X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Cinquanta sfumature di nero

09/02/2017 07:30
Recensione del film Cinquanta sfumature di nero

Cinquanta sfumature di nero è il film tratto dal libro di E. L. James

Cinquanta sfumature di nero (“Fifty Shades Darker”) è il film di James Foley con Dakota Johnson, Jamie Dornan, Kim Basinger e Tyler Hoechlin.

Anastasia Steele (Johnson) continua ad essere la vittima di Christian Grey (Dornan): il ventottenne imprenditore compra la società in cui lei lavora, le impedisce di andare con il suo capo ad un viaggio di lavoro perché sarebbe un noto donnaiolo. Poi offre 100.000 dollari per il primo ballo con lei.

Dal passato di Christian emerge Elena (Basinger), ragazza conosciuta da Christian a quindici anni. Anastasia è disgustata che Christian continui ad essere amico con la donna che quando lui aveva quindici anni lo agevolò al passaggio allo stile di vita BDSM: nonostante ciò continua nella sua frequentazione.

Il processo di sottomissione femminile prosegue quando Elena si rende conto che Christian vede Anastasia come una ragazza e non come una succube, elemento che non si allinea con le pratiche del BDSM in cui le relazionali devono essere basate sul dolore, l’alternanza del potere, l’umiliazione tra i partner consenzienti che ne traggono piacere. Così Elena diventa antagonista di Anastasia, cercando di introdurre discordia nel rapporto.

Ma il meccanismo di conoscenza di Anastasia verso Christian si fa sempre più latente e lento, e la donna non vuole comprendere ciò che lui manifesta. Se in un romanzo - quello di E. L. James da cui è tratto - poteva avere senso la descrizione prolissa di questo attendismo di Anastasia, la quale finge di non vedere ciò che pare evidente - ovvero che Christian si avvicina al sadismo patologico - in un film tale scoperta se ritardata genera noia. Anastasia è anche inseguita al lavoro da una donna disturbata, Leila Williams che si rivela essere una delle ex di Christian, sottomessa. Leila ha una pistola, il marito è morto in un incidente d'auto quattro mesi prima: una notte irrompe in casa di Anastasia e la minaccia a mano armata. Già questi momenti avrebbero dovuto far intraprendere ad Anastasia un percorso di distacco, invece la sua sottomissione perdura e si lascia convincere dalle scuse di Christian.

Lo stesso regista James Foley, che proviene dalla direzione della serie tv “House of Cards - Gli intrighi del potere” e del film “Perfect Strangers” (2007) sa restituire un’atmosfera tetra, che emerge soprattutto nella scena della festa in maschera: il party è organizzato dalla famiglia Grey per una raccolta fondi, e la scenografa Coates si è ispirato al Carnevale di Venezia e ai suoi ornamenti. Foley inquadra con circospezione i personaggi, i mobili e gli oggetti, con riproduzioni di scorci di Piazza San Marco e delle gondole, 250 comparse con costumi formali da festa alternati a capi sportivi degli anni ’80. Per poi passare allo yacht di lusso di Christian, oppure a dettagli come quelli dell’attico in cui c’è una cantina di vini, una sala da biliardo, una biblioteca e lo studio privato di Christian. Alle pareti sono appese opere d’arte di America Martin e Edvard Munch, ipotizzando che Christian avesse una collezione privata e ruotasse i pezzi regolarmente.

Foley ha quasi restituito una serialità al franchise, facendo oscillare “dramma, romanticismo, fantasia - dice - tutti mescolati assieme; una combinazione particolare, frizzante”. Ma l’altro obbiettivo del film, quello di restituire una motivazione alla patologia di Christian, non è raggiunto: infatti tutto si risolve in nella scoperta di una vicenda che nell’adolescenza di Christian lo avrebbe colpito tanto da fargli assumere questo atteggiamento. “Pur riconoscendo che il sesso è una parte importante, il film segue una pista completamente diversa - ha detto l’interprete Dornan - Nei due film successivi si approfondiscono tutti quegli altri aspetti che non abbiamo avuto il tempo di realizzare nel primo”. Questo aspetto che poteva essere approfondito in realtà è ridotto a semplice escamotage.

C’è da dire che il film - come il precedente - rivela un atteggiamento che finora non era stato affrontato. Ovvero il dubbio che la sottomissione psichica - in questo caso della donna - attraverso pratiche sadiche non sia sociale, ma archetipica. Che quindi l’atteggiamento di indugiare nelle scelte sia insito in un particolare carattere, e che la capacità di farsi influenzare dalle parole altrui è un rischio da cui è difficile sottrarsi. Il successo del libro - in particolare modo nel pubblico femminile - fa poi propendere verso l’idea che questa prassi sia più elle donne che degli uomini. Ciò apre anche a domande più generiche, ovvero se il processo di emancipazione femminile cominciato all’inizio del ‘900 non urti con questa visione maschilista.

Un dubbio a cui però lo stesso Christian Grey non sa rispondere, quando chiede ad Anastasia: “Tu vuoi essere mantenuta o avere rispetto?”. Ma lei ha già deciso.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

L'arte digitale, inserire il tempo nelle immagini: intervista all'artista San Base

San Base è uno dei maggiori esponenti dell’arte digitale. L’artista ha perfezionato un nuovo tipo di arte, chiamata Generative Art in cui l'opera artistica nasce da un software, che rielabora continuamente un’immagine iniziale. Questa rielaborazione viene poi spesa al muro, con uno schermo LCD o al plasma. Il risultato &egr...

 

Recensione del film Past Life, il dramma familiare apprezzato dalla critica

“Past Life” è un film di Avi Nesher, uscito negli Stati Uniti dopo essersi fatto apprezzare nel circuito dei festival indipendenti. Il film si apre nel 1977 a Berlino Ovest, dove Sephi (Joy Rieger), una cantante e aspirante compositrice israeliana, spicca come solista durante l’esibizione del coro della sua accademia. Dopo...

 

Bright, prime immagini del film crime con Will Smith

Bright è il film crime e fantasy di David Ayer il cui trailer è stato presentato al San Diego Comic-On. La trama si svolge in un mondo alternativo moderno, dove da secoli convivono esseri umani, orchi, elfi e fate. Scott Ward (Will Smith) è un un ufficiale di polizia che fa coppia con il primo poliziotto Orco (Joel Edgerton), ...

 

Il fantasma e la signora Muir, il sogno di un amore nel film classico di Joseph L. Mankiewicz

Il fantasma e la signora Muir (“The Ghost and Mrs. Muir”) è il film di Joseph L. Mankiewicz che usciva nelle sale statunitensi in queste settimane. A Londra alla fine dell’800 la giovane vedova Lucy Muir (Gene Tierney) si trasferisce nel villaggio di Whitecliff, vicino al mare nonostante la disapprovazione della suocera An...

 

Proud Mary, prime immagini del film sull'assassina professionista

Taraji P. Henson appare nel primo trailer del film thriller "Proud Mary”, film di Babak Najafi. Nelle immagini la protagonista Mary, una spietata assassina professionista, che incontrando un giovane ragazzo scarpe di avere un istinto materno finora sconosciuto. Nelle immagini inizialmente si allena, si trucca, poi indossa un giubbotto di pel...

 

Recensione del film Finding Oscar, la luce sul genocidio elogiata dalla critica

Finding Oscar è il film documentario di Ryan Suffern, uscito nella sale statunitensi e accolto in maniera positiva dalla critica. Il film è disponibile anche in Video on Demand. Nel documentario lo stesso presidente Reagan appare mentre dà la mano al presidente e militare guatemalteco Efraín Ríos Montt, che giust...

 

Glass, M. Night Shyamalan svela il sequel di Unbreakable e Split

Con l’annuncio del suo prossimo film, “Glass”, M. Night Shyamalan è riuscito ancora una volta a spiazzare tutti; un colpo di scena degno delle migliori pellicole del regista di origini indiane, annunciato da quest'ultimo lo scorso aprile con una serie di messaggi su Twitter, e che dà finalmente una risposta a tutti i...

 

Il regista Steven Soderbergh dirige un film girato con l'iPhone

Steven Soderbergh ha realizzato un film con l’iPhone. La protagonista è Emmy Claire Foy, che ha recitato nella serie "The Crown" e Juno Temple. Il titolo del lavoro è “Unsane", e la distribuzione del film dovrebbe avvenire in digitale. Al momento non sono resi noti il dettagli sulla trama. Già il regista Sean Bake...

 

Il Festival di Venezia 2017 riesce ad unire Jane Fonda e Robert Redford in un film e con un premio alla carriera

Jane Fonda e Robert Redford riceveranno il premio alla carriera alla 74. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. La consegna dei Leoni d’oro avverrà il 1 settembre nella Sala Grande del Palazzo del Cinema. I due attori saranno poi protagonisti del film Fuori Concorso “Our Souls at Night”, diretto da ...

 

Emilia Clarke, l'attrice è una spia dell'FBI nel film crime 'Above Suspicion' tratto dal romanzo

Emilia Clarke dopo il ruolo di Daenerys Targaryen ne “Il trono di Spade” è divenuta una delle attrici più eclettiche dello star system. Pur se di origine inglese, ha saputo scegliere vari generi hollywoodiani anche la cinema, proprio per tentare di adeguarsi ai gusti di un pubblico con interessi eterogenei. Sarà Su...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni