X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Recensione del film Doctor Strange: una magia che non crea pathos

26/10/2016 07:30
Recensione del film Doctor Strange una magia che non crea pathos

"Doctor Strange" è il nuovo film della Marvel-Disney. È tratto dall'omonimo fumetto di Steve Ditko.

Doctor Strange è il film di Scott Derrickson distribuito dalla Walt Disney, nelle sale dal 26 ottobre. Nel cast ci sono Benedict Cumberbatch, Chiwetel Ejiofor, Mads Mikkelsen, Rachel McAdams e Tilda Swinton.

La trama prende spunto dal comic Marvel del 1963 di Steve Ditko, poi disegnato da Stan Lee. Il famoso neurochirurgo Stephen Strange a causa di un incidente perde l’uso delle mani. Strange cerca una cura in un’enclave, la Kamar-Taj che si trova nelle montagne dell’Himalayas: in realtà qui si svolge una battaglia contro invisibili forze oscure che ambiscono a distruggere la nostra realtà. Strange comincia a padroneggiare la magia, in bilico tra la decisione di tornare nella sua agiata vita o difendere il mondo divenendo il più potente stregone, con i consigli di The Ancient One.

“Attraverso le arti mistiche, imbrigliamo energia e plasmiamo la realtà”, dice The Ancient One nel film quasi a presagire qual è l’ambizione del film. Infatti rispetto alle altre pellicole della Marvel Entertainment si evince il desiderio di allontanarsi dai franchise su cui molte polemiche albeggiano: dall’eccessivo uso di effetti speciali, alla capacità di triturare storie che hanno identico appeal del merchandising, fino allo svilimento di un universo comic ben più lineare della vita di personaggi cinematografici.

Doctor Strange in questo caso sceglie la strada delle dimensioni parallele, quelle che permettono di vivere in un universo distinto dal nostro, sia come spazio che tempo. Si affronta quindi il multiverso, già peraltro ben trattato in “Sliding Doors” (1998).

I fumetti di Steve Ditko degli anni ’60 vengono riprodotti con colori caldi, attorniati da forti chiaroscuri che hanno maggiore impatto visivo rispetto a “Avengers: Age of Ultron” (2015) o “Guardians of the Galaxy” (2014) pur se il direttore della fotografia è lo stesso pittoresco Ben Davis. Così lo spazio tridimensionale che Ditko aveva ipotizzato nella pagina trova agio grazie alla nuova tecnologia, sopratutto IMAX. L’autore Ditko portò a Stan Lee cinque paginette di bozze in cui si parlava di magia nera, ed ora il passaggio all’IMAX rende certo giustizia a quel colore.

Il dubbio è che quelle di “Doctor Strange” siano vicende cinetiche un po’ logore, di un immaginario che ormai risulta quasi obsoleto, viste le sue sue riproduzioni nelle serie televisive in streaming, e sopratutto realizzate con effetti digitali che non riescono più a stupire. A capo dello staff degli effetti visivi c’è infatti Matthew G. Armstrong, che da “Captain America - Il primo vendicatore” ha lavorato a tutti i film della Marvel. È quindi ovvio che i dettagli siano i medesimi, così come le impressioni generali.

Forse l’esemplificazione di questo atteggiamento si ha nella scena in cui The Ancient One (Tilda Swinton), lo stregone supremo e mentore di Doctor Strange consiglia a lui come usare i suoi poteri. Strange è scettico, così The Ancient One lo afferra sul petto e poi lo spinge all’indietro facendolo volare lentamente: ma solo il “doppione” del suo corpo aleggia, mentre la parte fisica rimane a terra. Anche queste sono scene già viste in “Matrix” (1999), con una capacità immaginifica vecchia di 17 anni.

Nella scena della Sanctum Battle, Doctor Strange lotta contro Kaecilius (Mads Mikkelsen) con una fune di energia, poi fugge e l’antagonista lo ferma spostando il pavimento sotto i suoi piedi. Allora Strange agitando le braccia aziona due scudi di energia, anche se uno dei due scompare. Assume le medesime posture di Capitan America: questa mimica è ormai rivista in ogni film Disney-Marvel, da non suscitare emozioni. Così come la musica di sottofondo di Michael Giacchino che pretende di aumentare il pathos.

A ciò si alternano scene più ordinarie, come quella in cui parla con Christine Palmer (Rachel McAdams) della sua policy di neurochirurgo. Per quanto “Doctor Strange” sia innovativo nell’Universo Marvel, non lo è in quello della recente cinematografia. Non è paragonabile al film televisivo “Dr. Strange” con Peter Hooten del 1978, dove lui indossa braccia dorati, vistose collane e cintura orientale: ma di magia e multiverso hanno saputo meglio raccontare “The Illusionist” (2006), “Now You See Me - I maghi del crimine”, fino ad “Harry Potter”.

Ciò non vuol significare che il film non raggiungerà le previsioni di incasso della Walt Disney del primo weekend statunitense, che si attestano sui 50 milioni di dollari. Anche questa è magia.

 
© Riproduzione riservata
Home
 
Film correlati
Doctor Strange

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Recensione del film In viaggio con Jacqueline

In viaggio con Jacqueline (“La vache” e “One Man and His Cow” in inglese) è il film commedia francese di Mohamed Hamidi. Nel cast ci sono Fatsah Bouyahmed, Lambert Wilson, Jamel Debbouze, Christian Ameri. Fatah è un modesto contadino algerino che non ha mai lasciato la sua campagna. Vive con la mucca Jacquelin...

 

Festival di Cannes 2017, il pungente Cristian Mungiu è Presidente di giuria della Cinéfondation

Al Festival di Cannes 2017 presiederà la giuria della Cinéfondation e Short Film Competition il regista Cristian Mungiu. Il Festival si svolgerà dal 17 al 28 maggio, e Mungiu seguirà il ruolo che ebbe Steven Spielberg nel 2013, nonché Abbas Kiarostami e Jane Campion. Cristian Mungiu vinse la Palma d’Oro co...

 

La bella e la bestia, 'sul set le scene sono avvenute in maniera naturale': intervista all'attrice Simone Sault

La bella e la bestia (“Beauty and the Beast”) è il film di Bill Condon con Emma Watson, Dan Stevens, Luke Evans, Kevin Kline, Ian McKellen ed Emma Thompson (leggi l’intervista allo sceneggiatore Evan Spiliotopoulos). La storia è ambientata alla fine del XVIII secolo, in un castello nei pressi di un piccolo villaggio...

 

Film più visti della settimana: è record d'incasso per La bella e la bestia

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 17 al 19 marzo 2017 vede al primo posto “La Bella e la bestia" (“Beauty and the Beast”): la storia di Bella e dell’amore per il principe deformato da un incantesimo incassa 170.000.000 milioni di dollari. Al secondo posto si sposta “Kong: Skull Island&rdquo...

 

Vi presento Toni Erdmann, 'il desiderio di essere visti come siamo': intervista all'attore del film Trystan Pütter

Vi presento Toni Erdmann è il film di Maren Ade con Peter Simonischek, Sandra Hüller, Michael Wittenborn, Thomas Loibl e Trystan Pütter. La storia è quella di un uomo anziano, Winfried Conradi cui piace burlare le persone. Non vede spesso sua figlia Ines,e per farle una sorpresa la va a trovare dopo la morte dell’anzi...

 

Un tirchio quasi perfetto, il film commedia sull'avarizia di Fred Cavayé

Un tirchio quasi perfetto è il film nelle sale diretto da Fred Cavayé, con Dany Boon, Laurence Arné e Noémie Schmidt. La storia è quella di François Gautier, che fa dell’avidità un’esigenza. Non spende mai più del necessario, ma quando incontra una donna la situazione muta. Inoltr...

 

La Bella e la Bestia, il libro da cui è tratto il film con Emma Watson

La Bella e la Bestia è il libro che - in concomitanza dell’uscita del film - ripropone alcuni aspetti della pellicola intepretata da Emma Watson (leggi l'intervista allo sceneggiatore del film Evan Spiliotopoulos). Il libro illustrato racconta la storia del film, usando uno stile di scrittura semplice e adatto anche alla lettura dei b...

 

Halloween, John Carpenter sarà produttore esecutivo e co-sceneggiatore del remake

Qualche settimana fa il leggendario regista del primo “Halloween”, John Carpenter, ha annunciato i componenti principali della squadra che si occuperà del reboot della saga da lui stesso fondata nel 1978. David Gordon Green sarà in cabina di regia, mentre Danny McBride (famoso per le due serie tv comedy fatte per HBO, &ldq...

 

Basic Instinct, il film thriller dai 5 elementi eversivi

Basic Instinct è il film di Paul Verhoeven con Sharon Stone e Michael Douglas che uscì il 22 marzo 1992 negli Stati Uniti (leggi l'intervista al regista sul film "Elle"). Un poliziotto deve scoprire chi sia l’artefice di un omicidio compiuto con un punteruolo per il ghiaccio. La ricerca lo conduce ad una scrittrice ricca e sedu...

 

Aeffetto Domino, il film indipendente di Fabio Massa sul legame con l'Africa

Aeffetto Domino è il film che esce oggi nelle sale: diretto da Fabio Massa e interpretato dallo stesso Massa, Ivan Bacchi, Mohamed Zouaoui, Pietro De Silva racconta la vicenda di Lorenzo, trentenne che realizza il sogno di andare in Africa ad insegnare grazie ad un'associazione no profit italiana. Qui c’è Kalid, un giovane afric...

 
Da non perdere

Ultime news
Recensioni