X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Cinquanta sfumature di nero

09/02/2017 07:30
Recensione del film Cinquanta sfumature di nero

Cinquanta sfumature di nero è il film tratto dal libro di E. L. James

Cinquanta sfumature di nero (“Fifty Shades Darker”) è il film di James Foley con Dakota Johnson, Jamie Dornan, Kim Basinger e Tyler Hoechlin.

Anastasia Steele (Johnson) continua ad essere la vittima di Christian Grey (Dornan): il ventottenne imprenditore compra la società in cui lei lavora, le impedisce di andare con il suo capo ad un viaggio di lavoro perché sarebbe un noto donnaiolo. Poi offre 100.000 dollari per il primo ballo con lei.

Dal passato di Christian emerge Elena (Basinger), ragazza conosciuta da Christian a quindici anni. Anastasia è disgustata che Christian continui ad essere amico con la donna che quando lui aveva quindici anni lo agevolò al passaggio allo stile di vita BDSM: nonostante ciò continua nella sua frequentazione.

Il processo di sottomissione femminile prosegue quando Elena si rende conto che Christian vede Anastasia come una ragazza e non come una succube, elemento che non si allinea con le pratiche del BDSM in cui le relazionali devono essere basate sul dolore, l’alternanza del potere, l’umiliazione tra i partner consenzienti che ne traggono piacere. Così Elena diventa antagonista di Anastasia, cercando di introdurre discordia nel rapporto.

Ma il meccanismo di conoscenza di Anastasia verso Christian si fa sempre più latente e lento, e la donna non vuole comprendere ciò che lui manifesta. Se in un romanzo - quello di E. L. James da cui è tratto - poteva avere senso la descrizione prolissa di questo attendismo di Anastasia, la quale finge di non vedere ciò che pare evidente - ovvero che Christian si avvicina al sadismo patologico - in un film tale scoperta se ritardata genera noia. Anastasia è anche inseguita al lavoro da una donna disturbata, Leila Williams che si rivela essere una delle ex di Christian, sottomessa. Leila ha una pistola, il marito è morto in un incidente d'auto quattro mesi prima: una notte irrompe in casa di Anastasia e la minaccia a mano armata. Già questi momenti avrebbero dovuto far intraprendere ad Anastasia un percorso di distacco, invece la sua sottomissione perdura e si lascia convincere dalle scuse di Christian.

Lo stesso regista James Foley, che proviene dalla direzione della serie tv “House of Cards - Gli intrighi del potere” e del film “Perfect Strangers” (2007) sa restituire un’atmosfera tetra, che emerge soprattutto nella scena della festa in maschera: il party è organizzato dalla famiglia Grey per una raccolta fondi, e la scenografa Coates si è ispirato al Carnevale di Venezia e ai suoi ornamenti. Foley inquadra con circospezione i personaggi, i mobili e gli oggetti, con riproduzioni di scorci di Piazza San Marco e delle gondole, 250 comparse con costumi formali da festa alternati a capi sportivi degli anni ’80. Per poi passare allo yacht di lusso di Christian, oppure a dettagli come quelli dell’attico in cui c’è una cantina di vini, una sala da biliardo, una biblioteca e lo studio privato di Christian. Alle pareti sono appese opere d’arte di America Martin e Edvard Munch, ipotizzando che Christian avesse una collezione privata e ruotasse i pezzi regolarmente.

Foley ha quasi restituito una serialità al franchise, facendo oscillare “dramma, romanticismo, fantasia - dice - tutti mescolati assieme; una combinazione particolare, frizzante”. Ma l’altro obbiettivo del film, quello di restituire una motivazione alla patologia di Christian, non è raggiunto: infatti tutto si risolve in nella scoperta di una vicenda che nell’adolescenza di Christian lo avrebbe colpito tanto da fargli assumere questo atteggiamento. “Pur riconoscendo che il sesso è una parte importante, il film segue una pista completamente diversa - ha detto l’interprete Dornan - Nei due film successivi si approfondiscono tutti quegli altri aspetti che non abbiamo avuto il tempo di realizzare nel primo”. Questo aspetto che poteva essere approfondito in realtà è ridotto a semplice escamotage.

C’è da dire che il film - come il precedente - rivela un atteggiamento che finora non era stato affrontato. Ovvero il dubbio che la sottomissione psichica - in questo caso della donna - attraverso pratiche sadiche non sia sociale, ma archetipica. Che quindi l’atteggiamento di indugiare nelle scelte sia insito in un particolare carattere, e che la capacità di farsi influenzare dalle parole altrui è un rischio da cui è difficile sottrarsi. Il successo del libro - in particolare modo nel pubblico femminile - fa poi propendere verso l’idea che questa prassi sia più elle donne che degli uomini. Ciò apre anche a domande più generiche, ovvero se il processo di emancipazione femminile cominciato all’inizio del ‘900 non urti con questa visione maschilista.

Un dubbio a cui però lo stesso Christian Grey non sa rispondere, quando chiede ad Anastasia: “Tu vuoi essere mantenuta o avere rispetto?”. Ma lei ha già deciso.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Recensione del film ‘Most Beautiful Island’

Most Beautiful Island è il film di Ana Asensio uscito in questo giorni nelle sale statunitensi, ben accolto dalla critica. Lo stile è documentaristico, con la macchina da presa che pedina la protagonista Luciana (la stessa Ana Asensio) tra le peregrinazioni della metropoli di New York. Lei è immigrata ispanica, e nella citt&a...

 

Recensione film DC Comics, Justice League

Justice League è il film tratto dall’omonima serie a fumetti che unisce alcuni degli eroi più importanti della DC Comics in una trama che ha il prevalente scopo di presentare i personaggi al grande pubblico. L’inizio di una nuova ed attesa saga dove l’inevitabile esigenza di calare i protagonisti nella storia e di pr...

 

The Force, David Mamet scriverà il film diretto da James Mangold

La Fox ha annunciato che il 1 marzo 2019 sarà la data di uscita ufficiale di “The Force”, il thriller poliziesco diretto da James Mangold, regista di “Logan” e “Walk the Line – Quando l’amore brucia l’anima”. Il film sarà un adattamento dell’omonimo romanzo di Don Winslow (e...

 

Quentin Tarantino, il nuovo film prevede un budget da 100 milioni di dollari

Per il nuovo film di Quentin Tarantino si è avviata una gara nella scelta del distributore. Dopo lo scandalo sul produttore Harvey Weinstein, la sua società Weinstein Company non si occuperà più della distribuzione dei film di Tatantino, chiudendo una collaborazione avviata nel 1992 con "Le iene”. A contendersi l...

 

Recensione del film The Big Sick

The Big Sick è il film di Michael Showalter con Kumail Nanjiani, Zoe Kazan, Holly Hunter. Kumail (Kumail Nanjiani) è un giovane comico di standup di Chicago, usa la sua auto con Uber e la notte si esibisce. Negli sketch ironizza sulla cultura pakistana, e questo aspetto è tenuto nascosto alla famiglia musulmana.Durante uno spe...

 

Film più visti della settimana, ‘Thor: Ragnarok’ e ‘Daddy's Home 2’ ai primi posti

Il box office ufficiale dei film più visti negli Stati Uniti dal 10 al 12 novembre 2017 conferma al primo posto "Thor: Ragnarok” (212.068.013 dollari,  leggi l’articolo): Thor lotta contro l’ex alleato Hulk, impedendo anche ad Hela di distruggere la civiltà asgardiana. Al secondo posto c’è la novit...

 

Cate Blanchett, è horror il nuovo film tratto da un romanzo

Cate Blanchett dopo il ruolo di Hela nel film “Thor: Ragnarock” lavorerà ad un film horror. “The House with a Clock in its Walls” è tratto da un romanzo del 1973, scritto da John Bellairs. L'orfano Lewis Barnavelt (Owen Vaccaro) si trasferisce nella città di New Zebede, nel Michigan. Qui abita lo zio Jo...

 

Lav Diaz, il nuovo film è un’opera rock

Lav Diaz, vincitore del Leone d’oro al Festival di Venezia 2016 con “The Woman Who Left” è al lavoro al nuovo film, dal titolo "Ang Panahon ng Halimaw" (letteralmente, “La stagione del diavolo”). Il film mescola musica, opera rock e dramma. A produrlo è Bianca Balbuena, che ha già lavorato a &ldqu...

 

Agadah, intervista all’attore del film Alessio Boni

“Agadah” è il film di Alberto Rondalli nelle sale da questa settimana. Mauxa ha intervistato l’attore Alessio Boni, che in queste settimane è anche al cinema con “La ragazza nella nebbia” e la serie tv “La strada di casa”. D. Nel film “Agadah” interpreti Pietro Di Oria. Puoi racco...

 

Cosa regalano a Natale le star

Per le persone cosiddette normali, i regali consistono in oggetti di prezzo variabile: un libro, una sciarpa, nelle occasioni speciali un orologio, magari un gioiello. Raramente capita che qualcuno ci sorprenda il giorno del nostro compleanno regalandoci una Porsche. Quando parliamo di celebrità, questi parametri si rovesciano. Le star del ...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni