X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del comic 'Superman: Action Comics Vol. 1: Path Of Doom (Rebirth)'

08/03/2017 12:00
Recensione del comic 'Superman Action Comics Vol. 1 Path Of Doom (Rebirth)'

In "Superman: Action Comics Vol. 1: Path Of Doom (Rebirth)" il supereroe torna in vita: ma la domanda è chi sia l'altra persona che si fa chiamare Clark Kent.

Superman: Action Comics Vol. 1: Path Of Doom (Rebirth) è il volume della DC Comics pubblicato negli Stati Uniti il 21 febbraio 2017.

“Superman, il coraggioso e nobile nostro protettore è morto” (“Superman, our brave and noble protector is dead”), dice un impettito e calvo Lex Luthor alla folla. L’immagine è mostrata dal figlio di Clark Kent, Jon che la indica in un monitor.

Già da questo dettaglio lo sceneggiatore Dan Jurgens (leggi l'intervista) con i disegnatori Tyler Kirkham e Patrick Zircher riescono a restituire in 145 pagine il senso di una mancanza, quella che lo scrittore sancì nel gennaio del 1993 con la morte di Superman (“Dead of Superman”). Luther dichiara di essere il nuovo Superman, ha anche una lettere “S” sul petto.

Ma Superman torna per metterlo di fronte alla sua realtà: “Io sono l'unico che sa ciò che sei veramente” (“I’m the only one who knows what you really are”) gli intima. Segue una lotta nella classica grafica esplosa, per poi entrare in scena Doomsday, il mostro creato dal medesimo Jurgens nel novembre 1992 e che sancì la morte del supereroe. Lo stesso Doomsday è presente anche nel film “Batman Vs Superman”: si muove alla velocità del suono, è il personaggio più forte dell'universo DC, abbatte pareti di titanio con un dito, spicca salti di migliaia di miglia, vince la forza di attrazione tra materia e antimateria potendo sopravvivere alle esplosioni atomiche, ha un fattore rigenerante sovrumano tanto che le cicatrici si rimarginano.

L’ardua battaglia si svolge a Metropolis, con una casalinga Lois Lane che cerca di tranquillizzare il figlio Jon sulle potenzialità del padre.

Anche Lex Luthor è in difficoltà con Doomsday, tanto che una leggera alleanza con Superman pare segnare uno spirito di collaborazione. Ma in realtà il Superman che vediamo in azione non è Clark Kent, il quale ha dimesso il proprio ruolo. E Kent fatica a non agire, tanto che anche il figlio Jon vedendo in azione Superman crede che a lottare sia il padre.

La collaborazione prosegue con l’arrivo di Wonder Woman, la quale non comprende neanche la presenza di Clark, il quale chiede: “Cosa stai facendo qui?” (“What’re you doing here?”); “Dovrei chiedere lo stesso di te” (“I should ask the same of you”) risponde lei. E le dimissioni di Kent vengono opinate dalla medesima Wonder Woman: “I morti non tornare alla vita” (“The dead don’t come back to life”).

Superman interviene con sagacia: “Ti riferisci a l'uomo che dichiara di essere Clark Kent” (“You’re referring to that man claiming to be Clark Kent”). È lei a districare il mistero: “Quale modo migliore per convincere la gente che voi due non siete la stessa persona che far vedere sia Superman e Clark Kent?” (“What better way to convince people you two aren't the same person than to let them see both Superman and Clark Kent?”). Lei stessa non comprende come sia possibile questa sovrapposizione, e da scaltra Diana neanche crede troppo a quelle parole, tanto che poi comincia a lottare contro il mostro: a conferma che un’azione è più importante di multiple congetture.

E la frase di Superman diventa lapidaria: “Io non ho idea chi sia e da dove venga”. A siglare un’altra alleanza è poi l’incontro tra Lois Lane con Wonder Woman, che confabulano quasi raccontare momenti privati.

La collaborazione tra eroi è l’unica che riesce a sconfiggere Doomsday: la famiglia è ristabilita ma non si comprende chi sia sull’uomo che vagola facendosi chiamare Clark Kent. Quasi a simboleggiare un’alterità che può essere in noi: mai i due appaiono nella stessa inquadratura. Da qui la possibilità che Superman stia mentendo anche a Wonder Woman. Il messaggio certo è che le azioni compiute avranno sempre delle conseguenze, sia private che nell’interazione con le altre persone: se Superman è scomparso per un periodo, il suo ritorno non è inconfutabile. Neanche di fronte alla famiglia.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
Superman film

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Dragon Ball FighterZ, anteprima videogame per PS4 e Xbox One

Dragon Ball FighterZ è il picchiaduro in 2D di una delle saghe più famose e apprezzate nel mondo, con una nutrita di schiera di fan anche nel nostro territorio. Il ritorno del franchise ci trasporta su terreni di scontro in due dimensioni, per un videogioco veloce e spettacolare, sia dal punto di vista del gameplay che dal lato pretta...

 

Recensione film Atomica Bionda: colui che inganna troverà sempre chi si lascerà ingannare

Atomica Bionda trae origine dal fumetto The Coldest City scritto ed illustrato da Antony Johnston e Sam Hart. Il film diretto da David Leitch ed interpretato tra gli altri da Charlize Theron, Sofia Boutella e James McAvoy, è ambientato nella Berlino della guerra fredda, durante le sommosse che hanno portato all’abbattimento del muro e ...

 

Days Gone, anteprima videogame Sony per PS4

Days Gone è un videogioco d’azione ambientato in un mondo aperto, un’enorme mappa dove sopravvivere a gruppi di nemici umani e orde di zombie. La presentazione di due anni fa, all’E3, aveva mostrato un titolo dalle tinte avvicinabili a The Last Of Us, ma dai connotati decisamente più survival, con decine di non morti...

 

Recensione L'ultimo giorno in Vietnam, un bellissimo fumetto di Will Eisner pubblicato da 001 Edizioni

L'ultimo giorno in Vietnam è un bellissimo fumetto scritto e disegnato dalla leggenda della nona arte Will Eisner. All’interno dell’albo si trovano diverse storie raccolte in modo casuale, senza seguire una linea temporale, dallo stesso Eisner. La casa editrice 001 Edizioni ha deciso di ripubblicare nei primi giorni di luglio que...

 

Recensione Rise of the Black Flame il fumetto scritto da Mike Mignola per Dark Horse Comics

Rise of the Black Flame è il nuovo fumetto pubblicato dalla casa editrice Dark Horse Comics, che unisce tutti e cinque i numeri di questa incredibile serie uscita lo scorso anno. Grazie al grande successo ottenuto, la casa editrice ha deciso di pubblicare l’intera storia in un unico volume. All’interno di questo bellissimo albo, ...

 

Final Fantasy XII: The Zodiac Age, recensione videogame per PS4 e Xbox One

Final Fantasy XII: The Zodiac Age è la riedizione di un videogioco particolare, un capitolo fatto di ottime idee e importanti innovazioni all’interno di quello che era a suo tempo il brand di Final Fantasy. La saga si era sempre poggiata su un sistema di combattimento a turni ed incontri casuali, peculiare dei giochi di ruolo a stampo ...

 

Wolfenstein II: The New Colossus, anteprima videogame Bethesda per PS4 e Xbox One

Wolfenstein II: The New Colossus è il videogioco sviluppato da MachineGames e pubblicato da Bethesda Softworks, il seguito di uno dei migliori sparatutto degli ultimi anni, lo storico ritorno del tenente B.J. Blazkowicz. La saga ha segnato un intero genere, oltre che l’industria videoludica, con l’uscita nel lontano 1992 di quell...

 

Recensione Wonder Woman l'Amazzone della collana Grandi Opere DC di Jill Thompson

Wonder Woman L’Amazzone è stato pubblicato all’interno della collana Grandi Opere DC e in Italia distribuito dalla Lion divisine di RW Edizioni. Questa nuova storia ci porta alle origini dell’eroina più famosa dell’universo DC Comics, com’è nata e da dove vengono i suoi grandi poteri, ma soprattutt...

 

Recensione The Interview la nuova graphic novel di Manuele Fior di Fantagraphics

The Interview è la nuova graphic novel pubblicata dalla casa editrice americana Fantagraphics, scritta e disegnata da Manuele Fior. L’autore ci porta in un futuro dove i cambiamenti non avvengono con una rivoluzione o con la fine del mondo ma attraverso processi mentali che poco a poco cambiano il modo di pensare. I contatti con gli ex...

 

Crash Bandicoot N.Sane Trilogy, recensione per PS4: il ritorno della mascotte PlayStation

Crash Bandicoot N.Sane Trilogy è un pezzo di storia del videogioco, la collezione completamente restaurata dei primi tre storici capitoli usciti su PlayStation, un ricordo a cui tantissimi videogiocatori sono legati. Proprio l’aspetto nostalgico ha convinto Activison ad affidare al team interno Vicarious Visions il compito di riportare...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni