X

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare le funzionalità di navigazione, inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione, scorrendo la pagina o cliccando altri elementi del sito o pagine presenti nel sito acconsenti all'uso dei cookie.

 

Law & Order, storia e successo del franchise: dalle serie tv ai video games

28/09/2016 09:00
Law & Order storia successo del franchise dalle serie tv ai video games

Un breve riepilogo della storia dell'impero di Dick Wolf, fondato 26 anni fa e che ad oggi conta 5 serie televisive, altrettanti videogame e un film per la tv

Quello di “Law & Order” è un franchise formato principalmente da 5 diverse serie tv, tutte create da Dick Wolf (autore di altri due grandi successi degli ultimi anni, “Chicago Fire” e “Chicago PD”) e trasmesse sull’emittente NBC. La premessa fondamentale di ognuna è esplorare un diverso aspetto del sistema di giustizia penale. La serie tv originale, i suoi vari spin-off, il film per la tv, e gli episodi in cui “Law & Order” si “incrocia” con altri show equivalgono in tutto a più di mille ore di programmazione.

Tutte le serie di “Law & Order” si ambientano in un universo condiviso. A dare un senso di continuità ci sono dei luoghi fittizi come la Hudson University, o elementi come il tabloid “New York Ledger”. Molti personaggi secondari (procuratori distrettuali, psicologi, medici legali, eccetera) passano di continuo da una serie all’altra, rafforzando ulteriormente l’idea della continuità e della coerenza interna. La musica e la sigla di apertura tendono ad essere simili per ogni versione dello show, e ad aprire ogni singolo episodio c’è sempre la voce narrante di Steven Zirnkilton.

Allo stato attuale, il franchise di “Law & Order” ha mandato in onda esattamente 1.076 episodi. La serie “madre” è appunto “Law & Order – I due volti della giustizia”, che ha debuttato nel settembre del ‘90 ed è andata avanti per 20 stagioni fino al 24 maggio 2010. La premessa dello show è seguire l’investigazione e la risoluzione di un crimine da una duplice prospettiva: prima assistiamo alle indagini da parte della polizia, poi vediamo come il caso venga risolto in tribunale dalla squadra del Procuratore distrettuale di New York. Nei primi 30 minuti dell’episodio siamo in compagnia tipicamente di un trio di detective, nell’ultima parte seguiamo invece le loro controparti legali. “Law & Order” è stato cancellato nel 2010, e nonostante Dick Wolf abbia cercato più volte di resuscitarla (proponendolo anche ad emittenti via cavo), la serie tv sembra ormai archiviata.

Lo spin-off più riuscito finora è senz’altro “Law & Order: Unità Vittime Speciali”, che ha debuttato nel ‘99 e va tutt’ora in onda (per un totale, al momento, di 390 episodi). La particolarità di questa serie tv sta nel suo concentrarsi sui crimini di natura sessuale, e a danno di bambini e anziani.

Segue “Law & Order: Criminal Intent”, andato in onda dal settembre 2001 al giugno 2011, e che si concentrava su casi cosiddetti "di alto profilo". La serie tv spesso si concentrava anche sulle azioni del criminale perseguito, per cercare di esplorare più da vicino le origini e le motivazioni del suo “intento criminale”.

Gli altri due spin-off non hanno avuto la stessa fortuna dei primi tre. Sia “Law & Order: Il verdetto” che “Law & Order: LA” hanno riscosso poco successo con il pubblico, al punto che la NBC ha deciso di cancellarle dopo una sola stagione. Il franchise ha anche tentato la strada dei film per la tv con “Omicidio a Manhattan” (“Exiled”, in originale), andato in onda nel ‘98 con protagonista Chris Noth, ma da allora non sono stati fatti altri tentativi.
Infine, “Law & Order” ha ispirato anche una serie di videogiochi per il PC, in cui erano apparivano i personaggi presenti nel cast all’epoca in cui ogni singolo videogame è stato prodotto. I titoli sono “Dead on the Money, “Double or Nothing”, “Justice is Served”, “Criminal Intent”, “Legacies”.

