X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Elle

23/03/2017 07:30
Recensione del film Elle

Paul Verhoeven dirige il film "Elle" interpretato da Isabelle Huppert.

Elle è il film di Paul Verhoeven con Isabelle Huppert, Laurent Lafitte, Anne Consigny e Charles Berling (leggi l'articolo sull'incontro con il regista).

Paul Verhoeven mostra la propria chiarezza già all’inizi del film, con lo schermo nero invaso dalle urla di Michèle, mentre viene violentata sul pavimento di casa. L’aggressore ha un passamontagna, compiuto il reato fugge. La donna resta immobile, fa una telefonata in farmacia, poi torna al lavoro.

La sua determinatezza è la medesima che trasmette nella gestione dell’azienda, da manager di una società che sviluppa videogiochi. Ma le intemperie di quel reato ritornano presto, il videogioco cui il team sta lavorando “deve essere più violento”, impone lei. Quasi a ribadire un’esigenza dell’odierna civiltà, e gli echi della violenza.

Nega anche al figlio Vincent (Jonas Bloquet): “Cosa ti sei fatta qui?”, chiede lui: “Sono caduta dalla bicicletta”.

Michèle confida infine l’accaduto all’ex marito Patrick (Charles Berling) e alla collega Anna (Anne Consigny), pur se a cena è presente anche il marito di questa, Robert (Christian Berkel) con cui Michèle ha una relazione.

Emerge quindi uno dei temi di Verhoeven, quello della possibilità di mentire senza esserne coscienti, o fingendo in maniera eclatante. Anche nel suo film “Basic Instinct” (1992) la scrittrice Catherine Tramell espone le sue trasgressioni al detective Nick Curran, tanto che potrebbe essere anche un’assassina.

E la stessa Michèle di “Elle” si avvicina a diventare da vittima a colpevole: comincia a sospettare del vicino di casa, il mite Patrick (Laurent Lafitte) ma poi lo fa entrare in casa. Lo invita con la moglie alla festa di Natale, lo seduce con il piede sotto il tavolo, oppure lo spia con il binocolo e si eccita mentre lo guarda. Il limite tra lecito e impudicizia non esiste in questo film, facendo emergere anche una disparità presente nella psiche umana. Lo stesso detective Nick Curran in “Basic Instinct” s’innamora della presunta colpevole Catherine.

Fino a quanto siamo razionali? E sopratutto il dubbio che il film pone è se non occorra vedere dentro ciò che ci fa più male, per comprendere come migliorare. Ecco quindi che l’impudicizia diventa in realtà un asso necessario verso la guarigione. Se si cerca di evitare un aspetto del proprio carattere, è proprio lì che occorre guardare in fondo. È questo l’unico modo per crescere, come fa Michèle quando scopre chi sia il colpevole dell’aggressione e anziché scansarlo lo avvicina, gli telefona anche dopo un incidente stradale per farsi aiutare.

Tutto il cast del film crea un vortice corale che fa centro su di lei. Solo Isabelle Huppert poteva interpretare questo ruolo: ne è la riprova il fatto che attrici statunitensi cui fu offerto la parte hanno rifiutato. L’attrice ammirò il libro “Oh…” di Philippe Djian da cui è tratto, e volle realizzarne un film. La violenza delle scene con cui fa immedesimare lo spettatore è spesso ardua da sopportare: dai tradimenti dei colleghi in ufficio, al silenzio del suo gatto, dall’odio e amore per la madre anziana all’obbrobrio per il delitto che il padre commise decenni prima.

E da qui entra un nuovo dubbio, che Verhoeven lascia in sospeso: siamo figli degli errori dei genitori. La risposta è nel finale del film, in ciò che Michèle snoda per il figlio.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
Elle

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Festival di Venezia 2017, première del film di Jean Rouch ambientato in città

Al Festival di Venezia 2017 sarà proiettato “Cousin, cousine” (“Cugino, cugina”, 1985-1987), cortometraggio dell’etnografo Jean Rouch girato nella città veneta. Il cortometraggio (lungo 34 minuti) vede Mariama e Damouré, due cugini che giungono a Venezia per cercare una reliquia persa molto tempo ...

 

Beautiful The Carole King Musical diventa un film prodotto da Tom Hanks

La Sony si occuperà dell’adattamento cinematografico di “Beautiful: The Carole King Musical”. Douglas McGrath, autore del libretto originale, scriverà la sceneggiatura; Tom Hanks e Gary Goetzma, tramite la loro Playton, produrranno la pellicola insieme a Paul Blake, già produttore della versione teatrale. La ...

 

Dwayne Johnson e lo sceneggiatore Evan Spiliotopoulos in un film su Genghis Khan

Evan Spiliotopoulos, sceneggiatore del film “La bella e la bestia" (leggi l’intervista) e “Il cacciatore e la regina di ghiaccio” (leggi l’intervista) lavorerà ad un film su Genghis Khan. La Universal Pictures ha infatti acquistato uno script di avventura scritto dal stesso Evan Spiliotopoulos, che ha come...

 

Brian De Palma, il nuovo film 'Domino' con Nikolaj Coster-Waldau

Brian De Palma per il nuovo film “Domino” sceglie un argomento europeo, quello degli attacchi terroristici. Ma ciò che si nota soprattutto è la scelta di un cast divenuto famoso per le serie televisive. “Domino” è infatti una pellicola che ha come protagonista Nikolaj Coster-Waldau, che nella saga &ldqu...

 

Leonardo DiCaprio interpreterà in un film il pittore Leonardo Da Vinci

Leonardo DiCaprio interpreterà Leonardo Da Vinci in un biopic. La Paramount sarà produttrice del film, che è tratto dal libro del biografo Walter Isaacson, il quale ha già lavorato alle biografie di Steve Jobs e Albert Einstein. L’idea del film è dello stesso DiCaprio, che risale a dei racconti paterni. In...

 

Film più visti della settimana, 'Annabelle: Creation' è al primo posto

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dall’11 al 13 agosto 2017 vede al primo posto l’horror “Annabelle: Creation” (35.040.000 dollari): Samuel Mullins, fabbricante di bambole con la moglie ospita delle ragazze a casa sua, che saranno loro il bersaglio della creatura posseduta dalla bambola Annabelle. Al...

 

Ce qui nous lie, tre fratelli e un vigneto per il film di successo in Francia

Ce qui nous lie è il film di Cédric Klapisch ambientato in un vigneto della Borgogna, dove tre fratelli si riuniscono. È uno dei film di maggiore successo in Francia, avendo incassato 4,5 milioni di euro in due mesi (è uscito il 14 giugno 2017). Nel cast ci sono Pio Marmaï, Ana Girardot e François Civil...

 

Professor Marston & The Wonder Women, prima immagine del film

È stata diffusa la prima immagine del film “Professor Marston & The Wonder Women” (leggi l’articolo su Moulton Marston e le origini di Wonder Woman). La pellicola racconta la storia reale dello psicologo di Harvard Dr. William Moulton Marston, che creò il personaggio di Wonder Woman negli anni '40. Marston era a...

 

Le star di Hollywood con le case più grandi e costose, da Will Smith a Oprah

Ogni cosa ad Hollywood segue il principio del “bigger than life”: tutto è più grande, più bello, più intenso, e le case delle star non fanno eccezione. Leonardo DiCaprio possiede almeno quattro ville, ma la prima è stata quella ad Hollywood Hills, comprata dopo il successo di “Titanic” per...

 

Il Festival di Venezia proietterà il film 'Il cavaliere elettrico'

La Mostra del Cinema di Venezia presenterà il film “Il cavaliere elettrico” (1979), diretto da Sydney Pollack. La proiezione avverrà dopo la consegna dei Leoni d’Oro alla carriera a Jane Fonda e Robert Redford, protagonisti del film. La storia raccontata è quella di Sonny Steele (Redford), cowboy in pensione ...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni