X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

L'indagine nelle serie tv: la scena del crimine

02/12/2016 07:00
L'indagine nelle serie tv la scena del crimine

L'importanza della scena del crimine all'interno della fiction televisiva di genere poliziesco.

La scena del crimine è tra gli elementi maggiormente significativi delle serie televisive poliziesche, da anni dominatrici dei palinsesti internazionali per ascolti e longevità.

Gli episodi incentrati su un caso da risolvere permettono anche allo spettatore di calarsi nel ruolo di investigatore ed elaborare una personale versione dei fatti tramite i dettagli offerti dalle linee narrative. La ricerca della verità ha inizio con l’osservazione del luogo dove si è verificato l’evento al centro dell’indagine.

Nella serie televisiva “Rocco Schiavone”, attualmente trasmessa da Rai 2, l’episodio “Pista nera” inizia con il ritrovamento di un corpo sulle piste da sci di Champoluc. Il vice questore si reca immediatamente sul posto, ovvero sulla scena del crimine, il luogo dal quale prende avvio la sua indagine.

Il primo approccio del protagonista è pratico e consiste nell'osservare attentamente il luogo dove è stato rinvenuto il cadavere, raccoglie oggetti, li scruta con sguardo accigliato e tenta di ricavarne preziose informazioni per risalire alla verità. Dalla scena del crimine la sua indagine si sposta in una dimensione psicologica, ovvero focalizzata sul lato umano delle persone coinvolte nel caso.

Nell'episodio in questione, il corpo rinvenuto sulle piste da sci è quello del gestore di un rifugio. Il Rocco Schiavone indaga tra gli altri la moglie della vittima, studia il suo passato, i suoi comportamenti e la natura del legame che aveva con il marito.

Relativamente alle modalità con cui la scena del crimine è rappresentata nelle serie televisive, abbiamo raccolto il parere di Chiara Poli, giornalista, scrittrice e blogger che ha scritto insieme a Cristina Brondoni il libro "Crimini e serie tv. L'omicidio fra piccolo schermo e realtà". 

R: La scena del crimine è diventata sempre più familiare, per il grande pubblico. Le tecniche d’investigazione sono state svelate, al punto che il telespettatore medio saprebbe enunciarle tutte senza difficoltà. L’approfondimento si è fatto sempre più “indiscreto”, svelando meccanismi, parti del corpo, nozioni che una volta non avremmo mai voluto conoscere. Oggi, invece, più si punta sul dettaglio, più il tutto appare verosimile. La trasformazione principale è questa: si coinvolge il pubblico con l’abbondanza dei dettagli e delle descrizioni, rendendolo partecipe di un processo che, dal suo punto di vista, lo trasforma in un esperto del settore. Un investigatore “vero”, addestrato dai personaggi migliori in circolazione.

D: A tuo parere quale prodotto ha il merito di aver maggiormente innovato la crime fiction televisiva?

R: Senza dubbio C.S.I., che ha introdotto la trasformazione di cui parlavo prima. E prima di C.S.I., il merito va equamente diviso fra NYPD e Law & Order: il primo ha dato un volto “umano” agli investigatori, uomini comuni che lavorano in un distretto fatiscente, senza mezzi e comodità, spinti solo dalla loro dedizione verso la giustizia. Il secondo ha cambiato la storia della TV unendo i generi più amati dal pubblico, police drama e legal drama, per mostrare tutti i passaggi dal crimine, alle indagini, fino alla cattura del colpevole e alla condanna. Rendendo omaggio a un sistema “perfetto” che nella realtà è ben diverso, e che proprio per questo in TV conquista il pubblico. Lo rassicura.

D: Per quanto riguarda i metodi investigativi, "Le regole del delitto perfetto" appare come uno dei prodotti più efficaci nel ridefinire l'approccio psicologico alle indagini. Qual è la tua opinione sulla serie?

R: Trovo che sia un prodotto eccezionale. Il personaggio di Annalise Keating, grazie anche a un’interprete straordinaria, si mostra al pubblico per ciò che è: una donna con le sue fragilità e la sua imperfetta umanità che fa di tutto per celare dietro la maschera della “tosta” ogni punto debole. Solo noi la conosciamo davvero: tutti gli altri personaggi, quelli che interagiscono con lei sullo schermo, vedono solamente una parte del suo modo di essere. Per questo si crea un legame strettissimo fra Annalise e il pubblico, un legame reso ancora più forte dalla qualità dei colpi di scena introdotti in sceneggiatura.

La ricerca del colpevole nella fiction televisiva si realizza in differenti modalità. L'impostazione narrativa delle serie poliziesche permette allo spettatore di approcciarsi alla scena del crimine allo stesso modo dei protagonisti dalla trama. L'agire fisicamente sul luogo del delitto alla ricerca di indizi è un'attività che può essere svolta da ogni personaggio e l'attenzione psicologica sulle persone coinvolte è ciò che differenzia maggiormente gli interpreti principali delle fiction.

Nell'episodio "Pista nera" Rocco Schiavone presenta un'eccezionale abilità nell'intuire le nascoste e intime intenzioni della moglie della vittima e grazie a questo suo approccio psicologico il vice questore riesce a scoprire che è lei la vera responsabile dell'omicidio e che nel compierlo si è servita di un complice.

