapp, un rec...

 

Recensione del film The Bye Bye Man

The Bye Bye Man è il film horror di Stacy Title con Douglas Smith, Lucien Laviscount, Cressida Bonas, Doug Jones e Michael Trucco. Nel 1969 Larry attiva in macchina davanti a casa di una donna, la chiama, lei esce e poi rientra: lui prende un fucile e le spara. Poi fa lo stesso con i vicini di casa, mentre chiede continuamente: “qualc...

 

Gianni Boncompagni, i film per cui l'autore ha composto le canzoni

Gianni Boncompagni, l’autore scomparso il 16 aprile all’età di settantaquattr'anni aveva anche lavorato al cinema oltre che in televisione e radio. Sua è la musica di “Sapore di mare 2 - Un anno dopo” (1983) di Bruno Cortini. “Bárbara” (1980) è invece la storia di una star della music...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni