X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Snowden

22/11/2016 07:30
Recensione del film Snowden

Oliver Stone è il regista di "Snowden" con Joseph Gordon-Levitt e tratto da una storia vera.

Snowden è il film di Oliver Stone con Joseph Gordon-Levitt, Shailene Woodley, Melissa Leo, Zachary Quinto e Tom Wilkinson.

Racconta la vicenda realmente accaduta di Edward Snowden (nato nel 1981), intepretato da Levitt: da informatico impiegato alla National Security Agency decide di svelare i programmi di sorveglianza elaborati dal governo degli Stati Uniti. Grazie ai giornalisti Glenn Greenwald (Quinto), Ewen MacAskill (Wilkinson), Laura Poitras (Leo) incontrati ad Hong Kong raccoglie una mole di dati da cui emerge che le comunicazioni tramite Google, Yahoo, Skype,, Facebook e altri sistemi digitali sono tracciati, non solo per ciò che concerne i governi stranieri o gruppi terroristici, bensì anche per normali cittadini americani.

Oliver Stone ha chiaro fin dall’inizio l’afflizione del protagonista, filmandolo con le viti conficcate in una tibia su un letto di ospedale, con un primo piano che disegna già una storia. La sua ansia di libertà è poi opposta, perché in un'altra scena guarda una foto dell’incontro tra John Kennedy e Nikita Chruščëv, segno di un discorso della giustizia che fatica ad emergere.

La chat rosa con cui dialoga con la fidanzata Lindsay Mills (Woodley) segna anche una inconciliabilita, tra il lato professionale che fagocita la sua vita, e quest’ultima che trova uno sfogo in un sentimento. La giovane con cui ha una storia, Lindsay segna anche uno stacco nella cinematografia di Stone, segnando la difficoltà - se non impossibili - di far legare la vita professionale con quella privata. E anche una scena di passione devia verso questa paura: infatti mentre Edward è a letto con Lindsay lui fissa la videocamera del portatile temendo che la scena venga registrata.

La sua vita privata clonata è quella di milioni di cittadini, esemplificati nella sequenza in grafica in cui i volti di utenti web, o al telefono si mescolano con le trascrizioni delle loro conversazioni: solo perché alla fine di un processo di registrazione hanno cliccato su “I Agree”, come nel fotogramma finale.

Il film “Snowden” risente di una lunghezza eccessiva, il che si tramuta in una prevalenza dei dialoghi rispetto all’azione, per far comprendere processi e ipotesi. Così anche l’andirivieni con la fidanzata è logoro, perché ingabbiato nei tentativi del protagonista di svolgere il suo lavoro, e di non poter liberarsene. Ed è la stessa gabbia cui si costringe Oliver Stone, non libero di far navigare il suo protagonista, quasi devoto a rispettare i fatti realmente accaduti.

Lo stesso regista ha ammesso questa difficoltà: “durante gli incontri iniziali Snowden era molto cauto. Non era interessato a chiudere un accordo per un film - ha detto . Era il suo avvocato quello interessato alla realizzazione di un film che appoggiasse la sua causa, e pensava che io fossi la persona giusta”.

La storia prende una svolta quando Snowden inserisce una microspia nel cubo di Rubik, usando un semplice escamotage per superare i controlli, fino al successo della sua battaglia.

Snowden risulta così un film troppo concentrato su un personaggio, monotematico, senza slanci narrativi particolari. Questo rischio era già insito nel progetto originale, dovendo raccontare un’esperienza realmente accaduta: ma mentre in “JFK - Un caso ancora aperto” c’era un Presidente assassinato il cui mistero della morte trascina decenni e personaggi illustri, qui siamo nel lato della persona comune che assurge ad imprese superiori. Film come “Erin Brockovich” o “American Sniper" hanno raccontato meglio questo aspetto.

E recentemente Oliver Stone ha sempre virato verso la rappresentazione amplificata della realtà, come ne “Le belve” (2012), “Wall Street - Il denaro non dorme mai” (2010).

Il finale di “Snowden” è identico a quello reale del l’informatico Edward Snowden. Quando capisce di essere un uomo ricercato, vola a Mosca: il governo degli Stati Uniti revoca il suo passaporto e lo costringe a rimanere in Russia. Mills lo raggiunge, ma anche stavolta il prezzo per la giustizia è modificare la propria vita privata.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Festival di Cannes 2017: immagini di Nicole Kidman e Colin Farrell per il film 'The Killing of a Sacred Deer'

Nelle immagini che mostriamo ci sono i protagonisti del film “The Killing of a Sacred Deer”, diretto da Yorgos Lanthimos e in Concorso al Festival di Cannes. L’evento si è svolto presso il Nikki Beach: vi hanno partecipato Colin Farrell, Nicole Kidman, Keith Urban, Barry Keoghan, Raffey Cassidy, Sunny Suljic. La trama &eg...

 

Festival di Cannes 2017: le immagini di Lily Collins e Jake Gyllenhaal al party della Hollywood Foreign Press Association

Nelle immagini che mostriamo ci sono gli ospiti invitati alla serata filantropica svoltasi al festival di Cannes per la International Rescue Committee (IRC), organizzata dalla Hollywood Foreign Press Association (HFPA). Preso il Nikki Beach hanno partecipato Jake Gyllenhaal, Ben Stiller, Tilda Swinton, Adam Sandler, Brittany Snow, Lily Collins, Du...

 

Le celebrità e lo sport: un connubio sempre vincente ad Hollywood

“Mens sana in corpore sano”: una grande verità che viene presa molto sul serio nel mondo di Hollywood, dove il culto del corpo e della (presunta) perfezione psico-fisica regna sovrano. Anche se le apparenze suggerirebbero il contrario, quello delle star è uno stile di vita per certi versi molto stressante, visto che da lor...

 

The Dinner, il film sulle colpe dei figli con Richard Gere e Laura Linney

The Dinner è il film di Oren Moverman con Richard Gere, Laura Linney, Steve Coogan e Rebecca Hall. Paul (Coogan) e sua moglie Claire (Linney), Stan (Gere) - fratello maggiore di Paul - e la consorte Katelyn (Hall) vanno ad un’elegante cena. Durante le portate, dall’aperitivo all’antipasto la scansione temporale segnata dal...

 

Il piacere dell'onestà: il controllo spia su smartphone da Shakespeare alla Corte europea

La possibilità di scoprire cosa affermi un’altra persona in nostra assenza è una delle curiosità insite nell’uomo. Già William Shakespeare in “Otello” (1603) raccontava di come il cinico Jago facesse ingelosire il protagonista: fa portare il fazzoletto della moglie Desdemona sulle mani del presunt...

 

Festival di Cannes, una foto storica con i protagonisti dei decenni

Al Festival di Cannes si è tenuto un photo call particolare, per celebrare i settanta anni dell’evento. Tra i vincitori c’erano Laurent Cantet  (Palma d’Oro nel 2008),  Jerry Schatzberg (Palma d’Oro Nel 1973),  Claude Lelouch  (vincitore del 1966),  Michael Haneke  (Palma d'Oro 2009-2012...

 

Film più visti della settimana, 'Alien: Covenant' e 'Everything, Everything' sono ai primi posti

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 19 al 21 maggio 2017 vede al primo posto la novità “Alien: Covenant” (36.160.621 dollari, leggi la recensione del comic): l'equipaggio di un’astronave scopre un paradiso inesplorato, dove però emerge anche una minaccia da cui fuggire. Al secondo posto sce...

 

Innamorato pazzo, il film commedia con Myrna Loy e William Powell sugli opposti conciliati

Innamorato pazzo (“Love Crazy”, 1941) è il film di Jack Conway con William Powell, Myrna Loy e Gail Patrick. usciva nelle sale statunitensi il 23 maggio del 1941. L’architetto eccentrico Steve Ireland (William Powell) e la moglie Susan (Myrna Loy) al quarto anniversario di matrimonio vorrebbero rivivere la prima notte...

 

Quando non erano famosi: i mestieri delle star agli esordi

Oggi li vediamo sulle riviste patinate, ma i protagonisti delle cronache mondane hanno dovuto percorrere una strada tutta in salita per raggiungere il successo. Dietro i volti distesi e imperturbabili di uomini e donne mature, molto spesso si nascondono ragazzi e ragazze che prima di raggiungere la fama hanno svolto i mestieri più duri e str...

 

Codice Unlocked, 'è tutta una questione di suspense': intervista all'attrice Jessica Boone

Codice Unlocked (Unlocked) è il film nelle sale diretto da Michael Apted. Nel cast ci sono Orlando Bloom, Noomi Rapace, Jessica Boone, John Malkovich e Michael Douglas. La trama s’incentra su Alice Racine (Noomi Rapace), agente della CIA esperta in interrogatori: reperisce informazioni su un imminente attacco a Londra e le riporta ad ...

 

Da non perdere

Ultime news
Recensioni