X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Snowden

22/11/2016 07:30
Recensione del film Snowden

Oliver Stone è il regista di "Snowden" con Joseph Gordon-Levitt e tratto da una storia vera.

Snowden è il film di Oliver Stone con Joseph Gordon-Levitt, Shailene Woodley, Melissa Leo, Zachary Quinto e Tom Wilkinson.

Racconta la vicenda realmente accaduta di Edward Snowden (nato nel 1981), intepretato da Levitt: da informatico impiegato alla National Security Agency decide di svelare i programmi di sorveglianza elaborati dal governo degli Stati Uniti. Grazie ai giornalisti Glenn Greenwald (Quinto), Ewen MacAskill (Wilkinson), Laura Poitras (Leo) incontrati ad Hong Kong raccoglie una mole di dati da cui emerge che le comunicazioni tramite Google, Yahoo, Skype,, Facebook e altri sistemi digitali sono tracciati, non solo per ciò che concerne i governi stranieri o gruppi terroristici, bensì anche per normali cittadini americani.

Oliver Stone ha chiaro fin dall’inizio l’afflizione del protagonista, filmandolo con le viti conficcate in una tibia su un letto di ospedale, con un primo piano che disegna già una storia. La sua ansia di libertà è poi opposta, perché in un'altra scena guarda una foto dell’incontro tra John Kennedy e Nikita Chruščëv, segno di un discorso della giustizia che fatica ad emergere.

La chat rosa con cui dialoga con la fidanzata Lindsay Mills (Woodley) segna anche una inconciliabilita, tra il lato professionale che fagocita la sua vita, e quest’ultima che trova uno sfogo in un sentimento. La giovane con cui ha una storia, Lindsay segna anche uno stacco nella cinematografia di Stone, segnando la difficoltà - se non impossibili - di far legare la vita professionale con quella privata. E anche una scena di passione devia verso questa paura: infatti mentre Edward è a letto con Lindsay lui fissa la videocamera del portatile temendo che la scena venga registrata.

La sua vita privata clonata è quella di milioni di cittadini, esemplificati nella sequenza in grafica in cui i volti di utenti web, o al telefono si mescolano con le trascrizioni delle loro conversazioni: solo perché alla fine di un processo di registrazione hanno cliccato su “I Agree”, come nel fotogramma finale.

Il film “Snowden” risente di una lunghezza eccessiva, il che si tramuta in una prevalenza dei dialoghi rispetto all’azione, per far comprendere processi e ipotesi. Così anche l’andirivieni con la fidanzata è logoro, perché ingabbiato nei tentativi del protagonista di svolgere il suo lavoro, e di non poter liberarsene. Ed è la stessa gabbia cui si costringe Oliver Stone, non libero di far navigare il suo protagonista, quasi devoto a rispettare i fatti realmente accaduti.

Lo stesso regista ha ammesso questa difficoltà: “durante gli incontri iniziali Snowden era molto cauto. Non era interessato a chiudere un accordo per un film - ha detto . Era il suo avvocato quello interessato alla realizzazione di un film che appoggiasse la sua causa, e pensava che io fossi la persona giusta”.

La storia prende una svolta quando Snowden inserisce una microspia nel cubo di Rubik, usando un semplice escamotage per superare i controlli, fino al successo della sua battaglia.

Snowden risulta così un film troppo concentrato su un personaggio, monotematico, senza slanci narrativi particolari. Questo rischio era già insito nel progetto originale, dovendo raccontare un’esperienza realmente accaduta: ma mentre in “JFK - Un caso ancora aperto” c’era un Presidente assassinato il cui mistero della morte trascina decenni e personaggi illustri, qui siamo nel lato della persona comune che assurge ad imprese superiori. Film come “Erin Brockovich” o “American Sniper" hanno raccontato meglio questo aspetto.

E recentemente Oliver Stone ha sempre virato verso la rappresentazione amplificata della realtà, come ne “Le belve” (2012), “Wall Street - Il denaro non dorme mai” (2010).

Il finale di “Snowden” è identico a quello reale del l’informatico Edward Snowden. Quando capisce di essere un uomo ricercato, vola a Mosca: il governo degli Stati Uniti revoca il suo passaporto e lo costringe a rimanere in Russia. Mills lo raggiunge, ma anche stavolta il prezzo per la giustizia è modificare la propria vita privata.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Recensione del film Transformers - L'ultimo cavaliere

"Transformers - L'ultimo cavaliere" è il film di Michael Bay con Mark Wahlberg, Anthony Hopkins, Laura Haddock. In assenza di Optimus Prime - robot leader della fazione dei benevoli Autobot ma ora partito  alla ricerca del suo "creatore" - inizia una lotta tra l'organizzazione militare dei Transformers Reaction Force e i Transform...

 

Cattivissimo Me 3, incontro con il cast: Arisa, Max Giusti e Paolo Ruffini

Abbiamo incontrato a Roma il cast vocale di “Cattivissimo Me 3”, il film di Pierre Coffin e Kyle Balda, prodotto da Chris Meledandri e in uscita il 24 agosto 2017. A dare le voci ai protagonisti sono la cantante Arisa, gli attori Max Giusti e Paolo Ruffini. Il cattivo Gru è stato licenziato dalla Lega anti Cattivi, e si trova in...

 

L'amore ai tempi di Hollywood, tra gossip, scandali e divorzi

In termini di gossip hollywoodiano, il 2016 è stato segnato dal divorzio tra Johnny Depp e Amber Heard, una vicenda dai risvolti piuttosto spiacevoli visto che la Heard ha addotto, tra i motivi della separazione, il fatto che l’ex-marito fosse un tipo violento a causa soprattutto dei suoi problemi di alcolismo. Oggi la storia sembra es...

 

Inferno, il film con Tom Hanks dal libro di Dan Brown è su SkyCinema e NowTv

Inferno, il film tratto dal romanzo di Dan Brown arriva in televisione si Sky Cinema e NowTv, dal 10 luglio. Il film - che ha incassato 220 milioni di dollari - sarà anche preceduto dalla messa in onda di due film tratti sempre dai romanzi dello scrittore di Exeter. Il 2 luglio è trasmesso “Il Codice Da Vinci”, in cui il ...

 

Nicole Kidman, due libri raccontano l'attrice che compie 50 anni

Nicole Kidman, l’attrice di Honolulu oggi compie 50 anni. In una recente intervista a “E! News” ha detto che non organizzerà una festa sfarzosa, bensì sarà circondata dalla sua famiglia: "Voglio uscire con mio marito, i miei figli e mia sorella”. Essendo di pigne australiana, ha affermato che è g...

 

Alexandra Daddario, è l'imponente Costance nel nuovo film 'Abbiamo sempre vissuto nel castello'

Alexandra Daddario, una delle attrici più versatili nella recente cinematografia di Hollywood dopo l’obsoleto “Baywatch” sarà in un film completamento diverso. “We Have Always Lived in the Castle” è il titolo, diretto da Stacie Passon e interpretato anche da Sebastian Stan, Taissa Farmiga e Crispi...

 

10 attori che hanno perso la vita sul set

Quando si parla di professioni pericolose, il pensiero di solito corre ai muratori intenti a camminare in equilibrio a decine di metri da terra o a giornalisti e medici che lavorano in zone di guerra, non di certo al cinema o alla televisione. Invece, anche in un mondo apparentemente dorato, si celano storie davvero macabre di persone che hanno tro...

 

Film più visti della settimana, 'Cars 3' scalza dalla classifica 'Wonder Woman'

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 16 al 18 giugno 2017 vede al primo posto la novità “Cars 3” (53.547.000 dollari, leggi l'articolo): la vicenda è quella di Saetta McQueen che si propone di dimostrare a una nuova generazione di piloti che lui è ancora la migliore macchina da corsa del mon...

 

Luigi Pirandello, i film ispirati alle sue opere a 150 anni dalla nascita

Luigi Pirandello, di cui si celebrano il 150 anni dalla nascita (avvenuta il 28 giugno 1867) lavorò anche per il cinema. Molti furono i film che si ispirarono alle sue pièce o novelle. Il primo film tratto da una sua opera è “Il lume dell'altra casa” (1920) di Ugo Gracci con Anna Gracci, Gaietta Gracci e lo stesso ...

 

John G. Avildsen, Sylvester Stallone ricorda il regista scomparso del film 'Rocky'

John G. Avildsen, regista del film "Rocky" (1976) e "The Karate Kid” (1984) è scomparso all’età di 81 anni. Per il film “Rocky" - interpretato da Sylvester Stallone che era anche sceneggiatore - John G. Avildsen vinse l’Oscar. Lo stesso Stallone in un comunicato ha ribadito di avere avuto fortuna nella sua car...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni