X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Viennale Film Festival, intervista al direttore Hans Hurch: le forme più innovative del cinema

20/10/2016 07:30
Viennale Film Festival intervista al direttore Hans Hurch le forme innovative del cinema

Mauxa ha intervistato il direttore del Viennale Film Festival, il più importante evento cinematografico austriaco.

La Viennale è il festival cinematografico più importante in Austria. Giunto alla 56esima edizione si svolge nella capitale e propone un programma che concilia tradizione e sperimentazione. Si svolge dal 20 ottobre al 2 novembre 2016: Mauxa ha intervistato il direttore del festival, Hans Hurch.

D. Come si sviluppa il programma di quest’anno?

Hans Hurch. La Viennale mostra circa 150 lungometraggi, tra film e documentari e 40 cortometraggi nel suo programma principale. Non vi è un tema comune, a parte il fatto che i film dovrebbero essere una grande selezione dei migliori film dell’anno.

D. Date spazio anche alla sperimentazione?

H. H. Sì, c’è una particolare attenzione alle forme più innovative. La Viennale offre uno spaccato della cinematografia attuale, che si distingue dall'estetica della corrente convenzionalità e del politicamente rilevante. Poi ogni anno c’è una grande retrospettiva tematica: ma questo è un programma laterale realizzato in collaborazione con il Filmmuseum austriaco. Il tema di quest’anno è: "A Second Life - Themes and Variations in Film".

D. Avete una selezione anche dall’Italia?

H. H. Sì, ci sono alcuni film italiani come “I tempi felici verranno presto” di Alessandro Comodin, “The Challenge” di Yuri Ancarani, “La Cupola” di Volker Sattel, “Mister Universo” di Tizza Covi e Rainer Frimmel, “Moghen Paris” di Katharina Copony, “Il Solengo" Alessio Rigo de Righi e Matteo Zoppis.

D. Come valuti il cambiamento del Festival nel corso dei decenni?

H. H. La Viennale è iniziata nel 1960, quindi ci sono stati vari cambiamenti. Ma è probabilmente giusto dire che nel corso degli anni il festival si è evoluto da un evento regionale o locale a un festival del cinema importante che viene riconosciuto e apprezzato in tutto il mondo, dagli amanti del cinema, giornalisti e cinefili per il suo carattere forte e per la programmazione accurata.

D. Una domanda sul luogo in cui si svolge. Qual è il rapporto della popolazione di Vienna con la cultura?

H. H. Tradizionalmente i cittadini di Vienna prediligevano le arti classiche come il teatro, la musica classica, l'arte e la letteratura. Ma negli ultimi anni forme più moderne d'arte sono state riconosciute sempre di più, nuovi festival si concentrano sul teatro moderno, la danza, con performance art ed anche il cinema è stato riconosciuto come una grande forma d'arte moderna. 15 anni fa c'erano 6 festival cinematografici a Vienna, ora siamo giunti a 15, e il pubblico li ama.

D. La prima ragione per visitare Vienna?

H. H. Non credo che ci sia una ragione per visitare Vienna. È difficile dire quale sia la prima. Tutto dipende dal vostro interesse, Vienna ha davvero molto da offrire. Ma vorrei dire, la ragione principale per venire a Vienna è la città di Vienna in sé.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Star Wars, i libri che raccontano la saga a 40 anni dall'uscita del film

Guerre stellari (“Star Wars”) uscì il 25 maggio del 1977. In seguito fu intitolato “Star Wars: Episodio IV - Una nuova speranza”. Uno dei volumi più recenti che racconta la saga di George Lucas è “Star Wars: l'epoca Lucas. I segreti della più grande saga postmoderna” di Giorgio E. S. ...

 

Recensione del film Pirati dei Caraibi - La vendetta di Salazar

Pirati dei Caraibi - La vendetta di Salazar (“Pirates of the Caribbean: Dead Men Tell No Tales”) è il film di Joachim Rønning e Espen Sandberg nelle sale. Nel cast ci sono Johnny Depp, Javier Bardem, Brenton Thwaites, Kaya Scodelario. La narrazione procede senza troppi balzi di suspense, come si addice ad un racconto che ...

 

Festival di Cannes 2017: immagini di Nicole Kidman e Colin Farrell per il film 'The Killing of a Sacred Deer'

Nelle immagini che mostriamo ci sono i protagonisti del film “The Killing of a Sacred Deer”, diretto da Yorgos Lanthimos e in Concorso al Festival di Cannes. L’evento si è svolto presso il Nikki Beach: vi hanno partecipato Colin Farrell, Nicole Kidman, Keith Urban, Barry Keoghan, Raffey Cassidy, Sunny Suljic. La trama &eg...

 

Festival di Cannes 2017: le immagini di Lily Collins e Jake Gyllenhaal al party della Hollywood Foreign Press Association

Nelle immagini che mostriamo ci sono gli ospiti invitati alla serata filantropica svoltasi al festival di Cannes per la International Rescue Committee (IRC), organizzata dalla Hollywood Foreign Press Association (HFPA). Preso il Nikki Beach hanno partecipato Jake Gyllenhaal, Ben Stiller, Tilda Swinton, Adam Sandler, Brittany Snow, Lily Collins, Du...

 

Le celebrità e lo sport: un connubio sempre vincente ad Hollywood

“Mens sana in corpore sano”: una grande verità che viene presa molto sul serio nel mondo di Hollywood, dove il culto del corpo e della (presunta) perfezione psico-fisica regna sovrano. Anche se le apparenze suggerirebbero il contrario, quello delle star è uno stile di vita per certi versi molto stressante, visto che da lor...

 

The Dinner, il film sulle colpe dei figli con Richard Gere e Laura Linney

The Dinner è il film di Oren Moverman con Richard Gere, Laura Linney, Steve Coogan e Rebecca Hall. Paul (Coogan) e sua moglie Claire (Linney), Stan (Gere) - fratello maggiore di Paul - e la consorte Katelyn (Hall) vanno ad un’elegante cena. Durante le portate, dall’aperitivo all’antipasto la scansione temporale segnata dal...

 

Il piacere dell'onestà: il controllo spia su smartphone da Shakespeare alla Corte europea

La possibilità di scoprire cosa affermi un’altra persona in nostra assenza è una delle curiosità insite nell’uomo. Già William Shakespeare in “Otello” (1603) raccontava di come il cinico Jago facesse ingelosire il protagonista: fa portare il fazzoletto della moglie Desdemona sulle mani del presunt...

 

Festival di Cannes, una foto storica con i protagonisti dei decenni

Al Festival di Cannes si è tenuto un photo call particolare, per celebrare i settanta anni dell’evento. Tra i vincitori c’erano Laurent Cantet  (Palma d’Oro nel 2008),  Jerry Schatzberg (Palma d’Oro Nel 1973),  Claude Lelouch  (vincitore del 1966),  Michael Haneke  (Palma d'Oro 2009-2012...

 

Film più visti della settimana, 'Alien: Covenant' e 'Everything, Everything' sono ai primi posti

Il box office dei film più visti negli Stati Uniti dal 19 al 21 maggio 2017 vede al primo posto la novità “Alien: Covenant” (36.160.621 dollari, leggi la recensione del comic): l'equipaggio di un’astronave scopre un paradiso inesplorato, dove però emerge anche una minaccia da cui fuggire. Al secondo posto sce...

 

Innamorato pazzo, il film commedia con Myrna Loy e William Powell sugli opposti conciliati

Innamorato pazzo (“Love Crazy”, 1941) è il film di Jack Conway con William Powell, Myrna Loy e Gail Patrick. usciva nelle sale statunitensi il 23 maggio del 1941. L’architetto eccentrico Steve Ireland (William Powell) e la moglie Susan (Myrna Loy) al quarto anniversario di matrimonio vorrebbero rivivere la prima notte...

 

Da non perdere

Ultime news
Recensioni