X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Knight of Cups, recensione del film

11/11/2016 07:30
Knight of Cups recensione del film

Terrence Malick è il regista di Knight of Cups, con Christian Bale, Natalie Portman e Cate Blanchett

Knight of Cups è il film di Terrence Malick distribuito da Adler Entertainment. Ha un cast composto da Christian Bale, Natalie Portman, Cate Blanchett, Brian Dennehy, Antonio Banderas.

La voce fuori campo cara a Malick, già presente nei recenti “The Tree of Life” e “Voyage of Time” è un tratto costante anche di "Knight of Cups". Le immagini non riescono a raccontare da sole l’accaduto. A ciò mette fine un estremo terremoto, per cui il protagonista Rick (bale) si alza dal letto e scopre le conseguenze, con persone in strada, acquedotti rotti, elicotteri che sorvolano la città di Los Angeles. Siamo nel primo capito del film, “La Luna” con un titolo mutuato della carta dei tarocchi, simbolo di libertà.

Ne “l’Appeso” vediamo Rick - sceneggiatore disilluso - insieme al fratello Barry (Wes Bentley) e al padre Joseph (Brian Dennehy). “Figlio mio, sei come me. Non riesci a comprendere la tua esistenza”, afferma la voce fuori campo di Joseph, che perse un figlio e la cui morte grava sui pensieri. Rick incontra il secondo fratello, verso cui nutre un rapporto conflittuale: “All’epoca adoravo mio fratello. Ma lo odiavo anche, perché demoliva qualsiasi cosa cercassi di fare”. Come nei tarocchi, l’appeso è stato messo a testa in giù per tradimento, il che rievoca quello di Rick.

Ne “l’Eremita” lo troviamo playboy, sperimentando amori multipli. Rick incontra Helen (Freida Pinto), altre donne e stringe amicizia con Tonio (Antonio Banderas). Se la lanterna è l’oggetto stretto dall’eremita, anche Rick perde la sua strada.

Ne “Il giudizio” una scettica ex-moglie Nancy (Cate Blanchett) rimpiange la fine della sua storia con Rick. “Rimani, ti voglio”, dice lui, in una villa modernista immersa tra alberi, con architetture che cercano una razionalità non più perseguibile. Non mancano scene in riva al mare, su una strada solcata da aerei. Ed un tempo che passa inesorabile.

In altra ambientazione è “La Torre”, completamente urbana, tra grattacieli e ambizione: Rick incontra di nuovo Hell, “cosa vuoi da me? Che ti faccia un incantesimo”, chiede lei. Sembra punire la sua superbia e presunzione.

Ne “La Papessa” Rick incontra Karen (Teresa Palmer), spogliarellista e ballerina di lap-dance. “Vivi in un piccolo mondo fantasia, non è vero?”, chiede lei. Rick la scorrazza sul carrello della spesa. Sono certamente le scene più suggestive, ambientate nella finta Las Vegas, tra monumenti ellenistici e sontuosi. “Giaccio in questa prigione puzzolente”, commenta una voce, tra una fede persa.

In “La Morte” Elizabeth (Natalie Portman) è una donna con cui Rick ha avuto una relazione in passato. Tra i due s’instaura di nuovo un gioco, lei infila le dita del piede nella bocca: “Voglio andare via con te, sposarti”, proferisce lui, distesi in una nuova villa modernista in riva al mare. Elizabeth rivela di essere stata incinta, ma di non sapere se il foglio fosse di Rick o del marito. Poi Rick è in un paesaggio desertico, con aspre montagne intorno. “Noi dobbiamo solo sopportare i problemi che manda Dio. Considerali un dono” dice un prete, invitando al cambiamento.

Infine in “La Libertà” incontra Isabel (Isabel Lucas), una donna semplice che lo aiuta a trovare una via d'uscita.

È la scenografia la fase più importante de film, dove ogni passaggio di location segna anche un momento psicologico. Malick non riesce a tenere immobili i personaggi in un luogo, né a farli agire in maniera razionale. Il cast stellare incuterebbe soggezione a qualsiasi regista: Bale, Blanchett, Portman hanno registrato la loro voce sia in uno studio tradizionale che in posti come furgoni, lati della strada, a sottolineare la casualità della recitazione rispetto al film. Gli attori spesso erano gettati in una scena mentre gli altri attori non sapevano quale sarebbe stato il personaggio, costringendoli ad improvvisare.

Malick non a caso si è ispirato a testi filosofici o religiosi, come “Il pellegrinaggio del cristiano” di John Bunyan. Gli Atti di Tommaso, apocrifo del Nuovo Testamento che descrive la predicazione dell'apostolo di un cristianesimo ascetico durante un viaggio in India, culminato col il suo martirio. E lo stesso titolo del film corrisponde al "Cavaliere di Coppe", messaggero di buone speranze.

Il medesimo vagare è quello dei personaggi di “Knight of Cups”, dalla spiaggia ai grattacieli, dal deserto ai finti monumenti di Las Vegas. Un motivo per vedere il film è quello di guadare, più che ascoltare: Malick vuole confrontarsi con i blockbuster di Hollywood permeati di azione ed effetti speciali, lottando con l’arma dell’immaginazione. Così i paesaggi di Malick bastano ad un pubblico adepto, non a quello commerciale.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
Knight of Cups

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Wilson, nuove immagini del film commedia

Nuove immagini sono stata diffuse del film commedia “Wilson”, in occasione del Sundance Film Festival dove è stato presentato. Nelle foto ci sono momenti del backstage, nonché quelli con Wilson e la moglie Pippi. La trama segue la vicenda di Wilson (Woody Harrelson), misantropo di mezza età, solitario, nevrotico. T...

 

Fish&Chips: a Torino la seconda edizione del Festival

Prosegue fino al 22 gennaio a Torino il Festival FISH&CHIPS, dedicato al cinema erotico. Il Festival si tiene presso il Cinema Massimo di Torino e ha come partner il Museo Nazionale del Cinema. Sono 11 i film in concorso, provenienti da Argentina, Australia, Francia, Germania, Regno Unito, Stati Uniti e Svezia, mostrando le sfumature dell&rsqu...

 

Assassinio sull'Orient Express, Willem Dafoe nel cast del nuovo film dedicato a Poirot

Il nuovo adattamento di “Assassinio sull’Orient Express”, diretto da Kenneth Branagh, è una realtà sempre più vicina. Dopo una serie di incidenti di percorso, tra cui la rinuncia al progetto di Angelina Jolie, la produzione del film sembra procedere a gonfie vele. La maggior parte del cast è già ...

 

Luchino Visconti, una mostra a Roma espone i bozzetti dei suoi film

Alla Casa del Cinema di Roma si è inaugurata la mostra e retrospettiva “Talenti intrecciati: Visconti, Garbuglia, Tosi”. Fino al 22 febbraio saranno esposti bozzetti dello scenografo Mario Garbuglia e del costumista Piero Tosi, realizzati per i film di Luchino Visconti, assieme alle fotografie di Mario Tursi. Vari sono...

 

Annihilation, dall'omonimo romanzo di VanderMeer il nuovo film sci-fi con Natalie Portman

Il progetto. “Annihilation” è un film di fantascienza prodotto dalla Paramount, diretto da Alex Garland (già regista e sceneggiatore dello sci-fi “Ex Machina”) e interpretato da Natalie Portman, Oscar Isaac e Jennifer Jason Leigh. L’opera è l’adattamento cinematografico di “Annientament...

 

Funne - le ragazze che sognavano il mare: intervista alla regista del film Katia Bernardi

Funne - le ragazze che sognavano il mare è il film documentario di Katia Bernardi in questi giorni nelle sale. La storia segue dodici ottantenni che abitano in un paese di montagna delle Dolomiti e che non hanno mai visto il mare. Così in occasione del ventennale di un circolo di pensionati si decide di avviare una raccolta fondi per ...

 

Logan, immagini feroci nel nuovo trailer del film

Un nuovo trailer del film “Logan” è stato pubblicato: su YouTube la clip ha raggiunto 108.675 visualizzazioni in poche ore, su Facebook 248 mila. Nelle immagini vediamo la piccola Laura Kinney / X-23 (Dafne Keen) mentre sgranocchia delle patatine in un supermercato ed è fermata da un commesso: lei con una mossa da judo lo...

 

Recensione del film Qua la zampa!

Qua la zampa! (“A Dog's Purpose”) è il film di Lasse Hallström con Dennis Quaid, Britt Robertson e K.J. Apa. Nel 1962 Ethan Montgomery (Bryce Gheisar) e sua madre (Juliet Rylance) salvano un cucciolo di Golden Retriever ferito e abbandonato. Il cucciolo viene adottato, e il diversivo che porta nella casa è quello di ...

 

Carlo Verdone, il nuovo film sarà una tragicommedia sulla convivenza

Carlo Verdone ha annunciato con queste parole il suo prossimo progetto: “Il mio nuovo film sarà corale ed esplorerà le fragilità e le debolezze della convivenza ai nostri tempi”. La dichiarazione risale allo scorso giugno, ed è stata rilasciata dall’attore e regista romano in vista di “Alberto il ...

 

Recensione del film Arrival

Arrival è il film di Denis Villeneuve con Amy Adams, Jeremy Renner e Forest Whitaker (leggi l'intervista agli interpreti). Un’astronave è posizionata sopra un vasto prato. Louise Banks (Adams) è una linguista che è arruolata per cercare di comunicare con gli alieni. In seguito anche Ian Donnelly (Jeremy Renner), f...

 
Da non perdere






Ultime news
Recensioni