X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

The Founder, 'non si diventa un milionario essendo un boy scout': intervista all'attore del film David de Vries

17/01/2017 07:30
The Founder 'non si diventa un milionario essendo un boy scout' intervista all'attore del film David

Mauxa ha intervistato David de Vries, attore del film "The Founder" con Michael Keaton e Laura Dern.

The Founder è il film di John Lee Hancock, con un cast composto da Michael Keaton, Nick Offerman, John Carroll Lynch, Laura Dern e David de Vries.

La trama è quella di Ray Kroc, venditore dell’Illinois che incontra Mac e Dick McDonald. I due avevano avviato un’attività di vendita di hamburger nella California del Sud: Kroc intravede il business del settore, sottrae la società ai fratelli e crea un impero miliardario, il McDonald.

Mauxaha intervistato l’attore del film David de Vries: l'attore ha recitato di recente anche in "The Accountant" e "Captain America: Civil War".

D. Hai lavorato nel film “The Founder". Come è stata l’esperienza?

David de Vries. Nel film interpreto Jack Horford, uno dei conoscenti di Ray Kroc (Michael Keaton) presente al country club di Ray Kroc. Il mio personaggio investe nella sua idea di ristorante: sono incuriosito dal suo modello di business e mi piacerebbe sfruttare il suo piano. Ma io sono più di un investitore passivo, nella speranza di fare soldi senza effettuare un grande sforzo. Kroc si scontra con lui quando abbiamo idee differenti su come gestire il nostro business.

D. Il regista John Lee Hancock come lavora sul set?

D. D. V. È un piacere lavorare con John Lee. Era attento alle idee degli attori e l'atmosfera sul set era molto rilassata. È molto divertente quando si ha la possibilità di lavorare con persone veramente di talento in questo tipo di ambiente.

D. Hai lavoro molto con Michael Keaton e Laura Dern.

D. D. V. Sì Giovanni, per la maggior parte del tempo. Anche insieme al mio vecchio amico Wilbur Fitzgerald. Ci incontravamo spesso con gli altri nella sessione di trucco e ho avuto una bella chiacchierata con Laura seduta accanto a me, su come sarebbero diventati i capelli e make up. Lei è così bella, graziosa e umile. È stato moto bello lavorare con Michael, è estremamente concentrato. Tutti noi attori gli abbiamo dato la possibilità di improvvisare un po’. C'è molta tensione nelle sue scene, poiché lui è presente in quasi tutti i momenti: ma Michael è un soldato e tutti abbiamo apprezzato il suo lavoro.

D. Il film racconta anche l’ambizione umana. Cosa ne pensi di questo aspetto?

D. D. V. È certamente un avvertimento per noi su come affrontare i costi e i benefici dell’ambizione. Qualcuno ha detto che non si diventa un milionario essendo un boy scout, e credo che sia vero in larga misura. I sacrifici sono essenziali, ma che tipo di sacrifici? Vuoi sacrificare le persone e le relazioni? Ray Kroc ha costruito qualcosa da una piccola idea e ha creato un’industria. È stato un atto di audacia piuttosto sorprendente. Ma aveva i suoi costi. Questo film esplora i costi e le parti innumerevoli della storia di uno dei marchi più famosi al mondo.

D. Tu David sei anche un regista teatrale. Quale pièce vorresti mettere in scena?

D. D. V. Mi piacerebbe molto dirigere “Long Day's Journey into Night” (“Lungo viaggio verso la notte”) di Eugene O'Neill. Molti teatri sono terrorizzati nell’affrontare un classico che dura tre ore ed è visceralmente straziante. Ho già in mente gli attori che vorrei scritturare, devono essere tosti quando si produce uno spettacolo come questo. Forse posso convincere qualcuno a correre il rischio.

D. Hai un film italiano preferito?

D. D. V. “Il Postino” è stato un bel film. Ho fatto alcuni dei miei studi universitari a Cagli, nelle Marche e ho trascorso un paio di settimane lavorando ad una pièce multi-mediale. E mia nipote è sposata con un italiano.

D. Quindi sei venuto in Italia?

D. D. V. Sì, lei parla bene italiano e con mio figlio abbiamo fatto un viaggio a Grottaglie in Puglia, un paio di anni fa. Siamo poi andati a Roma, a Sorrento e lungo la costa. Sono un grande fan di tutte le cose italiane. La mia compagna è una cuoca e la sua specialità è il gelato artigianale in questo momento, così spesso assaggio un po’ d’Italia.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Personaggi correlati
John Lee Hancock
 
Galleria fotografica
Da non perdere
Ultime news
Recensioni