X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 
http://bs.serving-sys.com/serving/adServer.bs?cn=display&c=19&mc=imp&pli=22587639&PluID=0&ord=[timestamp]&rtu=-1

Recensione del film Snowden

22/11/2016 07:30
Recensione del film Snowden

Oliver Stone è il regista di "Snowden" con Joseph Gordon-Levitt e tratto da una storia vera.

Snowden è il film di Oliver Stone con Joseph Gordon-Levitt, Shailene Woodley, Melissa Leo, Zachary Quinto e Tom Wilkinson.

Racconta la vicenda realmente accaduta di Edward Snowden (nato nel 1981), intepretato da Levitt: da informatico impiegato alla National Security Agency decide di svelare i programmi di sorveglianza elaborati dal governo degli Stati Uniti. Grazie ai giornalisti Glenn Greenwald (Quinto), Ewen MacAskill (Wilkinson), Laura Poitras (Leo) incontrati ad Hong Kong raccoglie una mole di dati da cui emerge che le comunicazioni tramite Google, Yahoo, Skype,, Facebook e altri sistemi digitali sono tracciati, non solo per ciò che concerne i governi stranieri o gruppi terroristici, bensì anche per normali cittadini americani.

Oliver Stone ha chiaro fin dall’inizio l’afflizione del protagonista, filmandolo con le viti conficcate in una tibia su un letto di ospedale, con un primo piano che disegna già una storia. La sua ansia di libertà è poi opposta, perché in un'altra scena guarda una foto dell’incontro tra John Kennedy e Nikita Chruščëv, segno di un discorso della giustizia che fatica ad emergere.

La chat rosa con cui dialoga con la fidanzata Lindsay Mills (Woodley) segna anche una inconciliabilita, tra il lato professionale che fagocita la sua vita, e quest’ultima che trova uno sfogo in un sentimento. La giovane con cui ha una storia, Lindsay segna anche uno stacco nella cinematografia di Stone, segnando la difficoltà - se non impossibili - di far legare la vita professionale con quella privata. E anche una scena di passione devia verso questa paura: infatti mentre Edward è a letto con Lindsay lui fissa la videocamera del portatile temendo che la scena venga registrata.

La sua vita privata clonata è quella di milioni di cittadini, esemplificati nella sequenza in grafica in cui i volti di utenti web, o al telefono si mescolano con le trascrizioni delle loro conversazioni: solo perché alla fine di un processo di registrazione hanno cliccato su “I Agree”, come nel fotogramma finale.

Il film “Snowden” risente di una lunghezza eccessiva, il che si tramuta in una prevalenza dei dialoghi rispetto all’azione, per far comprendere processi e ipotesi. Così anche l’andirivieni con la fidanzata è logoro, perché ingabbiato nei tentativi del protagonista di svolgere il suo lavoro, e di non poter liberarsene. Ed è la stessa gabbia cui si costringe Oliver Stone, non libero di far navigare il suo protagonista, quasi devoto a rispettare i fatti realmente accaduti.

Lo stesso regista ha ammesso questa difficoltà: “durante gli incontri iniziali Snowden era molto cauto. Non era interessato a chiudere un accordo per un film - ha detto . Era il suo avvocato quello interessato alla realizzazione di un film che appoggiasse la sua causa, e pensava che io fossi la persona giusta”.

La storia prende una svolta quando Snowden inserisce una microspia nel cubo di Rubik, usando un semplice escamotage per superare i controlli, fino al successo della sua battaglia.

Snowden risulta così un film troppo concentrato su un personaggio, monotematico, senza slanci narrativi particolari. Questo rischio era già insito nel progetto originale, dovendo raccontare un’esperienza realmente accaduta: ma mentre in “JFK - Un caso ancora aperto” c’era un Presidente assassinato il cui mistero della morte trascina decenni e personaggi illustri, qui siamo nel lato della persona comune che assurge ad imprese superiori. Film come “Erin Brockovich” o “American Sniper" hanno raccontato meglio questo aspetto.

E recentemente Oliver Stone ha sempre virato verso la rappresentazione amplificata della realtà, come ne “Le belve” (2012), “Wall Street - Il denaro non dorme mai” (2010).

Il finale di “Snowden” è identico a quello reale del l’informatico Edward Snowden. Quando capisce di essere un uomo ricercato, vola a Mosca: il governo degli Stati Uniti revoca il suo passaporto e lo costringe a rimanere in Russia. Mills lo raggiunge, ma anche stavolta il prezzo per la giustizia è modificare la propria vita privata.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Come le star trascorrono i weekend di festa

Il “Labor Day”, paragonabile alla nostra Festa dei lavoratori, si celebra negli Stati Uniti il primo lunedì di settembre, e sancisce definitivamente la conclusione dell’estate. Questo weekend di festa diventa così l’occasione ideale per sfoggiare per l’ultima volta un look da spiaggia e godersi il bel tem...

 

Il domani tra di noi, nuove immagini del film con Kate Winslet

Una nuova clip del film “Il domani tra di noi” (“The Mountain Between Us”) è stata diffusa. Nelle immagini Ben Bass (Idris Elba) litiga con Alex Martin (Kate Winslet) sulla decisione da prendere per procedere nel mezzo delle montagne innevate. La trama è incentrata su un incidente aereo, dopo il quale due sco...

 

Addio Christopher Robin, il film sull'autore di Winnie-the-Pooh

Addio Christopher Robin (“Goodbye Christopher Robin”) è il film che uscirà nelle sale statunitensi il 13 ottobre. La storia racconta il rapporto tra l'autore dei libri per bambini amato A.A. Milne (Domhnall Gleeson) e suo figlio Christopher Robin (Will Tilston). Il suo personaggio ha ispirato il mondo di Winnie-the-Pooh. ...

 

Peter Greenaway, il nuovo film è 'Walking to Paris'

Peter Greenaway è al lavoro al nuovo film, “Walking to Paris”. La trama del film non è stata svelata, anche se il tema di fondo è la vicenda di uno ei più importanti scultori del 1900, Constantin Brâncusi. Lo scultore 27enne Brâncusi (Emun Elliott) lascia il suo piccolo villaggio di Hobita, a su...

 

Recensione del film Noi siamo tutto

La discendenza da un romanzo è evidente in “Noi siamo tutto” (“Everything Everything”), film di Stella Meghie tratto dall’opera di della scrittrice Nicola Yoon. Della reclusione in un appartamento della giovane adolescente Maddy Whittier (Amandla Stenberg), ai gesti che portano il suo nuovo vicino di casa Nick R...

 

'The Lifeboat', il film prodotto ed interpretato da Anne Hathaway ha un nuovo regista

Joe Wright non dirigerà più “The Lifeboat”, il film tratto dall’omonimo libro di Charlotte Rogan. Anne Hathaway resta comunque coinvolta nel progetto nei panni di produttrice e di attrice protagonista. Il romanzo di Rogan si apre con un processo in cui il personaggio principale, Grace Winter, è accusata di om...

 

Matt Damon, protagonista del nuovo film 'Charlatan'

Matt Damon interpreterà il ruolo del ciarlatano John R. Brinkley nel nuovo film “Charlatan”. La storia è quella reale di un uomo nel Kansas, sedicente medico che negli anni Venti introdusse un metodo chirurgico straordinario usando le ghiandole delle capre per curare l'impotenza negli agricoltori locali. Divenne cos&igrav...

 

Recensione del film Valerian e la città dei mille pianeti

Valerian e la città dei mille pianeti (“Valérian et la Cité des mille planètes") è il film di fantascienza di Luc Besson. L’esordio avviene in un luogo paradisiaco, tra esseri umanoidi ed esplosioni che avvertono di una minaccia imminente. Già qui Besson è vittima dello stesso materiale ...

 

First They Killed My Father, il film di Angelina Jolie conviene la critica

First They Killed My Father è il film di Angelina Jolie che ha ottenuto ottime recensioni negli Stati Uniti. La storia è quella dell’attivista Loung Ung, che per sopravvivere al regime cambogiano dei Khmer Rossi dal 1975 al 1978 vede disgregata la propria famiglia. La storia viene raccontata dalla protagonista, una bambina di c...

 

L'incredibile vita di Norman, incontro con Richard Gere: 'il mio personaggio vorrebbe esaudire le promesse'

L'incredibile vita di Norman (“Norman: The Moderate Rise and Tragic Fall of a New York Fixer”) è il film di Joseph Cedar con Richard Gere, presentato a Roma. La pellicola negli Stati Uniti è uscita ad aprile 2017 ed ha ottenuto recensioni positive. La storia racconta del faccendiere Norman Oppenheimer, che a New York tess...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni