X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Elle

23/03/2017 07:30
Recensione del film Elle

Paul Verhoeven dirige il film "Elle" interpretato da Isabelle Huppert.

Elle è il film di Paul Verhoeven con Isabelle Huppert, Laurent Lafitte, Anne Consigny e Charles Berling (leggi l'articolo sull'incontro con il regista).

Paul Verhoeven mostra la propria chiarezza già all’inizi del film, con lo schermo nero invaso dalle urla di Michèle, mentre viene violentata sul pavimento di casa. L’aggressore ha un passamontagna, compiuto il reato fugge. La donna resta immobile, fa una telefonata in farmacia, poi torna al lavoro.

La sua determinatezza è la medesima che trasmette nella gestione dell’azienda, da manager di una società che sviluppa videogiochi. Ma le intemperie di quel reato ritornano presto, il videogioco cui il team sta lavorando “deve essere più violento”, impone lei. Quasi a ribadire un’esigenza dell’odierna civiltà, e gli echi della violenza.

Nega anche al figlio Vincent (Jonas Bloquet): “Cosa ti sei fatta qui?”, chiede lui: “Sono caduta dalla bicicletta”.

Michèle confida infine l’accaduto all’ex marito Patrick (Charles Berling) e alla collega Anna (Anne Consigny), pur se a cena è presente anche il marito di questa, Robert (Christian Berkel) con cui Michèle ha una relazione.

Emerge quindi uno dei temi di Verhoeven, quello della possibilità di mentire senza esserne coscienti, o fingendo in maniera eclatante. Anche nel suo film “Basic Instinct” (1992) la scrittrice Catherine Tramell espone le sue trasgressioni al detective Nick Curran, tanto che potrebbe essere anche un’assassina.

E la stessa Michèle di “Elle” si avvicina a diventare da vittima a colpevole: comincia a sospettare del vicino di casa, il mite Patrick (Laurent Lafitte) ma poi lo fa entrare in casa. Lo invita con la moglie alla festa di Natale, lo seduce con il piede sotto il tavolo, oppure lo spia con il binocolo e si eccita mentre lo guarda. Il limite tra lecito e impudicizia non esiste in questo film, facendo emergere anche una disparità presente nella psiche umana. Lo stesso detective Nick Curran in “Basic Instinct” s’innamora della presunta colpevole Catherine.

Fino a quanto siamo razionali? E sopratutto il dubbio che il film pone è se non occorra vedere dentro ciò che ci fa più male, per comprendere come migliorare. Ecco quindi che l’impudicizia diventa in realtà un asso necessario verso la guarigione. Se si cerca di evitare un aspetto del proprio carattere, è proprio lì che occorre guardare in fondo. È questo l’unico modo per crescere, come fa Michèle quando scopre chi sia il colpevole dell’aggressione e anziché scansarlo lo avvicina, gli telefona anche dopo un incidente stradale per farsi aiutare.

Tutto il cast del film crea un vortice corale che fa centro su di lei. Solo Isabelle Huppert poteva interpretare questo ruolo: ne è la riprova il fatto che attrici statunitensi cui fu offerto la parte hanno rifiutato. L’attrice ammirò il libro “Oh…” di Philippe Djian da cui è tratto, e volle realizzarne un film. La violenza delle scene con cui fa immedesimare lo spettatore è spesso ardua da sopportare: dai tradimenti dei colleghi in ufficio, al silenzio del suo gatto, dall’odio e amore per la madre anziana all’obbrobrio per il delitto che il padre commise decenni prima.

E da qui entra un nuovo dubbio, che Verhoeven lascia in sospeso: siamo figli degli errori dei genitori. La risposta è nel finale del film, in ciò che Michèle snoda per il figlio.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
Elle

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

The Dinner, il film sulle colpe dei figli con Richard Gere e Laura Linney

The Dinner è il film di Oren Moverman con Richard Gere, Laura Linney, Steve Coogan e Rebecca Hall. Paul (Coogan) e sua moglie Claire (Linney), Stan (Gere) - fratello maggiore di Paul - e la consorte Katelyn (Hall) vanno ad un’elegante cena. Durante le portate, dall’aperitivo all’antipasto la scansione temporale segnata dal...

 

Il piacere dell'onestà: il controllo spia su smartphone da Shakespeare alla Corte europea

La possibilità di scoprire cosa affermi un’altra persona in nostra assenza è una delle curiosità insite nell’uomo. Già William Shakespeare in “Otello” (1603) raccontava di come il cinico Jago facesse ingelosire il protagonista: fa portare il fazzoletto della moglie Desdemona sulle mani del presunt...

 

Festival di Cannes, una foto storica con i protagonisti dei decenni

Al Festival di Cannes si è tenuto un photo call particolare, per celebrare i settanta anni dell’evento. Tra i vincitori c’erano Laurent Cantet  (Palma d’Oro nel 2008),  Jerry Schatzberg (Palma d’Oro Nel 1973),  Claude Lelouch  (vincitore del 1966),  Michael Haneke  (Palma d'Oro 2009-2012...

 

Film più visti della settimana, 'Alien: Covenant' e 'Everything, Everything' sono ai primi posti

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 19 al 21 maggio 2017 vede al primo posto la novità “Alien: Covenant” (36.160.621 dollari, leggi la recensione del comic): l'equipaggio di un’astronave scopre un paradiso inesplorato, dove però emerge anche una minaccia da cui fuggire. Al secondo posto sce...

 

Innamorato pazzo, il film commedia con Myrna Loy e William Powell sugli opposti conciliati

Innamorato pazzo (“Love Crazy”, 1941) è il film di Jack Conway con William Powell, Myrna Loy e Gail Patrick. usciva nelle sale statunitensi il 23 maggio del 1941. L’architetto eccentrico Steve Ireland (William Powell) e la moglie Susan (Myrna Loy) al quarto anniversario di matrimonio vorrebbero rivivere la prima notte...

 

Quando non erano famosi: i mestieri delle star agli esordi

Oggi li vediamo sulle riviste patinate, ma i protagonisti delle cronache mondane hanno dovuto percorrere una strada tutta in salita per raggiungere il successo. Dietro i volti distesi e imperturbabili di uomini e donne mature, molto spesso si nascondono ragazzi e ragazze che prima di raggiungere la fama hanno svolto i mestieri più duri e str...

 

Codice Unlocked, 'è tutta una questione di suspense': intervista all'attrice Jessica Boone

Codice Unlocked (Unlocked) è il film nelle sale diretto da Michael Apted. Nel cast ci sono Orlando Bloom, Noomi Rapace, Jessica Boone, John Malkovich e Michael Douglas. La trama s’incentra su Alice Racine (Noomi Rapace), agente della CIA esperta in interrogatori: reperisce informazioni su un imminente attacco a Londra e le riporta ad ...

 

Festival di Cannes 2017: le immagini di Jasmine Trinca e Stefano Accorsi per il film drammatico 'Fortunata'

Nelle immagini che mostriamo ci sono gli interpreti del film “Fortunata”, presentato al Festival di Cannes. La protagonista è Jasmine Trinca, che nelle foto è assieme al regista del film Sergio Castellitto, l’attore Stefano Accorsi e la sceneggiatrice Margaret Mazzantini. La trama è quella di Fortunata (Jasm...

 

King Arthur - Il potere della spada, i libri che hanno ispirato il film di Guy Ritchie

King Arthur - Il potere della spada (“King Arthur: Legend of the Sword") è il film nelle sale diretto da Guy Ritchie con Charlie Hunnam, Àstrid Bergès-Frisbey e Jude Law. La pellicola è liberamente ispirata a “La morte di Artù”, opera scritta da sir Thomas Malory nel XV secolo. Qui compaiono Cam...

 

Unicorn Store, il debutto alla regia della stella nascente Brie Larson

“Unicorn Store”, è questo il titolo del film con cui la giovane e talentuosa Brie Larson ha deciso di fare il suo debutto dietro la cinepresa. Scritto da Samantha McIntyre, racconterà le vicende di una giovane donna che torna a vivere con i suoi genitori. Una volta rientrata nella sua città natale, scopre un negozio...

 

Da non perdere

Ultime news
Recensioni