 
© Riproduzione riservata
Home
 

 
Galleria fotografica
Altri articoli Home

Purché finisca bene, episodio 'La tempesta': un'improvvisa esigenza di maturità

Rai 1 ripropone l'episodio “La tempesta" (trasmesso per la prima volta il 28 aprile 2014) della serie "Purché finisca bene".  Il racconto prende avvio dalla scomparsa di Aldo Del Serio, il quale si trovava in vacanza ai tropici insieme alla moglie. A seguito di uno tsunami nessuno riesce a mettersi in contatto con lui e ciò...

 

Liar, tradimenti e inganni nella nuova serie tv

La serie televisiva “Liar” debutterà il 27 settembre negli Stati Uniti sul canale SundanceTV. Si tratta di un thriller psicologico articolato in sei puntate, creato e scritto dai produttori e sceneggiatori Harry e Jack Williams di Two Brothers Pictures ("The Missing", “Fleabag”). La trama si svolge attorno alle ...

 

L'ambasciata, rischi e tentativi nella terza puntata della serie spagnola

La terza puntata della serie televisiva spagnola “L’ambasciata” (Titolo originale: “La embajada”) va in onda questa sera su Rai 1 a partire dalle 21.25. La trama pone al centro il personaggio di Luis Salinas (Abel Folk), il nuovo ambasciatore spagnolo in Thailandia che si trasferisce insieme alla sua famiglia a Bangko...

 

The Walking Dead, la tragica morte di uno stuntman non influirà sulla trama

"The Walking Dead", la nuova stagione della più popolare serie tv sul mondo degli zombie, ha subito un evento tragico nel mese di luglio: lo stuntman John Bernecker è morto durante le riprese del programma dopo una caduta da alcuni metri. Nonostante la pluriennale esperienza l'uomo, che aveva avuto piccole parti in "Logan" e "Piccoli ...

 

Preacher, seconda stagione: intervista all'attrice Julie Ann Emery

Abbiamo intervistato in esclusiva l'attrice statunitense Julie Ann Emery, interprete del personaggio di Lara Featherstone nella serie televisiva "Preacher".  Leggi la trama D: La seconda stagione di "Preacher" ha debuttato negli Stati Uniti il 25 giugno 2017, il giorno successivo è stata resa disponibile su Amazon Prime Video. Le...

 

Atypical, la serie tv che racconta l'autismo debutta su Netflix

La serie televisiva intitolata “Atypical" debutta domani sulla piattaforma streaming Netflix. Creata da Robia Rashid (“The Goldbergs", “Will & Grace”), concede allo spettatore un racconto di formazione che vede protagonista Sam, un diciottenne autistico che ricerca amore e indipendenza. Il ragazzo intraprende un percor...

 

Velvet, l'ultima puntata della quarta stagione tra ritorno e vendetta

La quarta stagione della serie televisiva intitolata “Velvet” è stata trasmessa dall’emittente spagnola Antena 3 dal 5 ottobre al 21 dicembre 2016. In Italia va in onda su Rai1 dal 6 luglio 2017. La trama si concentra sulle vicende della sarta sarta Anna Ribera, interpretata dall'attrice Paula Echevarrìa. Nel p...

 

Recensione della serie tv 'I'm Sorry'

"I'm Sorry" è una commedia frizzante e godibile che affronta le vicende di vita quotidiana di una comica quarantenne californiana, moglie e madre di una bimba. La storia ricalca molto la vita della protagonista Andrea Savage che nella serie tv ha inserito vari elementi autobiografici, comunque riconducibili a una vasta porzione della middle ...

 

Superquark, nella settima puntata anche uno speciale su 'Un posto al sole'

La settima puntata di “Superquark”, in onda questa sera su Rai 1 a partire dalle 21.15, propone allo spettatore alcuni racconti dalla Thailandia. Il programma televisivo condotto da Piero Angela si sofferma sulle peculiarità della regione denominata "ciotola di riso della nazione", del Lumphini Park a Bangkok e descrive la ...

 

L'ambasciata, la seconda puntata tra pretese e confessioni

La seconda puntata della serie televisiva spagnola “L’ambasciata” (Titolo originale: “La embajada”) va in onda questa sera su Rai 1 a partire dalle 21.25.  Articolata in cinque puntate, è stata prodotta da Atresmedia in collaborazione con Bamboo Productions per l'emittente spagnola Antenna 3. La trama &egr...

 
Da non perdere
Ultime news
Recensioni