X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Arrival

18/01/2017 07:30
Recensione del film Arrival

Denis Villeneuve dirige il film "Arrival", che unisce introspezione a fantascienza.

Arrival è il film di Denis Villeneuve con Amy Adams, Jeremy Renner e Forest Whitaker (leggi l'intervista agli interpreti).

Un’astronave è posizionata sopra un vasto prato. Louise Banks (Adams) è una linguista che è arruolata per cercare di comunicare con gli alieni. In seguito anche Ian Donnelly (Jeremy Renner), fisico che si occupa della comunicazione attraverso la matematica è reclutato nel team.

I primi venti minuti del film sono quelli di un classico thriller, con luci soffuse, frasi allusive, rapporti personali che potrebbero incrinarsi. Si procede in maniera lenta, come l’avvicinarsi di Louise in elicottero verso l’astronave, mentre la campagna tace alla presenza dell’oggetto dalle linee curve. Il momento della vestizione, della marcia in auto verso l’astronave sembrano quelli di marcia verso un luogo religioso.

Quando cominciano le prime comunicazioni, gli extraterrestri si manifestano come linee fumose, che assumono forme circolari e che Louise cerca di decifrare. Tanta è la sua passione che in un ennesimo incontro si toglie la tuta protettiva: anche Ian la segue, ma quello che sembra un colloquio silenzioso in realtà modifica le aspettative. Le astronavi infatti si disseminano in varie parti della Terra e con essi i dubbi di Louise.

Si comprende come gli attacchi alieni siano lontani da questo film, con laser inceneritori sparati contro gli umani come invece accadeva in “La guerra dei mondi” (2005) di Steven Spielberg. Lo stesso regista è stato assunto ad emblema per il film del 1977, “Incontri ravvicinati del terzo tipo”, in cui gli alieni sono sempre pacifici.

In un periodo di esigenza di emozioni forti, un film come “Arrival” è più adatto per un pubblico televisivo che per uno cinematografico. La trama evolve con le visioni di Louise che vede squarci del suo futuro grazie al contatto alieno, ipotesi di pericolo, le nazioni che si mobilitano per una minaccia in realtà inesistente. Fino ai due terzi del film si alternano solo discorsi e non azioni. Non emerge un dilemma personale, necessario in film simili in cui l’oggetto “malefico” in realtà non agisce. Così come avvenne nel citato film di Spielberg del 1977: lì il titubante scienziato Roy decide di seguire gli alieni.

In “Arrival” solo nel finale si hanno dei colpi di scena, blandi comunque rispetto alla trama precedente. Come in questi casi è necessario, la maggior parte dell’appeal si trova negli effetti speciali. Il novanta per cento del film è girato all’esterno dell’astronave, e per creare la sensazione di possibile invasione si sono usati satelliti spia, elicotteri e droni. L’utilizzo del CGI per gli effetti visivi si è dovuto scontrare con l’esigenza di girare un film naturalistico, aggiungendoli in un secondo momento. A ciò si unisce l’uso della fotografia di Bradford Young, che aveva l’intenzione di creare una ‘fantascienza sporca’ - come l’ha definita lui stesso - dando la sensazione che tutto fosse successo in una “brutta mattina di martedì”, con un’atmosfera che si allontana dallo scopo dei film kolossal.

Villeneuve restituisce il senso di paura del dissimile, e al contempo il fascino che suscita. Ha focalizzato l’attenzione nel momento in cui un aspetto inesplorato della vita può essere ancora inseguito, perché non risulta minaccioso. Ma crea anche dubbi, gli stessi di Louise nelle sue visioni future. Dilemmi che il regista pone al centro del suo lavoro dal film “Enemy" (2013) dove un uomo cerca la verità sul suo doppio, a in “Sicario” (2015) in cui un’agente dell’FBI non sa discernere il bene dal male. “Arrival” attraverso gli alieni racconta così la storia intima di Louise, e la stessa Adams sa sfrondare l’interpretazione da eccessi, per renderla fulminea. Nonostante le visioni del futuro - impartite grazie agli alieni - Louise procede nella sua quotidianità.

Ma per un film che appartiene al genere fantascienza non basta, rendendolo così intasato di messaggi.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
Amy Adams, Jeremy Renner, Denis Villeneuve
 
Galleria fotografica
Articoli correlati

Venezia 73: incontro con Tom Ford, Jake Gyllenhaal e Amy Adams per il film 'Nocturnal Animals'

Abbiamo partecipato alla conferenza con il regista Tom Ford, al Festival di Venezia per la presentazione del nuovo film "Nocturnal AnimalS". Con lui hanno preso parte all'incontro Aaron Taylor-Johnson, Jake Gyllenhaal e Amy Adams. Il film - tratto dal romanzo "Tony and Susan" di Austin Wright - racconta di una giovane gallerista d'arte disillusa ch...

 

Festival di Venezia 2016, secondo giorno: dal fantascientifico 'Arrival' al red carpet con Michael Fassbender e Alicia Vikander

Mauxa è presente alla 73. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica, in programma al Lido di Venezia dal 31 agosto al 10 settembre 2016. Il secondo giorno della kermesse si lega all'originale atmosfera fantascientifica di "Arrival", film in concorso diretto da Denis Villeneuve e basato sul racconto di "Story of Your Life" dello scrittore...

 

Venezia 73: recensione di Arrival, il sci-fi dove è tutto scritto... nel tempo

“La memoria è una cosa strana”, così si apre il film Arrival, la nuova produzione che vede alla regia Denis Villeneuve e che si avvale delle interpretazioni di Amy Adams e Jeremy Renner per dar corpo ad uno sci-fi che sin dalle primissime inquadrature colpisce ed attrae senza perdere mai quel grado di magnetismo accumulato...

 

Venezia 73. Intervista esclusiva a Amy Adams, 'i film di fantascienza come Arrival aprono molte prospettive'

Abbiamo intervistato in esclusiva Amy Adams e Jeremy Renner, che al Festival di Venezia presentano "Arrival", il film di Denis Villeneuve in Concorso. La pellicola racconta di misteriose astronavi che atterrano in vari punti del pianeta, cosicché la squadra speciale, diretta dalla linguista Louise Banks si riunisce per studiare la situazion...

 

Arrival, il primo trailer del film sci-fi in concorso al Festival di Venezia con Amy Adams

La Paramount Pictures ha diffuso il primo trailer del film "Arrival", film di fantascienza diretto da Denise Villeneuve e interpretato da Amy Adams, Jeremy Renner e Forest Whitaker. Nelle immagini si mostrano dei ricercatori che si avvicinano ad un'astronave, cercando di decifrare il linguaggio sconosciuto. Il trailer ha già raggiunto 1,7 m...

 

Wind River, il nuovo film thriller con Elizabeth Olsen

Wind River è un film thriller in fase di lavorazione scritto e diretto dall’attore della serie tv “Veronica Mars” e sceneggiatore di “Sicario” Taylor Sheridan (al suo debutto dietro la macchina da presa) e interpretato da Elizabeth Olsen, Jeremy Renner, Jon Bernthal (attore nella serie televisiva “The Puni...

 

Story of Your Life, il film di fantascienza con Amy Adams che riflette sulla comunicazione

È già in fase di post-produzione l’ultimo film dell’acclamato regista di “Sicario” Denis Villeneuve, la cui attenzione questa volta verterà su un genere totalmente differente: la fantascienza. Con Story of Your Life, sceneggiato da Eric Heissere (La Cosa, Final Destination 5), infatti si racconterà...

 

Marvel Comics, Occhio di Falco vol.1 Vita Normale la raccolta dei primi cinque fumetti

Occhio di Falco vol.1 Vita Normale. La serie personale di Occhio di Falco della Marvel Comics ha avuto un grandissimo successo, così la casa editrice ha deciso di far uscire insieme all’ultimo numero, il dodicesimo, anche una versione diversa del fumetto. Infatti il 5 Novembre 2015 uscirà in edicola e in fumetteria anche “...

 

La regola del gioco recensione film, indagini sulla CIA e il traffico di droga

La regola del gioco (Kill the Messenger) film di Michael Cuesta basato sui libri Kill the Messenger di Nick Schou e Dark Alliance di Gary Webb. La regola del gioco trama. Gary Webb è un giornalista da poco trasferitosi in California, dove lavora per il San José Mercury News. Un giorno la donna di un grosso trafficante di droga gli ...

 

Mission: Impossible - Rogue Nation con Tom Cruise, il nuovo trailer per l'impresa più spettacolare di sempre

Mission: Impossible - Rogue Nation trailer. Nuovo adrenalinico trailer per Mission: Impossible - Rogue Nation, atteso quinto episodio della serie di spionaggio con protagonista Tom Cruise nel ruolo dell'agente segreto Ethan Hunt. Uscita e trama. A quattro anni di distanza da Protocollo fantasma, Mission: Impossible - Rogue Nation uscirà...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=23215079&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1