X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Elle

23/03/2017 07:30
Recensione del film Elle

Paul Verhoeven dirige il film "Elle" interpretato da Isabelle Huppert.

Elle è il film di Paul Verhoeven con Isabelle Huppert, Laurent Lafitte, Anne Consigny e Charles Berling (leggi l'articolo sull'incontro con il regista).

Paul Verhoeven mostra la propria chiarezza già all’inizi del film, con lo schermo nero invaso dalle urla di Michèle, mentre viene violentata sul pavimento di casa. L’aggressore ha un passamontagna, compiuto il reato fugge. La donna resta immobile, fa una telefonata in farmacia, poi torna al lavoro.

La sua determinatezza è la medesima che trasmette nella gestione dell’azienda, da manager di una società che sviluppa videogiochi. Ma le intemperie di quel reato ritornano presto, il videogioco cui il team sta lavorando “deve essere più violento”, impone lei. Quasi a ribadire un’esigenza dell’odierna civiltà, e gli echi della violenza.

Nega anche al figlio Vincent (Jonas Bloquet): “Cosa ti sei fatta qui?”, chiede lui: “Sono caduta dalla bicicletta”.

Michèle confida infine l’accaduto all’ex marito Patrick (Charles Berling) e alla collega Anna (Anne Consigny), pur se a cena è presente anche il marito di questa, Robert (Christian Berkel) con cui Michèle ha una relazione.

Emerge quindi uno dei temi di Verhoeven, quello della possibilità di mentire senza esserne coscienti, o fingendo in maniera eclatante. Anche nel suo film “Basic Instinct” (1992) la scrittrice Catherine Tramell espone le sue trasgressioni al detective Nick Curran, tanto che potrebbe essere anche un’assassina.

E la stessa Michèle di “Elle” si avvicina a diventare da vittima a colpevole: comincia a sospettare del vicino di casa, il mite Patrick (Laurent Lafitte) ma poi lo fa entrare in casa. Lo invita con la moglie alla festa di Natale, lo seduce con il piede sotto il tavolo, oppure lo spia con il binocolo e si eccita mentre lo guarda. Il limite tra lecito e impudicizia non esiste in questo film, facendo emergere anche una disparità presente nella psiche umana. Lo stesso detective Nick Curran in “Basic Instinct” s’innamora della presunta colpevole Catherine.

Fino a quanto siamo razionali? E sopratutto il dubbio che il film pone è se non occorra vedere dentro ciò che ci fa più male, per comprendere come migliorare. Ecco quindi che l’impudicizia diventa in realtà un asso necessario verso la guarigione. Se si cerca di evitare un aspetto del proprio carattere, è proprio lì che occorre guardare in fondo. È questo l’unico modo per crescere, come fa Michèle quando scopre chi sia il colpevole dell’aggressione e anziché scansarlo lo avvicina, gli telefona anche dopo un incidente stradale per farsi aiutare.

Tutto il cast del film crea un vortice corale che fa centro su di lei. Solo Isabelle Huppert poteva interpretare questo ruolo: ne è la riprova il fatto che attrici statunitensi cui fu offerto la parte hanno rifiutato. L’attrice ammirò il libro “Oh…” di Philippe Djian da cui è tratto, e volle realizzarne un film. La violenza delle scene con cui fa immedesimare lo spettatore è spesso ardua da sopportare: dai tradimenti dei colleghi in ufficio, al silenzio del suo gatto, dall’odio e amore per la madre anziana all’obbrobrio per il delitto che il padre commise decenni prima.

E da qui entra un nuovo dubbio, che Verhoeven lascia in sospeso: siamo figli degli errori dei genitori. La risposta è nel finale del film, in ciò che Michèle snoda per il figlio.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
Elle
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Recensione del film Transformers - L'ultimo cavaliere

"Transformers - L'ultimo cavaliere" è il film di Michael Bay con Mark Wahlberg, Anthony Hopkins, Laura Haddock. In assenza di Optimus Prime - robot leader della fazione dei benevoli Autobot ma ora partito  alla ricerca del suo "creatore" - inizia una lotta tra l'organizzazione militare dei Transformers Reaction Force e i Transform...

 

Cattivissimo Me 3, incontro con il cast: Arisa, Max Giusti e Paolo Ruffini

Abbiamo incontrato a Roma il cast vocale di “Cattivissimo Me 3”, il film di Pierre Coffin e Kyle Balda, prodotto da Chris Meledandri e in uscita il 24 agosto 2017. A dare le voci ai protagonisti sono la cantante Arisa, gli attori Max Giusti e Paolo Ruffini. Il cattivo Gru è stato licenziato dalla Lega anti Cattivi, e si trova in...

 

L'amore ai tempi di Hollywood, tra gossip, scandali e divorzi

In termini di gossip hollywoodiano, il 2016 è stato segnato dal divorzio tra Johnny Depp e Amber Heard, una vicenda dai risvolti piuttosto spiacevoli visto che la Heard ha addotto, tra i motivi della separazione, il fatto che l’ex-marito fosse un tipo violento a causa soprattutto dei suoi problemi di alcolismo. Oggi la storia sembra es...

 

Inferno, il film con Tom Hanks dal libro di Dan Brown è su SkyCinema e NowTv

Inferno, il film tratto dal romanzo di Dan Brown arriva in televisione si Sky Cinema e NowTv, dal 10 luglio. Il film - che ha incassato 220 milioni di dollari - sarà anche preceduto dalla messa in onda di due film tratti sempre dai romanzi dello scrittore di Exeter. Il 2 luglio è trasmesso “Il Codice Da Vinci”, in cui il ...

 

Nicole Kidman, due libri raccontano l'attrice che compie 50 anni

Nicole Kidman, l’attrice di Honolulu oggi compie 50 anni. In una recente intervista a “E! News” ha detto che non organizzerà una festa sfarzosa, bensì sarà circondata dalla sua famiglia: "Voglio uscire con mio marito, i miei figli e mia sorella”. Essendo di pigne australiana, ha affermato che è g...

 

Alexandra Daddario, è l'imponente Costance nel nuovo film 'Abbiamo sempre vissuto nel castello'

Alexandra Daddario, una delle attrici più versatili nella recente cinematografia di Hollywood dopo l’obsoleto “Baywatch” sarà in un film completamento diverso. “We Have Always Lived in the Castle” è il titolo, diretto da Stacie Passon e interpretato anche da Sebastian Stan, Taissa Farmiga e Crispi...

 

10 attori che hanno perso la vita sul set

Quando si parla di professioni pericolose, il pensiero di solito corre ai muratori intenti a camminare in equilibrio a decine di metri da terra o a giornalisti e medici che lavorano in zone di guerra, non di certo al cinema o alla televisione. Invece, anche in un mondo apparentemente dorato, si celano storie davvero macabre di persone che hanno tro...

 

Film più visti della settimana, 'Cars 3' scalza dalla classifica 'Wonder Woman'

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 16 al 18 giugno 2017 vede al primo posto la novità “Cars 3” (53.547.000 dollari, leggi l'articolo): la vicenda è quella di Saetta McQueen che si propone di dimostrare a una nuova generazione di piloti che lui è ancora la migliore macchina da corsa del mon...

 

Luigi Pirandello, i film ispirati alle sue opere a 150 anni dalla nascita

Luigi Pirandello, di cui si celebrano il 150 anni dalla nascita (avvenuta il 28 giugno 1867) lavorò anche per il cinema. Molti furono i film che si ispirarono alle sue pièce o novelle. Il primo film tratto da una sua opera è “Il lume dell'altra casa” (1920) di Ugo Gracci con Anna Gracci, Gaietta Gracci e lo stesso ...

 

John G. Avildsen, Sylvester Stallone ricorda il regista scomparso del film 'Rocky'

John G. Avildsen, regista del film "Rocky" (1976) e "The Karate Kid” (1984) è scomparso all’età di 81 anni. Per il film “Rocky" - interpretato da Sylvester Stallone che era anche sceneggiatore - John G. Avildsen vinse l’Oscar. Lo stesso Stallone in un comunicato ha ribadito di avere avuto fortuna nella sua car...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni