X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Barriere

22/02/2017 07:30
Recensione del film Barriere

Barriere ("Fences") è il film diretto ed interpretato da Denzel Washington e Viola Davis: è candidato all'Oscar come migliore pellicola.

Barriere (“Fences”) è il film di Denzel Washington interpretato da lui stesso e Viola Davis, Stephen Henderson, Jovan Adepo, Russell Hornsby.

Nel 1950 a Pittsburgh il netturbino di colore Troy Maxson (Washington) vive con la moglie Rose (Davis) e il figlio Cory (Adepo). Con lui lavora l’amico Jim Bono (Stephen Henderson).

La provenienza teatrale di “Barriere” è evidente dalle prime scene, con dialoghi continui in unità di luogo: la sceneggiatura è basata sull’omonima pièce di August Wilson del 1983, vincitrice del premio Pulitzer e il film è candidato all’Oscar. “Tu compra dove vuoi. Io comprerò dove la gente è generosa con me”, dice Troy alla moglie Rose nel retro della casa, in una conversazione in cui sorseggia whisky. “Sono contento che Cory abbia trovato un lavoro, così si paga l’uniforme del college”, dice riferendosi al figlio, già facendo intravedere della ambizioni su di lui che certamente non collimeranno. “L’uomo bianco non gli darà alcuna possibilità con il football”, insiste, tratteggiando le linee di quest’affresco generazionale.

Troy infatti da giovane non fu ammesso nella squadra di baseball locale, per un motivo inerente una polmonite anche se lui ritiene che fosse dipeso dal colore della pelle.

A questo problema sociale se ne aggiunge uno personale: il figlio trentaquattrenne avuto da una precedente relazione, Lyons Maxson (Hornsby) va dal padre per chiedere un prestito, Troy lo invita a lavorare come netturbino ma il figlio vuole diventare un musicista. “Sei troppo bravo per fare il netturbino?”, ironizza Troy.

I dilemmi emergono fino all’entrata in scena di Cory, che di nascosto si allena a football ed è connivente con la madre. L’interpretazione di Viola Davis è screziata, tra sottomissione ai voleri del marito e dubbio sulla giustezza delle proprie idee di emancipazione, esprimendo con sguardi lucidi il propri desideri ormai avvizziti. Quella di Denzel Washington al contrario è solare, come se solo lui ambisse ad un rigore personale che - in definitiva - non approva. E il film da narrativo diventa recitativo, con dilemmi espressi a voce, forza delle inflessioni lessicali, abbassamenti di tono che fanno intendere un modo di ragionare ma anche il sentore di una generazione.

Il tema del film emerge così dal lavoro degli attori, con Troy che parlando cerca di far trionfare le proprie idee nonostante nutra dubbi sulla loro liceità. È giusto imporre scelte ai propri figli? Sopratutto si nasconde il timore che i consigli che si danno a loro non siano disinteressati, ma celino le proprie frustrazioni. È difficile comprendere se impedendo a loro di effettuare delle scelte, si pulisca un proprio fallimento. Troy impedisce così al figlio di giocare a football perché da giovane lui fallì in quella impresa, e ora invidia il figlio.

Da qui le confessioni: “Se rubo soldi, mi compro sia cibo che scarpe”, racconta Troy ai suoi amici riferendosi al proprio passato, al furto a causa del quale finì in prigione. Lo racconta sempre nel retro della sua casa, che diventa il luogo simbolo di amplificazione dei propri desideri. Confessione dei piccoli mutamenti che migliorano l’uomo: Troy infatti ha ottenuto una promozione, da netturbino ora condurrà il camion.

Il retro della casa è luogo teatrale perché è uno dei rari del film, ma anche emblema di come con una storia solida e un’interpretazione rifinita si possa amplificare un dubbio personale a dramma universale.

“Pensi che io non abbia voluto qualcuno con cui ridere, che mi facesse sentire bene”, piange Rose contro Troy dopo la confessione di lui che getta scompiglio e che porterà il film verso un finale inatteso. “Non sei il solo ad avere desideri e bisogni (…) ma li ho seppelliti dentro di me”, urla Rose. La rivelazione di Troy vanifica tutta la rigidità del suo carattere, e i principi che obbligava a seguire, rendendo il film anche uno scorcio sull’ironia del destino.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
Barriere

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Recensione del film Pirati dei Caraibi - La vendetta di Salazar

Pirati dei Caraibi - La vendetta di Salazar (“Pirates of the Caribbean: Dead Men Tell No Tales”) è il film di Joachim Rønning e Espen Sandberg nelle sale. Nel cast ci sono Johnny Depp, Javier Bardem, Brenton Thwaites, Kaya Scodelario. La narrazione procede senza troppi balzi di suspense, come si addice ad un racconto che ...

 

Festival di Cannes 2017: immagini di Nicole Kidman e Colin Farrell per il film 'The Killing of a Sacred Deer'

Nelle immagini che mostriamo ci sono i protagonisti del film “The Killing of a Sacred Deer”, diretto da Yorgos Lanthimos e in Concorso al Festival di Cannes. L’evento si è svolto presso il Nikki Beach: vi hanno partecipato Colin Farrell, Nicole Kidman, Keith Urban, Barry Keoghan, Raffey Cassidy, Sunny Suljic. La trama &eg...

 

Festival di Cannes 2017: le immagini di Lily Collins e Jake Gyllenhaal al party della Hollywood Foreign Press Association

Nelle immagini che mostriamo ci sono gli ospiti invitati alla serata filantropica svoltasi al festival di Cannes per la International Rescue Committee (IRC), organizzata dalla Hollywood Foreign Press Association (HFPA). Preso il Nikki Beach hanno partecipato Jake Gyllenhaal, Ben Stiller, Tilda Swinton, Adam Sandler, Brittany Snow, Lily Collins, Du...

 

Le celebrità e lo sport: un connubio sempre vincente ad Hollywood

“Mens sana in corpore sano”: una grande verità che viene presa molto sul serio nel mondo di Hollywood, dove il culto del corpo e della (presunta) perfezione psico-fisica regna sovrano. Anche se le apparenze suggerirebbero il contrario, quello delle star è uno stile di vita per certi versi molto stressante, visto che da lor...

 

The Dinner, il film sulle colpe dei figli con Richard Gere e Laura Linney

The Dinner è il film di Oren Moverman con Richard Gere, Laura Linney, Steve Coogan e Rebecca Hall. Paul (Coogan) e sua moglie Claire (Linney), Stan (Gere) - fratello maggiore di Paul - e la consorte Katelyn (Hall) vanno ad un’elegante cena. Durante le portate, dall’aperitivo all’antipasto la scansione temporale segnata dal...

 

Il piacere dell'onestà: il controllo spia su smartphone da Shakespeare alla Corte europea

La possibilità di scoprire cosa affermi un’altra persona in nostra assenza è una delle curiosità insite nell’uomo. Già William Shakespeare in “Otello” (1603) raccontava di come il cinico Jago facesse ingelosire il protagonista: fa portare il fazzoletto della moglie Desdemona sulle mani del presunt...

 

Festival di Cannes, una foto storica con i protagonisti dei decenni

Al Festival di Cannes si è tenuto un photo call particolare, per celebrare i settanta anni dell’evento. Tra i vincitori c’erano Laurent Cantet  (Palma d’Oro nel 2008),  Jerry Schatzberg (Palma d’Oro Nel 1973),  Claude Lelouch  (vincitore del 1966),  Michael Haneke  (Palma d'Oro 2009-2012...

 

Film più visti della settimana, 'Alien: Covenant' e 'Everything, Everything' sono ai primi posti

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 19 al 21 maggio 2017 vede al primo posto la novità “Alien: Covenant” (36.160.621 dollari, leggi la recensione del comic): l'equipaggio di un’astronave scopre un paradiso inesplorato, dove però emerge anche una minaccia da cui fuggire. Al secondo posto sce...

 

Innamorato pazzo, il film commedia con Myrna Loy e William Powell sugli opposti conciliati

Innamorato pazzo (“Love Crazy”, 1941) è il film di Jack Conway con William Powell, Myrna Loy e Gail Patrick. usciva nelle sale statunitensi il 23 maggio del 1941. L’architetto eccentrico Steve Ireland (William Powell) e la moglie Susan (Myrna Loy) al quarto anniversario di matrimonio vorrebbero rivivere la prima notte...

 

Quando non erano famosi: i mestieri delle star agli esordi

Oggi li vediamo sulle riviste patinate, ma i protagonisti delle cronache mondane hanno dovuto percorrere una strada tutta in salita per raggiungere il successo. Dietro i volti distesi e imperturbabili di uomini e donne mature, molto spesso si nascondono ragazzi e ragazze che prima di raggiungere la fama hanno svolto i mestieri più duri e str...

 

Da non perdere

Ultime news
Recensioni