X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Barbie, Amy Schumer rinuncia al film sulla bambola più famosa del mondo

29/03/2017 15:00
Barbie Amy Schumer rinuncia al film sulla bambola famosa del mondo

La Mattel punta molto su questo progetto per dare una scossa alle sue vendite in forte calo, ma la produzione si sta rivelando più travagliata del previsto

Amy Schumer ha ufficialmente abbandonato “Barbie”, il film live-action con cui Mattel e Sony porteranno per la prima volta sul grande schermo la bambola più famosa del mondo. Il suo coinvolgimento era stato annunciato lo scorso dicembre, ma l’attrice ha rinunciato dicendo di non essere riuscita a conciliare il progetto con gli altri suoi impegni.

La premessa del film ricorda un po’ il “Come d’incanto” della Disney: Barbie infatti viene espulsa da Barbieland perché ritenuta troppo anticonformista e, ritrovandosi a vivere mille avventure nel mondo reale, capisce che “la perfezione è legata all’interiorità, non all’aspetto” e che “il segreto per essere felici consiste nel credere in sé stessi, liberi dall’obbligo di dover rispettare degli irraggiungibili quanto arbitrari canoni di perfezione”. Una volta maturata questa consapevolezza, Barbie tornerà a Barbieland per aiutare tutti i suoi abitanti.

Il film originariamente sarebbe dovuto uscire nei primi mesi del 2017, ma la produzione si è rivelata un po’ più travagliata del previsto. Jenny Bricks (“Rio 2 – Missione Amazzonia”) ha firmato la prima bozza di sceneggiatura, ma da allora lo script è passato da una revisione all’altra: nel marzo 2015 la Sony ha incaricato Diablo Cody (autrice di “Juno”) di dare un tono “più moderno” al personaggio; poi è stata la volta (secondo i rumors) di Bert Royal, Hilary Winston and Lindsey Beer, e infine della stessa Schumer e della sorella, Kim Caramele.

Nonostante “Barbie” non abbia ancora un regista, la data di uscita è fissata al 29 giugno 2018 – e a quanto pare né la Sony né la Mattel ammetteranno ulteriori ritardi, perché tutto il merchandise legato al film è già andato in produzione. Per la Mattel si tratta di un’occasione d’oro per attirare l’attenzione dei bambini attraverso un nuovo canale di diffusione, dopo 60 anni passati a promuovere la loro bambola tramite spot televisivi, app, videogiochi e film prodotti per il mercato dell’home video. È un rilancio necessario per un’azienda che sta cercando in tutti i modi di rinnovare il suo brand e di stare al passo con un pubblico sempre più “nativo digitale”, e sempre più difficile da stupire e conquistare.

Barbie compie 58 anni nel 2017, e non ha certo bisogno di presentazioni. Da decenni rappresenta uno dei cardini del mercato delle cosiddette “fashion doll”, e nonostante nel tempo sia stata protagonista di numerose controversie (anche legali), ha avuto un impatto innegabilmente significativo sulla cultura e sulla società, offrendo nuove prospettive di indipendenza femminile e promuovendo, con i suoi infiniti accessori, uno stile di vita lussuoso, idealizzato, prettamente consumistico.

L’intuizione geniale della sua creatrice, Ruth Handler, è stata quella di creare un prodotto che colmasse un vuoto nel mercato dei giocattoli di allora. Negli anni ‘50, infatti, le bambole erano perlopiù bebè che le bambine dovevano cullare e allattare; ma la Handler aveva notato che alla figlia, mentre giocava, piaceva attribuire loro ruoli da adulti. Così, dopo essere partita come modella, negli anni Barbie è stata un’astronauta, un chirurgo, un’atleta, una sciatrice, un’istruttrice di aerobica, una giornalista, una veterinaria, una rockstar, un pilota, una diplomatica, una candidata presidenziale, una bagnina, una dentista… e infinite altre cose. Non deve stupire che, a poca distanza l’uno dall’altro, escano un film su “Wonder Woman” e uno su “Barbie”: le due icone rappresentano uno dei tanti volti dell’ondata femminista che, seppur con risultati alterni, sta cercando di migliorare la visione della donna offerta dal cinema.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

Altri articoli Home

Le celebrità e lo sport: un connubio sempre vincente ad Hollywood

“Mens sana in corpore sano”: una grande verità che viene presa molto sul serio nel mondo di Hollywood, dove il culto del corpo e della (presunta) perfezione psico-fisica regna sovrano. Anche se le apparenze suggerirebbero il contrario, quello delle star è uno stile di vita per certi versi molto stressante, visto che da lor...

 

The Dinner, il film sulle colpe dei figli con Richard Gere e Laura Linney

The Dinner è il film di Oren Moverman con Richard Gere, Laura Linney, Steve Coogan e Rebecca Hall. Paul (Coogan) e sua moglie Claire (Linney), Stan (Gere) - fratello maggiore di Paul - e la consorte Katelyn (Hall) vanno ad un’elegante cena. Durante le portate, dall’aperitivo all’antipasto la scansione temporale segnata dal...

 

Il piacere dell'onestà: il controllo spia su smartphone da Shakespeare alla Corte europea

La possibilità di scoprire cosa affermi un’altra persona in nostra assenza è una delle curiosità insite nell’uomo. Già William Shakespeare in “Otello” (1603) raccontava di come il cinico Jago facesse ingelosire il protagonista: fa portare il fazzoletto della moglie Desdemona sulle mani del presunt...

 

Festival di Cannes, una foto storica con i protagonisti dei decenni

Al Festival di Cannes si è tenuto un photo call particolare, per celebrare i settanta anni dell’evento. Tra i vincitori c’erano Laurent Cantet  (Palma d’Oro nel 2008),  Jerry Schatzberg (Palma d’Oro Nel 1973),  Claude Lelouch  (vincitore del 1966),  Michael Haneke  (Palma d'Oro 2009-2012...

 

Film più visti della settimana, 'Alien: Covenant' e 'Everything, Everything' sono ai primi posti

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 19 al 21 maggio 2017 vede al primo posto la novità “Alien: Covenant” (36.160.621 dollari, leggi la recensione del comic): l'equipaggio di un’astronave scopre un paradiso inesplorato, dove però emerge anche una minaccia da cui fuggire. Al secondo posto sce...

 

Innamorato pazzo, il film commedia con Myrna Loy e William Powell sugli opposti conciliati

Innamorato pazzo (“Love Crazy”, 1941) è il film di Jack Conway con William Powell, Myrna Loy e Gail Patrick. usciva nelle sale statunitensi il 23 maggio del 1941. L’architetto eccentrico Steve Ireland (William Powell) e la moglie Susan (Myrna Loy) al quarto anniversario di matrimonio vorrebbero rivivere la prima notte...

 

Quando non erano famosi: i mestieri delle star agli esordi

Oggi li vediamo sulle riviste patinate, ma i protagonisti delle cronache mondane hanno dovuto percorrere una strada tutta in salita per raggiungere il successo. Dietro i volti distesi e imperturbabili di uomini e donne mature, molto spesso si nascondono ragazzi e ragazze che prima di raggiungere la fama hanno svolto i mestieri più duri e str...

 

Codice Unlocked, 'è tutta una questione di suspense': intervista all'attrice Jessica Boone

Codice Unlocked (Unlocked) è il film nelle sale diretto da Michael Apted. Nel cast ci sono Orlando Bloom, Noomi Rapace, Jessica Boone, John Malkovich e Michael Douglas. La trama s’incentra su Alice Racine (Noomi Rapace), agente della CIA esperta in interrogatori: reperisce informazioni su un imminente attacco a Londra e le riporta ad ...

 

Festival di Cannes 2017: le immagini di Jasmine Trinca e Stefano Accorsi per il film drammatico 'Fortunata'

Nelle immagini che mostriamo ci sono gli interpreti del film “Fortunata”, presentato al Festival di Cannes. La protagonista è Jasmine Trinca, che nelle foto è assieme al regista del film Sergio Castellitto, l’attore Stefano Accorsi e la sceneggiatrice Margaret Mazzantini. La trama è quella di Fortunata (Jasm...

 

King Arthur - Il potere della spada, i libri che hanno ispirato il film di Guy Ritchie

King Arthur - Il potere della spada (“King Arthur: Legend of the Sword") è il film nelle sale diretto da Guy Ritchie con Charlie Hunnam, Àstrid Bergès-Frisbey e Jude Law. La pellicola è liberamente ispirata a “La morte di Artù”, opera scritta da sir Thomas Malory nel XV secolo. Qui compaiono Cam...

 

Da non perdere

Ultime news
Recensioni