Il risultato di questa indagine compiuta sulla personalità della donna ha permesso al protagonista di osservare il luogo del delitto in modo più consapevole, cercando dettagli precisi e già prefigurati nella sua mente. In questo caso, il ruolo della scena del crimine è quello di confermare la colpevolezza della moglie della vittima e del suo complice. Al termine dell'episodio, tutti gli elementi pratici e psicologici in possesso di Rocco Schiavone mettono i colpevoli di fronte a un'unica scelta, confessare il delitto. 

 
© Riproduzione riservata
Scritto da
Luigi Spezzi
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Silicon Valley, quarta stagione: oltre 200 mila visualizzazioni per il teaser trailer

La quarta stagione di "Silicon Valley" debutta su HBO il 23 aprile 2017.  Il teaser trailer pubblicato ieri sul canale YouTube dell'emittente televisiva statunitense concede alcune scene dai nuovi episodi della comedy creata da Mike Judge, John Altschuler e Dave Krinsky. Il video ha già superato 200 mila visualizzazioni....

 

Standing Ovation, Antonella Clerici conduce una nuova trasmissione per famiglie

Antonella Clerici conduce il nuovo programma televisivo intitolato "Standing Ovation", al via questa sera su Rai 1 dalle 21.25.  Articolato in cinque puntate, lo show alterna musica e spettacolo rivolgendosi a un'audience variegata. Il format prevede le esibizioni di alcuni ragazzi dagli 8 ai 17 anni insieme ai loro genitori, che saranno giud...

 

The Mick, recensione del primo episodio della serie tv

Abbiamo guardato in anteprima il primo episodio della serie televisiva “The Mick”, in onda su Fox dal 28 febbraio 2017. Creata da Dave e John Chernin, la fiction costruisce un nuovo racconto all'interno di una famiglia disfunzionale, ambiente narrativo sviluppato in chiave ironica da numerose produzioni seriali da "Arrested Development...

 

Le 10 migliori serie tv sulla politica

In un mondo dove tutto è politica, appare sostanzialmente scontato che anche il cinema e la televisione riservino a questo argomento un posto d'onore. Negli ultimi anni film e soprattutto serie tv sulla politica e sul vorticoso mondo circostante si sono letteralmente moltiplicati, cercando di dipingere, con alterna fortuna, i suoi intricati ...

 

Gotham, la lotta per il potere prosegue nella terza stagione della serie tv

La terza stagione della serie televisiva "Gotham" ha debuttato sul canale Premium Action il 15 febbraio 2017.  La trama racconta le vicende dei personaggi apparsi nei fumetti DC Comics e appartenenti all'universo narrativo di Batman, impegnati in una lotta per il potere nella celebre Gotham City.  Il racconto concede maggiore centralit&...

 

Bull, un inedito 'senso di commedia': intervista all'attrice Annabelle Attanasio

La serie televisiva "Bull" ha debuttato sull'emittente statunitense CBS il 20 settembre 2016, in Italia va in onda su Rai 2 dal 13 novembre 2016. Ispirata alla carriera iniziale come consulente di processo di Phil McGraw, psicologo e personaggio televisivo di successo, la fiction offre un racconto corale che alterna dramma e commedia. Al prot...

 

La porta rossa, incontro con il cast della serie tv

Abbiamo partecipato alla presentazione della serie televisiva "La porta rossa", in onda su Rai 2 dal 22 febbraio 2017.  Ideata da Carlo Lucarelli e Giampiero Rigosi e diretta da Carmine Elia, la fiction propone un racconto multigenere che mescola le dinamiche del thriller a elementi propriamente mystery. Al centro della trama c'è la fi...

 

NCIS, due nuovi episodi della quattordicesima stagione in onda su Rai 2

Due episodi della quattordicesima stagione di "NCIS" vanno in onda in prima visione assoluta su Rai 2 il 15 febbraio 2017 dalle 21.20. Il primo episodio, intitolato "Essere cattivo" (Titolo originale: "Being Bad") e diretto da James Whitmore, Jr., mostra la squadra di agenti speciali del Naval Criminal Investigative Service impegnata nell'indagare...

 

Unbreakable Kimmy Schmidt, il divertente teaser della terza stagione della sitcom

Un divertente teaser, pubblicato sul canale Youtube Netflix US & Canada, annuncia la data di debutto della terza stagione di "Unbreakable Kimmy Schmidt". I nuovi episodi della sitcom creata da Tina Fey e Robert Carlock saranno disponibili sulla piattaforma streaming Netflix dal 19 maggio 2017. La trama racconta le vicende di un...

 

'Studio Uno era una fucina di talento e di creatività': intervista a Andrea Bosca

Abbiamo intervistato l'attore Andrea Bosca, nel cast della miniserie televisiva "C'era una volta Studio Uno". La seconda e ultima puntata della fiction diretta da Riccardo Donna va in onda su Rai 1 il 14 febbraio 2017.  D: Ti sarebbe piaciuto partecipare realmente a Studio Uno? R: Studio Uno era una fucina di talento e di creatività. ...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni